Pagina 1 di 18 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 171
  1. #1
    Burrasca L'avatar di Aliseo
    Data Registrazione
    16/11/05
    Località
    Lucera(FG) 219 slm
    Età
    37
    Messaggi
    5,012
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Inedita fase positiva dell'EA

    Ciao a tutti.
    Spulciando un pò di indici, mi è giunto subito all'occhio questo grafico:
    Allegato 396766

    La cosa che mi ha lasciato sorpreso è la lunga fase positiva dell'EA dall'estate del 2012 fino ad oggi.
    Qualcosa di simile è visibile nel primo decennio del nuovo secolo, dal 2000 al 2003, anche se in quest'ultimo periodo vi sono stati alcuni periodi brevi con valori negativi.
    Non contento sono andato a guardare i valori numerici dell'indice in questione, presenti a questo link ftp://ftp.cpc.ncep.noaa.gov/wd52dg/d...s/ea_index.tim dove ho notato che effettivamente il periodo che stiamo vivendo è l'unico, direi il primo periodo con una lunga fase positiva, se pensiamo che su 12 mesi abbiamo 5 fasi negative nel 2000, 3 nel 2001, 3 nel 2002, 5 nel 2003; mentre abbiamo 6 nel 2012 (di cui 5 nei primi 6 mesi dell'anno!), 2 nel 2013, 2 nel 2014, gennaio 2015 stiamo in positivo con 1.11.

    Nel primo periodo abbiamo 18 mesi su 48 con fase negativa; nel secondo periodo abbiamo 5 mesi negativi su 31 mesi totali, a partire dal luglio del 2012 fino ad oggi. Se consideriamo l'intero anno solare del 2012 dobbiamo contare 11 su 31, ma è evidente che a partire dall'estate del 2012 è iniziata una fase diversa, pertanto è fuorviante contare l'intero anno solare del 2012.
    Pertanto mancano 17 mesi per confrontare alla pari il primo periodo con quello attuale.
    Mi chiedo e vi chiedo, specie ai più esperti in materia.
    Riusciremo a raggiungere il rapporto 18neg./48 mesi del periodo 2000-2003 (già di per sè uno dei più alti nella casistica storica) quando mancano appena 17 mesi e dobbiamo raggiungere 13 mesi negativi in aggiunta ai 5 conteggiati del periodo 2012 in poi?
    Secondo me no, a meno che ci trovassimo di fronte ad un radicale cambio, tale da giustificare un trend in negativo da qui a 17 mesi.
    Per concludere, siamo di fronte ad una fase record dell'indice in questione.
    Sappiamo che è un indice descrittivo, non predittivo, però mi chiedo se c'è da preoccuparsi per le temperature medie delle prossime stagioni primaverili e autunnali (ma anche invernali) tenendo conto che questo indice è altamente correlato con le temperature di febbraio, aprile, settembre ed ottobre, e personalmente aggiungo anche le estati con abbinamenti di ITCZ alti specie per il comparto sudorientale del Mediterraneo.
    Che ne pensate?
    "....[I]E vedrete il Figlio dell'uomo, seduto alla destra della Potenza, venire con le nubi del cielo[/I]."
    [B]Gesù Cristo[/B] (Marco 14,62)

    [B][URL="http://www.luceraweb.eu"]
    [/URL][/B]

  2. #2
    Vento teso
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    37
    Messaggi
    1,590
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Molti di questi indici, incluso l'EA ma anche ad esempio l'amo e la pdo sono in parte influenzati dai trend globali ma non nel senso che il gw rende la circolazione atmosferica più da ea positiva, semplicemente per una questione matematica; il pattern dell'ea ha una prevalenza di anomalie positive di gpt:
    Climate Prediction Center - East Atlantic Pattern (EA)

    Di conseguenza l'aumento globale dei gpt(che è a sua volta legato all'aumento termico e di umidità atmosferica) si proietta sulla fase positiva dell'ea rendendo nel tempo questo indice più positivo al netto della sua reale variabilità.
    Questo è l'ea:
    Inedita fase positiva dell'EA-tsicpc_eayr0.png
    e questi i gpt negli extratropici-nh a 700hpa a partire dai quali si calcola l'ea:
    Inedita fase positiva dell'EA-tsinz700_0-360e_25-90n_nyr0.png
    Entrambi hanno due salti in su allo stesso momento a fine anni '70 e '90, parte del trend dell'ea è reale ma se ad esempio plottiamo la differenza delle anomalie dopo e prima del secondo gradino si ottiene questo:
    Inedita fase positiva dell'EA-ktit6dtkji.png

    che ha poco a che vedere con un ea più positiva, nel mediterraneo ad esempio i gpt sono calati specie in inverno al contrario del pattern da ea+ e l'ea è lo stesso più positivo....

  3. #3
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    29
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Il problema della mitezza invernale non è data dall'EA, ma dalla NAO che, seppur con alcune fasi in controtendenza, tende alla positività più che in passato
    La NAO esprime molto meglio dell'EA la tensione zonale in area atlantica...quando è positiva, tendono a prevalere gli inverni zonali rispetto a quelli meridiani e soprattutto antizonali


  4. #4
    Burrasca L'avatar di Aliseo
    Data Registrazione
    16/11/05
    Località
    Lucera(FG) 219 slm
    Età
    37
    Messaggi
    5,012
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Impressionanti i grafici postati da elz. Però da quello che mi dici e da quello che ha detto nix non c'è da preoccuparsi più di tanto, mi sembra di capire.
    "....[I]E vedrete il Figlio dell'uomo, seduto alla destra della Potenza, venire con le nubi del cielo[/I]."
    [B]Gesù Cristo[/B] (Marco 14,62)

    [B][URL="http://www.luceraweb.eu"]
    [/URL][/B]

  5. #5
    Vento teso
    Data Registrazione
    10/09/13
    Località
    Putignano
    Età
    44
    Messaggi
    1,614
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Citazione Originariamente Scritto da Aliseo Visualizza Messaggio
    Impressionanti i grafici postati da elz. Però da quello che mi dici e da quello che ha detto nix non c'è da preoccuparsi più di tanto, mi sembra di capire.
    Non sono tanto daccordo. Il freddo o il caldo non sono solamente influenzati dall aumento o dalla diminuzione dei geopotenziali (lo abbiamo sperimentato nel nostro piccolo sull'episodio di inizio febbraio quando ci è passata una 5100 sulla testa senza avere chissà quale freddo) ma dalla posizione dei vari centri motori.

    L'EA in se come geopotenziali (come ha dimostrato elz) non ci dice nulla mentre come ha giustamente riportato Nix la NAO invece ce lo dice eccome. Quindi da questo punto di vista (sul come si è portato avanti il discorso fino ad ora) è condivisibile.

    Non è invece condivisibile l'altro aspetto, quello termico. Noi viviamo in una zona dove abbiamo l'Africa a Sud, con un mare chiuso e con le Alpi che fanno da scudo alle correnti fredde proveniente da nord.

    Questo significa che il freddo per arrivare da noi deve fare non poche fatiche. Il freddo (quello vero, non quello che fa nevicare in pianura padana ma quello che ci porta tutti nel freezer), ha due strade: il rodano e la bora.

    Ora, basta guardare negli archivi, SOLO con EA negativi si sono avuti episodi continentali duraturi degni di nota ed in parte anche episodi provenienti dal rodano. Questo perchè l'EA positiva "configura" le posizioni dei centri motori in un certo modo e cioè un forte aumento dei geopotenziali ad est che inibiscono del tutto le bordate continentali verso la penisola balcanica e il mediterraneo. Questo non accade quando l'EA è negativa perchè perdispone ad avere geopotenziali più alti a ridosso delle coste del continente europeo e aree di basse pressioni sull'Europa orientale.

    Sono in attesa di conoscere il valore dell'EA di febbraio (secondo me sarà leggermente più basso anche se ancora positivo, ma di sicuro in questi ultimi 10 giorni è stato negativo, difatti in Europa dell'Est è piombato l'inverno crudo).

    Inedita fase positiva dell'EA-ea.timeseries.gif

  6. #6
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    11/09/08
    Località
    Roma
    Età
    40
    Messaggi
    929
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Citazione Originariamente Scritto da fabio.campanella Visualizza Messaggio
    Non sono tanto daccordo. Il freddo o il caldo non sono solamente influenzati dall aumento o dalla diminuzione dei geopotenziali (lo abbiamo sperimentato nel nostro piccolo sull'episodio di inizio febbraio quando ci è passata una 5100 sulla testa senza avere chissà quale freddo) ma dalla posizione dei vari centri motori.

    L'EA in se come geopotenziali (come ha dimostrato elz) non ci dice nulla mentre come ha giustamente riportato Nix la NAO invece ce lo dice eccome. Quindi da questo punto di vista (sul come si è portato avanti il discorso fino ad ora) è condivisibile.

    Non è invece condivisibile l'altro aspetto, quello termico. Noi viviamo in una zona dove abbiamo l'Africa a Sud, con un mare chiuso e con le Alpi che fanno da scudo alle correnti fredde proveniente da nord.

    Questo significa che il freddo per arrivare da noi deve fare non poche fatiche. Il freddo (quello vero, non quello che fa nevicare in pianura padana ma quello che ci porta tutti nel freezer), ha due strade: il rodano e la bora.

    Ora, basta guardare negli archivi, SOLO con EA negativi si sono avuti episodi continentali duraturi degni di nota ed in parte anche episodi provenienti dal rodano. Questo perchè l'EA positiva "configura" le posizioni dei centri motori in un certo modo e cioè un forte aumento dei geopotenziali ad est che inibiscono del tutto le bordate continentali verso la penisola balcanica e il mediterraneo. Questo non accade quando l'EA è negativa perchè perdispone ad avere geopotenziali più alti a ridosso delle coste del continente europeo e aree di basse pressioni sull'Europa orientale.

    Sono in attesa di conoscere il valore dell'EA di febbraio (secondo me sarà leggermente più basso anche se ancora positivo, ma di sicuro in questi ultimi 10 giorni è stato negativo, difatti in Europa dell'Est è piombato l'inverno crudo).

    Inedita fase positiva dell'EA-ea.timeseries.gif
    Peccato che non esistono database giornalieri dell'EA come accade con la NAO, l'AO e il PNA....

  7. #7
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    29
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Citazione Originariamente Scritto da fabio.campanella Visualizza Messaggio
    Non sono tanto daccordo. Il freddo o il caldo non sono solamente influenzati dall aumento o dalla diminuzione dei geopotenziali (lo abbiamo sperimentato nel nostro piccolo sull'episodio di inizio febbraio quando ci è passata una 5100 sulla testa senza avere chissà quale freddo) ma dalla posizione dei vari centri motori.

    L'EA in se come geopotenziali (come ha dimostrato elz) non ci dice nulla mentre come ha giustamente riportato Nix la NAO invece ce lo dice eccome. Quindi da questo punto di vista (sul come si è portato avanti il discorso fino ad ora) è condivisibile.

    Non è invece condivisibile l'altro aspetto, quello termico. Noi viviamo in una zona dove abbiamo l'Africa a Sud, con un mare chiuso e con le Alpi che fanno da scudo alle correnti fredde proveniente da nord.

    Questo significa che il freddo per arrivare da noi deve fare non poche fatiche. Il freddo (quello vero, non quello che fa nevicare in pianura padana ma quello che ci porta tutti nel freezer), ha due strade: il rodano e la bora.

    Ora, basta guardare negli archivi, SOLO con EA negativi si sono avuti episodi continentali duraturi degni di nota ed in parte anche episodi provenienti dal rodano. Questo perchè l'EA positiva "configura" le posizioni dei centri motori in un certo modo e cioè un forte aumento dei geopotenziali ad est che inibiscono del tutto le bordate continentali verso la penisola balcanica e il mediterraneo. Questo non accade quando l'EA è negativa perchè perdispone ad avere geopotenziali più alti a ridosso delle coste del continente europeo e aree di basse pressioni sull'Europa orientale.

    Sono in attesa di conoscere il valore dell'EA di febbraio (secondo me sarà leggermente più basso anche se ancora positivo, ma di sicuro in questi ultimi 10 giorni è stato negativo, difatti in Europa dell'Est è piombato l'inverno crudo).

    Inedita fase positiva dell'EA-ea.timeseries.gif
    Può darsi che i tre indici descrittivi cadano letti con un criterio "gerarchico"

    AO descrive lo stato di disturbo del VP: è assodato che più il VP è disturbato, più sono probabili gli scambi meridiani...il contrario accade con AO+, specie se molto positivo

    La NAO e l'EA descrivono invece la "traiettoria" degli affondi
    Una situazione di tipo NAO-/EA+ o neutro tende a favorire depressioni occidentali con target Europa occidentale N Italia

    Una situazione NAO+/EA- tende invece a favorire il sud Italia

    Poi ci sono invece le situazioni tipo NAO neutra / EA neutra o negativa che mi sembra siano un discreto compromesso per tutte le zone

    Quel che è certo è che stiamo vivendo in questi anni un aumento medio del valore della NAO (seppur con importanti fasi in controtendenza) e una fase EA incredibilmente e ostinatamente positiva
    Se entrambi gli indici sono in fase positiva, purtroppo l'inverno se ne sta ben lontano dal Mediterraneo

    Accoppiata (o meglio, tripletta) vincente? AO-, NAO-, EA-...lunghe e importanti fasi continentali come nel 1956 o nel 1963

  8. #8
    Vento teso
    Data Registrazione
    10/09/13
    Località
    Putignano
    Età
    44
    Messaggi
    1,614
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Accoppiata (o meglio, tripletta) vincente? AO-, NAO-, EA-...lunghe e importanti fasi continentali come nel 1956 o nel 1963

    Daccordo su tutti i fronti... e specie su questa affermazione che mi trovi assolutamente daccordo. Ecco perchè in quegli anni ci siamo leccati i baffi da Nord a Sud (in maniera cadenzata e sequenziale ma tant'è)..


  9. #9
    Vento forte L'avatar di Diego Martin
    Data Registrazione
    24/12/03
    Località
    Uggiate Trevano (CO)
    Età
    38
    Messaggi
    3,345
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Riprendo questa discussione, in quanto a Dicembre si è battuto il valore medio trimestrale di positività dell'EA.... E' un incubo...


  10. #10
    Vento moderato L'avatar di valdoman
    Data Registrazione
    17/08/15
    Località
    Valdobbiadene (TV)
    Età
    40
    Messaggi
    1,157
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Inedita fase positiva dell'EA

    Citazione Originariamente Scritto da Diego Martin Visualizza Messaggio
    Riprendo questa discussione, in quanto a Dicembre si è battuto il valore medio trimestrale di positività dell'EA.... E' un incubo...

    Immagine
    Ahi ahi ahi, ultima fase negativa nel 2012?, ed infatti è da quell'anno che qui al nord-est non nevica più a bassa quota in modo deciso e convinto, per non parlare poi dell'assoluta mancanza di ondate fredde dal febbraio 2012... appunto
    Stazione meteo Davis Vantage Pro2
    Dati Valdobbiadene (fraz. S.Pietro di Barbozza) http://valdobbiadene.altervista.org
    Rete Stazioni Meteonetwork: http://my.meteonetwork.it/station/vnt201

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •