Pagina 7 di 105 PrimaPrima ... 567891757 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 1045
  1. #61
    Tempesta L'avatar di Fede85
    Data Registrazione
    09/11/11
    Località
    Perosa Argentina
    Età
    33
    Messaggi
    10,027
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da stefano64 Visualizza Messaggio
    Faccio fatica a capire l'obiezione.
    Mi pare che il buon Raf abbia proposto di monitorare, in questo apposito thread, quello che, a parere non solo suo, è il dato più significativo degli ultimi due o tre anni: vale a dire i record di caldo che si succedono, uno dopo l'altro, sia su scala locale che su scala globale. Non vedo niente di strano.
    Nulla vieta, naturalmente, di monitorare in apposito thread le eventuali anomalie di precipitazioni acquose o nevose. Dov'è il problema?
    Quanto all'eccezionalità dei valori termici di questa fase climatica, credo che si possano nutrire ben pochi dubbi.
    Preso testualmente dal primo post di Rafdimonte
    "Ecco io proporrei questo: perchè non utilizziamo questo td per evidenziare i prossimi record di caldo e gli effetti di questa nuova fase climatica?"

    Mi sembra che gli effetti possono essere maggiore/minore piovosità o maggiore/minore nevosità o sbaglio?
    Potrebbe essere interessante valutare per intero gli effetti di questo lungo sopramedia

  2. #62
    Tempesta L'avatar di Fede85
    Data Registrazione
    09/11/11
    Località
    Perosa Argentina
    Età
    33
    Messaggi
    10,027
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Dai Lou, sei troppo preparato per non sapere che la nevosità alpina non è indicativa come quella in pianura per valutare l'andamento termico di lungo termine.
    Non a caso le Alpi hanno fatto i record di nevosità proprio l'anno scorso con le perturbazioni oscenamente calde che arrivavano dalla Mauritania

    E' chiaro che in quota basta che ci sia una qualche situazione precipitativa e nevica praticamente sempre (o comunque molto spesso se parliamo di quote attorno ai 6-7-8-900 e 1000 m...per di più zona "cuscinose" come la tua)
    Il problema si crea nelle zone in cui nevica quasi sempre con T al limite, ovvero a bassa quota, ovvero dove se invece di farti 7 nevicate nell'arco di una stagione, te ne fa 2 cambia tutto

    Scusa Luca ma la risposta involontariamente te la dai da solo, se già eri al limite 20 anni fa con un GW in atto le prime località che subiranno una minore nevosità saranno proprio le pianure mi sembra logico

  3. #63
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    27
    Messaggi
    16,352
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Interessante la discussione intrapresa.
    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    ........

    Tre anni, due inverni, o anche 10 anni per la storia climatica della Terra non sono nulla. Perfino le medie trentennali hanno tutti i loro limiti......
    Quoto l'intervento ma mi soffermo qua, sul sottolineato.

    Forse Raf il romagnolo che ha avviato la discussione, sente che gli sta cambiando sotto il naso l'habitat e l'ecosistema in cui noi tutti abitiamo.
    Ed è questa una conseguenza immediata di qualsiasi cambiamento climatico. Specie se rapido e accelerante come il GW.

    La faccenda del GW e del 'periodo-meteo-senza-precedenti' sta in piedi nella sua drammaticità dal momento in cui è la storia dell'umanità a venire minacciata da climi sempre più estremi.
    Possiamo stare certi che in questi 20km di biosfera in cui si svolge la vita sul pianeta, noi umani non saremo gli ultimi e dopo di noi ci sarà altro.

    Il vero cuore caldo dei cambiamenti climatici e del GW è ideologico-etico-educativo.

    Come altrimenti dire: "ci rivediamo in autunno a Parigi e vediamo di firmare tutti sennò we're fucked".
    Stiamo vivendo gli anni più cruciali della storia dell'umanità insomma.
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  4. #64
    Uragano L'avatar di Marco.Iannucci
    Data Registrazione
    02/09/06
    Località
    Formia/Napoli
    Età
    31
    Messaggi
    16,431
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    comunque io non drammatizzerei. La crescita economica e demografica si arresterà anche a livello planetario. L'uomo raggiungerà un equilibrio di pressione antropica, superato il quale non sarà possibili l'adattamento in condizioni di clima e risorse ostili...quindi calo demografico e pressione antropica minore

  5. #65
    Burrasca
    Data Registrazione
    22/12/08
    Località
    assente(Boh)
    Messaggi
    5,512
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Intanto oggi qui si torna in territorio negativo con la temperatura minima -0,4°C da me in centro -2°C in aperta campagna

  6. #66
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    77
    Messaggi
    23,412
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Interessante la discussione intrapresa.


    Quoto l'intervento ma mi soffermo qua, sul sottolineato.

    Forse Raf il romagnolo che ha avviato la discussione, sente che gli sta cambiando sotto il naso l'habitat e l'ecosistema in cui noi tutti abitiamo.
    Ed è questa una conseguenza immediata di qualsiasi cambiamento climatico. Specie se rapido e accelerante come il GW.

    La faccenda del GW e del 'periodo-meteo-senza-precedenti' sta in piedi nella sua drammaticità dal momento in cui è la storia dell'umanità a venire minacciata da climi sempre più estremi.
    Possiamo stare certi che in questi 20km di biosfera in cui si svolge la vita sul pianeta, noi umani non saremo gli ultimi e dopo di noi ci sarà altro.

    Il vero cuore caldo dei cambiamenti climatici e del GW è ideologico-etico-educativo.

    Come altrimenti dire: "ci rivediamo in autunno a Parigi e vediamo di firmare tutti sennò we're fucked".
    Stiamo vivendo gli anni più cruciali della storia dell'umanità insomma.
    ******
    Hai quasi centrato il problema. Ovvero, da quello che ho capito io, la "preoccupazione" di Raf (che è anche mia).
    Si dice che il GW è in accelerazione, e qui tutti d'accordo. Il Raf dice che non è "cosa Romagnola", ma planetaria(anche se la ns Europa, e l'Italia, ne risente maggiormente). Dice che si è accentuato negli ultimissimi tempi(certo che non fa testo in climatologia), e chiede di vederne insieme le cause di questa accelerazione. Riduzione dei ghiacci in Artide? Riscaldamento anomalo di porzioni dell'Atlantico(e Pacifico)?, Inerzia termica globale(oceani sopratutto) che ancora non rende evidente la minore forza del sole(cicli undecennali), fusione del permafrost che rilascia gas che inspessiscono la "coperta" dell' effetto serra? Deforestazioni? Salinità, e Corrente del Golfo?, e tanti altri .....
    Qui dentro vi sono persone e menti che sono in grado di sviscerare e discutere pacatamente, e con una notevole preparazione e cultura, queste problematiche, per me molto "pressanti".



    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  7. #67
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 672m. -Far West-
    Età
    30
    Messaggi
    20,716
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Interessante la discussione intrapresa.


    Quoto l'intervento ma mi soffermo qua, sul sottolineato.

    Forse Raf il romagnolo che ha avviato la discussione, sente che gli sta cambiando sotto il naso l'habitat e l'ecosistema in cui noi tutti abitiamo.
    Ed è questa una conseguenza immediata di qualsiasi cambiamento climatico. Specie se rapido e accelerante come il GW.

    La faccenda del GW e del 'periodo-meteo-senza-precedenti' sta in piedi nella sua drammaticità dal momento in cui è la storia dell'umanità a venire minacciata da climi sempre più estremi.
    Possiamo stare certi che in questi 20km di biosfera in cui si svolge la vita sul pianeta, noi umani non saremo gli ultimi e dopo di noi ci sarà altro.

    Il vero cuore caldo dei cambiamenti climatici e del GW è ideologico-etico-educativo.

    Come altrimenti dire: "ci rivediamo in autunno a Parigi e vediamo di firmare tutti sennò we're fucked".
    Stiamo vivendo gli anni più cruciali della storia dell'umanità insomma.
    Ma è proprio qui il punto! Senza precedenti da quando? Dal 1880? Dal 1700? Ma noi che cosa ne sappiamo del nostro clima del passato? Possiamo dire che è un periodo assolutamente senza precedenti? Non credo, poichè come si diceva, molti dati del passato sono delle stime, e non dati puntuali. Ben venga il monitoraggio, ma sono contro il pessimismo che vede in questa fase una cosa irreversibile.
    Occhio a basarsi sugli ultimi 5-7 anni per definire un cambiamento.

    Ricordo a tutti (ma soprattutto a piemontesi e valdostani) cosa si diceva - in tv e in ambito meteorologico - a fine anni Novanta e a inizio/metà anni Duemila sul clima alpino. Ricordo articoli di siti meteo (era il 2005 o il 2006, mi pare) dove si descrivevano le Alpi Occidentali come a rischio siccità, senza neve e senza pioggia. Veniva evidenziato il fatto che, dagli anni Novanta, le precipitazioni erano costantemente diminuite e la nevosità era calata drasticamente (prendendo ad esempio qualche micro-settore delle Alpi Graie, uno dei pochissimi posti in Piemonte che ha "sofferto" un non-aumento della nevosità): questo poneva delle domande sul turismo della neve, sull'approvvigionamento idrico, ecc.ecc. Si metteva in dubbio la sopravvivenza delle stazioni sciistiche al di sotto dei 1500 metri e si definiva questo processo come frutto del GW e irreversibile.
    Non sto neanche a dire cosa è successo negli anni e negli inverni successivi, e non mi metto a snocciolare dati, perchè è sotto gli occhi di tutti. Le nevicate sono aumentate, pressochè ovunque oltre i 500 metri, e si sono avuti degli inverni tra i più nevosi da un centinaio d'anni a questa parte.
    Quindi occhio a saltare a conclusioni affrettate o a definire il clima irreversibile.
    Matìn de prìmo passàt a-pensar pantai,paratge e libertàd!

  8. #68
    Vento forte L'avatar di stefano64
    Data Registrazione
    25/11/05
    Località
    Rimini (RN)
    Età
    53
    Messaggi
    3,012
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Fede85 Visualizza Messaggio
    Preso testualmente dal primo post di Rafdimonte
    "Ecco io proporrei questo: perchè non utilizziamo questo td per evidenziare i prossimi record di caldo e gli effetti di questa nuova fase climatica?"

    Mi sembra che gli effetti possono essere maggiore/minore piovosità o maggiore/minore nevosità o sbaglio?
    Potrebbe essere interessante valutare per intero gli effetti di questo lungo sopramedia
    Detta così, mi sta bene.
    Penso si sia capito che non era quello il problema, no?

  9. #69
    Vento forte L'avatar di stefano64
    Data Registrazione
    25/11/05
    Località
    Rimini (RN)
    Età
    53
    Messaggi
    3,012
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Ma è proprio qui il punto! Senza precedenti da quando? Dal 1880? Dal 1700? Ma noi che cosa ne sappiamo del nostro clima del passato? Possiamo dire che è un periodo assolutamente senza precedenti? Non credo, poichè come si diceva, molti dati del passato sono delle stime, e non dati puntuali. Ben venga il monitoraggio, ma sono contro il pessimismo che vede in questa fase una cosa irreversibile.
    Occhio a basarsi sugli ultimi 5-7 anni per definire un cambiamento.

    Ricordo a tutti (ma soprattutto a piemontesi e valdostani) cosa si diceva - in tv e in ambito meteorologico - a fine anni Novanta e a inizio/metà anni Duemila sul clima alpino. Ricordo articoli di siti meteo (era il 2005 o il 2006, mi pare) dove si descrivevano le Alpi Occidentali come a rischio siccità, senza neve e senza pioggia. Veniva evidenziato il fatto che, dagli anni Novanta, le precipitazioni erano costantemente diminuite e la nevosità era calata drasticamente (prendendo ad esempio qualche micro-settore delle Alpi Graie, uno dei pochissimi posti in Piemonte che ha "sofferto" un non-aumento della nevosità): questo poneva delle domande sul turismo della neve, sull'approvvigionamento idrico, ecc.ecc. Si metteva in dubbio la sopravvivenza delle stazioni sciistiche al di sotto dei 1500 metri e si definiva questo processo come frutto del GW e irreversibile.
    Non sto neanche a dire cosa è successo negli anni e negli inverni successivi, e non mi metto a snocciolare dati, perchè è sotto gli occhi di tutti. Le nevicate sono aumentate, pressochè ovunque oltre i 500 metri, e si sono avuti degli inverni tra i più nevosi da un centinaio d'anni a questa parte.
    Quindi occhio a saltare a conclusioni affrettate o a definire il clima irreversibile.
    Beh, a questo punto propongo a Rafdimonte e a chiunque interessato al thread di eliminare la locuzione "senza precedenti" dalla definizione del periodo che stiamo vivendo: così sarà possibile proseguire in modo costruttivo il comune monitoraggio proposto nel thread, senza impuntarci su valutazioni che lasciano il tempo che trovano e senza urtare la suscettibilità di alcuno...

  10. #70
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    29
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Seguiamo qui questo periodo meteo senza precedenti!

    Citazione Originariamente Scritto da Marco.Iannucci Visualizza Messaggio
    comunque io non drammatizzerei. La crescita economica e demografica si arresterà anche a livello planetario. L'uomo raggiungerà un equilibrio di pressione antropica, superato il quale non sarà possibili l'adattamento in condizioni di clima e risorse ostili...quindi calo demografico e pressione antropica minore
    Certo, quello di "calo demografico" è proprio un bel concetto
    Poniamoci due domande: come reagiranno le popolazioni che verranno a trovarsi in zone climaticamente critiche?
    E in seconda battuta...dove interverrà la fisica per provocare questo calo demografico e trovare nuovi equilibri? Potremmo benissimo esserci noi, tu compreso, tra quelli che la fisica deciderà di "sopprimere" per mantenere un equilibrio biologico
    Le leggi della fisica non sono razziste...intervengono "n'do coio coio"...e quando saremo a quel punto, non sarà bello
    Poi se vogliamo illuderci di vivere nell'Eden, facciamo pure...ma è per l'appunto un'illusione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •