Pagina 45 di 86 PrimaPrima ... 35434445464755 ... UltimaUltima
Risultati da 441 a 450 di 855
  1. #441
    Calma di vento L'avatar di Matëlmaire
    Data Registrazione
    14/03/20
    Località
    Valle d'Aosta
    Messaggi
    34
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    In canton Ticino li abbiamo tutti, a seconda del paese, e non so se sono esauriente:

    il = el / ol / ul / al / ro / er / or / ur / ar
    i = i
    la = la / ra
    le = i

    Come detto da altri per i dialetti piemontesi e lombardi, la "o" può anche essere pronunciata piuttosto come "u in italiano". Molto spesso, ma non tutti i dialetti, presentano anche i suoni ö, ü.
    Lumbard an pien. Anzi, lombard.

    Ël = il, si può usare anche 'l, ma davanti a vocale diventa l'
    Jë = gli (esempio jë strass = gli stracci)
    La = la
    Ij = i
    Le = le (per la verità in molte parti del Piemonte so che usano "ij" per per il femminile, per esempio a Biella dicono ij scarpi per dire le scarpe).
    Nel Roero dicono ra (in realtà sarebbe una l molto aperta, quasi una "o") al posto di la.

  2. #442
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,745
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Nelle vostre lingue regionali come dite voi soldi?

    Qua da noi in Veneto schei (pronunciato skèi).

    L'origine di questa parola è austriaca (quindi tedesca): è una abbreviazione di "Scheidemünzen" ovvero "monete divisionali", e deriva dal fatto che quando il Lombardo-Veneto era sotto l'Austria, più o meno 150 anni fá, circolavano monete con questa scritta e dai veneti venivano chiamate così

    Altra curiositá riguardo i "schei": in Veneto quando si intende una somma di denaro si usa il termine "franchi"; quando circolava la Lira, si diceva "na carta da mile" per indicare una banconota da mille Lire.
    Il termine "franco" deriva sempre dal periodo austriaco, perchè su alcune monete c'era la scritta Franc., un'abbreviazione che indicava l'imperatore "Checo Bepe" cioè Francesco Giuseppe.
    Si dice "Les seus"
    le banconote = le papé (semplicemente "carta") mentre le monete "les piéces"

    Interessante il termine "franchi", qua si usava soprattutto tra gli anziani ricordo ai tempi della lira .... tipo per dire 1000 lire usavano anche dire "1000 francs" (ma anche 1000 livres)....
    probabilmente dei "retaggi" del regno di Savoia (oltre poi che il franco è stata la moneta dei nostri cugini francesi - fino all'avvento dell'Euro- ed è tuttora dei nostri cugini svizzeri)
    Ultima modifica di meteo_vda_82; 03/04/2020 alle 20:59
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  3. #443
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,487
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Strani nomi di cose dialettali

    Schei anche qui, ovviamente, poi alcune volte vengono nominati “banane”, non so perché (si vede che i primi importatori di banane facevano i soldi, boh)

    Comunque per il Trentino non si può definire un dialetto standard. C’è il solandro, il rendenero e il noneso (quest’ultimo una roba totalmente a parte, non ha somiglianza con nessun’altro) e basso trentino con somiglianze lombarde (più per le cadenze) da una parte, poi il lagarino, il valsuganotto e il trentino “de Trent” dall’altro somiglianze con il Veneto. Poi la via di mezzo, il cembrano, pinaitero e rotaliano. In fiemme è simile ma molto calcato e pesante.
    Naturalmente a grandi linee, dato che ogni paese/settore vallivo ha i propri vocaboli e sfumature. Io stesso uso vocaboli che sento dire quasi solo a casa, come sbrìnz (innaffiatoio) o fortaie (omelette).


    Acune caratteristiche possono accomunare i vari gruppi:
    Ad esempio a sud di Trento molte parole finiscono per -m mentre da noi a nord per -n (es: bom->bon (buono, bene), pam->pan (pane))

    In Cembra e in parte Rotaliana i verbi finiscono spesso per -s laddove negli altri dialetti di solito per -t (sa fas? -> sa fat? (Cosa fai?) )

    Aldilà di questo come detto ogni località ha le sue peculiarità, spesso una parola qui ha un significato e lì uno totalmente diverso: vi risparmio le situazioni di fraintendimenti comunicando con gli “stranieri”Strani nomi di cose dialettali.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  4. #444
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    16,807
    Menzionato
    132 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Schei anche qui, ovviamente, poi alcune volte vengono nominati “banane”, non so perché (si vede che i primi importatori di banane facevano i soldi, boh)

    Comunque per il Trentino non si può definire un dialetto standard. C’è il solandro, il rendenero e il noneso (quest’ultimo una roba totalmente a parte, non ha somiglianza con nessun’altro) e basso trentino con somiglianze lombarde (più per le cadenze) da una parte, poi il lagarino, il valsuganotto e il trentino “de Trent” dall’altro somiglianze con il Veneto. Poi la via di mezzo, il cembrano, pinaitero e rotaliano. In fiemme è simile ma molto calcato e pesante.
    Naturalmente a grandi linee, dato che ogni paese/settore vallivo ha i propri vocaboli e sfumature. Io stesso uso vocaboli che sento dire quasi solo a casa, come sbrìnz (innaffiatoio) o fortaie (omelette).


    Acune caratteristiche possono accomunare i vari gruppi:
    Ad esempio a sud di Trento molte parole finiscono per -m mentre da noi a nord per -n (es: bom->bon (buono, bene), pam->pan (pane))

    In Cembra e in parte Rotaliana i verbi finiscono spesso per -s laddove negli altri dialetti di solito per -t (sa fas? -> sa fat? (Cosa fai?) )

    Aldilà di questo come detto ogni località ha le sue peculiarità, spesso una parola qui ha un significato e lì uno totalmente diverso: vi risparmio le situazioni di fraintendimenti comunicando con gli “stranieri”Strani nomi di cose dialettali.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    fantastico, ma si dice così tra i giovani o tutti dicono anche banane?
    mi ha ucciso la tua supposizione
    Si vis pacem, para bellum.

  5. #445
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,487
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    fantastico, ma si dice così tra i giovani o tutti dicono anche banane?
    mi ha ucciso la tua supposizione
    È in generale, però non è molto usato in sè. Si sente qualche volta.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  6. #446
    Calma di vento L'avatar di Matëlmaire
    Data Registrazione
    14/03/20
    Località
    Valle d'Aosta
    Messaggi
    34
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Ti 't ses pròpi 'n gilard.

    Vediamo chi capisce cosa vuol dire. Pensare che il cognome di Gilardino (bielèis) derivi da questa parola mi fa ridere.

  7. #447
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,745
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Matëlmaire Visualizza Messaggio
    Ti 't ses pròpi 'n gilard.

    Vediamo chi capisce cosa vuol dire. Pensare che il cognome di Gilardino (bielèis) derivi da questa parola mi fa ridere.
    Se non ricordo male "gilard" significa "sporco" (ma non vorrei dire una castroneria )
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  8. #448
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,487
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Vediamo se qualcuno indovina questa:

    “Mi on” (“o” chiusa)

    Si dice solo in val di cembraStrani nomi di cose dialettali


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  9. #449
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,487
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da meteo_vda_82 Visualizza Messaggio
    Se non ricordo male "gilard" significa "sporco" (ma non vorrei dire una castroneria )
    Sarebbe il nostro corrispettivo “brodech/brodegón”


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  10. #450
    Bava di vento L'avatar di Tarcii
    Data Registrazione
    13/08/19
    Località
    Ambivere (BG)
    Età
    18
    Messaggi
    148
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Nelle vostre lingue regionali come dite voi soldi?

    Qua da noi in Veneto schei (pronunciato skèi).

    L'origine di questa parola è austriaca (quindi tedesca): è una abbreviazione di "Scheidemünzen" ovvero "monete divisionali", e deriva dal fatto che quando il Lombardo-Veneto era sotto l'Austria, più o meno 150 anni fá, circolavano monete con questa scritta e dai veneti venivano chiamate così

    Altra curiositá riguardo i "schei": in Veneto quando si intende una somma di denaro si usa il termine "franchi"; quando circolava la Lira, si diceva "na carta da mile" per indicare una banconota da mille Lire.
    Il termine "franco" deriva sempre dal periodo austriaco, perchè su alcune monete c'era la scritta Franc., un'abbreviazione che indicava l'imperatore "Checo Bepe" cioè Francesco Giuseppe.
    Ma allora questa abitudine di dire "franchi" al posto di "lire" non è una cosa solo bergamasca! Non avevo mai capito perchè si dicesse "franch" in dialetto quando ci si riferiva alle vecchie monete, anche perchè i soldi in sè si chiamano invece "solc" in bergamasco (quest'ultimo pronunciato con la "c" di "ciao"). Tra l'altro quando ho provato a chiedere il motivo di questa differenza mi è stato detto che era sempre stato così senza sapere la ragione effettiva.
    Anywhere, whenever. Apart but still together...

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •