Pagina 2236 di 2411 PrimaPrima ... 1236173621362186222622342235223622372238224622862336 ... UltimaUltima
Risultati da 22,351 a 22,360 di 24104
  1. #22351
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,242
    Menzionato
    41 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Finiti del tutto no, ci sarà sempre qualche ignorante che continuerà, ma in generale mi sembra ci sia un certo "svecchiamento" del partito, per fortuna personaggi come Borghezio (che rappresenta la parte più becera) hanno perso visibilità e appaiono meno, forse anche perché iniziano ad essere non più dei giovincelli.

    Ad ogni modo la questione governo è spinosa, perché dubito la Lega possa governare coi 5 stelle.
    Mi aspetto un governo M5S + PD.. finchè dura.
    Io mi aspetto invece che ci chiudano il topic,se non la smettete una buona volta di nominare i partiti
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #22352
    Vento forte L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    21
    Messaggi
    4,692
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Io mi aspetto invece che ci chiudano il topic,se non la smettete una buona volta di nominare i partiti
    Mmmh... too big to fail :D


    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    prospetticamente le carte mostrano una potenziale tendenza verso alte potenzialità di prospettiva....

  3. #22353
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 672m. -Far West-
    Età
    30
    Messaggi
    20,716
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Io mi aspetto invece che ci chiudano il topic,se non la smettete una buona volta di nominare i partiti
    Vero, chiedo venia
    Però siamo riusciti a fare i civili
    Torniamo alla politica economica, allora (quella è consentita)
    Matìn de prìmo passàt a-pensar pantai,paratge e libertàd!

  4. #22354
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,242
    Menzionato
    41 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Mmmh... too big to fail :D


    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    Lo dicono anche dell'Italia.Sarà vero?
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  5. #22355
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,242
    Menzionato
    41 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano83 Visualizza Messaggio
    1) Le coperture sono indicate in questa tabella:
    http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/E.../coperture.pdf
    Non vedo maggiori tasse sulle imprese.

    2) Possiamo liberamente discutere di importi (cosi come indicato dai 5S anche per me è decisamente esagerato) e periodi di erogazione, ma il concetto che nel caso una persona venga licenziata non per propria volontà possa usufruire di qualche piccolo sussidio temporaneo, non lo vedo così catastrofico.
    Chiaro che nel caso di auto-licenziamento col piffero che ti do il sussidio (e dubito non sia così anche nella proposta 5S).
    Al di là della (dubbia per quasi tutti quelli che masticano di cifre) sostenibilità finanziaria del reddito di cittadinanza, io francamente avrei puntato su altre misure macroeconomiche: in primis,un taglio del cuneo fiscale delle imprese,in seconda battuta un potenziamento degli ammortizzatori sociali (sul modello danese,cioè con un sussidio di disoccupazione,che è cosa diversa dal reddito universale,sia pure condizionato,come lo propongono i 5S) e l'introduzione di un salario minimo per settore lavorativo,come propone Boeri da almeno 4 anni e come effettivamente in quasi tutta l'UE,con l'eccezione,se non erro,delle sole Croazia,Grecia ed Ungheria.Qualcosa di simile a quello che c'è in Germania,ormai dal gennaio 2015 e in Spagna da molto prima.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  6. #22356
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,483
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    l'introduzione di un salario minimo per settore lavorativo,come propone Boeri da almeno 4 anni e come effettivamente in quasi tutta l'UE,con l'eccezione,se non erro,delle sole Croazia,Grecia ed Ungheria.Qualcosa di simile a quello che c'è in Germania,ormai dal gennaio 2015 e in Spagna da molto prima.
    Parliamo comunque di una misura che riguarda meno del 20% della forza lavoro, siccome il restante 80% ha un salario minimo stabilito dai vari CCNL. Se poi (come vorrei io) si introducesse un salario minimo al contempo eliminando i CCNL, ben venga, ma non avrebbe senso se fosse stabilito a livello nazionale, perchè occorre far sì che il lavoro al sud venga a costare meno che al nord, per avere una speranza di ripresa di quell'area.


  7. #22357
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,496
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Visto che si è scritto di immigrazione (anzi, di migrazioni) come "motore" del successo del fronte "sovranista"... aspettiamo che scoppi questo bubbone:

    Africa | 2018 | Crisi Repubblica democratica del Congo

    Il numero di "profughi interni" nel Congo era prossimo a 7 milioni all'inizio del 2017, ora si avvicina ai 10 milioni, nel momento in cui il regime di Kabila jr. dovesse collassare (e può avvenire da una settimana all'altra) questa massa di persone sarebbe in grado di destabilizzare tutta l'Africa. Se poi consideriamo che gli stati dell'Africa centrale sono già pieni di profughi causati dai conflitti degli ultimi 25 anni (dal genocidio ruwandese alla guerra tra Eritrea ed Etiopia, ossia fenomeni che hanno modificato la geografia etnica e socio-economica di vasti territori dell'Africa subsahariana) non so cosa potrebbe succedere se questa "diga" saltasse, ma non mi stupirebbe vedere qualche "milioncino" di persone in marcia verso il Mediterraneo nell'arco di qualche mese... ossia qualcosa che farebbe impallidire i movimenti migratori degli ultimi 6-7 anni...
    Ultima modifica di galinsoga; 13/03/2018 alle 13:16

  8. #22358
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 672m. -Far West-
    Età
    30
    Messaggi
    20,716
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da galinsoga Visualizza Messaggio
    Visto che parliamo di immigrazione come "motore" del successo del fronte "sovranista"... aspettiamo che scoppi questo bubbone:

    Africa | 2018 | Crisi Repubblica democratica del Congo

    Il numero di "profughi interni" nel Congo era prossimo a 7 milioni all'inizio del 2017, ora si avvicina ai 10 milioni, nel momento in cui il regime di Kabila jr. dovesse collassare (e può avvenire da una settimana all'altra) questa massa di persone sarebbe in grado di destabilizzare tutta l'Africa. Se poi considerati che gli stati dell'Africa centrale sono già pieni di profughi causati dai conflitti degli ultimi 25 anni non so cosa possa succedere ma non mi stupirebbe vedere qualche "milioncino" di persone in marcia verso il Mediterraneo... ossia qualcosa che farebbe impallidire i movimenti migratori degli ultimi 6-7 anni...
    Finchè nascondiamo la testa sotto la sabbia ci potremo fare ben poco mi sa.
    Ormai la storia è nota, ed è inutile negarlo. Multinazionali ed enti "benefici" (Fao, Unicef & co.) stanno continuando ad affamare l'Africa per mantenere i lauti stipendi dei propri entourages, aiutati dai classici governi fantoccio con tranquilla connivenza di tutte le aziende di armi e munizioni per le quali l'Africa rappresenta una miniera d'oro.
    Gli africani dunque devono essere 1) depredati 2) affamati 3) in continua guerra e 4) devono "restare a casa loro".
    Finchè un Ente potente (Unione Europea, Stati Uniti & co.) non metterà mano alla base del problema (le organizzazioni internazionali di cui sopra) non potrà cambiare un bel niente.
    Matìn de prìmo passàt a-pensar pantai,paratge e libertàd!

  9. #22359
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    30 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Cioè quelli che affamano l'Africa sono FAO e UNICEF?
    Che sono gli unici (anzi no... In realtà sono in tanti che vanno nelle zone depresse del mondo ad aiutare i locali, anche se se ne parla sempre poco) che cercano di aiutare popolazioni stremate da regimi spesso violenti e dalla sfiga di essere nate in posti infami?
    E i benefattori invece chi sono? Quelli che fanno accordi con i Paesi nordafricani (come i mebri della citata UE) per rinchiudere i migranti in qualsivoglia buco sulla sponda sud del Meditettaneo così occhio non vede cuore non duole?
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  10. #22360
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,496
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Tutte volte che qualcuno in occidente ha sollevato la questione dell'Africa e soprattutto dell'Africa subsahariana (penso alle campagne fatte 30-40 anni fa da Marco Panella contro lo "Sterminio per fame") a casa nostra c'era qualche "Sovranista" che imprecava contro i soldi stanziati per progetti di sviluppo in Africa, perché secondo lui toglievano risorse agli "Italiani poveri". Parliamo un'epoca (l'ultimo quarto del XX secolo) in cui molte delle storture che hanno portato alle crisi politiche e umanitarie dell'ultimo decennio, erano presenti solo potenzialmente e soprattutto erano gestibili, cosa che oggi dubito sia possibile fare, perlomeno a costi "politicamente" accettabili (ossia con il "consenso" democratico dei "popoli sovrani")...


    Tra l'altro l'Africa del 2018 è sicuramente meno povera e più sviluppata di quella del 1988 o del 1978 e per verificarlo basta guardare gli indicatori (macroeconomici) compositi dei paesi dell'Unione africana. Tutto questo per assurdo non riduce l'entità del problema migratorio, ma l'aggrava e per precise ragioni:

    1) la globalizzazione che ha consentito all'Africa un notevole sviluppo economico (per quanto squilibratissimo, da un punto di vista geografico e socio-economico) subirà probabilmente una battuta d'arresto, mi sa che si andrà verso un mondo meno globalizzato e diviso in "Aree di influenza economica" in perenne guerra (speriamo solo commerciale) tra loro e gli unici che si stanno attrezzando per questo scenario mi pare siano i cinesi, i quali non hanno la velleitaria smania di autosufficienza degli americani, non sono litigiosi come noi europei e non sono paranoici come i russi;

    2) il ritorno del protezionismo e dell'isolazionismo incideranno negativamente su questa situazione, certo lo sviluppo non risolve da solo gli squilibri, ma sicuramente la recessione e le crisi li peggiorano, di conseguenza le diseguaglianze e i conflitti sociali ed economici si aggraveranno e sfoceranno in crisi politiche e militari;

    3) comunque sia lo sviluppo economico, legato alla globalizzazione, ha avuto anche l'effetto paradossale di incentivare i movimenti migratori, perché sicuramente in Africa ci sono oggi molte più persone che possono permettersi di venire in Europa, sia pure con pesanti sacrifici, di quante ce ne fossero negli anni '80. Al peggiorare delle condizioni di vita, inevitabili se USA ed Europa si chiuderanno nel loro "isolazionismo", in Africa ci saranno molte più persone che avranno (almeno per un certo periodo) la possibilità di migrare e di certo faranno il possibile per arrivare dove si sta (ancora) meglio.

    Di fronte a questo casino mi fa specie che si parli d'altro (forse si spera nell'intervento divino? O nell'asteroide?) e non di una situazione che rischia di essere esiziale per l'assetto democratico del cosiddetto "Mondo Libero". Però l'Europa è ancora piena di quelli che pensano che basti chiudere le frontiere perché non arrivi nessuno o che si possa svuotare il lago di Garda (o quello di Costanza) da soli e usando un secchiello...
    Ultima modifica di galinsoga; 14/03/2018 alle 21:06

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •