Pagina 6 di 44 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 438
  1. #51
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Ma sono piccole le piante di ulivo da me, sono proprio al limite, non ci sono grandi coltivazioni alla mia quota, bisogna scendere sui 400 metri per trovare coltivazioni "serie". Oggi minima intorno ai -10°, non so se è un valore record per la mia zona non soggetta ad inversione.
    Comunque la distribuzione naturale dell'Olivo sarebbe questa Nowcasting vegetazione anno 2018-olive_niche.jpg

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

  2. #52
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,275
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Comunque la distribuzione naturale dell'Olivo sarebbe questa Nowcasting vegetazione anno 2018-olive_niche.jpg
    Più che quella naturale è quella "climacica", ossia quella in cui l'olivo è presente anche come pianta spontanea (Olea europaea L. subsp. europaea var. sylvestris Brot., ossia l'"olivastro", spesso usato come portainnesto) ed entra a far parte di consorzi vegetali in particolare dell'alleanza Oleo-Ceratonion siliquae Br.-Bl. ex Guinochet & Drouineau 1944. L'areale naturale dell'olivo probabilmente è quello mediterraneo centro e sud orientale (Palestina, Siria, coste mediterranee della Turchia meridionale, Cipro, Creta e forse Egeo (Dodecaneso), Sicilia e Sardegna). Tenendo conto che l'olivo africano (Olea europaea L. subsp. cuspidata (Wall. & G.Dole due subspecie hanno un progenitore comune che nel Terziario vegetava in Europa meridionale e Asia occidentale e sud-occidentale, poi durante la fase glaciale wurmiana si sarebbe ritirato in quelli che sono i tipici rifugi "glaciali" (Creta, Cipro, coste libanesi e forse Sicilia) separandosi dalle piante sud-ovest asiatiche e africane). Nel Mediterraneo occidentale e settentrionale l'olivo probabilmente ce l'hanno portato i cartaginesi e poi i romani (ad esempio in Corsica è stato quasi sicuramente introdotto dai romani, mentre in Sardegna era presente nel tardo Neolitico). Comunque l'attuale distribuzione dell'olivo è funzionale alla sua utilità economica, oltre che a condizioni ecologiche adatte alla sua sopravvivenza, ovvio che non puoi coltivare ulivi in Polonia, in Austria o in Ungheria, ma nel Nord della Francia o lungo le coste occidentali e meridionali dell'Inghilterra e dell'Irlanda gli olivi possono tranquillamente sopravvivere all'inverno ed essere discretamente prosperi in estate, ma non fruttificano e rimangolo piccoli, già nel Genovesato centrale avrebbe poco senso coltivare ulivi oltre i 300/350 m di quota (raccolto scarso, problemi cronici con la mosca olearia), discorso diverso per l'Imperiese dove sui versanti esposti a mezzogiorno puoi trovare piccoli oliveti fino a 700/750 m di quota (Valle Argentina e Val Nervia), visto il clima più asciutto di quelle zone. Non tutte le varietà di olivo hanno la stessa rusticità, ad esempio il leccino regge bene fino a -12/-13°C in condizioni di clima asciutto, la varietà "taggiasca" invece può riportare danni importanti già attorno ai -8°C e questo limita ulteriormente la sua diffusione.
    Ultima modifica di galinsoga; 28/02/2018 alle 12:26

  3. #53
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da galinsoga Visualizza Messaggio
    Più che quella naturale è quella "climacica", ossia quella in cui l'olivo è presente anche come pianta spontanea (Olea europaea L. subsp. europaea var. sylvestris Brot., ossia l'"olivastro", spesso usato come portainnesto) ed entra a far parte di consorzi vegetali in particolare dell'alleanza Oleo-Ceratonion siliquae Br.-Bl. ex Guinochet & Drouineau 1944. L'areale naturale dell'olivo probabilmente è quello mediterraneo centro e sud orientale (Palestina, Siria, coste mediterranee della Turchia meridionale, Cipro, Creta e forse Egeo (Dodecaneso), Sicilia e Sardegna). Tenendo conto che l'olivo africano (Olea europaea L. subsp. cuspidata (Wall. & G.Dole due subspecie hanno un progenitore comune che nel Terziario vegetava in Europa meridionale e Asia occidentale e sud-occidentale, poi durante la fase glaciale wurmiana si sarebbe ritirato in quelli che sono i tipici rifugi "glaciali" (Creta, Cipro, coste libanesi e forse Sicilia) separandosi dalle piante sud-ovest asiatiche e africane). Nel Mediterraneo occidentale e settentrionale l'olivo probabilmente ce l'hanno portato i cartaginesi e poi i romani (ad esempio in Corsica è stato quasi sicuramente introdotto dai romani, mentre in Sardegna era presente nel tardo Neolitico). Comunque l'attuale distribuzione dell'olivo è funzionale alla sua utilità economica, oltre che a condizioni ecologiche adatte alla sua sopravvivenza, ovvio che non puoi coltivare ulivi in Polonia, in Austria o in Ungheria, ma nel Nord della Francia o lungo le coste occidentali e meridionali dell'Inghilterra e dell'Irlanda gli olivi possono tranquillamente sopravvivere all'inverno ed essere discretamente prosperi in estate, ma non fruttificano e rimangolo piccoli, già nel Genovesato centrale avrebbe poco senso coltivare ulivi oltre i 300/350 m di quota (raccolto scarso, problemi cronici con la mosca olearia), discorso diverso per l'Imperiese dove sui versanti esposti a mezzogiorno puoi trovare piccoli oliveti fino a 700/750 m di quota (Valle Argentina e Val Nervia), visto il clima più asciutto di quelle zone. Non tutte le varietà di olivo hanno la stessa rusticità, ad esempio il leccino regge bene fino a -12/-13°C in condizioni di clima asciutto, la varietà "taggiasca" invece può riportare danni importanti già attorno ai -8°C e questo limita ulteriormente la sua diffusione.
    Ad ogni modo sono fuori range gli olivi nelle mie zone o nel Friuli o nella Padania no?

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

  4. #54
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,318
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    un discorso già affrontato quello della distribuzione dell'ulivo coltivato che ha un areale più esteso rispetto all'ulivo spontaneo (olivastro).
    Nella mia zona l'olivastro non c'è, nemmeno sulla costa, ma l'ulivo coltivato invece si ed ha preso il posto di boscaglie di roverella (l'albero più diffuso dalle mie parti).
    Le coltivazioni di ulivi se abbandonate a se stesse qui da me deperiscono e muoiono dopo pochi anni.

  5. #55
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,275
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Ad ogni modo sono fuori range gli olivi nelle mie zone o nel Friuli o nella Padania no?
    Nella fascia collinare a Sud della via Emilia, in zone di pendio, le varietà più resistenti al gelo, come il leccino, penso possano essere coltivate senza soverchi problemi. Invece l'olivo è assolutamente fuori range nella bassa pianura emiliana. Ho visto oliveti in pianura in Romagna, ma comunque in zone pedecollinari, ad esempio tra Sant'Arcangelo e Rimini. In Friuli c'è un problema in più, tolto che la bassa pianura non sarebbe comunque adatta, il Friuli, a prescindere dalle temperature medie invernali delle zone pianeggianti (non dissimili da quelle delle pianure sublitoranee romagnole) ha un clima estivo troppo umido per l'olivicoltura, poi magari ci saranno delle microzone adatte, ma in generale dove il picco delle precipitazioni è tardo-primaverile/estivo, l'olivicoltura è poco indicata, per via della mosca olearia.
    Ultima modifica di galinsoga; 28/02/2018 alle 20:05

  6. #56
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da galinsoga Visualizza Messaggio
    Nella fascia collinare a Sud della via Emilia, in zone di pendio, le varietà più resistenti al gelo, come il leccino, penso possano essere coltivate senza soverchi problemi. Invece l'olivo è assolutamente fuori range nella bassa pianura emiliana. Ho visto oliveti in pianura in Romagna, ma comunque in zone pedecollinari, ad esempio tra Sant'Arcangelo e Rimini. In Friuli c'è un problema in più, tolto che la bassa pianura non sarebbe comunque adatta, il Friuli, a prescindere dalle temperature medie invernali delle zone pianeggianti (non dissimili da quelle delle pianure sublitoranee romagnole) ha un clima estivo troppo umido per l'olivicoltura, poi magari ci saranno delle microzone adatte, ma in generale dove il picco delle precipitazioni è tardo-primaverile/estivo, l'olivicoltura è poco indicata, per via della mosca olearia.
    Però non penso sia una coltivazione tipica della zona no?

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

  7. #57
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    3,425
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    un discorso già affrontato quello della distribuzione dell'ulivo coltivato che ha un areale più esteso rispetto all'ulivo spontaneo (olivastro).
    Nella mia zona l'olivastro non c'è, nemmeno sulla costa, ma l'ulivo coltivato invece si ed ha preso il posto di boscaglie di roverella (l'albero più diffuso dalle mie parti).
    Le coltivazioni di ulivi se abbandonate a se stesse qui da me deperiscono e muoiono dopo pochi anni.
    Però vicino casa mia ci sono un paio di piante di ulivo lasciate a se stesse da anni e anni ormai ( non vengono neanche potate) e sopravvivono. Hanno resistito a temperature sotto lo zero per vari giorni e a nevicate abbondanti fino a 2 metri di neve (Gennaio dell'anno scorso), fanno anche le olive.

  8. #58
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,318
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Però vicino casa mia ci sono un paio di piante di ulivo lasciate a se stesse da anni e anni ormai ( non vengono neanche potate) e sopravvivono. Hanno resistito a temperature sotto lo zero per vari giorni e a nevicate abbondanti fino a 2 metri di neve (Gennaio dell'anno scorso), fanno anche le olive.
    Da noi non è che periscono per il gelo (salvo annate particolari) ma dopo un po' che non vengono piu curate ,ricacciano polloni basali, il tronco principale muore e nel tempo sono sopraffatte prima dai rovi poi dagli alberi pionieri (robinia pseudoacacia, carpini, infine quercie ) e sotto l'ombra di tali alberi la pianta di ulivo soccombe.
    Ultima modifica di EnnioDiPrinzio; 01/03/2018 alle 13:25

  9. #59
    Vento moderato
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,275
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Da noi non è periscono per il gelo (salvo annate particolari) ma dopo un po' che non vengono piu curate ,ricacciano polloni basali, il tronco principale muore e nel tempo sono sopraffatte prima dai rovi poi dagli alberi pionieri (robinia pseudoacacia, carpini, infine quercie ) e sotto l'ombra di tali alberi la pianta di ulivo soccombe.
    Ma succede ovunque, perfino nell'Imperiese, l'olivo è una pianta pollonifera (alcune varietà più di altre) e butta ricacci in tutte le direzioni che, alla lunga, tendono a sostituire il tronco principale. Se abbandoni completamente un uliveto dopo 20 anni sarà sepolto da rovi e vitalbe e assediato da vegetazione legnosa pioniera (carpino nero, robinie, ecc.).

  10. #60
    Vento forte L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    21
    Messaggi
    4,637
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    L'olivo, oltre al lago di garda, può essere coltivato anche in valle dell'adige, nei punti un po' riparati. Qualche esemplare lo si trova

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    prospetticamente le carte mostrano una potenziale tendenza verso alte potenzialità di prospettiva....

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •