Pagina 12 di 13 PrimaPrima ... 210111213 UltimaUltima
Risultati da 111 a 120 di 122

Discussione: Venti e isobare

  1. #111
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,680
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Ciao Valerio. Nel breve termine conviene sicuramente consultare i modelli a scala locale (come Lamma, che è un tipo di WRF) anche se, come hai già notato, alcune volte sottostimano le piogge e, aggiungo, possono anche sovrastimare rispetto ad un modello globale. Questa apparente carenza, chiamiamola così, dei modelli locali è dovuta anche -ma non solo - al fatto che le precipitazioni sono rappresentate meno grossolanamente rispetto al modello a scala globale che, avendo una risoluzione orizzontale minore, ci fa sembrare che è andato più vicino alla realtà. A favore dei modelli a scala locale vanno, invece, parametri fisici che permettono calcoli -e quindi rappresentazione grafica- più dettagliati (l'orografia oppure la condizione non-idrostatica per esempio). Insomma, non c'è paragone... io guarderei il modello locale.

    Venti e isobare Venti e isobare

    tramite Tapatalk
    Ciao Luca........

  2. #112
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Grazie mille, davvero chiarissimo!

  3. #113
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Sapreste spiegarmi quale parametro shear devo considerare per prevedere possibili temporali?
    Ne trovo diversi: ad esempio bulk shear 0-1 km, bulk shear 0-6 km..

    Grazie

  4. #114
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,680
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Di niente Valerio. Come forse già saprai, prevedere un temporale non è per niente facile. Se dovessi elencare degli elementi necessari a far partire un temporale allora mi verrebbero in mente: umidità, un'atmosfera instabile e qualcosa che provochi il sollevamento di questa aria umida. Valori/indici utili possono essere LI CAPE Bulk Shear , tanto per citarne qualcuno. Il nostro Stivale e più in generale il Mediterraneo rendono non facile la loro interpretazione, per esempio possono capitare temporali abbastanza forti anche con CAPE relativamente bassa. Tenere presente, quindi, gli indici temporaleschi (per esempio sui Modelli MNW c'è proprio la voce apposita) e conoscere il territorio sono i primi passi. Ovviamente più ci spingiamo nel dettaglio (per il tempo e per lo spazio) e più è facile sbagliare.
    Questa la mia idea molto in breve, magari qualcuno più esperto potrà essere più chiaro/completo.


    Venti e isobare Venti e isobare

    tramite Tapatalk
    Ciao Luca........

  5. #115
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Qual è la differenza tra le carte ENS e le singole corse giornaliere?

    Grazie

  6. #116
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,680
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    In una corsa giornaliera vengono presi i dati iniziali e poi elaborati, nelle Ensemble vengono modificate leggermente le condizioni iniziali ed aggiunte delle perturbazioni per ogni spago che compone l'Ensemble eccetto per la corsa di controllo, dove non viene praticata nessuna perturbazione.

    Venti e isobareVenti e isobare

    tramite Tapatalk
    Ciao Luca........

  7. #117
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Piccola (grande) domanda: sento sempre dire che le precipitazioni dipendono dalla posizione del minimo. Ora chiedo: semplicemente guardando la posizione del minimo su una carta di analisi sinottica, come faccio a capire le zone che vedranno più precipitazioni?
    Ad esempio: dicono tutti che per la mia zona(Puglia centrale) la miglior configurazione sinottica per vedere molte precipitazioni sia un minimo tirrenico che trasla lentamente sullo Ionio. Come mai?

    Grazie

  8. #118
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Quando si parla di forte windshear, in riferimento allo sviluppo di temporali, si intende la variazione del vento alle varie quote in intensità oppure in direzione??

    Grazie

  9. #119
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Lucas80
    Data Registrazione
    22/11/11
    Località
    Porta delle Alpi Marittime
    Messaggi
    4,680
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    Piccola (grande) domanda: sento sempre dire che le precipitazioni dipendono dalla posizione del minimo. Ora chiedo: semplicemente guardando la posizione del minimo su una carta di analisi sinottica, come faccio a capire le zone che vedranno più precipitazioni?
    Ad esempio: dicono tutti che per la mia zona(Puglia centrale) la miglior configurazione sinottica per vedere molte precipitazioni sia un minimo tirrenico che trasla lentamente sullo Ionio. Come mai?

    Grazie
    Se restano solo ipotesi o come analisi iniziale e se non viene presa in esame una sola carta (di fatto statica, cosa che già saprai), si può giocare sul fatto che, in generale, le correnti tendono a stringersi intorno al minimo di pressione interagendo con i possibili ostacoli, che siano orografici, termici o di altra natura, ma un minimo al suolo, da solo, non è sufficiente per arrivare ad una conclusione.
    Quindi il minimo che viaggia dal Tirreno allo Jonio può essere favorevole perché si trova all'interno di una vera e propria perturbazione che coinvolge, per esempio, anche altre porzioni della terra-atmosfera .

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    Quando si parla di forte windshear, in riferimento allo sviluppo di temporali, si intende la variazione del vento alle varie quote in intensità oppure in direzione??

    Grazie
    Sia intensità che direzione.

    Venti e isobareVenti e isobare

    tramite Tapatalk
    Ciao Luca........

  10. #120
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    138
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Buongiorno,

    Sapreste dirmi dove posso trovare le carte theta-E a 700 hpa?

    Grazie

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •