Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,637
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    Un contributo su un indice di fondamentale importanza che speriamo possa essere solo punto di partenza per approfondimenti via via più specifici e che possa interessare il maggior numero di utenti
    scritto a quattro mani con @snowaholic che ringrazio di cuore per l'impegno e la passione

    La North Atlantic Oscillation è un indice di grande interesse non solo perché riguarda da vicino le sorti climatiche europee e nostrane ma perché costituisce uno snodo fondamentale per il clima globale.
    La climatologia recente vede un trend di medio termine positivo che si estrinseca in particolare nel trimestre invernale e che presenta conseguenze rilevanti anche in quello estivo.
    Le forzanti che concorrono alla determinazione della NAO sono molteplici: le SSTA atlantiche sono generalmente considerate uno dei fattori più rilevanti, ma risultano fondamentali anche altri aspetti come la relazione con il pacifico che si esprime attraverso il "ponte" PDO e la correlazione con le variabili solari, in particolare con la componente elettromagnetica, e quella vulcanica (entrambe di segno positivo).

    Relativamente al tema delle SSTA l'area si presenta di eccezionale complessità per via della circolazione termoalina che interagisce in loco con la circolazione superficiale indotta dalle westerlies, laddove si incrociano variabilità di stampo subtropicale e subpolare. Questo aspetto ha attirato la nostra attenzione come potenziale fonte di oscillazioni di lungo termine per il clima nord-atlantico.

    La circolazione oceanica nel nord-Atlantico si articola prevalentemente in due vortici, quello subtropicale (North Atlantic Gyre) e quello subpolare (Subpolar Gyre). La corrente Nord Atlantica inoltre trasporta le acque provenienti dalla corrente del golfo verso l'Artico, ma vicino all'Europa la circolazione nord Atlantica diventa più disorganizzata e irregolare.












    Queste correnti producono delle distribuzioni spaziali molto interessanti nella distribuzione dell'HC, con andamenti molto diversi e non strettamente legati all'indice AMO

    La zona più rilevante per analizzare il trasporto di calore in Atlantico è quella dell'Atlantico occidentale, in cui la zona subtropicale e quella subpolare presentano andamenti decisamente diversi e spesso divergenti.











    La differenza tra i valori di HC di queste due zone è fortemente correlata con la NAO invernale: maggiore è il gradiente termico nell'Atlantico occidentale, maggiore saranno i valori medi della NAO.







    Nel dato invernale si vedono alcune importanti eccezioni, in particolare nei periodi 77-79 e 85-87, che possono essere spiegati almeno in parte con cambiamenti esogeni a cui i valori di HC faticano a rispondere, in particolare i cambiamenti di segno della PDO e gli episodi di MMW(77,85,87), ma complessivamente la corrispondenza tra i due indici è molto buona.

    Questo pattern è rilevante per l'AMOC in quanto le fasi NAO+ secondo molti modelli sono considerate uno stimolo per la circolazione termoalina nel nord Atlantico e analogamente questo tipo di pattern di HC è correlato con l'andamento dell'AMOC




    http://oceans.mit.edu/JohnMarshall/w...2/rog20093.pdf


    In base a questo tipo di modelli la circolazione termoalina procede ad impulsi con periodo decennale: un protratto periodo di NAO+ favorisce la risalita di acque più calde dalla zona tropicale che tendono ad alimentare lo stesso pattern atmosferico NAO+, poi quando le acque più calde si diffondono in tutto il nord Atlantico (AMO+) il gradiente termico tende ad indebolirsi e questo favorisce il calo della NAO e il rallentamento dell'AMOC. A sua volta il ridotto afflusso di acque tropicali favorisce nel tempo il ripristino di un maggiore gradiente termico e quindi la ripetizione del ciclo.

    Questo feedback ovviamente risente anche di fattori esogeni (ENSO, PDO, sole, vulcani, in parte anche salinità) che quindi il ciclo sopra esposto nel mondo reale è molto meno regolare. L'insieme di queste fluttuazioni su scala decennale e modulando il ciclo complessivo dell'AMOC, di cui le temperature superficiali registrate dal ciclo AMO sono una rappresentazione molto approssimativa.
    In particolare, il ciclo AMO sembra particolarmente collegato alle temperature nella parte nord-orientale del bacino Atlantico, che presenta caratteristiche proprie e tempistiche sfalsate rispetto a quelle delle altre zone.


    https://journals.ametsoc.org/doi/10....LI-D-16-0358.1



  2. #2
    Vento moderato
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    62
    Messaggi
    1,423
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    Bellissimo lavoro !

  3. #3
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    35
    Messaggi
    5,766
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    Complimenti Alessandro, sia a te che a @snowaholic : ho letto la prima parte (interessantissima) e domani completerò la lettura... Bravi!!

    Stazione ERO105 su Meteonetwork, IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  4. #4
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    400
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    Visto che ormai cominciamo a porre le basi per la nuova stagione invernale, metto uno spunto sulla previsione stagionale della NAO
    A robust empirical seasonal prediction of winter NAO and surface climate | Scientific Reports
    Secondo questo paper questi tre indicatori relativi al periodo settembre-ottobre producono stime accurate della NAO invernale.
    a) la concentrazione dei ghiacci artici nel periodo autunnale, maggiore concentrazione nella zona compresa tra mari di Barents e Kara favorisce NAO+
    b) Bassa stratosfera con alti GPT sul Canada e bassi gpt sulla Siberia favoriscono NAO+
    c) come già visto in questa discussione, pattern di SSTA con anomalie positive a ridosso della Groenlandia e negative al largo degli USA favoriscono NAO-, la distribuzione attuale delle SST è fortemente orientata verso condizioni NAO+


    Ultima modifica di snowaholic; 18/07/2018 alle 12:48

  5. #5
    Burrasca L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    6,774
    Menzionato
    53 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    ....ma credo bisognerà aggiornarsi a settembre /ottobre....

  6. #6
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    400
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    ....ma credo bisognerà aggiornarsi a settembre /ottobre....
    Si, mi era solo tornato in mente questo articolo vista la discussione sull'altro td.
    Sicuramente per quanto riguarda il VPS dovremo aspettare, ma ghiacci e SSTA ci possono dire qualcosa già adesso. Le SSTA riflettono anomalie profonde che non cambiano in breve tempo e nell'Artico osserviamo una buona presenza di ghiacci spessi in prossimità della Terra di Francesco Giuseppe rispetto agli scorsi anni, sarà interessante valutare come procederà la stagione di scioglimento anche in questa prospettiva.

  7. #7
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    400
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: andamento NAO a variabilità climatica del nord Atlantico

    I ghiacci artici quest'anno sono arretrati nella zona delle Svalbard e della Terra di Francesco Giuseppe, potrebbe essere un buon segnale in vista dell'inverno. Notevole lo spostamento verso il lato Pacifico rispetto all'anno scorso, mentre l'estensione è simile.
    Vediamo se durante la fase autunnale questa anomalia persisterà.




Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •