Pagina 3 di 12 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 114
  1. #21
    Brezza tesa L'avatar di Luca Angelini
    Data Registrazione
    05/05/07
    Località
    Milano (Mi)
    Età
    47
    Messaggi
    754
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    La fonte di incertezza sta nel quantificare il diverso gap di assorbimento/riflessione della radiazione infrarossa a carico delle varie tipologie di nubi (basse, medie, alte). La copertura nuvolosa totale, fatta eccezione per le piccole variazioni dovute all'influenza dei raggi cosmici, rimane pressochè invariata ai fini del bilancio radiativo dell'atmosfera.

    La diversa tipologia di terreno, modificata dall'agricoltura, può al massimo incidere su fenomeni a scala locale. Le anomalie positive del campo di temperatura nelle regioni artiche sono causate dalla riduzione delle aree coperte dai ghiacci (albedo maggiore) in favore di superfici oceaniche scoperte a forte assorbimento.

    In fondo hai scritto "si sposterà anche ma se la CO2 aumenta qualunque terreno spostandosi sarà meno arido."

    Ponendo caso di aver capito il senso.... Se gli accumuli totali di pioggia annuale sono gli stessi, ma mal distribuiti a causa dei citati regimi di persistenza, il terreno risponde divenendo più arido. Quindi le fasce aride si spostano e con esse si modificano quindi anche le fasce vegetate, visto che le piante per crescere hanno anche bisogno di acqua, non solo di CO2.
    Meteobook.it
    Previsioni e approfondimenti meteo

  2. #22
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    16,590
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Non esiste soltanto il vapore saturo umido,esiste anche il vapore saturo secco che non è visibile e non quantificabile esattamente dai modelli dell'IPCC.
    Non esistono solo le aree aride calde, esistono anche le aree aride ghiacciate che scoperte diventano verdi e coltivabili, non mi pare una cosa negativa.
    Per il resto non ho capito come fai a scrivere con certezza che le piogge sono mal distribuite visto che i vari studi anche su questo aspetto sono contradditori.

  3. #23
    Brezza tesa L'avatar di Luca Angelini
    Data Registrazione
    05/05/07
    Località
    Milano (Mi)
    Età
    47
    Messaggi
    754
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    Non esiste soltanto il vapore saturo umido,esiste anche il vapore saturo secco che non è visibile e non quantificabile esattamente dai modelli dell'IPCC.
    Non esistono solo le aree aride calde, esistono anche le aree aride ghiacciate che scoperte diventano verdi e coltivabili, non mi pare una cosa negativa.
    Per il resto non ho capito come fai a scrivere con certezza che le piogge sono mal distribuite visto che i vari studi anche su questo aspetto sono contradditori.
    1. Il vapore acqueo non è quantificabile ai fini del bilancio radiativo globale perchè invisibile??
    2. Le zone aride sono aride, quelle ghiacciate sono ghiacciate. L'oceano artico senza ghiacci non è certo coltivabile, ma agisce sul bilancio radiativo globale per il venir meno dell'effetto albedo.
    3. La distribuzione delle piogge è intesa come "distribuzione temporale" e non spaziale. Diversi studi sono in corso e per questo i risultati al momento sono parziali, intanto ci si sta lavorando proprio perchè alcune evidenze hanno posto il problema.
    Meteobook.it
    Previsioni e approfondimenti meteo

  4. #24
    Vento moderato L'avatar di mikisnow
    Data Registrazione
    14/12/15
    Località
    Ferrara
    Età
    37
    Messaggi
    1,036
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    se tu avessi letto l'ultimo report dell'IPCC avresti saputo che alcuni modelli prendono in considerazione l'effetto fertilizzante della CO2 e non mi dilungo oltre su questa scadente obiezione.

    Come si legge in “Greening of the Earth and its drivers” di Z.Zhu et al., l'effetto global greening per il 70% è dovuto alla CO2 che ha portato negli ultimi 33 anni ad una crescita del verde planetario equivalente al doppio della superficie degli USA, mentre si parla ancora, anche nelle alte sfere…., di desertificazione..nel tuo caso parli di desertificazione dell'Amazzoniaè contradditorio quello che scrivi!

    ad esempio l'Emission trading system (il Sistema di commercio delle emissioni di anidride carbonica adottato dall’Unione Europea) o il protocollo di Kyoto..sono tutte strategie di mitigazione ma non di adatttamento

    la strategia della mitigazione ha portato ad esempio a spendere una decina di miliardi di euro l’anno in una tecnologia all’epoca non matura come i pannelli solari, abbiamo così arricchito i cinesi e i tedeschi trasformando il personale delle nostre ditte in “precari” installatori.
    Per rendere competitivo il costo dell’energia verde, nei prossimi anni pagheremo le bollette nettamente più care d’Europa, ciò con un beneficio ecologico insignificante per la quantità di emissioni di gas serra a livello globale, mentre i nostri competitor economici continuano ad aumentarle. E' stato speso poco denaro su queste ideologie "verdi"?
    Io la uso nell'acquario!

  5. #25
    Vento moderato L'avatar di mikisnow
    Data Registrazione
    14/12/15
    Località
    Ferrara
    Età
    37
    Messaggi
    1,036
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    "“I guai uno non se li va a cercare…!” Esclamava il buon Don Abbondio ne “I Promessi Sposi”,


    già, e poi, sempre citando da quel famoso romanzo, c'era un pure un certo don Ferrante ...

    http://www.filosofico.net/Antologia_file/AntologiaM/Manzoni_02.htm




    L'unica cosa interessante di quel "romanzo" (per me): Capitolo XIII
    "La folla, da una parte e dell'altra, stava tutta in punta di piedi per vedere....."

  6. #26
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    16,590
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    1. Il vapore acqueo non è quantificabile ai fini del bilancio radiativo globale perchè invisibile??
    1. i modelli IPCC lo quantificano, ma tra modello e modello esistono forti differenze.
    2. il vapore saturo secco non è visibile.

    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    Le zone aride sono aride, quelle ghiacciate sono ghiacciate. L'oceano artico senza ghiacci non è certo coltivabile, ma agisce sul bilancio radiativo globale per il venir meno dell'effetto albedo.
    no, l'Antartide è uno dei posti più aridi della Terra per non parlare di quelle alle alte latitudini artiche.. a parte questo si parlava di CO2, che scioglie il ghiaccio (in Canada per esempio) e riporta alla luce vegetali (briofite): bisognerebbe anche chiedersi come sia stato possibile che le analisi ritengano che tali vegetali siano stati seppelliti sotto il ghiaccio tra il 1550 e il 1850..
    Regeneration of Little Ice Age bryophytes emerging from a polar glacier with implications of totipotency in extreme environments
    Citazione Originariamente Scritto da Luca Angelini Visualizza Messaggio
    La distribuzione delle piogge è intesa come "distribuzione temporale" e non spaziale. Diversi studi sono in corso e per questo i risultati al momento sono parziali, intanto ci si sta lavorando proprio perchè alcune evidenze hanno posto il problema.
    sì certo mal distribuite in tutti i sensi, ma l'IPCC nel suo report quali evidenze di dati scrive? mi deve essere sfuggito leggendolo.
    Ho letto solo previsioni in tal senso, scusa se mi riferisco alle quattro righe, ma visto che ti sei posto così alla tua prima risposta potresti condividere queste conoscenze con noi.
    Ultima modifica di Alessandro(Foiano); 07/04/2017 alle 17:11

  7. #27
    Vento forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    4,867
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro(Foiano) Visualizza Messaggio
    1. i modelli IPCC lo quantificano, ma tra modello e modello esistono forti differenze


    no, l'Antartide è uno dei posti più aridi della Terra per non parlare di quelle alle alte latitudini artiche.. a parte questo si parlava di CO2, che scioglie il ghiaccio (in Canada per esempio) e riporta alla luce vegetali (briofite): bisognerebbe anche chiedersi come sia stato possibile che le analisi ritengano che tali vegetali siano stati seppelliti sotto il ghiaccio tra il 1550 e il 1850..
    Regeneration of Little Ice Age bryophytes emerging from a polar glacier with implications of totipotency in extreme environments

    sì certo mal distribuite in tutti i sensi, ma l'IPCC nel suo report quali evidenze di dati scrive? mi deve essere sfuggito leggendolo.
    Ho letto solo previsioni in tal senso, scusa se mi riferisco alle quattro righe, ma visto che ti sei posto così alla tua prima risposta potresti condividere queste conoscenze con noi.
    L'IPCC ha sempre e dico sempre parlato in linea generica di "rischio di desertificazione" con particolare riguardo alle fasce subtropicali e mai di mal o cattiva distribuzione delle piogge in previsione...alla luce dei fatti, questa previsione è stata assolutamente smentita dai fatti che invece dimostrano quasi il contrario...ma, ovviamente, se si mette in discussione l'IPCC si è tacciati di negazionismo o quantomeno di ignoranza.
    Questo è solo un esempio: potrei anche citare la previsione di aumento esponenziale di eventi estremi quali i tornado e/o tifoni, anche questa previsione smentita dai dati di fatto.

  8. #28
    Calma di vento
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 59 m slm
    Messaggi
    32
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    L'IPCC ha sempre e dico sempre parlato in linea generica di "rischio di desertificazione" con particolare riguardo alle fasce subtropicali e mai di mal o cattiva distribuzione delle piogge in previsione...alla luce dei fatti, questa previsione è stata assolutamente smentita dai fatti che invece dimostrano quasi il contrario...ma, ovviamente, se si mette in discussione l'IPCC si è tacciati di negazionismo o quantomeno di ignoranza.
    Questo è solo un esempio: potrei anche citare la previsione di aumento esponenziale di eventi estremi quali i tornado e/o tifoni, anche questa previsione smentita dai dati di fatto.
    Mi hai cavato le parole di bocca.

  9. #29
    Brezza tesa L'avatar di Luca Angelini
    Data Registrazione
    05/05/07
    Località
    Milano (Mi)
    Età
    47
    Messaggi
    754
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Se l'Artico (che è un oceano) e l'Antartide (che è un continente glaciale) sono "i posti più aridi della Terra..... come lo classifichiamo il Sahara?
    Per altro vedo che stiamo ormai divagando perdendo come obiettivo l'argomento del post con ardue arrampicate sugli specchi.
    Meteobook.it
    Previsioni e approfondimenti meteo

  10. #30
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    16,590
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: CO2 ai massimi storici, tempo e clima verso orizzonti inesplorati

    Luca rileggiti il commento parlo di Canada non di oceano ed ho discusso di CO2 e IPCC, ma capisco che sulle obiezioni fatte non puoi risponderci e che parlare del termine "arido" ponendo gli altri nella luce di coloro che divagano() parlando civilmente di CO2 e IPCC siano degli arrampicatori per chi non ha da replicare.
    Ultima modifica di Alessandro(Foiano); 09/04/2017 alle 18:20

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •