Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
  1. #1
    gb
    Ospite

    Predefinito Radon, un problema serio

    allego due carte con riportate le zone ad rischio per l'Italia e la Svizzera

    Lombardia e Canton Ticino ad lato rischio!

    la migrazione del radon nel sottosuolo ├Ę fortemente condizionata dall'andamento della pressione atmosferica






    tratto da APAT:

    Gli effetti sulla salute
    Il radon ├Ę un agente cancerogeno che causa soprattutto un aumento del rischio di contrarre il tumore polmonare.
    L'Organizzazione Mondiale della Sanit├* (WHO), attraverso l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ha classificato fin dal 1988 il radon nel Gruppo 1, nel quale sono elencate le 95 sostanze dichiarate cancerogene per l’uomo.
    Il radon ├Ę un gas inerte ed elettricamente neutro, per cui non reagisce con altre sostanze. Di conseguenza, cos├Č come viene inspirato, viene espirato. Tuttavia ├Ę anche radioattivo, ossia si trasforma in altri elementi, chiamati prodotti di decadimento del radon o pi├╣ generalmente "figli". Questi sono elettricamente carichi e si attaccano al particolato presente in aria che pu├▓ essere inalato e fissarsi sulle superfici dei tessuti polmonari. Gli atomi, cos├Č depositati, (in particolare due isotopi del polonio, Po-218 e Po-214) sono ancora radioattivi ed emettono radiazioni alfa che possono danneggiare le cellule.
    I danni prodotti sono generalmente riparati dai meccanismi biologici. In alcuni casi uccidono le cellule, ma esiste anche la probabilit├* che il danno cellulare sia di tipo degenerativo e che la cellula mantenga la sua capacit├* di riproduzione entrando a far parte di un processo cancerogeno. Fino ad oggi non sono stati dimostrati altri effetti diversi dal tumore polmonare.
    Fondamentale importanza assume la combinazione tra fumo di tabacco e esposizione al radon. Per i fumatori il rischio assoluto di un tumore polmonare causato dal radon viene considerato 15-20 volte superiore rispetto al rischio per i non fumatori.
    Le pi├╣ recenti e accurate stime di rischio, che prendono in esame le esposizioni nelle abitazioni e sono basate su un insieme di 13 studi europei su un totale di 7.148 casi di tumore polmonare e di 14.208 controlli, confermano e consolidano le valutazioni dei decenni precedenti. Il rischio in eccesso rispetto alla non esposizione viene valutato in circa il 16% per ogni 100 Bq/m3. Questo vuol dire allora, che, essendo la concentrazione media italiana pari a 70 Bq/m3 circa l’11% degli oltre 31.000 casi di tumore polmonare che ogni anno si registrano in Italia sono attribuibili al radon, e per la grande maggioranza tra i fumatori. Cifra che rappresenta circa il 2% di tutti i decessi per ogni tipo di tumore.
    La probabilit├* di contrarre il tumore polmonare ├Ę proporzionale alla concentrazione in aria e al tempo trascorso nei vari ambienti di vita (case, scuole, ambienti di lavoro, ecc.) e al consumo di tabacco.


    Non esiste una concentrazione "sicura" al di sotto della quale la probabilit├* di contrarre il tumore ├Ę nulla. Tuttavia molte organizzazioni scientifiche internazionali, l’Organizzazione Mondiale della Sanit├*, la Comunit├* Europea e singoli Paesi hanno fissato dei livelli di riferimento per le abitazioni e per gli ambienti di lavoro al di sotto dei quali ritengono il rischio accettabile. Al di sopra di questi valori, invece, suggeriscono e in alcuni casi impongono di adottare provvedimenti per la riduzione della concentrazione.
    Per aiutare a comprendere il rischio sanitario associato al radon ├Ę utile confrontare questo rischio con altri pi├╣ conosciuti.



    Nella tabella in alto sono riportati vari fattori di rischio di morte per alcune cause (fonte EPA - Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti - 2004).

  2. #2
    Banned L'avatar di fabio76
    Data Registrazione
    17/12/03
    LocalitÓ
    campoformido 120mslm
    Messaggi
    1,791
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Noi della PC del Friuli procederemo a mettere dei rivelatori in determinate aree.Verranno lasciati per un'anno e mezzo.
    Nella nostra regione dopo il fumo e la seconda causa di tumori.
    Da tenere sotto controllo.


  3. #3
    TT-chaser L'avatar di Jefry
    Data Registrazione
    20/08/04
    LocalitÓ
    Codroipo (Ud)
    EtÓ
    30
    Messaggi
    846
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Alla fine dello scorso anno scolastico, ad ognuno di noi ci hanno dato un rilevatore da collocare in un luogo chiuso e poco areato, da tenere per tutta l'estate senza toccarlo. Fra non molto lo riporteremo a scuola e, siccome quest'anno abbiamo iniziato lo studio della chimica, analizzeremo noi stessi al microscopio i risultati, che poi comunicheremo all'Arpa e ad un altro centro triestino di cui non ricordo il nome
    Dati meteo registrati con Davis Vantage Pro

    MeteoCodroipo

    Andrea

  4. #4
    gb
    Ospite

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Citazione Originariamente Scritto da Jefry
    Alla fine dello scorso anno scolastico, ad ognuno di noi ci hanno dato un rilevatore da collocare in un luogo chiuso e poco areato, da tenere per tutta l'estate senza toccarlo. Fra non molto lo riporteremo a scuola e, siccome quest'anno abbiamo iniziato lo studio della chimica, analizzeremo noi stessi al microscopio i risultati, che poi comunicheremo all'Arpa e ad un altro centro triestino di cui non ricordo il nome
    ottima iniziativa della tua scuola

    da lodare

    ciao

  5. #5
    TT-chaser L'avatar di Jefry
    Data Registrazione
    20/08/04
    LocalitÓ
    Codroipo (Ud)
    EtÓ
    30
    Messaggi
    846
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Citazione Originariamente Scritto da gb
    ottima iniziativa della tua scuola

    da lodare

    ciao
    Se non ricordo male non siamo l'unica scuola ad aver aderito! Prover├▓ ad informarmi meglio
    Dati meteo registrati con Davis Vantage Pro

    MeteoCodroipo

    Andrea

  6. #6
    gb
    Ospite

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    mi dispiace che nessun lombardo sia intervenuto

    la situazione in alcune zone ├Ę critica (es. varesotto) ma ├Ę possibile intervenire per bonificare gli edifici senza sostenere costi esorbitanti

  7. #7
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    LocalitÓ
    Sondrio 290 m. (SO)
    EtÓ
    49
    Messaggi
    46,461
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Citazione Originariamente Scritto da gb
    mi dispiace che nessun lombardo sia intervenuto

    la situazione in alcune zone ├Ę critica (es. varesotto) ma ├Ę possibile intervenire per bonificare gli edifici senza sostenere costi esorbitanti
    Dalla carta della Svizzera pare che anche la Valtellina possa essere una zona ad alto rischio: cos'e' pero' che determina una minore o maggiore concentrazione di tale gas ? Esistono correlazioni con il tipo di luoghi/terreni/microclimi ?



    Fabio Pozzoni (Socio Fondatore MeteoNetwork)

    I miei dati Meteo in real time su MyMnwPro, CML e WU

    E' meglio essere ottimisti ed aver torto piuttosto che pessimisti ed aver ragione Albert Einstein
    ______________________________
    Ciao Alessandro......

  8. #8
    gb
    Ospite

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Citazione Originariamente Scritto da zione
    Dalla carta della Svizzera pare che anche la Valtellina possa essere una zona ad alto rischio: cos'e' pero' che determina una minore o maggiore concentrazione di tale gas ? Esistono correlazioni con il tipo di luoghi/terreni/microclimi ?

    si Fabio, esiste una correlazione

    e il problema è esteso anche all'acqua (radon disciolto nelle acque di sorgente)

    insomma nonostante siano anni che se ne conoscono gli effetti (è inserito tra i cancerogeni) non esiste ancora una normativa italiana

    non vengono nemmeno fatte campagne di sensibilizzazione

    il problema può essere risolto!

    è importante fare dei test nelle proprie abitazioni per stabilire se sussiste il problema

    pensa che a Stabio (in Svizzera a pochissimi km da Varese) il 40% delle abitazioni ha concentrazioni di radon superiori a 200 Bq/m3

    qui trovate l'elenco dei comuni del Canton Ticino e i relativi valori
    http://www.boehmgeol.ch/pdf/Radon_Ticino.pdf

    ci si preoccupa dei ripetitori, delle antenne etc. ma non si sa nulla del radon!

    ciao

  9. #9
    gb
    Ospite

    Predefinito Re: Radon, un problema serio


  10. #10
    Vento moderato L'avatar di djordj
    Data Registrazione
    05/03/04
    LocalitÓ
    Seveso (MI) - 210m s
    EtÓ
    41
    Messaggi
    1,067
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Radon, un problema serio

    Leggo solo ora questo thread.
    Incredibile cosa abbiamo sotto i piedi...
    Ho dato una rapidissima occhiata anche all'ultimo sito che hai proposto, ma non ho trovato niente che parli di possibili soluzioni.
    Sai indicarmi qualche altro riferimento?
    Stefano Giorgetti
    always looking at the sky

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •