Pagina 2 di 15 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 142
  1. #11
    Coordinatore tematico Puglia L'avatar di franko
    Data Registrazione
    11/05/06
    Località
    Lecce ovest 25m slm
    Età
    33
    Messaggi
    16,880
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Citazione Originariamente Scritto da Francesco Paolo Visualizza Messaggio
    Ciao Salvatore, ciao Mr Tempesta. La storia dei radar pugliesi è lunga e tortuosa e viene seguita da questo forum da diversi anni. Sarò breve. La Regione aveva un radar a Bari-Palese nell'ambito del "Progetto Pioggia" che serviva a monitorare i nuclei precipitativi per eventuali inseminazioni con lo scopo di aumentare le precipitazioni. I soldi erano pubblici, le immagini no! Si son fatte le prime battaglie ma qualche anno fa la Regione ha tolto i fondi a questo progetto ed il radar credo sia stato smantellato dalla ditta che lo gestiva. Il mosaico radar che attualmente è possibile vedere sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (ottenuto dopo non poche richieste) si compone di apparecchiature in prevalenza della Protezione Civile e solo alcune dell'AM. La Puglia è "coperta" da un radar sito in Molise ed un altro in Calabria. Com'è ovvio le distanze e gli ostacoli non aiutano ad avere un eco radar omogeneo e stabile, nonchè con una buona risoluzione. Il progetto della rete nazionale prevede però l'installazione di un altro radar in Basilicata (non ricordo la località esatta) che copriva molto bene un pò tutta la Puglia. Da fonti ufficiose mi dicono che la crisi ed il taglio di fondi non consentono la messa in opera di questo radar. Ad oggi questa mi sembra l'unica strada in quanto questo servizio è stato demandato per intero alla Protezione Civile. Non ci resta che attendere ed al massimo scrivere alla Prot.Civile per sapere lo stato dell'arte circa il radar lucano che vi ho appena menzionato.

    chi vuole dedicare due minuti per la stesura di una lattera ad hoc, potrebbe postarla qui e farla sottoscrivere a forumisti e soci interessati

    MeteoNetwork Puglia su Facebook, Twitter e Google+
    Lecce Ovest su MyMeteoNetwork Stazione Davis VUE 5m dal suolo

    Moderatore stanza "Nowcasting Sud e Isole"

  2. #12
    Burrasca L'avatar di Francesco Paolo
    Data Registrazione
    20/05/05
    Località
    Terlizzi(BA) 191 msl
    Età
    36
    Messaggi
    5,848
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Il presunto sito lucano è Monte Li Foj (Potenza)
    [CENTER][B][URL="http://www.bfpmeteo.it"]www.bfpmeteo.it[/URL] - [/B][B]Osservatorio Meteorologico di Terlizzi[/B][/CENTER]
    [CENTER]Dati in Tempo Reale - MeteoCam Live - Carte Sat Radar
    [U][URL="http://www.bfpmeteo.it/ase/ase.htm"]Indice SI-ASES (Adriatic Sea-Effect Snow)[/URL][/U][/CENTER]

  3. #13
    Brezza tesa L'avatar di Mr. Tempesta
    Data Registrazione
    08/05/13
    Località
    Pontecagnano (SA)
    Età
    28
    Messaggi
    765
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Citazione Originariamente Scritto da Francesco Paolo Visualizza Messaggio
    Ciao Salvatore, ciao Mr Tempesta. La storia dei radar pugliesi è lunga e tortuosa e viene seguita da questo forum da diversi anni. Sarò breve. La Regione aveva un radar a Bari-Palese nell'ambito del "Progetto Pioggia" che serviva a monitorare i nuclei precipitativi per eventuali inseminazioni con lo scopo di aumentare le precipitazioni. I soldi erano pubblici, le immagini no! Si son fatte le prime battaglie ma qualche anno fa la Regione ha tolto i fondi a questo progetto ed il radar credo sia stato smantellato dalla ditta che lo gestiva. Il mosaico radar che attualmente è possibile vedere sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (ottenuto dopo non poche richieste) si compone di apparecchiature in prevalenza della Protezione Civile e solo alcune dell'AM. La Puglia è "coperta" da un radar sito in Molise ed un altro in Calabria. Com'è ovvio le distanze e gli ostacoli non aiutano ad avere un eco radar omogeneo e stabile, nonchè con una buona risoluzione. Il progetto della rete nazionale prevede però l'installazione di un altro radar in Basilicata (non ricordo la località esatta) che copriva molto bene un pò tutta la Puglia. Da fonti ufficiose mi dicono che la crisi ed il taglio di fondi non consentono la messa in opera di questo radar. Ad oggi questa mi sembra l'unica strada in quanto questo servizio è stato demandato per intero alla Protezione Civile. Non ci resta che attendere ed al massimo scrivere alla Prot.Civile per sapere lo stato dell'arte circa il radar lucano che vi ho appena menzionato.
    Caro Francesco Paolo,
    le vicissitudini che ci hai raccontato non fanno altro che aumentare il mio disprezzo, già ai massimi livelli, nei confronti delle istituzioni e locali e nazionali. Fin quando c'è di mezzo lo Stato i tempi di attesa sono confrontabili all'età dell'universo, con la differenza che quest'ultimo è evoluto nel migliore dei modi possibili. La situazione in Campania è ancor più disastrosa della Puglia da questo punto di vista e, se te la devo dire tutta e mi dispiace, sinceramente mi rode vedere l'Emilia Romagna o altre regioni del Nord coperte dai radar siti in pianura padana e dintorni. Il mio pessimismo, accertato poi da quanto dici, verteva proprio sui finanziamenti non indifferenti che servirebbero per progetti di questa portata. Nello stato attuale, con questa crisi provocata da chi ha rubato (e continua a rubare) i nostri soldi per anni, le amministrazioni locali non consentirebbero mai una cosa del genere. Dovrebbero farsi avanti solo enti privati, che investano seriamente su questi progetti, in modo da evitare che i tempi di realizzazione siano misurabili in anni luce e che soprattutto le attrezzature siano di qualità medio-bassa o addirittura scadente (perchè il resto dei soldi se li metterebbero in tasca gli amministratori). L'idea, per quanto folle potesse sembrare, di proporre una colletta dove noi utenti e cittadini ci occupiamo del finanziamento di opere di questo tipo, è al momento l'unica praticabile a mio modo di vedere. Per quanto riguarda la gestione di un impianto radar, se ne potrebbero occupare Università o privati cittadini. Non credo ci voglia uno scienziato plurilaureato. Il problema è trovare centinaia di migliaia di euro. E di conseguenza centinaia di migliaia di donatori.
    "Anche in folla è agevole attingere al male: piana è la strada e abita molto vicino; ma davanti a virtù posero gli dèi il sudore e una via lunga aspra e scoscesa" Platone - Repubblica

  4. #14
    Burrasca L'avatar di Francesco Paolo
    Data Registrazione
    20/05/05
    Località
    Terlizzi(BA) 191 msl
    Età
    36
    Messaggi
    5,848
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Il radar è un'apparecchiatura molto complessa e necessita di tecnici specializzati, manutentori e di una struttura che necessita di cospicui finanziamenti. Anche solo ottenere le autorizzazioni per la sua installazione sarebbe impossibile (si tratta di un dispositivo radiante con una certa energia). Per quella che è la mia esperienza ti torno a ripetere che l'unica speranza è che la protezione civile implementi e migliori la rete al Sud-Italia. Per esempio la mia località (Terlizzi) è tra le poche in Italia che non ha copertura (sono proprio al confine tra due radar). Grottesco!
    [CENTER][B][URL="http://www.bfpmeteo.it"]www.bfpmeteo.it[/URL] - [/B][B]Osservatorio Meteorologico di Terlizzi[/B][/CENTER]
    [CENTER]Dati in Tempo Reale - MeteoCam Live - Carte Sat Radar
    [U][URL="http://www.bfpmeteo.it/ase/ase.htm"]Indice SI-ASES (Adriatic Sea-Effect Snow)[/URL][/U][/CENTER]

  5. #15
    Calma di vento L'avatar di Salvatore Lucente
    Data Registrazione
    03/03/12
    Località
    Potenza (PZ)
    Età
    32
    Messaggi
    30
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Grazie a Francesco Paolo e a Franko per le informazioni e i consigli. Adesso comincio a capirci qualcosa. Nell'attesa di nuovi contributi, provo ad abbozzare una lettera, come ha consigliato Franko, e la posto appena possibile. Per rispondere a Francesco Paolo - che è stato chiarissimo nel definire lo stato dell'arte - non discuto sul fatto che sia una manovra complessa ottenere autorizzazioni, fondi e risorse umane e tecniche per la gestione di un impianto radar, ma credo che qualcosa si può fare nel frattempo. Per esempio organizzare una campagna di sensibilizzazione della pubblica opinione (partendo magari da un semplice articolo di giornale) per rendere consapevole la gente che un servizio di monitoraggio è a loro stesso beneficio.
    Non so quanto sia percorribile, ma ve la propongo, l'idea di dotarsi di una rete di mini-radar, i quali dovrebbero essere un po' meno onerosi rispetto agli apparecchi della Protezione Civile (MicroStep-MIS - MMR Mini Meteorological Radar). In ambito universitario, segnalo che l'ateneo dell'Aquila ha sviluppato un sistema radar in banda X e a basso costo (http://www.eldesradar.it/file/premioerad.pdf).
    E uno di questi mini-radar andrebbe bene proprio a Terlizzi (veramente una sfortuna essere al confine tra due coperture!). Ragazzi, scusate i miei voli pindarici ma, come Mr. Tempesta, anche io mi avveleno il sangue a sapere che il sud Italia è così lacunoso rispetto alle regioni settentrionali, dove è stato ben inteso il vantaggio di avere una copertura radar per il monitoraggio.

  6. #16
    Brezza tesa L'avatar di Mr. Tempesta
    Data Registrazione
    08/05/13
    Località
    Pontecagnano (SA)
    Età
    28
    Messaggi
    765
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Caro Francesco,
    concordando con te di essermi lasciato trasportare troppo dall'entusiasmo, avendo affermato che la gestione di un impianto radar potesse essere affidata a un privato cittadino, consentimi però di dissentire su alcune cose. La soluzione che tu proponi, ovvero di affidarci all'intermediazione della Protezione Civile, non la condivido molto, semplicemente perchè la Protezione Civile è un organo statale e puoi star certo che il percorso è parimenti tortuoso dell'avanzamento di proposte d'intervento agli enti locali. Non ho nulla contro i volontari che si occupano in buona fede di gestire o prevenire le emergenze nel nostro paese, ma non condivido affatto di dover necessariamente coinvolgere tale organo, il quale per altro solo nel nostro paese sembra avere così tanto potere. Comunque sia, in merito invece al personale specializzato, mi permetto ancora nel dissentire, in quanto sono le Università che spesso formano i tecnici e ti posso assicurare che nella mia Università (così come in altre Università nel nostro amato Sud) ci sono professori di telerilevamento, ingegneri delle telecomunicazioni e chi ne ha più ne metta di ricercatori che si occupano di questo campo. Quindi quest'ultimo non è un problema invalicabile. Per quanto riguarda i vincoli ambientali.......bhè suvvia....certo mettere un'antenna radar su di una collina isolata in una zona abbastanza aperta non è la stessa cosa di far costruire una discarica o una centrale termonucleare. I vincoli ambientali bisogna rispettarli, ma la mia ragazza, che si sta per laureare in Valutazione e Controllo Ambientale, proprio stasera mi diceva che la strada non è così tortuosa come sembra. Secondo te i vincoli ambientali quando vengono presi realmente in considerazione? Quando si progetta una discarica illegale al di sopra di una falda acquifera che alimenta un acquedotto? Oppure quando si progetta l'installazione di antenne ripetitrici (le quali, se non erro, dovrebbero distare di qualche centinaio di metri minimo da qualsiasi abitazione nel proprio raggio d'azione) in pieno centro abitato? Purtroppo anche sui vincoli ambientali ce ne sarebbe da dire e anche molto. In ogni caso, anche questo sarebbe un problema superabile. Il punto purtroppo è uno soltanto: ce voglien e sord (ci vogliono i soldini). A tal punto comunque mi metterò in moto appena possibile, cercando di parlare con qualche professore della mia università, vedendo se per loro intercessione o per quella di eventuali loro gruppi di ricerca si può fare qualcosa, agendo sulla stessa falsa riga di ciò che ha già ricordato Salvatore. Credo sia questa la via più percorribile, anche perchè si potrebbe mettere mano a finanziamenti non dello stato, ma dell'unione europea.


    P.S. Concedetemelo la degenerazione sulla colletta...E' stato un momento di pura esasperazione
    "Anche in folla è agevole attingere al male: piana è la strada e abita molto vicino; ma davanti a virtù posero gli dèi il sudore e una via lunga aspra e scoscesa" Platone - Repubblica

  7. #17
    Brezza tesa L'avatar di Mr. Tempesta
    Data Registrazione
    08/05/13
    Località
    Pontecagnano (SA)
    Età
    28
    Messaggi
    765
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Citazione Originariamente Scritto da Salvatore Lucente Visualizza Messaggio
    Grazie a Francesco Paolo e a Franko per le informazioni e i consigli. Adesso comincio a capirci qualcosa. Nell'attesa di nuovi contributi, provo ad abbozzare una lettera, come ha consigliato Franko, e la posto appena possibile. Per rispondere a Francesco Paolo - che è stato chiarissimo nel definire lo stato dell'arte - non discuto sul fatto che sia una manovra complessa ottenere autorizzazioni, fondi e risorse umane e tecniche per la gestione di un impianto radar, ma credo che qualcosa si può fare nel frattempo. Per esempio organizzare una campagna di sensibilizzazione della pubblica opinione (partendo magari da un semplice articolo di giornale) per rendere consapevole la gente che un servizio di monitoraggio è a loro stesso beneficio.
    Non so quanto sia percorribile, ma ve la propongo, l'idea di dotarsi di una rete di mini-radar, i quali dovrebbero essere un po' meno onerosi rispetto agli apparecchi della Protezione Civile (MicroStep-MIS - MMR Mini Meteorological Radar). In ambito universitario, segnalo che l'ateneo dell'Aquila ha sviluppato un sistema radar in banda X e a basso costo (http://www.eldesradar.it/file/premioerad.pdf).
    E uno di questi mini-radar andrebbe bene proprio a Terlizzi (veramente una sfortuna essere al confine tra due coperture!). Ragazzi, scusate i miei voli pindarici ma, come Mr. Tempesta, anche io mi avveleno il sangue a sapere che il sud Italia è così lacunoso rispetto alle regioni settentrionali, dove è stato ben inteso il vantaggio di avere una copertura radar per il monitoraggio.
    Tempo fa avevo letto anch'io di questi radar "economici" e mandai una mail per farmi mandare un preventivo. Pensavo a una spesa di qualche migliaio di euro, al massimo una decina di migliaia. Poi mi giunse il preventivo. Altro che decina di migliaia. Il prezzo lo ricordo ancora: 99.000 euro!! Inoltre mi inviarono il preventivo di un eventuale corso di formazione da tecnico radar: 1.200 euro!!Mi scrissero anche: "Ci faccia sapere al più presto! Buona giornata!".....\sk\
    "Anche in folla è agevole attingere al male: piana è la strada e abita molto vicino; ma davanti a virtù posero gli dèi il sudore e una via lunga aspra e scoscesa" Platone - Repubblica

  8. #18
    Brezza tesa L'avatar di Mr. Tempesta
    Data Registrazione
    08/05/13
    Località
    Pontecagnano (SA)
    Età
    28
    Messaggi
    765
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Ah! Comunque Francesco anche la mia zona non è coperta da radar! Perciò consolati! Mal comune mezzo gaudio!
    "Anche in folla è agevole attingere al male: piana è la strada e abita molto vicino; ma davanti a virtù posero gli dèi il sudore e una via lunga aspra e scoscesa" Platone - Repubblica

  9. #19
    Calma di vento L'avatar di Salvatore Lucente
    Data Registrazione
    03/03/12
    Località
    Potenza (PZ)
    Età
    32
    Messaggi
    30
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Citazione Originariamente Scritto da Mr. Tempesta Visualizza Messaggio
    Tempo fa avevo letto anch'io di questi radar "economici" e mandai una mail per farmi mandare un preventivo. Pensavo a una spesa di qualche migliaio di euro, al massimo una decina di migliaia. Poi mi giunse il preventivo. Altro che decina di migliaia. Il prezzo lo ricordo ancora: 99.000 euro!! Inoltre mi inviarono il preventivo di un eventuale corso di formazione da tecnico radar: 1.200 euro!!Mi scrissero anche: "Ci faccia sapere al più presto! Buona giornata!".....\sk\


    Mamma mia che notizia straziante mi hai dato! Speravo anche io in qualche migliaio di euro. Va bene, non perdiamo d'animo e vediamo che riusciamo a fare.

    Però, mettendo da parte un gruzzoletto, il corso di formazione sarebbe un discreto investimento

  10. #20
    Burrasca L'avatar di Francesco Paolo
    Data Registrazione
    20/05/05
    Località
    Terlizzi(BA) 191 msl
    Età
    36
    Messaggi
    5,848
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Ripristino radar meteo Puglia

    Sono a conoscenza di mini-radar in banda X, qualche tempo fa se ne propose l'installazione in provincia di Bari da parte di un ingegnere. Il problema è che coprono un raggio limitato e bisognerebbe creare una rete ad hoc. Condivido la strada della ricerca scientifica universitaria; bisognerebbe mettere assieme più università, qualche centinaia di migliaia di euro e ricercatori quanto meno motivati. Vi invito però a non sottovalutare la complessità di simili progetti. Ho avuto personalmente a che fare con tecnici e ingegneri che lavorano nella radar-meteorologia i quali mi hanno spiegato che non è affatto facile installare, implementare e manutenzionare un radar meteorologico. Poi ben vengano i radar plug and play!!!
    [CENTER][B][URL="http://www.bfpmeteo.it"]www.bfpmeteo.it[/URL] - [/B][B]Osservatorio Meteorologico di Terlizzi[/B][/CENTER]
    [CENTER]Dati in Tempo Reale - MeteoCam Live - Carte Sat Radar
    [U][URL="http://www.bfpmeteo.it/ase/ase.htm"]Indice SI-ASES (Adriatic Sea-Effect Snow)[/URL][/U][/CENTER]

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •