Pagina 2035 di 2184 PrimaPrima ... 1035153519351985202520332034203520362037204520852135 ... UltimaUltima
Risultati da 20,341 a 20,350 di 21836
  1. #20341
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,066
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da NoSync Visualizza Messaggio
    Ovvio, l'uscita da euro/EU causerebbe il default che a sua volte causerebbe secessioni varie (oltre che il crollo dell'Eurozona stessa). Una volta in mezzo ai casini il motto di molti sarebbe "meglio soli che male accompagnati". I cd sovranisti riuscirebbero laddove gli indipendentisti hanno fallito.
    Non se ne rendono conto.Per loro,nel semplicismo che li contraddistingue,siamo in una macchina del tempo: ridateci la lira e torneremo a quando l'Italia era la quinta/sesta potenza industriale.
    Non riescono a capire che lo era solo perché il mondo sviluppato-per come lo intendiamo oggi- finiva a Gorizia.Oggi il contesto è diverso e non tornerà quello di decenni fa solo perché riavremo(forse)la £.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #20342
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Tubinga (Baden-Wurttemberg), 341m
    Età
    25
    Messaggi
    30,454
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Garg Visualizza Messaggio
    La riconquista e l’esercizio concreto da parte dell’Italia della propria sovranità nazionale, in ogni sua forma ed espressione, attraverso il recesso dall’Unione europea e l’introduzione, in ogni ambito, di normative e programmi che costituiscano fedele applicazione della Costituzione repubblicana del 1948 e attuazione del modello economico e sociale in essa delineato.
    L’ "Europa" dovrà pertanto essere solo una alleanza di alcuni Stati europei a difesa delle sovranità assolute degli Stati membri e dei loro interessi comuni.
    In pratica limitare fortemente la libera circolazione di capitali, merci, servizi e forza lavoro.
    Meraviglioso.
    Già che ci siamo introdurrei anche una linea Maginot al confine francese, giusto per percularli, e qualche sentinella sulle cime alpine in modo da vigilare che qualche scemo non osi valicare il confine del nuovo Eldorado italiano super-sovrano per andare in Germania, Svizzera o Austria.
    "La beffa più grande che il Diavolo abbia mai fatto è stato convincere il mondo che lui non esiste. E come niente, puf: sparisce !" (dal film "I soliti sospetti")

  3. #20343
    Vento teso
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Pescara - Padova
    Messaggi
    1,735
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Meraviglioso.
    Già che ci siamo introdurrei anche una linea Maginot al confine francese, giusto per percularli, e qualche sentinella sulle cime alpine in modo da vigilare che qualche scemo non osi valicare il confine del nuovo Eldorado italiano super-sovrano per andare in Germania, Svizzera o Austria.
    Chissà perché, a me queste visioni ricordano però, più che l'Europa degli anni '30, l'Albania di Hoxha

  4. #20344
    Vento teso
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Pescara - Padova
    Messaggi
    1,735
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Guarda che non c'è un solo Paese ad economia avanzata che usi la domanda interna come traino.
    In realtà c'è: gli USA. Ma quelli sono 50 stati (uniti) e oltre 300milioni di consumatori, su un territorio pari a quello europeo ma con più risorse naturali
    A proposito, col NAFTA chi ci ha guadagnato di più? Canada e Messico. Ma non diciamolo ad alta voce che il TTIP conveniva più ai singoli paesi europei che agli USA, sennò alla gente che credeva all'invasione degli omini verdi demoplutocratici e OGM gli viene un infarto

  5. #20345
    Vento teso
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Pescara - Padova
    Messaggi
    1,735
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Il Cile da ben prima...già dalla metà degli anni '80 circa, e - va detto - grazie a molte riforme messe in pratica durante la terribile dittatura di Pinochet. Sicuramente si è trattato di un periodo terribile, ma se il Cile oggi è economicamente un'isola felice in una regione (l'America latina) quantomai disastrata lo deve in buona parte anche a quelle riforme (vedasi il sistema pensionistico creato da Pinera ad esempio).
    Ecco speriamo di non dover giungere a tanto Paradossale però, che Allende sia l'idolo delle stesse persone che oggi si oppongono al "populismo" salviniano e grillino: dopotutto, le riforme economiche e sociali di Allende erano essenzialmente "sovraniste". Che sul breve periodo ebbero anche effetti positivi, prima di un collasso economico e sociale spettacolare:

    Dura salita o "discesa" verso il default?-chile-the-real-wage-1967-1977_with_lines.png

    (Redditi reali in Cile, le due linee arancioni indicano inizio e fine della presidenza Allende)




    P.S. La prima parte della dittatura Pinochet vide un recupero dell'economia cilena, ma con un altrettanto spettacolare crisi economica (anche se senza la grande inflazione del 1972-1973, mi pare) nel crollo del 1982. Le riforme "liberiste" furono attuate dopo questo punto, ed il miracolo cileno in economia si realizzò più o meno tra il 1985 ed il 1995, se non sbaglio.
    Ultima modifica di FilTur; 01/03/2017 alle 14:46

  6. #20346
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,066
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Ecco speriamo di non dover giungere a tanto Paradossale però, che Allende sia l'idolo delle stesse persone che oggi si oppongono al "populismo" salviniano e grillino: dopotutto, le riforme economiche e sociali di Allende erano essenzialmente "sovraniste". Che sul breve periodo ebbero anche effetti positivi, prima di un collasso economico e sociale spettacolare:

    Dura salita o "discesa" verso il default?-chile-the-real-wage-1967-1977_with_lines.png

    (Redditi reali in Cile, le due linee arancioni indicano inizio e fine della presidenza Allende)




    P.S. La prima parte della dittatura Pinochet vide un recupero dell'economia cilena, ma con un altrettanto spettacolare crisi economica (anche se senza la grande inflazione del 1972-1973, mi pare) nel crollo del 1982. Le riforme "liberiste" furono attuate dopo questo punto, ed il miracolo cileno in economia si realizzò più o meno tra il 1985 ed il 1995, se non sbaglio.
    Allende era una persona di notevole integrità morale,un hombre vertical.
    Ma le sue idee economiche erano antiquate già per l'epoca e si circondò di gente innamorata del modello cubano,con le conseguenze del caso
    L'11 settembre 1973 in Cile - Il Post
    Pinochet esagerò all'opposto,in politica economica...poveri cileni.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  7. #20347
    Vento forte L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    20
    Messaggi
    4,067
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Meraviglioso.
    Già che ci siamo introdurrei anche una linea Maginot al confine francese, giusto per percularli, e qualche sentinella sulle cime alpine in modo da vigilare che qualche scemo non osi valicare il confine del nuovo Eldorado italiano super-sovrano per andare in Germania, Svizzera o Austria.
    Beh dai... la corea del nord non se la cava poi tanto male...Dura salita o "discesa" verso il default? Dura salita o "discesa" verso il default? Dura salita o "discesa" verso il default?

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    prospetticamente le carte mostrano una potenziale tendenza verso alte potenzialità di prospettiva....

  8. #20348
    Tempesta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    11,904
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    D'accordo sostanzialmente con quanto affermato da Josh, anche sull'affermazione che non si possono paragonare assolutamente la Spagna e la Grecia, ma anche il Portogallo che di austerity riforme ne ha fatte eccome.
    Poi, aggiungo anche che, l'attuale principale partito sovranista negli anni 90 non era contrario all'euro, ma voleva farci entrare solo una parte del paese (la presunta Padania).
    Gli stati-nazione possono anzi devono continuare a esistere, ma si devono rafforzare anche le istituzioni sovranazionali (sono per gli USE)

  9. #20349
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,066
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    D'accordo sostanzialmente con quanto affermato da Josh, anche sull'affermazione che non si possono paragonare assolutamente la Spagna e la Grecia, ma anche il Portogallo che di austerity riforme ne ha fatte eccome.
    Poi, aggiungo anche che, l'attuale principale partito sovranista negli anni 90 non era contrario all'euro, ma voleva farci entrare solo una parte del paese (la presunta Padania).
    Gli stati-nazione possono anzi devono continuare a esistere, ma si devono rafforzare anche le istituzioni sovranazionali (sono per gli USE)
    Io sono più vicino al pensiero di Friedrich,cioè per un'Europa confederale e non federale(quest'ultima,secondo me,al momento possibile solo per Germania,BENELUX,forse nord Italia,più che la Francia),che metta insieme le cose che è opportuno mettere insieme e lasci non tanto agli Stati nazionali ma ad entità substatali le altre.
    Qualcosa di più simile alla CEE o all'OCSE che all'UE attuale,insomma.
    Però sono contrario alla dissoluzione dell'UE,questo sì,perché sarebbe la pietra tombale per la possibilità di noi europei(specialmente occidentali) di contare qualcosa,oltre che un danno per il mondo perché la civiltà europea,pur invecchiata e stanca,ha ancora tanto da dire e da dare.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  10. #20350
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,066
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    D'accordo sostanzialmente con quanto affermato da Josh, anche sull'affermazione che non si possono paragonare assolutamente la Spagna e la Grecia, ma anche il Portogallo che di austerity riforme ne ha fatte eccome.
    Sì,il Portogallo dal 2011 è lo Stato che ha fatto i sacrifici maggiori,almeno fino alle ultime elezioni.
    Poi probabilmente c'è stato un certo allentamento.
    Va detto che cm il Portogallo era in condizioni migliori rispetto alla Grecia,poiché non c'era stata l'allegra finanza ellenica dello scorso decennio,con spesa pubblica CORRENTE come se non ci fosse un domani.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •