Pagina 3 di 27 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 268
  1. #21
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 672m. -Far West-
    Età
    29
    Messaggi
    19,516
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da NoSync Visualizza Messaggio
    Non ovunque. Ad esempio in provincia di Biella 20 anni fa con 20 cm non c'erano problemi, perchè al di là della frequenza della cosa c'era il budget per pulire le strade, ora che questo budget è evaporato la neve rende molto più difficile la viabilità oggi di qualche decennio fa, nonostante il miglioramento degli pneumatici invernali.
    Non conosco la situazione specifica della provincia di Biella, posso dire che qui sicuramente oggi non ci sono problemi, venti - trent'anni fa sì. La mia frazione nel 1976 rimase una settimana senza corrente e senza telefono, dopo eventi nevosi relativamente abbondanti molte strade rimanevano impraticabili fino al giorno dopo o ai giorni seguenti.
    Le borgate superiori (a quota 800 e 900 metri, non 2000) spesso rimanevano isolate per giorni e giorni. Nel marzo 1967 (c'era un articolo sull'archivio de La Stampa) si parlava di alunni che spesso in inverno non vengono a scuola per la troppa neve e per le strade impraticabili. Ora, in inverni in cui ha nevicato più di allora (parlo del 2008/2009, 2009/2010, 2013/2014) questi disagi non si sono avuti da nessuna parte (escludendo la grande nevicata di dicembre 2008) .Inoltre in passato le borgate e i paesini più piccoli erano più popolati, mica come ora, che l'80% delle persone vive in città .
    Una nevicata da 40cm oggi crea i piccoli soliti disagi (forse acutizzati perché c'è più traffico), 40cm negli anni Settanta avevano un altro impatto. Parlo sempre per le zone dove sono cresciuti i miei nonni/parenti/anziani che conosco.
    Matìn de prìmo passàt a-pensar pantai,paratge e libertàd!

  2. #22
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    58
    Messaggi
    26,530
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Da nonno "potenziale" che s'interessa al tempo praticamente da quando ha iniziato a comprendere un minimo la realtà circostante (6-7 anni), posso assicurare che il clima è cambiato, eccome! Certo le esagerazioni ci sono ed è vero tutto quanto è stato detto sulla velocità delle notizie, l'enfasi sul cambiamento climatico ecc. Ma il cambiamento è percebile empiricamente quanto registrabile e verificabile strumentalmente. Qualcuno ha parlato dei cicli, che ci sono ed hanno un andamento più o meno decennale, ma con un trend, una "radiazione di fondo" di alcuni parametri (l'aumento termico è quella principale) che sono costanti, viaggiano sottotraccia alle variabilità climatiche come l'onda dello tzumani che in pieno oceano viaggia sott'acqua. Per fare un esempio concreto e amato più o meno da tutti noi, vi sono cicli di alta frequenza nevosa che si alternano a quelli di bassa o bassissima frequenza. Salvo il fatto che ogni nuovo ciclo nevoso lo è un po' meno dell'ultimo di 10-15 anni prima. Se tracci la linea tendenziale su una serie di 50-60-100 anni, questo si nota in maniera sufficientemente sensibile. Lo stesso vale per le temperature medie. Con un'accelerata nell'ultimo decennio che non ha avuto uguali.

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  3. #23
    Tempesta violenta L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    29
    Messaggi
    13,257
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    se i sostenitori dell'ONLY AGW soffrissero meno di acidità di stomaco questo genere di discussioni sono certo arriverebbero comunque ad un punto unico di incontro. Detto questo, è cosa certa che il clima è sconvolto e no, non è quello dei nostri nonni, non solo perchè ce lo dicono i numeri, che possono essere comunque imprecisi da una certa data indietro ... ma perchè è evidente: è evidente per me che ho 29 anni e seguo la meteo da bambino, figuriamoci per chi è più grande di me. Poi è logico che, come ha anche detto qualcuno, la diffusione della disinformazione e le estremizzazioni in entrambi i sensi non hanno portato a nulla di buono in termini di sana informazione e quindi qualsiasi evento climatico viene associato al riscaldamento globale ... che esiste, di fondo


    stazione meteo attiva dal 2001
    (attuale: Davis Vantage Pro 2)
    extremes: -3.7 (2014) +38.1 (2007)

    www.faceweather.it

  4. #24
    Meteorologo Centro Epson Meteo L'avatar di ldanieli
    Data Registrazione
    25/10/05
    Località
    centro epson meteo
    Messaggi
    228
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    un giorno o l'alto qualcuno inventerà il termometro e finalmente potremo chiarire queste domande così angoscianti ...

    battute a parte, non serve essere nonni per avvertire sulla pelle il cambiamento climatico. Ho 46 anni e ho sempre osservato il tempo, oltre che la natura della mia zona.
    Le stagioni che (riporto solo sensazioni mie, non dati e studi, sia chiaro) sono cambiate di più sono la primavera (un tempo decisamente più fresca e piovosa, con la neve che spesso appariva sulle cime delle prealpi lariane) e l'estate. Faceva caldo anche quando ero ragazzo, ma quando il caldo e l'afa raggiungevano l'apice, si sapeva che di li a poco sarebbe arrivato il temporale...
    Andando più indietro nel tempo, mio padre racconta spesso che "ai suoi tempi" la neve in inverno era qualcosa di abbastanza normale e soprattutto le sue tracce persistevano a lungo. Possedeva una slitta di legno artigianale con pattini sottili (ereditata poi dal sottoscritto) di quelle che scivolano solo sul ghiaccio per capirsi, e d'inverno la usava spesso su certe colline ombrose, dove, a sentire lui, la neve non andava mai via.
    Ah, abitava a Ponte Chiasso (Co), mica a Canazei.

    Lorenzo

  5. #25
    Calma di vento
    Data Registrazione
    27/07/17
    Località
    Monaco di Baviera - Gronsdorf 539m
    Messaggi
    47
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    _ più nebbia e galaverna (ma guai a dire che anche una volta c'era l'hp)
    Non solo c´era HP, ma inquinanti industriali a livelli stellari.

    Inoltre che i termometri misurino oggettivamente e´ corretto ma va inquadrato nel contesto: inutile dire ad esempio che Ciampino si e´ riscalda in 50 anni, senza associare il fatto che nel 1961 aveva 12000 abitanti, meno abitazioni, strade, conformazioni delle abitazioni diverse ecc. Oggi ne ha 40 mila!

  6. #26
    Tempesta L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    26
    Messaggi
    10,358
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    Sì sì, assurdo, se ne leggono di tutti i colori.
    E' anche un po' una tendenza radicata nel mondo social quella di considerare bellissima qualsiasi cosa riguardi 'i nostri nonni', non solo nel clima ma anche in tutti i più importanti lati della vita umana, l'attuale fa sempre schifo

    Tornando all'ambito meteo-climatico, i miei stessi nonni mi aiutano non poco a non cadere in queste banalità, raccontandomi talora di inverni mosci, temporali fortissimi con vento e fulminazioni ai limiti dell' Oklahoma, così come di nevicate abbondantissime sulle prealpi, dove loro abitano, ma non li ho mai sentiti dire che 'adesso è tutto diverso'; semplicemente notano alcune differenze, sicuramente legittime nel giro di 40-60 anni e anche facili da notare per l'essere umano, le cui dimensioni sono inferiori anche al più piccolo dettaglio climatico, per cui ovvio che lo si nota.
    Se poi mi soffermo sulle differenze notate dai miei nonni e talora anche dai miei genitori, esse rimandano immediatamente alla variazione di alcuni indici importanti per l'Europa (AMO/PDO in primis), ovvero più ondate di caldo africano, meno neve sulle prealpi, meno eventi tosti in generale in inverno e roba più potente in estate, indipendentemente da se/quanto l'uomo vi abbia influito con le emissioni di gas serra.

    Un conto sono le testimonianze dirette che includono pro e contro del clima (di cui ho raccontato sopra), chiaramente con qualche pro in più nei decenni scorsi per chi ama freddo e/o neve e/o non sopporta l'afa estiva, un altro conto invece è la memoria collettiva fasulla, cioè quella che porta, appunto, alla percezione di vivere in un clima sempre più orribile e totalmente diverso da quello dei nostri nonni; di questa memoria fasulla solitamente i depositari sono certe persone di generazione intermedia, magari di 20-30 anni più di me, che hanno il triplice difetto di:
    1) non aver vissuto il 'clima dei nonni', 2) non aver mai dato neanche mezza occhiata a dati storici recenti e un po' meno recenti, strettamente legato ad un terzo fattore, che è 3) il percepire UNA nevicata importante come un inverno epico nella sua totalità, cosa frequente anche tra i miei coetanei.
    E anche io ne ero vittima, fino a prima di scoprire che qui al NE, in termini quantitativi di freddo, il 2009-10 può affrontare il 'noioso' 1998-99 solo se sommato al 2008-09 (e ne avanza pure a favore di quello 'noioso').
    Allora lì sì che fioccano differenze da chilo con il clima attuale, nella mia esperienza social ho letto di cose da Minnesota tipo alberi ghiacciati a ottobre tra fine anni 70 e inizio 80 nella pianura veneta, estati fresche e piovose oppure dominate in toto dall'azzorriano (con le t di Seattle magari), nevicate mostruose da far impallidire l'ambientazione di Mamma ho perso l'aereo e altre cose.
    Inoltre, appunto, tornando al discorso prettamente invernale, 'una volta c'erano':
    _ più nebbia e galaverna (ma guai a dire che anche una volta c'era l'hp)
    _ l'orso sempre un po' su di noi (difficile, visto che la zona più occidentale di persistenza minima dell'orso solitamente è la zona pannonica, ma anche qui guai a dirlo)
    _ più dinamicità (che molti intendono ancora come sinonimo di freddo)
    _ niente noia (quindi poco hp...ma la nebbia? Chi la portava, il buran?)
    Per cui, con tutta sta roba, si evince che un inverno che aveva 'più tutto' in questo modo, dovesse durare almeno 6-7 mesi, non certo 3/3.5; cose che già singolarmente stanno in piedi a fatica, poi cascano di brutto se sommate insieme.

    Si evince quindi una diffusa, scarsa conoscenza del clima della propria zona, tipica di chi forse non ha mai guardato neanche le isoterme (per quanto generiche) disegnate nelle carte tematiche degli atlanti; non servono di certo studi approfonditi di climatologia. Basta guardare un atlante, qualche archivio, i dati attuali e spegnere Studio Aperto o non badare le pagine meteo più assillanti.

    I ricordi dei tuoi nonni sono perfetti, sei tu che non ne cogli le differenze col clima attuale. è ovvio che anche prima facesse inverni ciofeca del tutto simili ai nostri, ad esempio, ma lo faceva semplicemente con quel paio di gradi in meno che fa tramutare un inverno stabile e freddo/fresco in uno stabile ma mite/caldo. Questo fa TUTTA la differenza del mondo. fortunatamente i ricordi cmq sono fuffa, ciò che conta nella scienza sono i dati perché come si può ben vedere in questo topic, banalmente, ci sono pareri e ricordi totalmente opposti.

    chiedi, visto che hanno una memoria così lucida, di come stavano i ghiacciai quando erano giovani loro e come stanno adesso. chissà come mai quando si parla di cose simili a quelle del topic nessuno lo prende come esempio a me sembrano differenze per nulla normali in 40/60 anni. si parla di ghiacciai che hanno perso pressoché tutta la loro massa in pochi decenni... dov'è la normalità in questo?
    ed io non sono un sostenitore dell AGW, per nulla, ho sempre precisato e sostenuto che l'attività antropica ha influito (questo è certo, i grafici sono palesi) ma in percentuale piuttosto moderata (quanto? boh, 5,10,15? non ci è dato ancora saperlo).

    la nebbia, cmq, la portava l'inquinante di natura diversa (dimensione) che adesso si è ridotto notevolmente sostituito da quello più piccolo. l'hp è ben presente anche adesso come allora, gli ultimi inverni ne sono la riprova. ah, per allora parlo del clima dei nostri nonni e non genitori. quello dei nostri genitori (o almeno i miei) era già inficiato dal GW.

    secondo me la fai un po' troppo semplice, ancor di più con l'ultima frase del tuo post.
    Si vis pacem, para bellum.

  7. #27
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    14,287
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Da nonno "potenziale" che s'interessa al tempo praticamente da quando ha iniziato a comprendere un minimo la realtà circostante (6-7 anni), posso assicurare che il clima è cambiato, eccome! Certo le esagerazioni ci sono ed è vero tutto quanto è stato detto sulla velocità delle notizie, l'enfasi sul cambiamento climatico ecc. Ma il cambiamento è percebile empiricamente quanto registrabile e verificabile strumentalmente. Qualcuno ha parlato dei cicli, che ci sono ed hanno un andamento più o meno decennale, ma con un trend, una "radiazione di fondo" di alcuni parametri (l'aumento termico è quella principale) che sono costanti, viaggiano sottotraccia alle variabilità climatiche come l'onda dello tzumani che in pieno oceano viaggia sott'acqua. Per fare un esempio concreto e amato più o meno da tutti noi, vi sono cicli di alta frequenza nevosa che si alternano a quelli di bassa o bassissima frequenza. Salvo il fatto che ogni nuovo ciclo nevoso lo è un po' meno dell'ultimo di 10-15 anni prima. Se tracci la linea tendenziale su una serie di 50-60-100 anni, questo si nota in maniera sufficientemente sensibile. Lo stesso vale per le temperature medie. Con un'accelerata nell'ultimo decennio che non ha avuto uguali.
    Son d'accordo,è così.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  8. #28
    Banned
    Data Registrazione
    12/10/14
    Località
    CARAVATE
    Messaggi
    852
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da avril Visualizza Messaggio
    E' cambiata la società in cui viviamo ed il benesse medio.

    Ai tempi della guerra o nell'immediato dopoguerra non avevano tempo per dedicarsi alla meteo, si adeguavano e basta senza farsi troppe pippe mentali.

    Ora al primo grado sopramedia ci lamentiamo come se ci avessero tolto il pane, idem con il freddo.

    Stiamo vivendo una fase ciclicamente più calda, tutto qui....se fossimo impegnati a difendere la nostra casa dal nemico oppure a procurarci quotidianamente il pane per sfamare la nostra familgia, probabilmente non ci saremmo neanche accorti del cambiamento.
    optimum climatico medievale, fu un periodo nettamente più caldo di quello attuale, il periodo anche più prospero con grande crescita demografica, almeno fu così in Europa, durò circa 500 anni, il brusco raffreddamento che ne seguì provocò carestie de epidemie, la vite dava frutti anche in Inghilterra, prova ora a produrre vino Tutto a mio avviso dipende dal vortice polare e dalla sua compattezza o meno, e l'interazione tra atmosfera e oceano.

  9. #29
    Tempesta L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    26
    Messaggi
    10,358
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    Citazione Originariamente Scritto da NoSync Visualizza Messaggio
    Non ovunque. Ad esempio in provincia di Biella 20 anni fa con 20 cm non c'erano problemi, perchè al di là della frequenza della cosa c'era il budget per pulire le strade, ora che questo budget è evaporato la neve rende molto più difficile la viabilità oggi di qualche decennio fa, nonostante il miglioramento degli pneumatici invernali.
    secondo me è falsa sta cosa Ale. prima non creava problemi e pulivano le strade perché
    a- c'era un terzo della popolazione di adesso
    b- conseguenza di a, c'era un decimo delle strade di adesso
    c- sempre conseguenza, c'erano esigenze TOTALMENTE diverse. prima la gente lavorava sotto casa e non aveva la macchina molto spesso, adesso anche chi abita a Crodo deve fare 30km per lavorare
    d- come si evince da sopra, prima c'erano un decimo delle macchine di adesso, forse anche meno. va da se che la viabilità nei paesini del biellese era giusto un pelo più semplificata

    e- leggo adesso che specifichi 20 anni fa, io intendo periodi un po' più indietro visto che 20 anni fa il clima era cmq già ben cambiato e quindi non è oggetto della domanda iniziale del topic. 20 anni fa era uguale ad adesso, quasi, e la differenza è che c'erano semplicemente più soldi punto.
    Si vis pacem, para bellum.

  10. #30
    Vento teso L'avatar di Nix 90
    Data Registrazione
    30/09/09
    Località
    Venafro (IS)
    Età
    27
    Messaggi
    1,668
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Siamo così sicuri di non vivere più il clima dei nostri nonni? Di vivere in un clima sconvolto?

    I miei nonni mi raccontavano sempre che prima della novena dell'Immacolata a Castel di Sangro (parlo degli 30-50) c'era sempre la neve, inoltre sulle montagne di Picinisco ( i monti della Meta) c'era sempre la neve anche nel mese di agosto. Il padre di un mio amico (nato del '54) ci dice sempre che a Venafro nevicava tre-quattro volte l'anno e Monte Sammucro 1205 mt era sempre innevato da dicembre fino a marzo

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •