Pagina 2330 di 2363 PrimaPrima ... 13301830223022802320232823292330233123322340 ... UltimaUltima
Risultati da 23,291 a 23,300 di 23622
  1. #23291
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,015
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    E che deve dire,la Merkel?Sta cercando di capire se gli italiani sono definitivamente partiti per la tangente del sovranismo di pancia o se è uno sfogo dovuto alla rabbia accumulata.
    Una cosa è certa: se si dovesse rilanciare l'idea di un'integrazione più stretta,il posto dell'Italia lo prenderà la Spagna,sul fianco sud.Almeno là non escono di brocca con i piani B.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #23292
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    158
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da NoSync Visualizza Messaggio
    Tagliare servizi e welfare con l'ascia. Non ci sono altre soluzioni per abbattere il debito. Chi non se ne rende conto vive nell'iperuranio.
    Se tagli con l'ascia ammazzi i consumi, crolla l'economia e il rapporto debito/pil aumenta. In più ti ritrovi una rivolta popolare.
    Il lavoro è da fare è molto più complesso di così.

    Bisogna eliminare tutti gli ostacoli all'attività di impresa diversi dalla tassazione (giustizia civile, burocrazia, corruzione ecc.), far funzionare i servizi in maniera adeguata rendendo più efficiente tutta la macchina pubblica, semplificare gli adempimenti fiscali, abbattere le aliquote e abbassare i livelli di evasione. Tutti lavori di fino, non di ascia.

    Se guardi alla classifica doing business della banca mondiale ciò che ci stronca oltre alle tasse (più per complessità dell'adempimento che per le aliquote) sono la difficoltà di far valere i contratti, di ottenere permessi di costruzione e l'accesso al credito.

  3. #23293
    Bava di vento
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    158
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da galinsoga Visualizza Messaggio
    comunque l'economia italiana per ora non è distrutta, attualmente ha fondamentali perfino decenti, ma scontiamo un ventennio di crescita stentata e di mancata creazione di ricchezza..
    Il fondamentale più importante resta sempre al palo e ci dice che l'economia italiana sta sostanzialmente a crescita zero nel lungo termine. Il resto è una piccola ripresa ciclica, come direbbe Krugman, se sbatti la testa ossessivamente contro un muro quando smetti ti senti un po' meglio.
    Productivity - GDP per hour worked - OECD Data

  4. #23294
    Vento fresco L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Colleferro (RM)
    Età
    39
    Messaggi
    2,368
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Se tagli con l'ascia ammazzi i consumi, crolla l'economia e il rapporto debito/pil aumenta. In più ti ritrovi una rivolta popolare.
    Il lavoro è da fare è molto più complesso di così.

    Bisogna eliminare tutti gli ostacoli all'attività di impresa diversi dalla tassazione (giustizia civile, burocrazia, corruzione ecc.), far funzionare i servizi in maniera adeguata rendendo più efficiente tutta la macchina pubblica, semplificare gli adempimenti fiscali, abbattere le aliquote e abbassare i livelli di evasione. Tutti lavori di fino, non di ascia.

    Se guardi alla classifica doing business della banca mondiale ciò che ci stronca oltre alle tasse (più per complessità dell'adempimento che per le aliquote) sono la difficoltà di far valere i contratti, di ottenere permessi di costruzione e l'accesso al credito.
    Aggiungiamo corruzione capillare e a tutti i livelli, bassissima competitività e meritocrazia sia nel pubblico che nel privato, investimenti in innovazione e infrastrutture fermi.
    Come già dicevate la politica dei tagli dal 2011 ha portato alla crisi della produzione e dei consumi, con questo famoso debito che è cresciuto anziché diminuire come promesso dagli attori di turno.
    Altro che populismo, questi sono fatti, e nessuno ormai si può più permettere di fare la lezioncina ad altri, visto che tutti hanno avuto l opportunità di migliorare le cose ottenendo l opposto.

  5. #23295
    Tempesta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,385
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Lo avevo già sentito, ma ho cercato approfondimenti.
    Possono evitare le storture avvenute in Europa, osservando quest'ultima
    L'Africa che cresce vuole la sua moneta unica

  6. #23296
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    35
    Messaggi
    5,632
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Se tagli con l'ascia ammazzi i consumi, crolla l'economia e il rapporto debito/pil aumenta. In più ti ritrovi una rivolta popolare.
    Il lavoro è da fare è molto più complesso di così.
    Bisogna eliminare tutti gli ostacoli all'attività di impresa diversi dalla tassazione (giustizia civile, burocrazia, corruzione ecc.), far funzionare i servizi in maniera adeguata rendendo più efficiente tutta la macchina pubblica, semplificare gli adempimenti fiscali, abbattere le aliquote e abbassare i livelli di evasione. Tutti lavori di fino, non di ascia.

    Se guardi alla classifica doing business della banca mondiale ciò che ci stronca oltre alle tasse (più per complessità dell'adempimento che per le aliquote) sono la difficoltà di far valere i contratti, di ottenere permessi di costruzione e l'accesso al credito.
    Da abbastanza ignorante in materia sono molto d'accordo con quanto hai scritto : un'altra cosa su cui non sono mai stato d'accordo (e lo trovo un lavoro quasi da orologiaio ) soprattutto per quanto riguarda la lotta all'evasione fiscale è stato l'innalzamento del limite del contante a 3000€, quando nel 2011 era stato portato a 999.99€.
    Non so se la legge imposta dal governo Monti fosse giusta o meno e congrua ad una possibile risoluzione di un problema che, stando ad alcuni dati, vale il 20% del PIL … Fatto sta che prima che entrasse in vigore questa modifica erano state recuperate cifre molto alte (stando a questi dati):

    In Italia evasione fiscale vale 270 miliardi di euro, maglia nera in Europa | QuiFinanza

    Poi ripeto, non so se una pesante limitazione del contante possa risolvere il problema (mia madre che è recentemente stata ad Amsterdam mi ha riferito che gli olandesi usano la carta di credito per pagare pure il caffè) però stando ai dati mi sembra che l'innalzamento della soglia sia stata un'altra scemenza

    @@snowholic;: qualche post fa citasti il "moltiplicatore keynesiano": hai qualche link da postare che possa spiegare più o meno in cosa consiste e di cosa si tratta?

    Grazie
    Ultima modifica di Gio83Gavi; 30/05/2018 alle 22:39

    Stazione ERO105 su Meteonetwork, IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  7. #23297
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    14/10/12
    Località
    Ripalimosani(CB)
    Messaggi
    400
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    basta googlare

  8. #23298
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    35
    Messaggi
    5,632
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Diamandis Visualizza Messaggio
    basta googlare

    Yahooerò la prossima volta

    Stazione ERO105 su Meteonetwork, IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  9. #23299
    Vento fresco L'avatar di and1966
    Data Registrazione
    24/02/09
    Località
    Mariano C. (CO)
    Età
    51
    Messaggi
    2,038
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    E che deve dire,la Merkel?Sta cercando di capire se gli italiani sono definitivamente partiti per la tangente del sovranismo di pancia o se è uno sfogo dovuto alla rabbia accumulata.
    Una cosa è certa: se si dovesse rilanciare l'idea di un'integrazione più stretta,il posto dell'Italia lo prenderà la Spagna,sul fianco sud.Almeno là non escono di brocca con i piani B.
    Ripeto, per me i tedeschi ci guardano storto non tanto e non solo per i piani B da sbroccamento, ma perché hanno una paura folle che il populismo soffi forte anche da loro, e che l' esempio italiano sia un volano molto forte.

    Parliamoci chiaro: la ridicola pantomima dei tedeschi sbandieratori all' arrivo dei treni con i "profughi", è immediatamente cessata dopo le prime apparizioni di AFD nel contsggio dei voti ed in qualche Länd pure dei seggi per costoro. Adesso stanno attentissimi nella cernita delle nuove risorse alloctone, chissà come mai ....
    " Intra Tupino e l'acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo,
    fertile costa d'alto monte pende........" Dante, Paradiso XI
    - In avatar, il mio mondo : Omar, Sarah, il cantiere e .... la neve!

  10. #23300
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,498
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    Ma non devi necessariamente pensare al piano B come, ipso facto, ad una exit strategy. A me ad esempio basta semplicemente tenere molto, ma molto lontani da TUTTI i centri di potere coloro che a vario titolo hanno governato negli ultimi venti anni. TUTTI, senza alcuna distinzione.Populismo? Qualunquismo? Fai tu ......
    Chiamalo come ti pare, ma io preferisco il pragmatismo.
    Mi rendo perfettamente conto che il menopeggismo alla lunga non può funzionare, ma di sicuro se devo sostituire uno poco capace con un completo ritardato, no mi dispiace non ce la posso fare.
    Quindi non ce la farò mai a dire che la soluzione ideale ai problemi passati non risolti da chi doveva risolverli negli ultimi 20 anni sia chi propone la guerra termonucleare per ripartire. Chiamalo istintodisopravviventismo se vuoi. In quest'ottica, e parlo a titolo rigorosamente personale, anche il non voto è un'opzione sensata.

    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    Ma quando vedi che TUTTI i supposti statisti "salvatori della Patria" non sono mai stati capaci di avvicinarsi minimamente ad una linea di condotta tale da dare un corso rigoroso al recupero dello status economico, sopratutto nel momento in cui si sono fermati quando il gioco si faceva "interessante" , vien da pensare che tutto ciò sia stato fatto più per un ridimensionamento dello status medio della popolazione che non per mere questioni di bilancio economico.
    E la soluzione quindi sarebbe affamare tutti?
    In effetti se si raggiunge un livello tale che molti muoiono poi si risparmia un sacco sul welfare.

    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    Il vituperato Cottarelli di questi giorni è quello stesso, vituperato dal "sistema", Cottarelli che razionalmente richiamava, con i suoi incisi riferiti alla spending review, ad un contenimento dello spendi e spandi. Il demagogo lo ha fermato ma veniamo da un' epoca in cui hanno avuto funzioni governative anche i sobri bocconiani.....
    I sobri bocconiani non hanno mai avuto la maggioranza in Paralmento.
    Ma neppure dei normali liberali se è per questo.
    Se il mestiere di Cottarelli era improbabile prima, ora è semplicemente impossibile. Bel progresso eh?
    Peraltro le cifre snocciolate nel tempo dal Cottarelli andrebbero lette per capire in che razza di guano siamo e quanto tempo ci vorrebbe per uscirne.
    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    Per fartela breve: perché una Legge fornero (ahimè necessaria, ancorché con tratti iniqui) sì, ed un pesante intervento sui pubblici sprechi no?
    Non ho capito se lo stai dicendo a me o a quelli che stanno proponendo incrementi di spesa per decine di miliardi.
    Metà abbondante di questi sono nuovi eh. Gli altri invece sono gli stessi che son lì da 20 anni... Anzi da ben di più. E che hanno avuto decine di anni di responsabilità di governo, peraltro...

    Citazione Originariamente Scritto da and1966 Visualizza Messaggio
    È questo che fa profondamente incaxxare la "gggente" tanto vituperata, odiata e schernita (meritevole , secondo alcuni, del ritiro della tessera elettorale).
    Lo scherno, esattamente come il rispetto, si guadagna sul campo. Se uno sceglie, lo ripeto ancora una volta, di tagliarsi democraticamente le palle perchè incazzato con la moglie lo scherno è inevitabile, Ma siccome giustamente siamo in democrazia è giusto che ognuno scelga "la cura" che preferisce.
    Poi mi raccomando dar sempre la colpa al governo perchè piove. O magari alla Merkel.







    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •