Pagina 9 di 13 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 130
  1. #81
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    06/06/04
    Località
    Pomezia (RM)
    Messaggi
    351
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Blackfox Visualizza Messaggio
    Mi sembrerebbe una soluzione un po' estrema....tuttavia vedo con piacere che non solo l'unico a "vedere" queste problematiche e sollevarle di tanto in tanto affinchè Gio, Conte, il nostro Presidente o chi di dovere facciano qualcosa per rendere sempre migliore la nostra bella rete anche sotto questo punto di vista. Non che stiano facendo poco, eh ??, però sarebbe molto interessante cominciare ad affrontare anche queste problematiche in modo + serio e determinato. Magari c'è già qualcosa in cantiere ??

    Se ti è capitato di seguire alcuni miei vecchi post, forse avrai notato che ho sollevato più volte il problema di uniformità della rete fino a disattivare la mia stazione. Non si tratta di una soluzione estrema ma semplicemente un segnale forte per chi non riescie a cogliere le indicazioni degli aderenti, proseguendo su iniziative senza consenso.
    Per molti, purtroppo, c'è la convinzione che appartenere a MeteoNetwork sia appagante, cosi com'è, senza valutare che, invece, aderire ad una rete priva di criteri di partecipazione è denigrante per la propria stazione.
    Infine, non si può neanche più accettare la buona volontà di singole persone che tra "modifiche", "soluzioni temporanee", tentano di attenuare il problema.
    Evidentemente se non c'è il coraggio di rifondare la rete dovremo aspettare la rifondazione della dirigenza.......
    Ciao, Alessandro.

  2. #82
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Blackfox
    Data Registrazione
    14/12/03
    Località
    Rignano S/Arno (FI)
    Messaggi
    13,903
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Visualizza Messaggio
    Non sarebbe poi complicatissimo rendere ventilati i vari passivi Davis
    Mi fa piacere sentire anche il tuo parere in proposito....visto che sei un responsabile sulla sezione strumentazione. Si, in effetti tutto si può fare, il problema è che mancano delle linee guida che tutti dovrebbero seguire x partecipare alla rete, solo così si arriverebbero a risultati + concreti. Comunque, anche se il progetto di ventilare i passivi Davis si rivelasse difficile da fare ( consideriamo anche le dimensioni non modestissime dei T/H LaCrosse) basterebbe "imporre" una modalità di montaggio, tipo usare tutti lo scatolotto protettivo e sistemarlo in un preciso modo all'interno del Davis. Lo so, che ciò non risolverebbe del tutto i problemi, visto il numero elevato di tipi e marche di sensori diversi presenti in rete, ma potrebbe già essere un inizio......

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Visualizza Messaggio
    In pratica resterebbe "solo" il problema della locazione migliore ed efficace. Non è poca cosa per le stazioni urbane, lo so, ma almeno il fattore schermaggio sarebbe risolto.
    Questo purtroppo è e penso rimarrà un problema insolubile.....L'unica cosa da fare ( per limitare il problema e facilitare la consultazione delle mappe) potrebbe essere quella di creare una serie di mappe "dedicate" per le stazioni a norma OMM (inglobando tutte quelle con sensore a 2 metri dal suolo su suolo erboso o al limite quelle poste entro i 6 metri dal suolo ) e altre per quelle poste sui tetti ( oltre i 6 m) che notoriamente forniscono valori piuttosto diversi rispetto a quelle poste in prossimità del suolo.
    E solo una possibile idea...parliamone....

    Area di osservazione: Rignano Sull'Arno, area urbana (quota 110-200 m slm); stazione meteo (Davis Vantage Vue) cod. tsc009 rete MNW-CEM; quota strumentaz. 160 m slm, installazione urbana su copertura. Il sito meteo: **Rignano meteo**





  3. #83
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Blackfox
    Data Registrazione
    14/12/03
    Località
    Rignano S/Arno (FI)
    Messaggi
    13,903
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Blackfox Visualizza Messaggio
    ......basterebbe "imporre" una modalità di montaggio, tipo usare tutti lo scatolotto protettivo e sistemarlo in un preciso modo all'interno del Davis......

    Riallacciandomi a quest'ultima frase.....vorrei esporre le mie idee valutando pro e contro delle varie "tecniche" di istallazione di un sensore LaCrosse ( prove effettuate sul Ws2300-25, uno dei più diffusi in assoluto...) in un passivo Davis, schermo standard accettato nella nostra rete MNW- CEM: è ormai cosa conosciuta che non è troppo "salutare" per la circuiteria e per l'elemento T/H lasciare la scheda senza il suo scatolotto protettivo, in particolar modo se il sensore è posto in luoghi umidi e piuttosto inquinati.
    Purtroppo però, dalle ultime prove condotte, sembra che un sensore completo di scatolotto porti a registrare T Max un po' maggiori ( qualche decimo fino a anche 1.5°C) di uno senza, forse a causa del fatto che così il sensore T/H "respira" meno ……
    Diverso è anche il comportamento dei sensori nei 2 tipi di istallazione, durante il corso della giornata: in genere la curva di temperatura prodotta dal sensore senza scatolotto è + “spigolosa”, il sensore così dovrebbe essere + esposto a raggi UV e IR che potrebbero falsare un po’ la rilevazione della temperatura, ma dalle prove fatte in schermo passivo, sembra proprio che il sensore con scatolotto fornisca, nonostante la protezione maggiore da raggi UV e IR , valori + elevati sia sulle Max (non cosa propriamente positiva….) che sulle Min (in tal caso forse valori + veritieri).
    Vista l’impossibilità (o perlomeno non è troppo consigliato) di usare la scheda nuda, per i problemi + volte citati, rimarrebbe la possibilità di ventilare il passivo (con ventola posta in basso che spinge l’aria verso il sensore posizionato sotto al 3°piatto a partire dall’alto), ma dalle prime prove effettuate, sembrerebbe che i vantaggi riscontrati in precedenti test, con tale configurazione (ma con scheda nuda), siano molto più ridotti in presenza di sensore con scatolotto….
    In altre parole, il T/H con scheda nuda posta in schermo passivo sembra essere lo stesso più reattivo e ( dico così perchè ancora non ho prove condotte per lunghi periodi alla mano...) sembra registrare mediamente temperature + basse durante il giorno rispetto al T/H con relativo scatolotto protettivo posto a sua volta in un passivo Davis "ventilato".....

    E voi ( mi rivolgo in particolar modo ai possessori del T/H Ws2300-25 posto in passivo Davis con il guscio protettivo, ma naturalmente tutti sono invitati a riportare le proprie esperienze) , che idee vi siete fatti ??

    Ultima modifica di Blackfox; 08/10/2007 alle 19:31
    Area di osservazione: Rignano Sull'Arno, area urbana (quota 110-200 m slm); stazione meteo (Davis Vantage Vue) cod. tsc009 rete MNW-CEM; quota strumentaz. 160 m slm, installazione urbana su copertura. Il sito meteo: **Rignano meteo**





  4. #84
    Uragano L'avatar di Conte
    Data Registrazione
    06/03/04
    Località
    Grottammare (AP) 0-170 mt slm
    Età
    56
    Messaggi
    15,648
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Quindi, nonostante la ventilazione forzata e sensore scatolato, la scheda nuda in passivo ha migliori prestazioni? Mi sarei aspettato rilevamenti molto simili. Posso capire una maggiore reattività della scheda nuda in caso di vento ma temp. max inferiori......E' come dire che l'autoventilazione non smaltisca affatto l'eventuale calore assorbito dall'involucro. Le pile erano, in entrambi i casi, presenti sulla scheda del sensore?
    Davis Vantage Pro2 wireless. LaCrosse WS 2300 cablata con schermo artigianale autoventilabile.
    "L'uomo non ha avuto il mondo in regalo dai suoi genitori, lo ha avuto in prestito dai propri figli"


  5. #85
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Blackfox
    Data Registrazione
    14/12/03
    Località
    Rignano S/Arno (FI)
    Messaggi
    13,903
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Visualizza Messaggio
    Le pile erano, in entrambi i casi, presenti sulla scheda del sensore?
    No, in nessuno dei 2 casi, le pile sono presenti xchè uno va con collegamento via cavo, sull'altro (scheda nuda) le pile sono contenute esternamente in scatola stagna.
    Si, la tendenza sembra quella descritta, il test su questo aspetto comunque continuerà ancora un po'...... devo effettuare alcune prove in giornate veramente senza ventilazione naturale per mettere alle corda il sensore T/H applicato su scheda "nuda"...... Con vento debole/moderato, il responso per ora è quello......

    Inoltre sto cercando ulteriori conferme sul fatto che che il calore sviluppato dalla ventolina ( penso una quantità infinitesima....) non influenzi in modo apprezzabile le rilevazioni......

    Area di osservazione: Rignano Sull'Arno, area urbana (quota 110-200 m slm); stazione meteo (Davis Vantage Vue) cod. tsc009 rete MNW-CEM; quota strumentaz. 160 m slm, installazione urbana su copertura. Il sito meteo: **Rignano meteo**





  6. #86
    Uragano L'avatar di Conte
    Data Registrazione
    06/03/04
    Località
    Grottammare (AP) 0-170 mt slm
    Età
    56
    Messaggi
    15,648
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Blackfox Visualizza Messaggio
    No, in nessuno dei 2 casi, le pile sono presenti xchè uno va con collegamento via cavo, sull'altro (scheda nuda) le pile sono contenute esternamente in scatola stagna.
    Si, la tendenza sembra quella descritta, il test su questo aspetto comunque continuerà ancora un po'...... devo effettuare alcune prove in giornate veramente senza ventilazione naturale per mettere alle corda il sensore T/H applicato su scheda "nuda"...... Con vento debole/moderato, il responso per ora è quello......

    Inoltre sto cercando ulteriori conferme sul fatto che che il calore sviluppato dalla ventolina ( penso una quantità infinitesima....) non influenzi in modo apprezzabile le rilevazioni......

    Penso che forse converrebbe aggiungere sul fondo del passivo altri due piatti artigianali intubando il sensore con relativa ventolina di testa.
    Davis Vantage Pro2 wireless. LaCrosse WS 2300 cablata con schermo artigianale autoventilabile.
    "L'uomo non ha avuto il mondo in regalo dai suoi genitori, lo ha avuto in prestito dai propri figli"


  7. #87
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Blackfox
    Data Registrazione
    14/12/03
    Località
    Rignano S/Arno (FI)
    Messaggi
    13,903
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Visualizza Messaggio
    Penso che forse converrebbe aggiungere sul fondo del passivo altri due piatti artigianali intubando il sensore con relativa ventolina di testa.
    Ci sta che così la cosa possano migliorare, ma si arriverebbe a stravolgere il passivo, introducendo in + 2 piatti "anomali" dal punto di vista della forma e materiale......almeno che non li si prenda da un altro passivo e si cambino le barre filettate, come tempo fa qualcuno (non ricordo chi) fece già, ma senza introdurre il tubo centrale....
    Area di osservazione: Rignano Sull'Arno, area urbana (quota 110-200 m slm); stazione meteo (Davis Vantage Vue) cod. tsc009 rete MNW-CEM; quota strumentaz. 160 m slm, installazione urbana su copertura. Il sito meteo: **Rignano meteo**





  8. #88
    Uragano L'avatar di Conte
    Data Registrazione
    06/03/04
    Località
    Grottammare (AP) 0-170 mt slm
    Età
    56
    Messaggi
    15,648
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Blackfox Visualizza Messaggio
    Ci sta che così la cosa possano migliorare, ma si arriverebbe a stravolgere il passivo, introducendo in + 2 piatti "anomali" dal punto di vista della forma e materiale......almeno che non li si prenda da un altro passivo e si cambino le barre filettate, come tempo fa qualcuno (non ricordo chi) fece già, ma senza introdurre il tubo centrale....
    Io penso che il passivo Davis non sia uno strumento intoccabile, anzi, le sue medie prestazioni in condizioni di soleggiamento e ventilazione assente dicono tutt'altro. La ventolina per funzionare a dovere deve avere un tubo da cui aspirare aria altrimenti se la prende dai lati più vicini dello schermo senza passare necessariamente dal sensore.
    Davis Vantage Pro2 wireless. LaCrosse WS 2300 cablata con schermo artigianale autoventilabile.
    "L'uomo non ha avuto il mondo in regalo dai suoi genitori, lo ha avuto in prestito dai propri figli"


  9. #89
    myMeteoNetwork Team L'avatar di Blackfox
    Data Registrazione
    14/12/03
    Località
    Rignano S/Arno (FI)
    Messaggi
    13,903
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Visualizza Messaggio
    Mi sarei aspettato rilevamenti molto simili. Posso capire una maggiore reattività della scheda nuda in caso di vento ma temp. max inferiori......
    Allora, ad un esame approfondito della situazione ( e insospettito pur io da queste notevoli, stranissime discrepanze....), ho tolto la scheda dal passivo, facendo un veloce raffronto di taratura con un Oregon THGR228N e.....già in poco tempo è emerso che il LaCrosse Ws2300-25 usato in esterno con scheda nuda (ma durante il test di raffronto montato con il suo scatolotto e pile a corredo.......) sottostima di vari decimi anche rispetto all'Oregon perlomeno nella fascia intorno ai 18-20 °C e quindi una parte della sottostima va probabilmente ricercata ad una diversa taratura del sensore (le cose possono cambiare, in pochi mesi di uso a quanto pare....visto che tempo fa davano sostanzialmente risultati molto simili.....). Quindi, tirando un po' le somme sembra che il sensore T/H su scheda nuda faccia registrare sempre T leggermente + basse del sensore scatolato, ma contenute entro in -0,5°C.....
    Prossimamente monterò il T/H in questione nel suo scatolotto (compreso di pile) in un passivo autocostruito, schermo che ha sempre dato valori molto simili al Davis passivo e vedrò di tirare le somme di quanta differenza effettivamente esiste fra avere un passivo "ventilato" e non.....
    Ovviamente prima cercherò di valutare lo scarto medio fra i sensori, in modo da apportare un opportuno valore correttivo....alle registrazioni effettuate

    Area di osservazione: Rignano Sull'Arno, area urbana (quota 110-200 m slm); stazione meteo (Davis Vantage Vue) cod. tsc009 rete MNW-CEM; quota strumentaz. 160 m slm, installazione urbana su copertura. Il sito meteo: **Rignano meteo**





  10. #90
    Uragano L'avatar di Conte
    Data Registrazione
    06/03/04
    Località
    Grottammare (AP) 0-170 mt slm
    Età
    56
    Messaggi
    15,648
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Soluzioni inserimento termoigrometri LaCrosse in passivo Davis

    Bene, attendiamo i responsi. Peccato solo che ora il sole sta diminuendo la sua forza. L'estate è il periodo migliore per tali test.
    Davis Vantage Pro2 wireless. LaCrosse WS 2300 cablata con schermo artigianale autoventilabile.
    "L'uomo non ha avuto il mondo in regalo dai suoi genitori, lo ha avuto in prestito dai propri figli"


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •