Pagina 6 di 437 PrimaPrima ... 456781656106 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 4361
  1. #51
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    53
    Messaggi
    6,391
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Ciao Enrico...non voglio assolutamente far polemica e mi inchino di fronte ad un "mostro" sacro del glacialismo appenninico...ci siamo travisati entrambi. Forse tu ti riferisci al fatto che con un NE prevalente si hanno alla fine meno preicipitazioni a livello assoluto perche il NE (di solito) segua HP termico che allontana le perturbazioni atlantiche. questo è vero. Ma non penso che 2 metri di neve da NE siano differenti da 2mt di neve da ovest, specie sul GS che il vento prevalente è da ovest. Mi farebbe piacere leggere il tuo lavor sul Calderone, ma proprio tanto. Inoltre, in un anno con piu' NE si sono avute meno precipitazioni di quello buone (nevembre-maggio)? Se si, allora ( a mio avviso) l'ovest è meglio perchè piu' umido. Ma chi ha mai misurato? a Isola del GS si hanno 1200mm annui, a CI 1250mm annui. ma ben 800mt piu' su. Segno questo inequivocabile che il versante N è piu' piovoso. cosa succede nel mezzo? Solo DIO lo sa. Fare un media tra i versanti per anno, forse, puo' dare una risposta. Insomma non credo (a mio parere sempre, Ma spetto Enrico) che neviche di meno da NE, me che con un tempo prevalentemente da NE, le perturbazioni sono poche e mal organizzate, e se ripetute per mesi portano, alla fine dei conti pochi mm reali...solo la Majella invece è EST prevalente. Cmq nel 1978 (io c'ero) abbiamo avuto un bel NE e anche lungo...ma poi quanto ovet, quante perturbazioni...e il maggio 1991 c'entra con EST o OVEST? Non penso . Era neve che invece di sciogliersi si accumulava..come nell'aprile 2005.
    Ciao
    Si, in genere le annate con NE prevalente sono più secche e le precipitazioni sono più discontinue perché provocate da stau invece che da fronti ben organizzati. CI è nettamente più arido del versante settentrionale perché si trova "a cavallo" tra due regimi, quello "oceanico" e quello adriatico, mentre la zona più occidentale (Corno Grande incluso) risente meglio della prima componente.
    Il Corno Grande, nello specifico, è come un "camino", soggetto a tutti gli effetti delle perturbazioni, da qualsiasi parti provengano.
    Cmq, volendo sintetizzare il concetto, ti basti pensare che non esistono anni positivi del Calderone associati a scarsità di neve sull'Appennino occidentale (tirrenico) né fasi positive dello stesso associate a fasi negative alpine. A buon intenditor poche parole...


    http://www.nimbus.it/meteoshop/VediL...IdArticolo=451

  2. #52
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    53
    Messaggi
    6,391
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da giampt Visualizza Messaggio
    Probabilmente, e forse anche sicuramente, l'analisi di Enrico è frutto di una serie di studi che gli consentono di verificare i dati in suo possesso in modo più empirico ed ampio rispetto agli altri.
    Tuttavia, da perfetto neofita della meteorologia o forse meglio da neo appassionato voglio esprimere qualche perplessità sulla prima parte della risposta di Enrico.
    - La conoscenza (nel tuo caso approfondita e brillante) di qualsiasi argomento (nel tuo caso della glaciologia), è una virtù che si acquisisce con grosse difficioltà, studi, sacrificio, pazienza e costanza.
    - Divulgare agli altri ciò che si conosce, e che magari si da per scontato, è compito ancor più difficile e perciò va fatto con saggezza, senza polemiche e con quella piccola o grande dose di pazienza che la situazione richiede.
    Perciò bollare, non senza una latente ironia, come chiacchiare da "Bar dello Sport" (ma tutto il primo capoverso è sulla stessa falsa riga)le parole di Cristiano non è proprio il massimo.
    Forse bastava andare al nocciolo della questione e rispondere dati alla mano ai dubbi posti da Cristiano. Non credi?
    Un saluto
    Giampiero
    Guarda che la frecciata non era certo riferita a Cristiano e questo lui lo sa benissimo. Il riferimento, non casuale, è diretto ad altri personaggi che sbandierano notizie strampalate ed inconsistenti.

  3. #53
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    53
    Messaggi
    6,391
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Ciao Enrico...non voglio assolutamente far polemica e mi inchino di fronte ad un "mostro" sacro del glacialismo appenninico...ci siamo travisati entrambi. Forse tu ti riferisci al fatto che con un NE prevalente si hanno alla fine meno preicipitazioni a livello assoluto perche il NE (di solito) segua HP termico che allontana le perturbazioni atlantiche. questo è vero. Ma non penso che 2 metri di neve da NE siano differenti da 2mt di neve da ovest, specie sul GS che il vento prevalente è da ovest. Mi farebbe piacere leggere il tuo lavor sul Calderone, ma proprio tanto. Inoltre, in un anno con piu' NE si sono avute meno precipitazioni di quello buone (nevembre-maggio)? Se si, allora ( a mio avviso) l'ovest è meglio perchè piu' umido. Ma chi ha mai misurato? a Isola del GS si hanno 1200mm annui, a CI 1250mm annui. ma ben 800mt piu' su. Segno questo inequivocabile che il versante N è piu' piovoso. cosa succede nel mezzo? Solo DIO lo sa. Fare un media tra i versanti per anno, forse, puo' dare una risposta. Insomma non credo (a mio parere sempre, Ma spetto Enrico) che neviche di meno da NE, me che con un tempo prevalentemente da NE, le perturbazioni sono poche e mal organizzate, e se ripetute per mesi portano, alla fine dei conti pochi mm reali...solo la Majella invece è EST prevalente. Cmq nel 1978 (io c'ero) abbiamo avuto un bel NE e anche lungo...ma poi quanto ovet, quante perturbazioni...e il maggio 1991 c'entra con EST o OVEST? Non penso . Era neve che invece di sciogliersi si accumulava..come nell'aprile 2005.
    Ciao

    Mostro si, ma solo fisico !!!

  4. #54
    Brezza tesa L'avatar di giampt
    Data Registrazione
    07/02/07
    Località
    Napoli
    Età
    45
    Messaggi
    860
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico_3bmeteo Visualizza Messaggio
    Guarda che la frecciata non era certo riferita a Cristiano e questo lui lo sa benissimo. Il riferimento, non casuale, è diretto ad altri personaggi che sbandierano notizie strampalate ed inconsistenti.
    Pensa che io Cristiano non lo conosco nemmeno ( e neanche le persone destinatarie della frecciatina).
    Comunque chiudo salutandoti ed aspettando di leggere uno dei tuoi tanti interessanti post sui ghiacciai....

  5. #55
    Vento forte L'avatar di Snowhell
    Data Registrazione
    11/05/04
    Località
    Avezzano(AQ)/Firenze
    Età
    42
    Messaggi
    4,983
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Credo che anche i neonati sappiano che proveniente dai quadranti nord occidentali, sia foriera di maggiori precipitazioni rispetto a quella continentale(senza poi tirare in ballo i "vari stau" dall'una e dall'altra parte, o le articolate azioni orografiche di questo oquel versante)!
    Il discorso di base è che il comprensorio in questione, e nella fattispecie il settore di cui parliamo, ne prende da qualunque settore, e ovviamente le precipitazioni risultano più consistenti con avvezioni occidentali, come diceva il buon Cristiano, soprattutto perchè +umide!
    Poi è ovvio che dipende dalle frequenze configurative che si accavallano....più configurazioni da N.Est e "rodaniche o atlantiche avremo, più accumuli potremmo registrare su "quel lido"!!
    Riguardo le frecciatine, e visto che si era in tre a discettare dell'argomento in quel frangente, avendo escluso chiaramente Cristiano, inviterei "lo scienziato tuttologo" Enrico a "guardarsi bene la faretra", perchè esistono serie Associazioni meteo,come questa che ci ospita nel proprio forum, composta da elementi equilibrati e più o meno preparati oltre che seri, che certificano e riportano notizie tuttaltro che strampalate, con un pesante lavoro di monitoraggio dek territorio! dunque vola basso coi tuoi dardi e il tuo arco caro portaborse!!
    Socio fondatore e consigliere Caput Frigoris.
    Avezzano, 15 aprile 1995 nevicata max ultimi 14 anni...115cm

  6. #56
    Brezza tesa L'avatar di giampt
    Data Registrazione
    07/02/07
    Località
    Napoli
    Età
    45
    Messaggi
    860
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da Snowhell Visualizza Messaggio
    Credo che anche i neonati sappiano che proveniente dai quadranti nord occidentali, sia foriera di maggiori precipitazioni rispetto a quella continentale(senza poi tirare in ballo i "vari stau" dall'una e dall'altra parte, o le articolate azioni orografiche di questo oquel versante)!
    Il discorso di base è che il comprensorio in questione, e nella fattispecie il settore di cui parliamo, ne prende da qualunque settore, e ovviamente le precipitazioni risultano più consistenti con avvezioni occidentali, come diceva il buon Cristiano, soprattutto perchè +umide!
    Poi è ovvio che dipende dalle frequenze configurative che si accavallano....più configurazioni da N.Est e "rodaniche o atlantiche avremo, più accumuli potremmo registrare su "quel lido"!!
    Riguardo le frecciatine, e visto che si era in tre a discettare dell'argomento in quel frangente, avendo escluso chiaramente Cristiano, inviterei "lo scienziato tuttologo" Enrico a "guardarsi bene la faretra", perchè esistono serie Associazioni meteo,come questa che ci ospita nel proprio forum, composta da elementi equilibrati e più o meno preparati oltre che seri, che certificano e riportano notizie tuttaltro che strampalate, con un pesante lavoro di monitoraggio dek territorio! dunque vola basso coi tuoi dardi e il tuo arco caro portaborse!!
    mi spiace constatare che il mio messaggio (tornare al nocciolo della questione che per me era interessantissimo da leggere) ha sortito effetti da me indesiderati, come questa polemica. Ne faccio ammenda, forse era meglio se non scrivevo nulla.n

  7. #57
    Vento forte L'avatar di Snowhell
    Data Registrazione
    11/05/04
    Località
    Avezzano(AQ)/Firenze
    Età
    42
    Messaggi
    4,983
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    Citazione Originariamente Scritto da giampt Visualizza Messaggio
    mi spiace constatare che il mio messaggio (tornare al nocciolo della questione che per me era interessantissimo da leggere) ha sortito effetti da me indesiderati, come questa polemica. Ne faccio ammenda, forse era meglio se non scrivevo nulla.n
    nessuna polemica, nè ammenda da parte tua, ci mancherebbe....ho solo ritenuto opportuno "mettere i puntini sulle i", visto la performance di di dubbio gusto di "Enrico l'arcere" !
    Socio fondatore e consigliere Caput Frigoris.
    Avezzano, 15 aprile 1995 nevicata max ultimi 14 anni...115cm

  8. #58
    Bava di vento L'avatar di vlk4r0
    Data Registrazione
    11/02/07
    Località
    ROMA
    Messaggi
    219
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    mah io quoterei cristiano.
    Credo che NE porti piu neve al calderone di altro, forse in modo non molto vistoso...ma aumenta lo spessore.

    riguarda al resto vorrei astenere, ma, girando un po' per i vecchi topic e trovando certi post, mi viene da dire:
    "Voi che dite dite, ci andate mai in alcuni posti?"
    Lascio interpretare liberamente.
    http://www.ilcalderone.biz
    nivoglaciologia appenninica

    SAOR ALBA.

  9. #59
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,480
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    per curiosità, vi allego un articolo del 25 ottobre 1990 del Messaggero che avevo conservato ed ho ritrovato in una montagna di libri e carte nello sgabuzzino, in cui si parlava dell'agonia del fu ghiacciaio del Calderone. Non ha nessuna valenza scientifica, ma solo una semplice constatazione di come si stava già trasformando rapidamente all'epoca il glacio nevaio

    non sono un mago di photoshop ed ho preferito evitare di impiccarmi col prodotto per unificare le 2 immagini dello stesso articolo che ho scannerizzato

    Ghiacciaio del Calderone in agonia-calderone1-giovedi-25-ottobre-1990.jpg

    Ghiacciaio del Calderone in agonia-calderone2.jpg

    buona giornata

    Ultima modifica di Fabio68; 29/01/2008 alle 09:08
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  10. #60
    Vento forte L'avatar di Snowhell
    Data Registrazione
    11/05/04
    Località
    Avezzano(AQ)/Firenze
    Età
    42
    Messaggi
    4,983
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Ghiacciaio del Calderone in agonia

    molto interessante....quindi mi pare che il Prof. Simiraglia lo definisce/definiva ancora ghiacciaio(seppur inferiore)...
    Socio fondatore e consigliere Caput Frigoris.
    Avezzano, 15 aprile 1995 nevicata max ultimi 14 anni...115cm

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •