Pagina 2 di 12 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 115
  1. #11
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,048
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    @Luca Angelini, l'IPCC nel suo ultimo rapporto ha stabilito che ECS è tra 1,5°C e 4,5°C. Tale intervallo è più basso di quello indicato in AR4.
    ECS è la sensibilità climatica all'equilibrio.
    E' evidente che un aumento della concentrazione di gas serra altera lo scambio radiativo tra il pianeta e lo spazio.
    Tuttavia esistono anche gli aerosol dispersi in atmosfera (di origine antropica e non) che schermano la radiazione solare impedendole di raggiungere la superficie terrestre.
    Poi ci sono le nuvole e l’uso del suolo che modificano l’albedo del pianeta.
    L'IPCC può essere anche il Don Abbondio della situazione, ma se così fosse allora sarebbe nota la forzante radiativa e l'ECS non dovrebbe ad ogni report diminuire, nè tantomeno l'ECS dovrebbe essere compreso in un intervallo così ampio.

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Se non sbaglio però quel grafico non mostra la stabilizzazione delle emissioni di CO2 ma del loro tasso di crescita. Insomma la concentrazione di anidride carbonica in atmosfera continua ad aumentare ma ora lo fa stabilmente e non esponenzialmente, una magra consolazione
    Conta che l'aumento di CO2 favorisce la crescita dela vegetazione (vedi maggiori produzioni agricole) che assorbe più CO2.
    Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta, ma aumenta anche l'efficienza con cui la biosfera la gestisce e quindi rallenta il rateo.
    Ho letto anche di "migrazione di aree desertiche", chissà dove migrano se la vegetazione oggi è aumentata insieme alla CO2, forse su Marte o sulla Luna?
    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    c'è c'e’ sempre qualcuno che giura che la colpa è del surriscaldamento globale.
    infatti strano che l'uomo non se la prenda mai la responsabilità:
    è la moda della deresponsabilizzazione?
    Una volta l'uomo pretendeva molto meno e faceva tesoro dell'alluvione per migliorare la canalizzazione e la sua manutenzione..la verità è che se avessimo invece capito che “lavori verdi” veri erano quelli dei contadini, degli ingegneri per migliorare le infrastrutture e treni, degli operai per mantenere puliti i canali, dei falegnami che producevano infissi migliori, di industrie che producono manufatti che durano per tantissimo tempo, etc. investendo la stessa enorme quantità di denaro usata per mitigare il clima, ora sicuramente piangeremo meno morti, avremo fatto lavorare italiani invece dei cinesi, la qualità della vita delle persone sarebbe migliorata e non saremo costretti ad inventare termini, come “bombe d’acqua”, per far apparire nuovi i vecchi ed irrisolti problemi.
    Ultima modifica di Alessandro(Foiano); 05/04/2017 alle 18:34

  2. #12
    Vento forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    4,969
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Concordo totalmente con Foiano.

  3. #13
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    58
    Messaggi
    25,671
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    @Luca Angelini, l'IPCC nel suo ultimo rapporto ha stabilito che ECS è tra 1,5°C e 4,5°C. Tale intervallo è più basso di quello indicato in AR4.
    ECS è la sensibilità climatica all'equilibrio.
    E' evidente che un aumento della concentrazione di gas serra altera lo scambio radiativo tra il pianeta e lo spazio.
    Tuttavia esistono anche gli aerosol dispersi in atmosfera (di origine antropica e non) che schermano la radiazione solare impedendole di raggiungere la superficie terrestre.
    Poi ci sono le nuvole e l’uso del suolo che modificano l’albedo del pianeta.
    L'IPCC può essere anche il Don Abbondio della situazione, ma se così fosse allora sarebbe nota la forzante radiativa e l'ECS non dovrebbe ad ogni report diminuire, nè tantomeno l'ECS dovrebbe essere compreso in un intervallo così ampio.


    Conta che l'aumento di CO2 favorisce la crescita dela vegetazione (vedi maggiori produzioni agricole) che assorbe più CO2.
    Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta, ma aumenta anche l'efficienza con cui la biosfera la gestisce e quindi rallenta il rateo.
    Ho letto anche di "migrazione di aree desertiche", chissà dove migrano se la vegetazione oggi è aumentata insieme alla CO2, forse su Marte o sulla Luna?

    infatti strano che l'uomo non se la prenda mai la responsabilità:
    è la moda della deresponsabilizzazione?
    Una volta l'uomo pretendeva molto meno e faceva tesoro dell'alluvione per migliorare la canalizzazione e la sua manutenzione..la verità è che se avessimo invece capito che “lavori verdi” veri erano quelli dei contadini, degli ingegneri per migliorare le infrastrutture e treni, degli operai per mantenere puliti i canali, dei falegnami che producevano infissi migliori, di industrie che producono manufatti che durano per tantissimo tempo, etc. investendo la stessa enorme quantità di denaro usata per mitigare il clima, ora sicuramente piangeremo meno morti, avremo fatto lavorare italiani invece dei cinesi, la qualità della vita delle persone sarebbe migliorata e non saremo costretti ad inventare termini, come “bombe d’acqua”, per far apparire nuovi i vecchi ed irrisolti problemi.
    Qui però Alessandro, se pure apprezzo molto la coerenza del tuo raggionamento di fondo, ci metti dentro troppe cose per accalorato sostegno alla tua tesi alcune anche contradditorie fra loro.
    Aumento di CO2---> aumento della produzione agricola. Siamo sicuri? Io credo che l'aumento della produzione agricola dipenda da altri fattori come la biogenetica, il miglioramento delle macchine, le serre artificiali ed anche la maggiore specializzazione dei contadini, molti dei quali oggi sono laureati, certo non sono gli stessi di un secolo fa. L'Olanda ne è un esempio.
    Le aree desertiche non sono aumentate. Siamo sicuri! Forse negli Stati Uniti o in Australia e grazie al kaiser, con la tecnologia irrigativa che hanno raggiunto! A me risulta che i polmoni verdi dell'Amazzonia e dell'Asia si vanno sempre più riducendo. Forse non dipende dal riscaldamento climatico, ma certo il taglio indiscriminato di foreste all'umanità bene non fa.
    I veri lavori verdi. Concordo in toto sul fatto che l'abbandono delle campagne e delle montagne, e quindi della cura dei versanti e dei reticoli idrici minori, abbia contribuito in modo pesante ad accentuare gli effetti di molte piccole e grandi alluvioni. Vivaddio ultimamente, ultimi 10-15 anni intendo, mi sembra ci sia un certo ritorno ed attenzione su questo tema e in molti casi è in atto una contro-migrazione dalle città verso le campagne, se non altro perché non se ne può più del traffico e della vita caotica cittadina. Questa "enorme quantità di denaro" spesa per mitigare il clima non la vedo, basta vedere quando del Pil nazionale vi viene destinato, che è un'inezia rispetto ad altre voci di bilancio sicuramente meno nobili. Se poi ci si fa rientrare gli incentivi per sostiuire gli impianti termici, cambiare gli infissi e migliorare l'efficenza energetica e la dispersione di calore, costruire abitazioni anti-sismiche (gli italiani le costruiscono prevalentemente in Cile, ma questo è un altro discorso), allora vivaddio se si spende tanto! Visto che siamo in tema di statistiche, a parità di scala Richter, le vittime dei terremoti anche in Italia sono in netto calo rispetto ai terremoti del passato. Ed anche le vittime delle alluvioni, perché è vero che c'è ancora tanta strada da fare (in molti casi burocrazia e corruzione hanno messo lo zampino sulle opere da realizzare), ma molto è stato fatto. Ultima cosa che c'entra pochissimo secondo me nel raggionamento generale: "avremmo fatto lavorare italiani invece che cinesi". Non l'ho capita, cosa intendi esattamente? Credo sia una boutade (la cui valenza è analoga ai luoghi comuni sulle "bombe d'acqua"), perché non mi risulta che i cinesi abbiano tolto lavoro agli italiani nel campo delle opere idrauliche o dei lavori agricoli, semmai nel tessile e nel comparto della ristorazione.

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,048
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Qui però Alessandro, se pure apprezzo molto la coerenza del tuo raggionamento di fondo, ci metti dentro troppe cose per accalorato sostegno alla tua tesi alcune anche contradditorie fra loro.
    Aumento di CO2---> aumento della produzione agricola. Siamo sicuri? Io credo che l'aumento della produzione agricola dipenda da altri fattori come la biogenetica, il miglioramento delle macchine, le serre artificiali ed anche la maggiore specializzazione dei contadini, molti dei quali oggi sono laureati, certo non sono gli stessi di un secolo fa. L'Olanda ne è un esempio.
    se tu avessi letto l'ultimo report dell'IPCC avresti saputo che alcuni modelli prendono in considerazione l'effetto fertilizzante della CO2 e non mi dilungo oltre su questa scadente obiezione.
    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Le aree desertiche non sono aumentate. Siamo sicuri! Forse negli Stati Uniti o in Australia e grazie al kaiser, con la tecnologia irrigativa che hanno raggiunto! A me risulta che i polmoni verdi dell'Amazzonia e dell'Asia si vanno sempre più riducendo. Forse non dipende dal riscaldamento climatico, ma certo il taglio indiscriminato di foreste all'umanità bene non fa.
    Come si legge in “Greening of the Earth and its drivers” di Z.Zhu et al., l'effetto global greening per il 70% è dovuto alla CO2 che ha portato negli ultimi 33 anni ad una crescita del verde planetario equivalente al doppio della superficie degli USA, mentre si parla ancora, anche nelle alte sfere…., di desertificazione..nel tuo caso parli di desertificazione dell'Amazzoniaè contradditorio quello che scrivi!
    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    . Questa "enorme quantità di denaro" spesa per mitigare il clima non la vedo,
    ad esempio l'Emission trading system (il Sistema di commercio delle emissioni di anidride carbonica adottato dall’Unione Europea) o il protocollo di Kyoto..sono tutte strategie di mitigazione ma non di adatttamento
    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Ultima cosa che c'entra pochissimo secondo me nel raggionamento generale: "avremmo fatto lavorare italiani invece che cinesi". Non l'ho capita, cosa intendi esattamente?
    la strategia della mitigazione ha portato ad esempio a spendere una decina di miliardi di euro l’anno in una tecnologia all’epoca non matura come i pannelli solari, abbiamo così arricchito i cinesi e i tedeschi trasformando il personale delle nostre ditte in “precari” installatori.
    Per rendere competitivo il costo dell’energia verde, nei prossimi anni pagheremo le bollette nettamente più care d’Europa, ciò con un beneficio ecologico insignificante per la quantità di emissioni di gas serra a livello globale, mentre i nostri competitor economici continuano ad aumentarle. E' stato speso poco denaro su queste ideologie "verdi"?

  5. #15
    Bava di vento
    Data Registrazione
    26/09/06
    Località
    Roma
    Messaggi
    111
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati-6930c533b5f4fb2d43c4c27d18de62d1.jpg

  6. #16
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    21/12/05
    Località
    ne
    Messaggi
    617
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    se tu avessi letto l'ultimo report dell'IPCC avresti saputo che alcuni modelli prendono in considerazione l'effetto fertilizzante della CO2 e non mi dilungo oltre su questa scadente obiezione.

    Come si legge in “Greening of the Earth and its drivers” di Z.Zhu et al., l'effetto global greening per il 70% è dovuto alla CO2 che ha portato negli ultimi 33 anni ad una crescita del verde planetario equivalente al doppio della superficie degli USA, mentre si parla ancora, anche nelle alte sfere…., di desertificazione..nel tuo caso parli di desertificazione dell'Amazzoniaè contradditorio quello che scrivi!
    Personalmente questo modo di porsi è uno dei motivi che mi hanno allontanato dai vari forum meteo... tu li hai letti i report e gli articoli che citi, o fai solo copia e incolla?

    CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati-schermata-2017-04-06-15.31.25.png

    Tratto da qui (La fertilizzazione da CO2 e i fattori limitanti per l’agricoltura | Climatemonitor)

    Avrei anche altre cose da obiettare, soprattutto in campo di fisiologia e biochimica vegetale (del tipo: "aumento delle rese in agricoltura a causa dell'aumento della CO2 in atmosfera"), ma so già che sarebbe una battaglia persa.

    Anche questa affermazione mi aveva colpito: "Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta"

  7. #17
    Brezza tesa L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    32
    Messaggi
    917
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Civetta Visualizza Messaggio
    Personalmente questo modo di porsi è uno dei motivi che mi hanno allontanato dai vari forum meteo... tu li hai letti i report e gli articoli che citi, o fai solo copia e incolla?



    Tratto da qui (La fertilizzazione da CO2 e i fattori limitanti per l’agricoltura | Climatemonitor)

    Avrei anche altre cose da obiettare, soprattutto in campo di fisiologia e biochimica vegetale (del tipo: "aumento delle rese in agricoltura a causa dell'aumento della CO2 in atmosfera"), ma so già che sarebbe una battaglia persa.

    Anche questa affermazione mi aveva colpito: "Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta"
    potresti farlo invece
    a me interessa

  8. #18
    Brezza tesa L'avatar di Luca Angelini
    Data Registrazione
    05/05/07
    Località
    Milano (Mi)
    Età
    48
    Messaggi
    754
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    @Luca
    Tuttavia esistono anche gli aerosol dispersi in atmosfera (di origine antropica e non) che schermano la radiazione solare impedendole di raggiungere la superficie terrestre. Poi ci sono le nuvole e l’uso del suolo che modificano l’albedo del pianeta.
    Le proprietà riflettenti degli aerosol sulla radiazione solare in entrata agiscono, a parità di volume, in maniera infinitesimale rispetto alle proprietà assorbenti dei gas serra (CO2 compresa), e quindi alla mancata dispersione, della radiazione infrarossa in uscita. Le nuvole ci sono sempre state e comunque il vapore acqueo non si accumula ma si rinnova con il ciclo dell'acqua. Il minor effetto albedo per deplezione della banchisa polare sta agendo vistosamente nelle zone artiche come dimostrano le notevoli anomalie positive delle temperature in quelle zone.

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    Conta che l'aumento di CO2 favorisce la crescita dela vegetazione (vedi maggiori produzioni agricole) che assorbe più CO2. Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta, ma aumenta anche l'efficienza con cui la biosfera la gestisce e quindi rallenta il rateo.
    Più vegetazione equivale anche a più evapotraspirazione, quindi a maggior carico di umidità disponibile per infarcire l'innesco di fenomeni piovosi abbondanti/estremi.[/QUOTE]

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    Ho letto anche di "migrazione di aree desertiche", chissà dove migrano se la vegetazione oggi è aumentata insieme alla CO2, forse su Marte o sulla Luna?
    Migrazione significa "spostamento", non espansione. E questo deriva dal mutamento degli schemi meteorologici, lo stesso processo che porta ai ricorrenti regimi di persistenza, quindi ai blocchi atmosferici, quindi alla maggior probabilità di fenomeni persistenti/estremi.

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    infatti strano che l'uomo non se la prenda mai la responsabilità:
    è la moda della deresponsabilizzazione?
    Una volta l'uomo pretendeva molto meno e faceva tesoro dell'alluvione per migliorare la canalizzazione e la sua manutenzione..la verità è che se avessimo invece capito che “lavori verdi” veri erano quelli dei contadini, degli ingegneri per migliorare le infrastrutture e treni, degli operai per mantenere puliti i canali, dei falegnami che producevano infissi migliori, di industrie che producono manufatti che durano per tantissimo tempo, etc. investendo la stessa enorme quantità di denaro usata per mitigare il clima, ora sicuramente piangeremo meno morti, avremo fatto lavorare italiani invece dei cinesi, la qualità della vita delle persone sarebbe migliorata e non saremo costretti ad inventare termini, come “bombe d’acqua”, per far apparire nuovi i vecchi ed irrisolti problemi.
    Questa proprio non l'ho capita....

    Ultima modifica di Luca Angelini; 06/04/2017 alle 15:55
    Meteobook.it
    Previsioni e approfondimenti meteo

  9. #19
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,048
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Civetta Visualizza Messaggio
    Personalmente questo modo di porsi è uno dei motivi che mi hanno allontanato dai vari forum meteo... tu li hai letti i report e gli articoli che citi, o fai solo copia e incolla?

    CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati-schermata-2017-04-06-15.31.25.png

    Tratto da qui (La fertilizzazione da CO2 e i fattori limitanti per l’agricoltura | Climatemonitor)

    Avrei anche altre cose da obiettare, soprattutto in campo di fisiologia e biochimica vegetale (del tipo: "aumento delle rese in agricoltura a causa dell'aumento della CO2 in atmosfera"), ma so già che sarebbe una battaglia persa.

    Anche questa affermazione mi aveva colpito: "Le piante di conseguenza migliorano l'efficienza del processo opposto consumo di ossigeno ed emissione di CO2 e quindi la concentrazione assoluta di CO2 aumenta"
    La fertilizzazione da aumento di CO2 come è scritto sulle bibliografie prese in considerazione dall'IPCC è reale, i modelli che fanno parte del report non la sanno quantificare.
    Di sicuro le produzioni sono aumentate anche grazie alle migliori tecniche agricole, ma scrivere che la CO2 è un fattore sfavorevole, va contro tanti esperimenti che sono stati fatti a riguardo, copio e incollo il testo originario:

    "On physiological grounds, almost all models predict stimulation of carbon assimilation and sequestration in response to rising CO2, called ‘CO2 fertilization’ (Cramer et al., 2001; Oren et al., 2001; Luo et al., 2004; DeLucia et al., 2005). Free Air CO2 Enrichment (FACE) and chamber studies have been used to examine the response of ecosystems to large (usually about 50%) step increases in CO2 concentration. The results have been variable (e.g., Oren et al., 2001; Nowak et al., 2004; Norby et al., 2005). On average, net CO2 uptake has been stimulated, but not as much as predicted by some models. Other factors (e.g., nutrients or genetic limitations on growth) can limit plant growth and reduce response to CO2. Eleven FACE experiments, encompassing bogs, grasslands, desert and young temperate tree stands report an average increased net primary productivity (NPP) of 12% when compared to ambient CO2 levels (Nowak et al., 2004). There is a large range of responses, with woody plants consistently showing NPP increases of 23 to 25% (Norby et al., 2005), but much smaller increases for grain crops (Ainsworth and Long, 2005), reflecting differential allocation of the incremental organic matter to shorter- vs. longer-lived compartments. Overall, about two-thirds of the experiments show positive response to increased CO2 (Ainsworth and Long, 2005; Luo et al., 2005). Since saturation of CO2 stimulation due to nutrient or other limitations is common (Dukes et al., 2005; Koerner et al., 2005), it is not yet clear how strong the CO2 fertilization effect actually is." fonte IPCC
    Ultima modifica di Alessandro(Foiano); 06/04/2017 alle 16:42

  10. #20
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,048
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    Le proprietà riflettenti degli aerosol sulla radiazione solare in entrata agiscono, a parità di volume, in maniera infinitesimale rispetto alle proprietà assorbenti dei gas serra (CO2 compresa), e quindi alla mancata dispersione, della radiazione infrarossa in uscita. Le nuvole ci sono sempre state e comunque il vapore acqueo non si accumula ma si rinnova con il ciclo dell'acqua. Il minor effetto albedo per deplezione della banchisa polare sta agendo vistosamente nelle zone artiche come dimostrano le notevoli anomalie positive delle temperature in quelle zone.
    Da quello che ho potuto leggere l’interazione tra radiazione e nuvole rimane una delle maggiori fonti di incertezza nei modelli climatici.
    Quindi l'affermazione "le nuvole ci sono sempre state" mi sembra assai semplicistica e lo sanno anche all'IPCC.
    Le temperature vstosamente positive nelle zone polari probabile che siano "vistose" perchè le abbiamo osservate solo da qualche decennio e solo stimate quelle più indietro nel tempo, sempre dai modelli di calcolo.
    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    Più vegetazione equivale anche a più evapotraspirazione, quindi a maggior carico di umidità disponibile per infarcire l'innesco di fenomeni piovosi abbondanti/estremi.
    più vegetazione equivale anche a più assorbimento
    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    Migrazione significa "spostamento", non espansione. E questo deriva dal mutamento degli schemi meteorologici, lo stesso processo che porta ai ricorrenti regimi di persistenza, quindi ai blocchi atmosferici, quindi alla maggior probabilità di fenomeni persistenti/estremi.
    si sposterà anche ma se la CO2 aumenta qualunque terreno spostandosi sarà meno arido.
    Le piante con più CO2 riducono gli stomi e hanno bisogno di meno risorse idriche.
    Qui ti posto un articolo di qualche anno fa su science daily sull'effetto fertilizzante della CO2:
    https://www.sciencedaily.com/release...limate+News%29

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •