Pagina 9 di 44 PrimaPrima ... 789101119 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 437
  1. #81
    Vento forte L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    21
    Messaggi
    4,637
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Anche in valle dei laghi i lecci son molto diffusi.

    All'istituto agrario di San Michele ce n'è uno enorme in giardino.

    Inviato dal mio SM-A310F utilizzando Tapatalk
    prospetticamente le carte mostrano una potenziale tendenza verso alte potenzialità di prospettiva....

  2. #82
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    371
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Come letto qualche messaggio fa, ebbene sì, il problema principale dell'ulivo risiede nella sua scarsa resistenza all' umidità. E' una pianta notoriamente xerofita che adora i versanti sud, assolati, secchi e preferibilmente pietrosi, motivo per cui appunto potrebbe essere molto meno diffuso nel versante nord dell'Appennino; non per nulla, credo si possa 'misurare' e confrontare il soleggiamento preappenninico e quello prealpino attraverso l' osservazione della diffusione del cerro e della roverella: il primo ama il poco sole, la seconda adora le tintarelle tutto l'anno. E più o meno la diffusione dell' ulivo ricalca questa differenza!

    Poi conta anche la questione genetica, non solo selezionata, ma anche naturale, dal punto di vista eco-geografico; gli ulivi diffusi nel nord Italia non sono gli stessi del centro e del sud, come per ogni altra pianta sia coltivata sia presente allo stato spontaneo (ad esempio, il leccio della provincia di Ferrara o del litorale veneto non è lo stesso delle colline sarde, e così vale per ogni altra pianta, con capacità di adattamento diverse a seconda del clima).

    Detto ciò, quindi, l'ulivo resiste bene al freddo (più che altro secco), poi credo sia sottinteso che il fusto va coperto in inverno quando la pianta è giovane, anche se non so fino a quanti anni rischia.

    Infatti, almeno dalle mie parti, è mediamente diffusa la sua coltivazione, con filari spesso piantati persino su pendii-sempre esposti a sud-molto bassi e poco inclinati (talvolta anche solo 1-3 metri al di sopra della piana sottostante), sui quali le temperature minime ad occhio dovrebbero limitarsi a soli 0.5°-2°C in più rispetto al piano di campagna in condizioni anticicloniche.

    Spesso vengono piantati addirittura in pianura, purché goda di esposizione meridionale grazie all' immediata vicinanza di un pendio o di un dosso a nord, il cui soleggiamento diurno possa irraggiare calore verso le piante nelle (mezze) ore comprese tra il tramonto ed il ripristino serale dell' inversione termica; un po' come se fosse un 'muro' di cemento, riscaldato durante il giorno.
    Tale fenomeno, che ho individuato empiricamente, è spesso confuso con un altro fenomeno molto diffuso a livello popolare, che vede nella vicinanza di colline a nord un elemento di protezione dai venti freddi; dinamica assolutamente errata, in quanto solitamente la pianura immediatamente pedecollinare registra, a ciel sereno e condizioni inversionali, escursioni termiche diurne moderatamente maggiori, con temperature massime più alte (buone per l'ulivo) e minime più basse, sia per la minor ventilazione rispetto ai posti aperti, sia per la minore umidità serale e notturna dovuta proprio al maggiore soleggiamento durante il giorno.
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  3. #83
    Brezza leggera L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est
    Messaggi
    251
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Ottimo anche l'ultimo intervento.
    Cambiando argomento, mi sono sempre piaciuti i fossi piantati a platani da ceduo, tipici della pianura lombarda. Qui una foto di ieri mattina ad Est di Brescia
    Nowcasting vegetazione anno 2018-20180305_003255.jpg

  4. #84
    Brezza leggera L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    371
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Ottimo anche l'ultimo intervento.
    Cambiando argomento, mi sono sempre piaciuti i fossi piantati a platani da ceduo, tipici della pianura lombarda. Qui una foto di ieri mattina ad Est di Brescia
    Nowcasting vegetazione anno 2018-20180305_003255.jpg
    Idem! Li ho rivalutati negli ultimi anni, ce ne sono tantissimi anche in Veneto!
    Adoro anche vedere platani spontanei qua e là!
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  5. #85
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Ottimo l'intervento di Duff! Grazie molte. Però mi chiedevo se non rischiano abbastanza gli olivi sulla riva del lago di Garda con freddi intensi, infatti li l'umidità è molto elevata...

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

  6. #86
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Comunque ho ottenuto questa mappa delle ecoregioni italiane da ambiente e natura, associazione che mi sembra quanto seria. A me sembra che finalmente abbia un buon livello di precisione, sicuramente più di altre, che dite? Nowcasting vegetazione anno 2018-received_957952901034751.jpg

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

  7. #87
    Brezza leggera L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est
    Messaggi
    251
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    E che ne pensate del pungitopo?
    Per pungitopo immagino tu non commetta l'errore (che purtroppo molti fanno) di confonderlo con l'agrifoglio (che ho trovato molto diffuso nelle Prealpi Bresciane), e quindi parli del basso cespuglio di sottobosco. Ebbene io l'ho visto diffusissimo una volta che visitai il Bosco Fontana a Nord di Mantova circa 30 anni fa, dove tra l'altro la vegetazione arborea era costituita per il 50% da carpino bianco, per il 40% da farnia e per il 10% da frassino (non potrei ora dire se maggiore o meridionale) tutti quanti alti circa 20 m.
    Ultima modifica di alnus; 06/03/2018 alle 07:58

  8. #88
    Brezza leggera L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est
    Messaggi
    251
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Comunque ho ottenuto questa mappa delle ecoregioni italiane da ambiente e natura, associazione che mi sembra quanto seria. A me sembra che finalmente abbia un buon livello di precisione, sicuramente più di altre, che dite? Nowcasting vegetazione anno 2018-received_957952901034751.jpg
    Buona.
    Ma a quei livelli di dettaglio non distinguere tra padania trans e cispadana è un errore.

  9. #89
    Brezza leggera L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est
    Messaggi
    251
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
    Allegato 484001
    Allegato 484002
    Allegato 484003
    Ecco alcune popolazioni di leccio delle prealpi Trentine oggi
    Bravo Martin!
    Belle foto ed argomento interessante!
    Direi che le hai fatte dalla Autobrennero all'inizio della Vallagarina, nella prima potrebbe essere il Monte Pastello o il Monte Pastelletto, quindi ancora in Veneto, ma comunque i lecci continuano abbondanti anche in Trentino, e credo anche in Alto Adige.
    Anche a me piacciono molto quei popolamenti e mi hanno aiutato a capire che le querce devono essersi differenziate sicuramente dopo la comparsa degli uccelli sulla terra.
    Infatti è pieno di lecci anche in fessure di pareti veramente verticali, dove sicuramente le ghiande non possono essere cadute dai pendii soprastanti, occupati tra l'altro non da lecceta ma da orno-ostryeto, ma bensì esservi state infilate da ghiandaie e gazze per dispensa, essendo questi volatili i veri diffusori di tutte le querce, assieme probabilmente ai roditori.
    Ultima modifica di alnus; 06/03/2018 alle 09:52

  10. #90
    Brezza leggera L'avatar di Martin MB
    Data Registrazione
    28/05/17
    Località
    Monte San Pietro (BO)
    Età
    15
    Messaggi
    384
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting vegetazione anno 2018

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Per pungitopo immagino tu non commetta l'errore (che purtroppo molti fanno) di confonderlo con l'agrifoglio (che ho trovato molto diffuso nelle Prealpi Bresciane), e quindi parli del basso cespuglio di sottobosco. Ebbene io l'ho visto diffusissimo una volta che visitai il Bosco Fontana a Nord di Mantova circa 30 anni fa, dove tra l'altro la vegetazione arborea era costituita per il 50% da carpino bianco, per il 40% da farnia e per il 10% da frassino (non potrei ora dire se maggiore o meridionale) tutti quanti alti circa 20 m.
    No no figurati intendo proprio il pungitopo (Ruscus Aculeatus)

    "All truths are easy to understand once they are discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico colli bolognesi e Italia Settentrionale.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •