Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: domanda su vento fohn

  1. #1
    Calma di vento
    Data Registrazione
    10/10/17
    LocalitÓ
    bolzano
    EtÓ
    50
    Messaggi
    3
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito domanda su vento fohn

    c'Ŕ qualcuno che mi potrebbe rispondere se Ŕ giusto dire che il vento Fohn puo verificarsi se durante la fase di ascesa lungo la parte di montagna sopravvento, l'aria arriva in cima dopo aver perso gran parte della sua umiditÓ, per cui il punto rugiada dovrebbe esistere a basse quote (2000 circa). Giusto?

  2. #2
    Vento teso L'avatar di Albert0
    Data Registrazione
    31/10/08
    LocalitÓ
    Udine (UD)
    EtÓ
    49
    Messaggi
    1,561
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: domanda su vento fohn

    Si e' giusto.
    Puo' prodursi anche in altre situazioni, ma questa e' la premessa per il Fohn "classico".

  3. #3
    Meteorologo Centro Epson Meteo L'avatar di ldanieli
    Data Registrazione
    25/10/05
    LocalitÓ
    centro epson meteo
    Messaggi
    225
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: domanda su vento fohn

    Citazione Originariamente Scritto da Albert0 Visualizza Messaggio
    Si e' giusto.
    Puo' prodursi anche in altre situazioni, ma questa e' la premessa per il Fohn "classico".

    la domanda Ŕ un po' contorta, ma in effetti come scrive alberto questa Ŕ la descrizione "classica" , (mi pare addirittura ottocentesca) del foehn, l'aria sale sopravvento, piove o nevica (l'unico modo per perdere umiditÓ) e scende secca e calda sottovento.
    In realtÓ, come sanno bene i prealpini, il foehn Ŕ un vento catabatico che pu˛ benissimo essere osservato anche se oltralpe non piove. In questo caso, molto intuitivo ma poco reale, l'eventuale calore rilasciato durante la condensazione sopravvento Ŕ poi assorbito con l'evaporazione e in linea di principio l'aria giunge dall'altra parte con le stessa caratteristiche di come era partito. Dunque Ŕ evidente che la descrizione classica Ŕ superata. In estrema sintesi il foehn pi¨ comune Ŕ oggi visto principalmente come un fenomeno di sbarramento, che comporta il blocco del flusso di aria nei bassi livelli sopravvento e il trasporto sottovento di aria ad alta temperatura potenziale dagli alti livelli verso il fondovalle o la pianura da parte del flusso discendente.

  4. #4
    Vento fresco L'avatar di andre95
    Data Registrazione
    01/12/10
    LocalitÓ
    Borgomanero (NO)
    EtÓ
    22
    Messaggi
    2,836
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: domanda su vento fohn

    Ricordo che per avere un effetto favonico non Ŕ necessaria la presenza di vento di foehn vero e proprio.
    Ad oggi non ho ancora ben capito come si origini il favonio burrascoso che con cadenza annuale spazza la zona tra Piemonte e Lombardia. Sicuramente Ŕ necessario che si verifichi un aumento pressorio dovuto all'impatto di aria in discesa da N con conseguente depressione sottovento. Oltre i 10 hPa di differenza tra la catena alpina dovrebbe partire rafficoso ma spesso non succede. I modelli indicano sempre l'arrivo dalla zona laghi, una ''valvola di sfogo''. PerchŔ straborda solo da lý e non da tutta la catena alpina?
    Accumulo 2013: 1399.5 mm
    2012: 1332.0 mm

  5. #5
    Brezza leggera L'avatar di Wolkenmesser
    Data Registrazione
    13/07/16
    LocalitÓ
    Cagli (PU)
    Messaggi
    294
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: domanda su vento fohn

    Citazione Originariamente Scritto da emilia Visualizza Messaggio
    c'Ŕ qualcuno che mi potrebbe rispondere se Ŕ giusto dire che il vento Fohn puo verificarsi se durante la fase di ascesa lungo la parte di montagna sopravvento, l'aria arriva in cima dopo aver perso gran parte della sua umiditÓ, per cui il punto rugiada dovrebbe esistere a basse quote (2000 circa). Giusto?
    non Ŕ necessario che piova sul versante sopravento. Il foehn Ŕ un vento catabatico, ovvero un vento "di caduta": questo avviene di solito perchÚ l'aria, arrivata sulla cima delle montagne, trova ad attenderla aria relativamente pi˙ calda, e poichŔ l'aria relativamente pi˙ fredda Ŕ anche pi˙ densa, tende a scendere sotto l'aria pi˙ calda e questo provoca il foehn (anche in assenza di pioggia; certo se poi sul versante sopravento piovesse, l'aria si seccherebbe di pi˙ e questo porterebbe ad un aumento della densitß e quindi a una discesa pi˙ marcata). Per quanto riguarda il punto di rugiada, temo di non aver capito la domanda

  6. #6
    Meteorologo Centro Epson Meteo L'avatar di ldanieli
    Data Registrazione
    25/10/05
    LocalitÓ
    centro epson meteo
    Messaggi
    225
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: domanda su vento fohn

    Citazione Originariamente Scritto da andre95 Visualizza Messaggio
    Ricordo che per avere un effetto favonico non Ŕ necessaria la presenza di vento di foehn vero e proprio.
    Ad oggi non ho ancora ben capito come si origini il favonio burrascoso che con cadenza annuale spazza la zona tra Piemonte e Lombardia. Sicuramente Ŕ necessario che si verifichi un aumento pressorio dovuto all'impatto di aria in discesa da N con conseguente depressione sottovento. Oltre i 10 hPa di differenza tra la catena alpina dovrebbe partire rafficoso ma spesso non succede. I modelli indicano sempre l'arrivo dalla zona laghi, una ''valvola di sfogo''. PerchŔ straborda solo da lý e non da tutta la catena alpina?
    la risposta si chiama passo del S. Gottardo.
    Ŕ l'unico vero "gap" nella barriera alpina, che infatti veniva rappresentato in modo evidente anche nella topografia rudimentale dei primi modelli globali con bassa risoluzione.
    A sud trovi il canale di sbocco della valle del Ticino; a nord si scivola verso l'altopiano svizzero senza troppi tremila o quattromila in mezzo, come accade per esempio nel Vallese.


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •