Pagina 2204 di 2394 PrimaPrima ... 1204170421042154219422022203220422052206221422542304 ... UltimaUltima
Risultati da 22,031 a 22,040 di 23936
  1. #22031
    Vento fresco
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    2,388
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Fermo restando quanto ho scritto un rigo sopra,io la penso come Cacciari: il tipo di coalizione che vinse le elezioni nel 1996 non è riproponibile con successo oggi, perché i tempi sono cambiati.Oggi siamo in un tripolarismo che non c'era allora. Quindi la scelta migliore per quell'area politica sulla carta è la stessa del 2013 e non certo quella del 1996 ma può funzionare a due condizioni: il maggior partito di detta area almeno al 28%(e non ci siamo ormai almeno dall'estate 2015 in poi) e un alleato unito alla sua sinistra,che abbia almeno il 7% di consensi. Nessuna delle due condizioni sussiste,quindi quell'area politica è spacciata.
    Concordo, ma il problema poi è sempre lo stesso come anche nel 2006. A destra abbiamo una coalizione eterogenea di politicanti che però rappresenta un elettorato più o meno omogeneo; a sinistra un cartello elettorale che sembra un'armata brancaleone sia come politici, che come programmi, che come elettori, ed il cui unico fine è conquistare il potere per impedire che l'altra parte lo abbia. Si può discutere che ciò sia bene o male (a destra non sono tutti "presentabili" - ma nemmeno a sinistra), ma non si può discutere che oggettivamente sia un'alleanza fragile e senza un vero ed ampio progetto politico.
    Comunque il declino di quell'area politica per varie ragioni (non solo di alleanze elettorali), è in linea col resto d'Europa, per una volta che anche l'Italia segue i trend europei

  2. #22032
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    26
    Messaggi
    31,476
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da verza81 Visualizza Messaggio
    Pensa ti come siamo messi...ancora oltre il 50% che vota le stesse facce (sia di dx che di sx) che bazzicano per Roma da 20 anni e oltre.
    Il problema è che le facce nuove hanno le stesse idee socialiste di quelli che criticano. O forse il reddito di cittadinanza x poltrire sul divano, ad esempio, non viene finanziato dalle tasse sulle aziende che producono?
    Avatar: 28 Febbraio 2004. La più grande gioia meteo di sempre.

  3. #22033
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Il problema è che le facce nuove hanno le stesse idee socialiste di quelli che criticano. O forse il reddito di cittadinanza x poltrire sul divano, ad esempio, non viene finanziato dalle tasse sulle aziende che producono?
    Il reddito di cittadinanza come (alla cazzo) viene declinato adesso in varie salse va oltre ogni degenerazione di qualsiasi versione di socialismo...
    A proposito... Ma le facce nuove chi sono?
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  4. #22034
    Vento fresco
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    2,388
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Una (pesante) critica al Jobs Act, ma anche un'indicazione che Berlusconi non ha tutti i torti, nel volerlo abolire e voler invece concentrarsi sul taglio dell'IRPEF e dell'IRAP (e le risorse ci sono):

    Occupazione drogata dagli incentivi, cosi il governo ha sprecato 70 miliardi di euro – Business Insider Italia

    Personalmente, non sono contrario al Jobs Act, ma gli trovo due grandi difetti che vanno superati quanto prima:

    - come dice l'articolo, non è una vera misura strutturale, ma rimane nello spirito degli "incentivi a pioggia";

    - sui contratti non è retroattivo, e soprattutto non si applica al pubblico impiego (se non erro).

    Insomma non è la riforma epocale che è stata spacciata, ed è ampiamente migliorabile, pur essendo un buon punto di partenza.

  5. #22035
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,118
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Una (pesante) critica al Jobs Act, ma anche un'indicazione che Berlusconi non ha tutti i torti, nel volerlo abolire e voler invece concentrarsi sul taglio dell'IRPEF e dell'IRAP (e le risorse ci sono):

    Occupazione drogata dagli incentivi, cosi il governo ha sprecato 70 miliardi di euro – Business Insider Italia

    Personalmente, non sono contrario al Jobs Act, ma gli trovo due grandi difetti che vanno superati quanto prima:

    - come dice l'articolo, non è una vera misura strutturale, ma rimane nello spirito degli "incentivi a pioggia";

    - sui contratti non è retroattivo, e soprattutto non si applica al pubblico impiego (se non erro).

    Insomma non è la riforma epocale che è stata spacciata, ed è ampiamente migliorabile, pur essendo un buon punto di partenza.
    Quoto
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  6. #22036
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Il buon Seminerio lo ripete da anni: misure temporanee non servono a una beata fava. Statisticamente ti danno picchi anomali e poi finiti si torna esattamente al punto di partenza.
    Ma gli statisti de noantri ancora non l'hanno capito dopo circa 40 anni...
    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    - sui contratti non è retroattivo, e soprattutto non si applica al pubblico impiego (se non erro).
    "Retroattivarlo" mi sa che sia impossibile. Sul secondo punto meglio che non mi esprima ulteriormente...
    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Insomma non è la riforma epocale che è stata spacciata, ed è ampiamente migliorabile, pur essendo un buon punto di partenza.
    Diciamo anche che chi in teoria doveva ispirarsi alla flexicurity con questa "riforma" per ora è riuscito ad arrivare a fatica alla quinta lettera...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  7. #22037
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Mi è appena capitato sott'occhio questo.

    Ecco quanto potrebbe costare l’introduzione della flat tax - Il Sole 24 ORE

    Sorvolando sulla parte deliri da campagna elettorale mi sono soffermato sulla proposta "Bruno Leoni" per qualcosa di simile alla flat tax.

    <<In questo caso l'aliquota è al 25%, ma oltre all'Irpef riguarderebbe la tassa sulle società (Ires, oggi al 27,5%), l'Iva (oggi oscilla dal 10 al al 22% a seconda dei beni a cui è applicata) e la tassa sui redditi da attività finanziarie (oggi in genere al 26%).>>

    A naso mi sembra decisamente ambizioso, ma chi sono io...

    <<La deduzione di base sarebbe a 7mila euro, nel nuovo sistema scomparirebbero Imu e Irap, e un aiuto (il «minimo vitale») differenziato per territorio aiuterebbe chi non ce la fa. Lo stesso Bruno Leoni spiega che i conti tornano a tre condizioni:>>

    Già qui "l'aiuto per chi non ce la fa" sembra qualcosa di vago e in quanto tale non quantificabile. Andiamo avanti.

    <<l'addio ai tanti pezzetti di welfare accumulati in modo disordinato negli anni (sostituiti dal «minimo vitale»)>>

    Ah ok. Quindi siamo ad una modifica a costo zero. Ma anche a recupero zero...

    <<l'esclusione della gratuità dei servizi (per esempio la sanità) per i ceti più abbienti>>

    E qui sì che siamo sul vago. Esclusione totale? Parziale? I ceti più abbienti chi sono? I ricchi da 30K Euro l'anno di RAL? E comunque vorrei far notare che la voce "compartecipazione alla spesa sanitaria" (che è esclusione della gratuità dei servizi) vale già oggi per molti, ma molti molti...

    <<e un taglio strutturale alla spesa pubblica per quasi 70 miliardi (quattro punti di Pil).>>

    E qui inevitabilmente mi è partita la risata...


    <<Proprio il taglio della spesa pubblica e il ripensamento degli sconti fiscali sono le incognite principali che pesano sulle proposte della campagna elettorale. [...]>>

    Dai... Non l'avrei mai detto...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  8. #22038
    Vento fresco
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    2,388
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    In realtà, se esempio da 10 detrazioni passi a 1 a pari costo nominale, i costi reali comunque scendono perché fai e soprattutto fai fare meno lavoro (anche se non è sempre precisamente e finanziariamente quantificabile). Solo che quel che ci guadagniamo noi, qualcun'altro lo perde: manderemmo in recessione i funzionari delle entrate e i commercialisti
    Il problema della spesa pubblica italiana è anche che, pure laddove essa dovrebbe essere flessibile, è invece rigidissima; per recuperare 10-20mld€, ad esempio, che vuol dire all'incirca l'1.5-2.5% della spesa pubblica totale, bisogna ogni volta inventarsi una manovra... In un bilancio civile, 70mld€ cioè il 10% circa potrebbero essere recuperati, non dico facilmente, ma sicuramente sarebbe possibile; in Italia sono le fatiche di Ercole, applicate a Sisifo.
    L'unico modo che vedo oggi per farlo, e infatti è sempre fallito, è quello federale: federale vero, senza trasferimenti statali (ma con autonomia finanziaria degli enti locali), letteralmente scaricando sulle comunità sia le spese che i funzionari. Comunità che poi, con trasferimenti nulli (ovvero, solo pochi e mirati fondi destinati a progetti specifici o a situazioni di grave disagio) ma soprattutto con controllo vicino e diretto della spesa pubblica, avranno miglior gioco a ridurre una macchina spezzettata che un unico moloch. Con un'unica regola: al 3° anno consecutivo di "rosso", decadenza, ineleggibilità e commissariamento della giunta locale. E un grosso dubbio, come effetto collaterale: un periodo di 5-10 anni con ritmi di crescita "cinesi" nelle grandi regioni del Nord, e crisi "greca" nel Sud (pur moderata da alcuni interventi specifici).

  9. #22039
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,118
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    In realtà, se esempio da 10 detrazioni passi a 1 a pari costo nominale, i costi reali comunque scendono perché fai e soprattutto fai fare meno lavoro (anche se non è sempre precisamente e finanziariamente quantificabile). Solo che quel che ci guadagniamo noi, qualcun'altro lo perde: manderemmo in recessione i funzionari delle entrate e i commercialisti
    Il problema della spesa pubblica italiana è anche che, pure laddove essa dovrebbe essere flessibile, è invece rigidissima; per recuperare 10-20mld€, ad esempio, che vuol dire all'incirca l'1.5-2.5% della spesa pubblica totale, bisogna ogni volta inventarsi una manovra... In un bilancio civile, 70mld€ cioè il 10% circa potrebbero essere recuperati, non dico facilmente, ma sicuramente sarebbe possibile; in Italia sono le fatiche di Ercole, applicate a Sisifo.
    L'unico modo che vedo oggi per farlo, e infatti è sempre fallito, è quello federale: federale vero, senza trasferimenti statali (ma con autonomia finanziaria degli enti locali), letteralmente scaricando sulle comunità sia le spese che i funzionari. Comunità che poi, con trasferimenti nulli (ovvero, solo pochi e mirati fondi destinati a progetti specifici o a situazioni di grave disagio) ma soprattutto con controllo vicino e diretto della spesa pubblica, avranno miglior gioco a ridurre una macchina spezzettata che un unico moloch. Con un'unica regola: al 3° anno consecutivo di "rosso", decadenza, ineleggibilità e commissariamento della giunta locale. E un grosso dubbio, come effetto collaterale: un periodo di 5-10 anni con ritmi di crescita "cinesi" nelle grandi regioni del Nord, e crisi "greca" nel Sud (pur moderata da alcuni interventi specifici).
    Negli anni fra il 2008 ed il 2014 il sud Italia è stato la macroarea europea che ha perso più ricchezza procapite in Europa,dopo appunto la Grecia.A sto' punto,tanto valeva rischiare...
    D'altronde,dal 2001 in poi, tranne che per due anni,al governo c'è stata una coalizione che si riempiva la bocca col federalismo mane e dì ma in concreto ha fatto più passi indietro che passi avanti rispetto alla (stupidamente deprecata) legislazione Bassanini di fine anni 90'.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  10. #22040
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    In un bilancio civile, 70mld€ cioè il 10% circa potrebbero essere recuperati, non dico facilmente, ma sicuramente sarebbe possibile; in Italia sono le fatiche di Ercole, applicate a Sisifo.
    Se la maggior parte se non la quasi totalità è spesa corrente, leggasi stipendi e pensioni, la realtà è che hai da comprimere poco o nulla.
    E in un Paese dove il posto pubblico è stato a lungo utilizzato come ammortizzatore sociale tagliando le consulenze sicuramente tagli qualche mancetta agli amici degli amici, ma sicuramente svuoti anche le competenze...
    Ovviamente tutto e rigorosamente IMHO, che vedo solo la guerra termonucleare come soluzione ai problemi del Paese...

    Ah... Non sono nemmeno sicuro che un modello federale estremizzato avrebbe come conseguenza quella di lanciare per qualche tempo la crescita del N a ritmi cinesi. Ho invece l'impressione che se un anno andasse così quello dopo inizierebbe a perdere colpi per "sudizzazione" del modello...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •