Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 35

Discussione: Antartide

  1. #11
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sì,l'Artartide(ma il discorso vale per parte dell'emisfero australe,con la parziale eccezione delle latitudini temperate dell'Oceania) sembra più resiliente nei confronti del GW,più "cattivo" nell'emisfero boreale
    si , ma e' proprio nel Emisfero Boreale dove c'e la maggiore concentrazione di terre emerse , Continenti , e di conseguenza anche il maggiore contributo Antropico .

  2. #12
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    Oltre 100 anni fa' in Antartide , secondo ricerche e studi dell epoca tra il 1911 e 1912 , il clima era piu ' caldo ' .
    " non ci sono mai state temperature che hanno superato il calore del primo Novecento delle temperature medie giornaliere registrate del Polo Sud negli ultimi 60 anni. "

  3. #13
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide



    Antartide , Davis station

  4. #14
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide


  5. #15
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    .. ' Precedentemente "Supercolonia" sconosciuta dei pinguini di Adelia scoperta in Antartide '
    ' Negli ultimi 40 anni, il numero totale di pinguini di Adelia, uno dei più comuni nella penisola antartica, è in costante declino, o almeno così hanno pensato i biologi. L'Istituto oceanografico Woods Hole (WHOI), tuttavia, sta fornendo nuovi spunti su questa specie di pinguino.
    1,5 milioni di pinguini di Adelia nelle Danger Islands, una catena di remote isole rocciose al largo della penisola antartica settentrionale punta."Fino a poco tempo, le isole pericolo non erano noti per essere importante per pinguino habitat," dice il co-PI Heather Lynch, Professore Associato di Ecologia ed Evoluzione presso Stony Brook University. Questi supercolonie sono passati inosservati per decenni, fa notare, in parte a causa della lontananza delle isole stesse, e in parte le acque infide li circondano. Anche nell'estate australe, l'oceano vicino è pieno di ghiaccio, il che rende estremamente difficile l'accesso.Eppure nel 2014, Lynch e collega Mathew Schwaller della NASA hanno scoperto macchie di guano rivelatori a immagini satellitari della NASA esistente delle isole, accennando a un mistero grande numero di pinguini. Per sapere con certezza, Lynch in coppia con Stephanie Jenouvrier, un ecologista uccelli marini a WHOI, Mike Polito a LSU e Tom Hart all'Università di Oxford di organizzare per spedizione per le isole con l'obiettivo di contare gli uccelli in prima persona.Quando il gruppo è arrivato a dicembre 2015, ha trovato migliaia di migliaia di uccelli nidificanti nel terreno roccioso e ha immediatamente iniziato a raccogliere i numeri a mano. Il team utilizza anche un drone quadcopter commerciale modificato per riprendere immagini dell'intera isola dall'alto."Il drone ti fa volare su una griglia sopra l'isola, scattando foto una volta al secondo. È quindi possibile cucire insieme in un enorme collage fatto mostra l'intera massa in 2D e 3D ", dice il co-PI Hanumant Singh, professore di Ingegneria Meccanica e Industriale presso la Northeastern University, che ha sviluppato il sistema di imaging e di navigazione del drone. Una volta che tali massiccia le immagini sono disponibili, dice, il suo team può utilizzare il software di rete neurale per analizzarle, pixel per pixel, cercando i nidi dei pinguini autonomamente.La Louisiana State University e un investigatore ospite presso WHOI afferma Michael Polito, co-autore della Louisiana State University. Il numero di pinguini nelle isole pericolo potrebbe fornire indicazioni non solo sulla dinamica di popolazione di pinguino, così, ma sugli effetti del cambiamento di temperatura e di ghiaccio marino sull'ecologia della regione."Non solo le isole Pericolo tenere il grande più grande popolazione di pinguini di Adelia sulla penisola antartica, in modo che appaiano di non aver sofferto il calo di popolazione che si trovano lungo il lato occidentale della Penisola Antartica ha sono associati con la recente cambiamento climatico", dice Polito.Jenouvrier, Jenouvrier. "La popolazione di Adélies sul lato est della Penisola Antartica è diversa da quella che vediamo sul lato ovest, ad esempio. Vogliamo capire perché. È collegato alla condizione di ghiaccio marino estesa laggiù? Disponibilità di cibo? Questo è qualcosa che non sappiamo ", dice.Sarà quindi prestare una preziosa testimonianza per il sostegno Aree Marine Protette proposti (AMP) vicino alla penisola antartica, aggiunge Mercedes Santos, dal Instituto Antartico Argentino (che non è affiliato con questo studio, ma è uno dei della proposta MPA gli autori) con la Commissione per la conservazione delle risorse biologiche dell'Antartico, in una commissione internazionale che decide in merito alla collocazione delle AMP. "Dato che le proposte MPA si basano sulla migliore scienza disponibile, questa pubblicazione aiuta a sottolineare l'importanza di questa area per la protezione", dice.Collaborando così allo studio: Alex Borowicz, Philip McDowall, Casey Youngflesh, Mathew Schwaller e Rachael Herman della Stony Brook University; Thomas Sayre-McCord di WHOI e MIT; Stephen Forrest e Melissa Rider of Antarctic Resource, Inc .; Tom Hart della Oxford University; e Gemma Clucas dell'università di Southampton. Il team utilizza la tecnologia di robotica autonoma della Northeastern University. Il finanziamento per questa ricerca è fornito dall'istituzione oceanografica Wood Hole dell'Iniziativa Dalio Ocean. Il supporto logistico è stato fornito da Golden Fleece Expeditions e Quark Expeditions. "


  6. #16
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide


  7. #17
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide



    .. " La maggior parte delle stazioni nell'Antartide orientale vicino alla costa mostrano un raffreddamento o nessuna tendenza significativa . ... Turner et al. (2016), utilizzando il record di temperatura impilato, hanno rilevato un significativo trend di raffreddamento per la Penisola Antartica per il periodo 1999-2014. Il loro studio suggerisce che il riscaldamento della penisola antartica durante il 1979-1997 e il successivo raffreddamento durante il periodo 1999-2014 sono entrambi entro i limiti della variabilità climatica decadale della regione. Smith e Polvani (2017) hanno esaminato la relazione tra l'andamento della temperatura dell'aria superficiale SAM e dell'Antartide, sia in modelli che in rianalisi. Hanno anche trovato prove convincenti che la variabilità del clima naturale è il maggior contributo al riscaldamento dell'Antartide occidentale e della Penisola Antartica . ... L'estensione Antartico del ghiaccio marino ha mostrato un trend crescente negli ultimi decenni. Il tasso di variazione nell'estensione del ghiaccio marino antartico mostra forti differenze regionali con aumento in alcune regioni e diminuzione in altre.Tra il 1979 e il 2012 , l' estensione media del ghiaccio marino nell'Antartide è aumentata all'1,2-1,8% per decennio (IPCC, 2013). Gagné et al. (2015) hanno attribuito l'aumento dell'estensione del ghiaccio marino antartico alla variabilità interna. " ..

  8. #18
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    I Vulcani sottomarini attivi sono migliaia .

    Secondo una ricerca condotta da scienziati , fisici marini e ricercatori , sono moltissimi i Vulcani sottomarini che regolarmente emettono lava fusa , oltre la CO2 , Metano , e altri gas .

    Nel 2016 , altri 91 Vulcani sottomarini scoperti in Antartide ,
    che si aggiungono ai 47 Vulcani quelli gia noti sulla superfice dell Antartide

  9. #19
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,223
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    Articolo del 3 ottobre 2012

    ..." L'agenzia che monitora il ghiaccio polare ha riferito martedì che la copertura invernale del ghiaccio marino in Antartide ha raggiunto il massimo da 33 anni. Il ghiaccio ha raggiunto la massima estensione il 26 settembre, al culmine dell'inverno antartico, quando ha coperto 7,5 milioni di miglia quadrate dell'Oceano del sud. Questo è un aumento del mezzo percento rispetto al precedente record, stabilito nel 2006.
    Il Nationa Data and Ice Data Center utilizza una media mobile di cinque giorni per tracciare tali problemi, e attende sempre alcuni giorni prima di annunciare un minimo o un massimo di ghiaccio marino su entrambi i poli. Questo per assicurarsi che il punto più basso o più alto dell'anno sia stato davvero raggiunto, dato che il ghiaccio marino può cambiare improvvisamente in risposta a venti e altri fattori. La media di cinque giorni aiuta anche a correggere piccoli errori nei dati di tracciamento dei satelliti.
    Questa pratica di lunga data è stata spiegata pubblicamente molte volte, ma ciò non ha impedito ai contrari del cambiamento climatico di affermare che il centro di neve e ghiaccio aveva cercato di nascondere il record di quest'anno in Antartide presumibilmente non riuscendo a fare alcun annuncio. I blog degli scettici stanno canticchiando da giorni sulla probabilità di un record e affermano che la crescita in Antartide compensa la scomparsa del ghiaccio marino nell'Artico.
    Questa è un'affermazione che i contrarian del clima tendono a fare quasi ogni volta che il ghiaccio del mare artico ha un record o un minimo da record. In realtà, le tendenze nel ghiaccio marino antartico sono piuttosto piccole rispetto a quello che sta accadendo nell'Artico.

    Per i lettori senza molto background, potrebbe aiutare ad apprezzare le grandi differenze tra l'Artico e l'Antartico. L'Artico è un bacino oceanico confinante, relativamente poco profondo, circondato da terra, mentre l'Antartide è un enorme continente coperto di ghiaccio circondato da migliaia di miglia quadrate di oceano aperto e profondo.

    L'Oceano Artico è collegato da porte relativamente strette al resto dei mari del mondo. Ciò significa che l'acqua calda proveniente da latitudini inferiori ha difficoltà a scorrere. Storicamente, una grande quantità di ghiaccio marino tendeva a sopravvivere durante l'estate, esercitando una grande influenza sulla riflettività, o albedo , del pianeta.
    La calotta polare bianca rifletterebbe la luce solare durante l'estate, quando il sole splende 24 ore al giorno alle alte latitudini, contribuendo a mantenere freddo l'Artico. Questo, a sua volta, ha influenzato il clima dell'emisfero settentrionale a latitudini medie, dove vive la maggior parte della popolazione mondiale. Ricordi tutte quelle mappe del tempo che hai visto in televisione della fredda aria artica che piombava negli Stati Uniti? L'Artico è stato di fatto il nostro condizionatore d'aria, che può fare per gli inverni freddi, ma può portare sollievo in estate.
    In Antartide, quando l'inverno tramonta e il sole cala basso nel cielo, il ghiaccio marino può crescere senza impedimenti sull'enorme superficie dell'oceano. Ma poi, in contrasto con la situazione storica nell'Artico, circa l'80% del ghiaccio dell'Antartico si scioglie in estate. Quindi il ghiaccio antartico è sempre arrivato e passato con un ritmo annuale. La maggior parte di essa non si aggira per riflettere la luce del sole nello spazio al momento dell'anno in cui la luce del sole nell'emisfero meridionale è più forte.
    La tendenza del ghiaccio marino artico a persistere durante l'estate, e del ghiaccio marino antartico a scomparire, sono entrambi fattori nello stabilire il clima con cui siamo cresciuti. La grande domanda è: quanto cambiano le cose mentre il mondo si scalda?
    Gli scettici climatici, come hanno fatto quest'anno, spesso confrontano il ghiaccio estivo nell'Artico con il ghiaccio invernalenell'Antartico. E sono sempre elettrizzati nel riferire che il ghiaccio dell'Antartico sta crescendo a passi da gigante esattamente nel momento in cui il ghiaccio artico si sta riducendo.
    Ma questo è un confronto tra mele e arance. Gli scienziati spiegano che, nella misura in cui il confronto tra i poli ha senso, il modo corretto per farlo è guardare i minimi estivi ei massimi invernali in ciascun emisfero. Dato come funzionano le stagioni, le cifre rilevanti per ogni polo si verificano sempre a circa sei mesi di distanza.
    La registrazione satellitare di misurazioni precise inizia nel 1979. Si possono calcolare le tendenze in tutti i modi, ma per ogni polo e ogni stagione, calcolerò una semplice media aritmetica del ghiaccio marino nei primi cinque anni del record satellitare , quindi fare lo stesso per i cinque anni più recenti. Questo ci darà l'immagine prima e dopo. E, per dare un senso di scala, ho intenzione di confrontare quei numeri con le dimensioni complessive del bacino oceanico in cui quel ghiaccio è cresciuto.
    Per prima cosa, esaminiamo il ghiaccio marino estivo nell'Artico, che negli ultimi anni è stato una grande notizia perché sta precipitando in modo così precipitoso.
    Per i primi cinque anni della registrazione satellitare, prima che il riscaldamento globale avesse mandato il ghiaccio in netto calo, più della metà dell'Oceano Artico tendeva a essere coperta dal ghiaccio al culmine della stagione estiva di scioglimento.
    Per essere precisi, il minimo estivo di ghiaccio marino nell'Artico dal 1979 al 1983 è stato in media di 2,76 milioni di miglia quadrate, ovvero il 51,1 per cento della superficie dell'Oceano Artico. Negli ultimi cinque anni, al contrario, la copertura estiva è scesa a una media del 31,6% della superficie oceanica. Quest'anno, quando abbiamo raggiunto un nuovo minimo storico per l'era satellitare, il ghiaccio è sceso al 24% della superficie oceanica.
    A meno che non ci sia una grande ripresa nei prossimi anni, in altre parole, avremo perso completamente la metà del ghiaccio marino nell'Artico. Il cambiamento rappresenta una riduzione potenzialmente enorme dell'albedo del pianeta, il che spiega perché gli scienziati del clima ne siano così turbati.
    Rispetto al cambiamento nell'Artico, come appare il minimo estivo dell'Antartide? Bene, la tendenza è decisamente opposta alla tendenza artica: il ghiaccio marino estivo sta crescendo nel tempo. Ma non così tanto. E questa stagione di scioglimento della scorsa estate non ha stabilito alcun record; era solo il sesto più alto nell'era dei satelliti.
    Ancora una volta, passiamo ai primi cinque anni del record del satellite, dal 1979 al 1983. In quel periodo, il ghiaccio marino lasciato alla fine della stagione di scioglimento estivo copriva circa il 13,8% della superficie dell'Oceano Meridionale. Negli ultimi cinque anni, la media è salita al 14,6% dell'oceano.
    Quindi, espresso come percentuale della copertura oceanica, il declino in atto nell'Artico è quasi 25 volte l'aumento in corso nell'Antartico. Walt Meier, uno dei migliori scienziati del centro nevoso e ghiacciato, mi ha detto: "Dovrebbe essere abbastanza chiaro che il cambiamento nel ghiaccio marino nell'Artico è molto più consistente di quello che sta accadendo nell'Antartico".
    Faremo matematica simile per il massimo invernale in Antartide. Nei primi cinque anni dell'era satellitare, il ghiaccio marino medio raggiunse il 91,9% della superficie dell'Oceano Meridionale. Negli ultimi cinque anni, contando questo anno da record, è aumentato fino a coprire il 92,9 per cento dell'oceano.
    Come si confronta con la tendenza nell'Artico per la stessa stagione? Risparmierò ai lettori un altro diluvio di numeri, ma in percentuale di copertura oceanica, il calo del ghiaccio invernale artico è otto volte più veloce dell'aumento del ghiaccio invernale dell'Antartide.
    Una ricerca di blog scettici per quella particolare statistica si presenta vuota, in qualche modo.
    Ora, non fraintendetemi: quello che sta accadendo al ghiaccio marino nell'Antartico è una questione scientifica molto interessante. Perché sta crescendo leggermente mentre il pianeta, soprattutto, si sta scaldando? Lungi dal nascondere qualsiasi cosa, i principali scienziati del clima sono dappertutto su questo tema e lo sono stati per anni. Per un riassunto delle loro ricerche, dai un'occhiata a questo affascinante articolo della rivista Oceanography. "...

    Al contrario l' Artico nel 2012 come mostra l immagine quanto è diminuito il ghiaccio marino estivo .



  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    31/05/18
    Località
    Roma
    Età
    48
    Messaggi
    56
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Antartide

    Ma dicono che l'Ozono diminuito fortemente nell'Artico avrebbe avuto gran contributo nel far calare i ghiacci perenni della zona. Questo perché quel gas ha proprieta' schermanti sull'irradiazione solare, è cosi'? Mah

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •