Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: I microclimi campani

  1. #1
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    13,818
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito I microclimi campani

    Analogamente a quanto è stato fatto per la Puglia in apposito topic,vediamo di analizzare qui i microclimi di quest'altra regione.
    Inizio io parlando della pianura casertana,il cui clima è riassunto,in maniera schematica,dai dati della stazione AM di Grazzanise.
    In base alle medie climatiche del periodo 1971-2000, le più recenti in uso, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, è di +8,2 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, è di +24,1 °C; mediamente si contano 18 giorni di gelo all'anno e 39 giorni con temperatura massima uguale o superiore ai +30 °C.
    Le precipitazioni medie annue si attestano a 862 mm, mediamente distribuite in 81 giorni di pioggia, con minimo in estate, picco massimo in autunno e massimo secondario in inverno.
    L'umidità relativa media annua fa registrare il valore di 74,3 % con minimi di 71 % a giugno, luglio e ad agosto e massimi di 78 % a novembre e a dicembre; mediamente si contano 37 giorni di nebbia all'anno.

    Altre stazioni della piana con serie almeno ventennali sono quella di San Nicola(la cui datazione inizia dal 02.01.1996),Caserta centro(attiva dal 1991) e Caserta Salesiani(dal 1997).
    Quella che ritengo più affidabile,ossia quella di San Nicola, ha una media 96/2016 di +8,9° a gennaio e di +25,1° ad agosto. Cadono circa 950 mm. annui,in media.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #2
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    13,818
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: I microclimi campani

    Quanto ai venti, i più frequenti nella pianura casertana sono quelli occidentali ma la maggiore intensità si raggiunge con la direzione NE, più frequente in inverno e nella prima parte della primavera,più rara nelle altre stagioni(soprattutto nella seconda parte dell'estate).
    Gli episodi nevosi sono molto sporadici ma,dopo la lunga crisi successiva al 1988,hanno avuto una certa ripresa dallo scorso decennio,pur rimanendo assolutamente rari e poco rilevanti.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •