Pagina 2292 di 2303 PrimaPrima ... 12921792219222422282229022912292229322942302 ... UltimaUltima
Risultati da 22,911 a 22,920 di 23021
  1. #22911
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,917
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Riscrivili se vuoi
    Quello che io sto dicendo è che svalutare da competitività esattamente come schiaffarsi 4 Vodka Lemon o 4 Gin Tonic aiuta a tirare su il morale ad una persona. Per un po' sei bello brillo e allegro, ma quando l'effetto della sbornia svanisce paghi tutto con gli interessi. La svalutazione è uguale.

    Anche perché non tieni conto di un fatto. Se io ho la mia moneta sovrana che posso svalutare, gli altri x caso non possono fare altrettanto?
    In quel caso non appena gli altri svalutano devo svalutare ancora, e si va avanti così finchè non si arriva ad aver compromesso il sistema monetario...ottima scelta direi

    Il vero problema lo hai scritto nelle righe successive.
    Nel nostro Paese manca una visione di policy industriale degna di essere chiamata tale. Il fatto che si continui ad insistere sulla svalutazione non ne è che la conseguenza: nessuno sa che pesci pigliare per risolvere davvero la situazione, perché si manca di competenza a tutti livelli (ma ora arrivano da Pomigliano d'Arco a portarcene un po' ), dunque meglio aggrapparsi al fatto che non ci viene più consentita la droga monetaria del passato, fingendo di credere che essa sia ancora una soluzione. In questo modo si può: a) scaricare la colpa su qualcun altro; b) far passare se stessi come coloro che hanno la soluzione ma, mannaggia all'Europa, non possono usarla.
    [/LEFT]
    [/LEFT]
    Esatto
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #22912
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,275
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Ci sono aspetti abbastanza "raccapriccianti" che riguardano la spesa previdenziale italiana:

    1) la mancata separazione tra previdenza e assistenza (insomma l'INPS che eroga cose che nulla c'entrano con le pensioni e che rientrano nelle prestazioni di natura esclusivamente assistenziale);
    2) la sperequazione tra contributi pagati e pensione percepita riguarda (potenzialmente, perché le eccezioni, seppure rarissime, ci sono) tutte le pensioni calcolate con il sistema retributivo, anche se è chiaro che coloro che ne hanno percepito i maggiori benefici sono coloro che percepiscono importi elevati, il peso degli assegni "leggeri" (spesso pochissimo coperti da contribuzione) è quantitativamente rilevantissimo;
    3) i buchi contributivi degli enti locali, o per essere chiaro, il fatto che gli enti locali (e in generale tutte le società di proprietà dello Stato e con contratti del pubblico impiego) pagassero, abbiano pagato e continuino a pagare solo una parte dei contributi previsti per il loro personale.

    Il punto 3 è particolarmente importante perché da solo ha generato gran parte del dissesto dell'INPDAP, dissesto che nel 2012 è finito in carico all'INPS e che si è ulteriormente aggravato negli ultimi 6 anni; tra l'altro sono soldi non recuperabili, perché molti enti locali sono alla canna del gas (quindi pagano i contributi con enorme ritardo, quando li pagano) e perché già nel 1995 la riforma Dini aveva ridotto i tempi di prescrizione a 5 anni, ergo passati i 5 anni sono soldi che nelle casse della previdenza sociale non ci finiranno più e quindi sono soldi che l'INPS ha in gran parte perso... Il problema è talmente grave (molte pensioni pubbliche non sono coperte dalla contribuzione prevista) che lo scorso novembre l'INPS ha dovuto pubblicare una propria circolare (n. 169/2017) in cui si specifica che, anche in presenza di contributi prescritti, agli ex dipendenti pubblici (tutti ex-INPDAP) verrà comunque pagata la pensione e del resto non si può certo penalizzare loro, per contributi che altri non hanno versato.

    C'è un lato della medaglia perfino più grave: è molto difficile capire quanta parte della pensione di questi lavoratori sia effettivamente coperta dalla contribuzione ex-INPDAP (parliamo di contributi non pagati per anni o anche per decenni di molte decine di migliaia di pensionati) e non voglio nemmeno entrare negli aspetti "etici" di questa faccenda... perché rappresentano uno dei culmini di un'indecenza nazionale.

    Quindi non c'è solo un problema di equità ma c'è un problema ben più grave ed urgente di efficienza...
    Ultima modifica di galinsoga; 16/05/2018 alle 16:27

  3. #22913
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    81
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da galinsoga Visualizza Messaggio
    Ci sono aspetti abbastanza "raccapriccianti" che riguardano la spesa previdenziale italiana:

    1) la mancata separazione tra previdenza e assistenza (insomma l'INPS che eroga cose che nulla c'entrano con le pensioni e che rientrano nelle prestazioni di natura esclusivamente assistenziale);
    2) la sperequazione tra contributi pagati e pensione percepita riguarda (potenzialmente, perché le eccezioni, seppure rarissime, ci sono) tutte le pensioni calcolate con il sistema retributivo, anche se è chiaro che coloro che ne hanno percepito i maggiori benefici sono coloro che percepiscono importi elevati, il peso degli assegni "leggeri" (spesso pochissimo coperti da contribuzione) è quantitativamente rilevantissimo;
    3) i buchi contributivi degli enti locali, o per essere chiaro, il fatto che gli enti locali (e in generale tutte le società di proprietà dello Stato e con contratti del pubblico impiego) pagassero, abbiano pagato e continuino a pagare solo una parte dei contributi previsti per il loro personale.

    Il punto 3 è particolarmente importante perché da solo ha generato gran parte del dissesto dell'INPDAP, dissesto che nel 2012 è finito in carico all'INPS e che si è ulteriormente aggravato negli ultimi 6 anni; tra l'altro sono soldi non recuperabili, perché molti enti locali sono alla canna del gas (quindi pagano i contributi con enorme ritardo, quando li pagano) e perché già nel 1995 la riforma Dini aveva ridotto i tempi di prescrizione a 5 anni, ergo passati i 5 anni sono soldi che nelle casse della previdenza sociale non ci finiranno più e quindi sono soldi che l'INPS ha in gran parte perso... Il problema è talmente grave (molte pensioni pubbliche non sono coperte dalla contribuzione prevista) che lo scorso novembre l'INPS ha dovuto pubblicare una propria circolare (n. 169/2017) in cui si specifica che, anche in presenza di contributi prescritti, agli ex dipendenti pubblici (tutti ex-INPDAP) verrà comunque pagata la pensione e del resto non si può certo penalizzare loro, per contributi che altri non hanno versato.

    C'è un lato della medaglia perfino più grave: è molto difficile capire quanta parte della pensione di questi lavoratori sia effettivamente coperta dalla contribuzione ex-INPDAP (parliamo di contributi non pagati per anni o anche per decenni di molte decine di migliaia di pensionati) e non voglio nemmeno entrare negli aspetti "etici" di questa faccenda... perché rappresentano uno dei culmini di un'indecenza nazionale.

    Quindi non c'è solo un problema di equità ma c'è un problema ben più grave ed urgente di efficienza...
    Pienamente d'accordo sul discorso complessivo.
    Però dal punto di vista macroeconomico i problemi degli enti locali sono partite di giro dentro la PA (generalmente le statistiche nazionali aggregano tutti gli enti). Certamente diventa un grosso problema di iniquità tra chi paga tutti i contributi che deve e chi invece non gli paga e il buco viene tappato dai conti dello stato.

  4. #22914
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    L'export italiano sta andando bene ma non sta rendendo a livelli record, vista la stagnazione della domanda interna è l'unica fonte di crescita che è rimasta quindi sembra che vada fortissimo.


    Sostanzialmente concordo con tutto il tagliato, qui invece un po' meno.
    Se ricordo bene gli ultimi dati della bilancia commerciale che ho letto siamo ad un avanzo di oltre 3 punti di PIL. Direi che secondo me ci sta dire che l'export vada fortissimo. Va meno forte solo se lo si confronta con quello della Germania.

    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  5. #22915
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Pienamente d'accordo sul discorso complessivo.
    Però dal punto di vista macroeconomico i problemi degli enti locali sono partite di giro dentro la PA (generalmente le statistiche nazionali aggregano tutti gli enti). Certamente diventa un grosso problema di iniquità tra chi paga tutti i contributi che deve e chi invece non gli paga e il buco viene tappato dai conti dello stato.
    Esattamente.
    Se dai punti di vista tecnico e etico stiamo ovviamente parlando di una vergogna, dal punto del mero soldo cambia 'na sega visto che si parla di "buchi" che comunque, gira e rigira, dovranno essere coperti dallo Stato.
    A quel punto il fatto che il buco venga da un ente o un altro serve sì per capire chi ha lavorato "bene" o "male" (o peggio), ma la tasca che dovrà riparare il tutto è la stessa. Chi fa discorsi diversi o sta semplicemente facendo una qualche strumentalizzazione politica (o di altro tipo).
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  6. #22916
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,917
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    L'affermazione di un esponente del primo partito italiano, secondo la quale conta ciò che dice "la gente al bar" e non "gli spread" è di un populismo epidermico,che,dati i tempi, porterà altri voti al suo Movimento ma rimane aberrante,per il semplice fatto che i costi di rifinanziamento del debito pubblico sono un problema che riguarda tutti,visto che sono debiti contratti dallo Stato di cui siamo cittadini.Certo,non sono l'unico problema ma rimangono una pesante ipoteca sul futuro di molte generazioni di italiani. Non meno demagogica è l'affermazione secondo la quale(stavolta cito uno del duo "Bibì e Bibo'") i mercati starebbero usando il ricatto dello spread per ostacolare il governo "della sovranità popolare",perché è ovvio che se dici al tuo creditore che forse non pagherai una parte sostanziosa del suo credito o lo farai con una moneta svalutata e diversa da quella nella quale lo hai contratto,il tuo creditore non la prende bene.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  7. #22917
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    81
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Sostanzialmente concordo con tutto il tagliato, qui invece un po' meno.
    Se ricordo bene gli ultimi dati della bilancia commerciale che ho letto siamo ad un avanzo di oltre 3 punti di PIL. Direi che secondo me ci sta dire che l'export vada fortissimo. Va meno forte solo se lo si confronta con quello della Germania.
    Ma la bilancia commerciale va bene perché stai sopprimendo la domanda interna e quindi le importazioni, non perché l'export stia crescendo a livelli record. Il 2017 è stato molto buono ma probabilmente si tratta del picco del ciclo economico, i primi dati del 2018 non sono incoraggianti.
    Ribadisco, complessivamente sta andando bene ma non benissimo, come si vede bene da questo grafico su dati ISTAT.
    Ultima modifica di snowaholic; 17/05/2018 alle 09:28

  8. #22918
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Non avevo colto che ti riferissi al "valore assoluto" dell'export.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  9. #22919
    Tempesta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,365
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    L'affermazione di un esponente del primo partito italiano, secondo la quale conta ciò che dice "la gente al bar" e non "gli spread" è di un populismo epidermico,che,dati i tempi, porterà altri voti al suo Movimento ma rimane aberrante,per il semplice fatto che i costi di rifinanziamento del debito pubblico sono un problema che riguarda tutti,visto che sono debiti contratti dallo Stato di cui siamo cittadini.Certo,non sono l'unico problema ma rimangono una pesante ipoteca sul futuro di molte generazioni di italiani. Non meno demagogica è l'affermazione secondo la quale(stavolta cito uno del duo "Bibì e Bibo'") i mercati starebbero usando il ricatto dello spread per ostacolare il governo "della sovranità popolare",perché è ovvio che se dici al tuo creditore che forse non pagherai una parte sostanziosa del suo credito o lo farai con una moneta svalutata e diversa da quella nella quale lo hai contratto,il tuo creditore non la prende bene.
    Nel secondo caso dell'altro del duo, non scordarti chi ha come economista (Borghi)

  10. #22920
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    81
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Se il petrolio rimanesse a 80 dollari o salisse ancora per la crescita economica europea sarebbe una grana non indifferente. Le condizioni ci sono tutte, la crisi del Venezuela e le sanzioni all'Iran stanno comprimendo la produzione e continueranno a ridurla nei prossimi mesi, gli USA non sono in grado di compensare perché hanno grossi limiti di capacità di trasporto degli oleodotti che non saranno risolti almeno per un altro anno, i sauditi potrebbero intervenire ma lo faranno in misura limitata.
    L'economia europea è tra le più vulnerabili alle fluttuazioni del petrolio, negli USA perdono i consumatori ma guadagnano i produttori, la domanda interna europea è più debole e quella estera è già a rischio per le tensioni commerciali con Trump.
    Già il rallentamento nei primi mesi dell'anno è probabilmente stato in parte prodotto dall'aumento avvenuto nella scorsa metà dello scorso anno, da 50 a 65 dollari circa, ora si replica e i costi diventeranno evidenti nella seconda metà del 2018.
    Non sono buone notizie per i conti pubblici.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •