Pagina 10 di 52 PrimaPrima ... 8910111220 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 511
  1. #91
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    586
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Buona.
    Ma a quei livelli di dettaglio non distinguere tra padania trans e cispadana è un errore.
    Alla fin fine quasi nessuna mappa fa quella differenza

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

  2. #92
    Tempesta violenta L'avatar di Marco*
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    29
    Messaggi
    13,572
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Riprese le capitozzature selvagge degli olmi presenti in città.

    Una pratica vergognosa, uno spreco di denaro pubblico che depaupera il patrimonio arboreo e lo rende estremamente pericoloso per l'incolumità pubblica.

    Tutto ciò in violazione del regolamento comunale sul verde pubblico e privato.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Nowcasting vegetazione anno 2018-whatsapp-image-2018-03-06-at-1.00.16-pm.jpeg  

  3. #93
    Brezza tesa L'avatar di Roccameteo
    Data Registrazione
    06/10/16
    Località
    Roccascalegna(Chieti) 500m.
    Età
    18
    Messaggi
    523
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Qui fiori dei mandorli "bruciati" dalla recente ondata fredda

  4. #94
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,381
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Quest'anno a causa del montaggio del ponteggio per i lavori di ristrutturazione, ho dovuto spostare la mia pluriennale camelia (ce l'ho dal 2010), camelia a fioritura invernale, stracarica di boccioli e fiori prima del burian nevoso.
    Portata in un angolo troppo esposto a nord, sta facendo cadere fiori e foglie in grande quantità.

  5. #95
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    408
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Comunque ho ottenuto questa mappa delle ecoregioni italiane da ambiente e natura, associazione che mi sembra quanto seria. A me sembra che finalmente abbia un buon livello di precisione, sicuramente più di altre, che dite? Allegato 484024
    Per sommi capi mi sembra adeguata, ma c'è il solito problema: le querce caducifoglie non sono mai specie climaciche, bensì pioniere, per cui c'è questo errore di fondo.
    Chiudendo un occhio, forse anche due, può andare bene quella mappa, perché effettivamente quelle sono le specie più frequenti in quelle 'macchie', però le eco-regioni dovrebbero ricalcare le specie climax. In un mondo, alla fin fine, ideale, perché i disturbi del suolo sono inevitabili e la condizione climacica non è quasi mai raggiunta... Perché tanto, laddove è evidente (come nelle peccete o nelle faggete), le formazioni non sono altro che il frutto di scelte selvicolturali, è come se tali popolamenti fossero enormi arboreti da legno.
    Quindi te la promuovo tranquillamente, per quanto mi riguarda!
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  6. #96
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    408
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Marco* Visualizza Messaggio
    Riprese le capitozzature selvagge degli olmi presenti in città.

    Una pratica vergognosa, uno spreco di denaro pubblico che depaupera il patrimonio arboreo e lo rende estremamente pericoloso per l'incolumità pubblica.

    Tutto ciò in violazione del regolamento comunale sul verde pubblico e privato.
    Bleah! Vedo che questa barbarie unifica tutta Italia!
    Olmi e tigli capitozzati, che criminali!!!
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  7. #97
    Brezza leggera L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est
    Messaggi
    311
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    Per sommi capi mi sembra adeguata, ma c'è il solito problema: le querce caducifoglie non sono mai specie climaciche, bensì pioniere, per cui c'è questo errore di fondo.
    Chiudendo un occhio, forse anche due, può andare bene quella mappa, perché effettivamente quelle sono le specie più frequenti in quelle 'macchie', però le eco-regioni dovrebbero ricalcare le specie climax. In un mondo, alla fin fine, ideale, perché i disturbi del suolo sono inevitabili e la condizione climacica non è quasi mai raggiunta... Perché tanto, laddove è evidente (come nelle peccete o nelle faggete), le formazioni non sono altro che il frutto di scelte selvicolturali, è come se tali popolamenti fossero enormi arboreti da legno.
    Quindi te la promuovo tranquillamente, per quanto mi riguarda!
    Parli del suolo come fattore di disturbo nel raggiungimento del climax.
    Questo mi sembra sbagliato: per definizione il climax è il risultato di tutti i fattori ambientali, esclusa l'azione dell'uomo. Il suolo è in pochissimi casi un fattore alterato dall'uomo (benchè ci si metta d'impegno).
    Querce caducifoglie sono nel climax di buone porzioni d'Italia, non allo stato puro, ovvio, dato che il climax è per antonomasia una consociazione assai mista.
    Però chi deve dare un nome a regioni fitoclimatiche fa bene a prenderne a simboli anche querce caducifoglie, secondo me.
    Anche peccio e faggio sono ben rappresentativi, secondo me, nei rispettivi consorzi climax e per il Nordappennino, più che la roverella, avrei citato il cerro.
    Ultima modifica di alnus; 07/03/2018 alle 08:55

  8. #98
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    408
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Parli del suolo come fattore di disturbo nel raggiungimento del climax.
    Questo mi sembra sbagliato: per definizione il climax è il risultato di tutti i fattori ambientali, esclusa l'azione dell'uomo. Il suolo è in pochissimi casi un fattore alterato dall'uomo (benchè ci si metta d'impegno).
    Querce caducifoglie sono nel climax di buone porzioni d'Italia, non allo stato puro, ovvio, dato che il climax è per antonomasia una consociazione assai mista.
    Però chi deve dare un nome a regioni fitoclimatiche fa bene a prenderne a simboli anche querce caducifoglie, secondo me.
    Anche peccio e faggio sono ben rappresentativi, secondo me, nei rispettivi consorzi climax e per il Nordappennino, più che la roverella, avrei citato il cerro.
    Pardon, avevo in mente il fatto che la farnia in pianura si rinnova continuamente (a scapito del carpino bianco, climax) su suoli scoperti/rigirati in seguito ai frequenti schianti di alberi da temporali forti. Per cui intendevo diaturbi naturali in generale che si riflettano sul suolo, dai downburst in pianura alle frane in montagna!
    Peccio e faggio sono senz'altro i più rappresentativi in quelle fasce, al punto tale da essere riconosciute tranquillamente come climaciche anche se appunto la loro diffusione è fortemente indotta.
    Il cerro direi a metà strada, in appennino potrebbe essere quasi climax come dici, in quanto molto esigente e con comportamento da specie definitiva, mentre per la farnia è escluso a priori. Anche per la rovere, tipicamente seguita dal castagno (collina e suoli acidi, nozze); mentre la roverella è complicata da inquadrare, è pioniera ma spesso è climax nel senso che cresce in stazioni dove oltre non si può andare; se sì, invece, al solito carpino nero, castagno o faggete di suoli xerici (più in alto) la seguono, per cui mi limiterei a faggio e abete rosso come climax sicure al 100%
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  9. #99
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    408
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Poi chiaramente come ho detto nel primo messaggio, considerare le querce caducifoglie nelle ecoregioni è adeguato, perché, essendo i disturbi naturali più o meno continui, esse sono onnipresenti fino al piano submontano
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  10. #100
    Brezza tesa L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    586
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    Per sommi capi mi sembra adeguata, ma c'è il solito problema: le querce caducifoglie non sono mai specie climaciche, bensì pioniere, per cui c'è questo errore di fondo.
    Chiudendo un occhio, forse anche due, può andare bene quella mappa, perché effettivamente quelle sono le specie più frequenti in quelle 'macchie', però le eco-regioni dovrebbero ricalcare le specie climax. In un mondo, alla fin fine, ideale, perché i disturbi del suolo sono inevitabili e la condizione climacica non è quasi mai raggiunta... Perché tanto, laddove è evidente (come nelle peccete o nelle faggete), le formazioni non sono altro che il frutto di scelte selvicolturali, è come se tali popolamenti fossero enormi arboreti da legno.
    Quindi te la promuovo tranquillamente, per quanto mi riguarda!
    E come classificheresti quelle zone collinari del nord?

    "All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. ----> www.meteobolognaeprovincia.it

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •