Pagina 9 di 12 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 114

Discussione: Venti e isobare

  1. #81
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    65
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Noto, in questa carta a 500 hpa, una saccatura in cut off fortemente instabile per Mercoledì 2 Agosto. Qual è la parte più "fredda" e piovosa di una saccatura? Se non erro, leggo che la zona a destra dell' asse (quindi la zona di risalita dei venti) è quella dove si verificano più precipitazioni. In questo caso della carta che ho postato, quali saranno le zone più "interessate" dalla saccatura?

    Venti e isobare-slp_gph500_ecmwf_eu_72.png

  2. #82
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,195
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    , in questa carta a 500 hNotopa, una saccatura in cut off fortemente instabile per Mercoledì 2 Agosto. Qual è la parte più "fredda" e piovosa di una saccatura? Se non erro, leggo che la zona a destra dell' asse (quindi la zona di risalita dei venti) è quella dove si verificano più precipitazioni. In questo caso della carta che ho postato, quali saranno le zone più "interessate" dalla saccatura?

    Venti e isobare-slp_gph500_ecmwf_eu_72.png
    le zone più fresche sono quelle con colori meno caldi a 850 hPa:
    Venti e isobare-ecmopeu00_72_2.png
    la parte più piovosa di una saccatura è quella zona che si trova poco prima del fronte freddo della saccatura.
    Cosa intendi per zone più 'interessate"?

  3. #83
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    65
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Grazie Intendevo proprio le zone piú piovose

    Come faccio a individuare i fronti caldi e freddi dalle carte a 850 hpa? Semplicemente dai colori?

  4. #84
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,195
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    Grazie Intendevo proprio le zone piú piovose

    Come faccio a individuare i fronti caldi e freddi dalle carte a 850 hpa? Semplicemente dai colori?
    dalle carte sinottiche:
    Venti e isobare-hireu_24.gif Venti e isobare-gfsopeu18_6_4.png

  5. #85
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    65
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Mi sono imbattuto per la prima volta nei così detti spaghi. Potreste spiegarmi come interpretarli? Non riesco bene a capire cosa indicano i vari colori.

    Venti e isobare-graphe3_1000___16.87208_41.0033_.gif

  6. #86
    Bava di vento
    Data Registrazione
    17/07/17
    Località
    Bari
    Messaggi
    65
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    E' possibile riconoscere il passaggio di un fronte freddo dal fatto che, dalle carte umidità/vento a 700 hpa prima vi è moltissima umidità su una zona e poi di colpo, dopo un paio d'ore l'umidità risulta quasi azzerata?

    Mi riferisco alla puglia in queste carte:

    Venti e isobare-1.png
    Venti e isobare-2.png

  7. #87
    Vento teso L'avatar di Albert0
    Data Registrazione
    31/10/08
    Località
    Udine (UD)
    Età
    49
    Messaggi
    1,631
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio

    Come faccio a individuare i fronti caldi e freddi dalle carte a 850 hpa? Semplicemente dai colori?
    La metereologia di una volta: le mappe con pressione al suolo e i fronti disegnati a mano.
    ( e numerati su base mensile: cosi faceva Bernacca in TV)

    Dovresti partire da li + pressione a 500hp

    Le mappe da Bracknell:
    Westwind.ch - UKMO*Brack

  8. #88
    Brezza leggera L'avatar di Wolkenmesser
    Data Registrazione
    13/07/16
    Località
    Cagli (PU)
    Messaggi
    342
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    E' possibile riconoscere il passaggio di un fronte freddo dal fatto che, dalle carte umidità/vento a 700 hpa prima vi è moltissima umidità su una zona e poi di colpo, dopo un paio d'ore l'umidità risulta quasi azzerata?
    allora, per individuare in modo chiaro e univoco un fronte, bisogna innanzitutto sapere cosa sia un fronte; ecco le principali caratteristiche di un fronte:

    1. un fronte è una linea che separa due masse d'aria molto diverse, per esempio una fredda da una calda o una secca da una umida
    2. lungo un fronte il vento cambia direzione drasticamente, a volte anche di quasi 90 gradi


    nel tuo esempio hai individuato un fronte freddo; infatti l'aria che lo segue è usualmente molto secca, soprattutto a 700-500 hpa (infiltrazioni stratosferiche). Potresti fare lo stesso discorso con le carte di temperatura a 850 hpa, guardando le linee di confine tra aria calda e fredda. Io consiglio però di guardare le carte di theta-e a 850 hpa, con geopotenziali sovrapposti: il theta-e infatti contiene sia la temperatura che la quantità d'acqua della massa d'aria ed è ottima per individuare i fronti. I geopotenziali invece aiutano per vedere dove il vento cambia direzione (basta osservare eventuali "angoli" nel corso di una linea di geopotenziale per accorgersi dei fronti

  9. #89
    Vento forte
    Data Registrazione
    08/11/07
    Località
    Galàtone (LE)
    Età
    33
    Messaggi
    3,495
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    E' possibile riconoscere il passaggio di un fronte freddo dal fatto che, dalle carte umidità/vento a 700 hpa prima vi è moltissima umidità su una zona e poi di colpo, dopo un paio d'ore l'umidità risulta quasi azzerata?

    Mi riferisco alla puglia in queste carte:
    possiamo dire che quella è una conseguenza, perchè il passaggio del fronte determina anche il transito di aria secca, ma non basta da sola la variazione di umidità a determinarlo.

    Il mio sito: Meteosts

    Reti: MNW - WU - Sup.

  10. #90
    Vento forte
    Data Registrazione
    08/11/07
    Località
    Galàtone (LE)
    Età
    33
    Messaggi
    3,495
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Venti e isobare

    Citazione Originariamente Scritto da valerio991 Visualizza Messaggio
    Mi sono imbattuto per la prima volta nei così detti spaghi. Potreste spiegarmi come interpretarli? Non riesco bene a capire cosa indicano i vari colori.
    Allora, i cosiddetti spaghetti (o meglio, ensembles) sono delle corse supplementari del modello in questione in aggiunta a quella ufficiale.
    Queste corse hanno la peculiarità di essere inizializzate con una certa "perturbazione", ovvero delle piccole variazioni dello stato iniziale per cercare di trovare differenti evoluzioni del sistema atmosferico che, man mano che va a crescere il range previsionale, possono essere anche importanti e discostarsi anche di molto dalla soluzione principale (il classico esempio del battito di ali della farfalla che può provocare un uragano, come concetto).

    Per esigenze computazionali e di calcolo, il passo di griglia adottato da queste corse è in genere più ampio dell'ufficiale, quindi hanno una risoluzione decisamente minore.

    Nella mappa che hai postato:
    - la linea rossa rappresenta la media delle corse ensemble;
    - la linea nera è il run ufficiale (o operazionale) del modello (quella che guardiamo maggiormente), ovvero la corsa del modello lanciata senza alcuna perturbazione iniziale;
    - la linea azzurra è il run di controllo, simile all'ufficiale ma con risoluzione doppia rispetto a quest'ultimo, quindi decisamente meno affidabile nel lungo termine;
    - le altre linee sono le ensembles (l'insieme prende il nome di cluster) ciascuna delle quali come detto viene inizializzata con una piccola modifica iniziale, e la cui risoluzione è uguale a quella del run di controllo, quindi doppia rispetto all'ufficiale.

    Il mio sito: Meteosts

    Reti: MNW - WU - Sup.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •