Pagina 2 di 15 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 142
  1. #11
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,618
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    esiste ancora gente che parla veneto o emiliano,nell'agro pontino?....stento a crederci
    pochissime persone

    calcola che andando ad Arborea, in Sardegna, trovi ancora gente che ha una parlata "nordica" (li ho sentiti io)
    certo, incontri il vigile urbano con tipica cadenza sarda
    ma per un attimo, anche per come è stato costruito il paese, sembra di stare in pianura Padana
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  2. #12
    Uragano L'avatar di Marco.Iannucci
    Data Registrazione
    02/09/06
    Località
    Formia/Napoli
    Età
    31
    Messaggi
    16,422
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    Dialetti del Lazio - Wikipedia

    qui il confine linguistico secondo wikipedia....priverno sembra un promontorio campano in un mare laziale...

    Io posso dire (vivo da diversi anni ormai stabile a Napoli). Che il dialetto formiano, peculiare e con evidenti influssi campani (ma più casertani che napoletani), abbia negli ultimi anni subito una trasformazione ancora più forte. è possibile oggi sentire alternare tranquillamente accenti da borgata romana con quelli da periferia aversana magari proferiti dalle stesse persone. Come se nelle nuove generazioni si stia completamente perdendo l'identità linguistica a discapito delle più forti pressioni romane e campane

  3. #13
    Vento forte L'avatar di Emanuele da Alatri ( FR )
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Alatri (FR)
    Età
    28
    Messaggi
    4,010
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    vero... ma ho preso come esempio il confine come da titolo perche' la relativa vicinanza tra 2 mondi molto diversi come il napoletano e il romano,mi ha sempre affascinato....e i loro confini indefiniti ancora di piu'.per esempio chissa' quale sara' il confine immaginario,l'ultimo paese dove si balla la tarantella meridionale e dove cominciano i borghi dove si cantano gli stornelli laziali? ,datemi di grullo,ma queste cose mi garbano parecchio.quel confine tra lazio e campania....
    È proprio questo che dicevo nel mio messaggio: un confine netto non esiste, perché di fatto il vecchio confine di Stato non è mai stato troppo efficace nel separare le identità culturali. È una graduale transizione fatta di mille sfumature diverse, a mio avviso bellissima e che rischia pian piano di scomparire.

  4. #14
    Brezza tesa L'avatar di original pio
    Data Registrazione
    25/08/13
    Località
    Migliana di Prato 605 mt
    Età
    45
    Messaggi
    968
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da Marco.Iannucci Visualizza Messaggio
    Io posso dire (vivo da diversi anni ormai stabile a Napoli). Che il dialetto formiano, peculiare e con evidenti influssi campani (ma più casertani che napoletani), abbia negli ultimi anni subito una trasformazione ancora più forte. è possibile oggi sentire alternare tranquillamente accenti da borgata romana con quelli da periferia aversana magari proferiti dalle stesse persone. Come se nelle nuove generazioni si stia completamente perdendo l'identità linguistica a discapito delle più forti pressioni romane e campane
    ma nelle vostre zone(parlo di formia),vi sentite piu' legati alla cultura campana o laziale?
    Foppeddirvelo...

  5. #15
    Vento forte L'avatar di Emanuele da Alatri ( FR )
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Alatri (FR)
    Età
    28
    Messaggi
    4,010
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    esiste ancora gente che parla veneto o emiliano,nell'agro pontino?....stento a crederci
    Forse ormai solo qualche persona molto anziana. Già i veneto-pontini di seconda generazione non lo parlavano più. È rimasto in qualche parola, in qualche modo di dire a livello familiare specialmente nelle zone rurali di Latina, ma di fatto credo che si possa considerare ormai scomparso e assorbito dal romanesco pontino, che ancora oggi viene parlato solo nelle città di neofondazione, dove è nato negli anni 30. Per fare un esempio, a Sabaudia si parla questa variante del romanesco, ma a San Felice, comune adiacente, si è mantenuto vivo il dialetto locale, di tipo mediano con inflessioni campane.

  6. #16
    Brezza tesa L'avatar di original pio
    Data Registrazione
    25/08/13
    Località
    Migliana di Prato 605 mt
    Età
    45
    Messaggi
    968
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da Emanuele da Alatri ( FR ) Visualizza Messaggio
    È proprio questo che dicevo nel mio messaggio: un confine netto non esiste, perché di fatto il vecchio confine di Stato non è mai stato troppo efficace nel separare le identità culturali. È una graduale transizione fatta di mille sfumature diverse, a mio avviso bellissima e che rischia pian piano di scomparire.
    credo anche io che sia un peccato,c'e qualcosa di piu' ,quando scompare un dialetto,una tradizione....perdi l'identita',la memoria ,si perdono i racconti che cementano un popolo con la sua terra.
    Foppeddirvelo...

  7. #17
    Vento forte L'avatar di Emanuele da Alatri ( FR )
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Alatri (FR)
    Età
    28
    Messaggi
    4,010
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    credo anche io che sia un peccato,c'e qualcosa di piu' ,quando scompare un dialetto,una tradizione....perdi l'identita',la memoria ,si perdono i racconti che cementano un popolo con la sua terra.
    Purtroppo molti dialetti vengono ancora percepiti come una sorta di "lingua dei poveri", per cui si cerca l'appartenenza alla metropoli, percependone usi, costumi e linguaggi come superiori. Mi fanno quasi tenerezza quei (in fin dei conti pochi) ciociari che si guardano bene dal parlare ciociaro, ma non si fanno problemi a improvvisare un buffo romanesco semplificato che li fa sentire un gradino più su nella scala sociale.

  8. #18
    Brezza tesa L'avatar di original pio
    Data Registrazione
    25/08/13
    Località
    Migliana di Prato 605 mt
    Età
    45
    Messaggi
    968
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da Emanuele da Alatri ( FR ) Visualizza Messaggio
    Purtroppo molti dialetti vengono ancora percepiti come una sorta di "lingua dei poveri", per cui si cerca l'appartenenza alla metropoli, percependone usi, costumi e linguaggi come superiori. Mi fanno quasi tenerezza quei (in fin dei conti pochi) ciociari che si guardano bene dal parlare ciociaro, ma non si fanno problemi a improvvisare un buffo romanesco semplificato che li fa sentire un gradino più su nella scala sociale.
    qui in toscana il campanilismo esasperato scongiura i problemi da te citati,da noi si tende ad esaltare il piu' possibile il dialetto di appartenenza.Firenze e' molto odiata in toscana,nessun pratese ,aretino o senese si sognerebbe mai di imitarlo per sembrare piu' fico,il risultato che otterrebbe ,sarebbe una sequela di capate dai suoi compaesani
    Foppeddirvelo...

  9. #19
    Vento forte L'avatar di Emanuele da Alatri ( FR )
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Alatri (FR)
    Età
    28
    Messaggi
    4,010
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Citazione Originariamente Scritto da original pio Visualizza Messaggio
    qui in toscana il campanilismo esasperato scongiura i problemi da te citati,da noi si tende ad esaltare il piu' possibile il dialetto di appartenenza.Firenze e' molto odiata in toscana,nessun pratese ,aretino o senese si sognerebbe mai di imitarlo,per sembrare piu' fico,il risultato che otterrebbe ,sarebbe una sequela di capate dai suoi compaesani
    Ottima cosa da questo punto di vista! Ahahah

  10. #20
    Brezza tesa L'avatar di original pio
    Data Registrazione
    25/08/13
    Località
    Migliana di Prato 605 mt
    Età
    45
    Messaggi
    968
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: quel confine tra lazio e campania....

    Peppa Pig Doppiaggio Ciociaro - Gl' Far' - YouTube

    questo e' il ciociaro delle tue parti?
    Foppeddirvelo...

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •