Pagina 50 di 88 PrimaPrima ... 40484950515260 ... UltimaUltima
Risultati da 491 a 500 di 873
  1. #491
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,512
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Se si parla di alberi, mi interessa.
    Quindi il (fu) ghiacciaio della Brenva trae il nome dal larice!
    Un mio amico di Temù mi ha detto che in Valcamonica abeti e pini vengono chiamati tutti genericamente Paghèr, ed invece i larici Lares. Sarei curioso di sapere da Wtrentino come sono in Trentino questi nomi.
    Abete rosso e larice rispettivamente pez (o peç laddove la z non si usa) e lares, poi so di fòvo per il faggio, acàz per la robinia e albera per i pioppi. Ce ne sono altri ma adesso non mi vengono in mente.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  2. #492
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona/Riviera (TI, Svizzera)
    Età
    21
    Messaggi
    3,496
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Qui per dire bambino/ragazzo c’è un libro...Strani nomi di cose dialettali
    Bòcia, matelòt, putelòt, putèl, putàt e me ne sarò dimenticati un paio


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Noi abbiamo pure i Canìcc/Fant/Bagai.
    Ultima modifica di AbeteBianco; 05/04/2020 alle 22:05

  3. #493
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,818
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Matëlmaire Visualizza Messaggio
    Eh, se ti capita di fare un giro su per la Valle del Lys (non solo Gressoney, anche sopra Fontainemore e Gaby ci sono delle belle punte) te la consiglio.

    Molto bello il Mont Mars (ci sono diversi sentieri per salire da Coumarial, a me piacerebbe salire una volta anche da Oropa, magari facendo l'anello), peccato che per 4 volte che sono salito su non abbia mai visto il Biellese. Ci sono sempre molti cumuli a coprire la visuale sul Piemonte.
    Mi mancano diverse cose nella Valle del Lys, pero' 2 anni fa sono stato nel Vallone di San Grato di Issime (fino al Col Dondeuil e poi da li ho fatto il percorso ad anello fino ai piccoli Laghi - che non sono neanche tanto piccoli - bella conca e bei posti, stupende le case tipiche "Walser"...)....
    Beh allora quest'estate ti chiederò qualche consiglio per escursioni in zona Gaby-Fontainemore, sempre se non saremo ancora in quarantena
    Immagino che trovare giornate così limpide per vedere il biellese sia rarissimo (forse è più probabile in autunno )... di là è sempre molto instabile....
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  4. #494
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,994
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Altra curiositá riguardo al veneto:

    la parola in lingua italiana "giocattolo" è un'italianizzazione della corrispondente parola in veneto, che è "xugatoło"
    (pron. zugatoeo). La vera parola italiana sarebbe "balocco".


    In veneto per indicare via via gli stadi evolutivi in base all'etá (neonato, bambino, ragazzo, ecc.) diciamo putèo o butèo, toseto, toso (la s sempre pronunciata come in italiano la s di "casa").

    E i giorni della settimana voi come li dite?

    Qua: I dì dea stimána

    luni, marti, mèrcore, xòbia o xoba, vènare, sábo e domenega
    Pure quarantena è una parola veneta, come lo è ciao

  5. #495
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona/Riviera (TI, Svizzera)
    Età
    21
    Messaggi
    3,496
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Matëlmaire Visualizza Messaggio
    Ah, la pessa però sarebbe l'abete rosso. Quello bianco mio papà l'ha sempre chiamato vargno. A tal propositi mi è venuto in mente che in Valle c'è anche un lago sopra Fontainemore, nella riserva naturale del Mont Mars, che si chiama appunto Lago Vargno.
    In Ticino l’abete rosso è più diffuso dell’abete bianco.

    Una forma frequente per il rosso è “Pèscia”, si trova anche il riferimento in un toponimo tipo Pesciüm che è un noto luogo sciistico.

    Per l’abete bianco ho trovato le forme “Abiéz” o “Biézz” nella mia zona, o pure “Cròat”.

    Il faggio si ritrova nella forma “Faed” da cui deriva anche il paese di Faido.

    Compare anche molto il toponimo “Pineda” in riferimento a pinete in generale e “Bedree” per le betulle.

  6. #496
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,818
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    albera per i pioppi.
    Beh qui arbera/arbeen lo si dice al pioppo tremulo, al pioppo vero e proprio si dice "beubblo"
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  7. #497
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,623
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    @simo89

    Dunque simo, eccoci qua
    Innanzitutto devo dirti che hai un ottimo orecchio, mi pare di capire: sei riuscito a cogliere alcune sfumature che veramente neanche alcuni "locali", bravo
    Ti dico, dalle parti mie prevale un inglese palesemente contaminato dalla cadenza scozzese (come sai, per ovvie ragioni geografiche, essendo la Cumbria praticamente a pochi km dal confine). E questo sia nell'accento, sia in moltissimi termini dialettali: tra un abitante della zona di Carlisle da noi ed uno "mediamente" scozzese, non sposta praticamente nulla o quasi. Ma attenzione: siamo similissimi ad uno di Glasgow, non di Edimburgo (anzi, Edìmbra). Lì già si avverte una notevole differenza nel suono (ad esempio "incidono" molto sulle consonanti doppie, solcandole tanto).
    Hai ragione da vendere quando dici che nel mancuniano l'influenza gaelica non è arrivata: a Manchester e dintorni, in effetti, la lingua celtica non la parla nessuno o quasi (e procedendo verso sud-est, in una linea immaginaria da Leeds a scendere, ancor meno...).
    Tutt'altra storia da noi. Il gaelico è prepotente (siamo quasi ai livelli della campagna di Cardiff, per dire) e pensa che mia nonna e mia zia lo parlano fluentemente nel dialetto (mia mamma così così, mentre io conosco solo alcune parole e più che altro detti e proverbi ).
    Ma anche lì, il gaelico "puro" praticamente non esiste, troppe essendo le varianti. Pensa: da noi si dice - in gaelico - fenn taer beller (per dire "prendi la sedia"), ma già in Galles, zona di Cardiff, dicono sien tair bin cher.
    Il nostro gaelico è vicinissimo a quello dell'Eire ma già si discosta dal gaelico parlato in Cornovaglia, pensa te!
    Comunque, nella quotidianità dei nostri paesi del nord inglese, il gaelico è molto praticato.

    Una chicca : se vuoi fare incazzare un inglese, digli "Tamigi" come lo pronunciano il 99% degli stranieri (italiani inclusi...), e cioè river Teims... Assolutamente NO!! Si pronuncia Tems, (calcando un po' sulla T ed allungando un poco la E, ma quella I assolassolutamente no! ).
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  8. #498
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,352
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg Visualizza Messaggio
    @simo89

    Dunque simo, eccoci qua
    Innanzitutto devo dirti che hai un ottimo orecchio, mi pare di capire: sei riuscito a cogliere alcune sfumature che veramente neanche alcuni "locali", bravo
    Ti dico, dalle parti mie prevale un inglese palesemente contaminato dalla cadenza scozzese (come sai, per ovvie ragioni geografiche, essendo la Cumbria praticamente a pochi km dal confine). E questo sia nell'accento, sia in moltissimi termini dialettali: tra un abitante della zona di Carlisle da noi ed uno "mediamente" scozzese, non sposta praticamente nulla o quasi. Ma attenzione: siamo similissimi ad uno di Glasgow, non di Edimburgo (anzi, Edìmbra). Lì già si avverte una notevole differenza nel suono (ad esempio "incidono" molto sulle consonanti doppie, solcandole tanto).
    Hai ragione da vendere quando dici che nel mancuniano l'influenza gaelica non è arrivata: a Manchester e dintorni, in effetti, la lingua celtica non la parla nessuno o quasi (e procedendo verso sud-est, in una linea immaginaria da Leeds a scendere, ancor meno...).
    Beh mi fa piacere, grazie, essendo appassionato di lingue ed essendo a un livello di inglese così, posso permettermi di lavorare sulle finezze e cercare i vari accenti, facendo poi un confronto con l'italiano. Poi è così bello capire da dove derivano le lingue, per capire anche l'evoluzione culturale di un paese...ahh che figata, troppo bello

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg
    Tutt'altra storia da noi. Il gaelico è prepotente (siamo quasi ai livelli della campagna di Cardiff, per dire) e pensa che mia nonna e mia zia lo parlano fluentemente nel dialetto (mia mamma così così, mentre io conosco solo alcune parole e più che altro detti e proverbi ).
    Ma anche lì, il gaelico "puro" praticamente non esiste, troppe essendo le varianti. Pensa: da noi si dice - in gaelico - fenn taer beller (per dire "prendi la sedia"), ma già in Galles, zona di Cardiff, dicono sien tair bin cher.
    Il nostro gaelico è vicinissimo a quello dell'Eire ma già si discosta dal gaelico parlato in Cornovaglia, pensa te!
    Comunque, nella quotidianità dei nostri paesi del nord inglese, il gaelico è molto praticato.

    Davvero? Pensavo che il gaelico ormai fosse in via di estinzione, a parte nelle estreme zone periferiche di Scozia e Irlanda. Mi fa piacere sentirlo, è splendido tenere in vita tradizioni millenarie e parlare una lingua avendo questa consapevolezza.
    Tra parentesi, adoro il whisky scozzese, mi berrei del Lagavulin anche a colazione, ma non voglio diventare alcolizzato

    Comunque confermo il discorso sulla differenza anche tra le lingue celtiche, la mia ex responsabile a lavoro è bretone, nella zona tra l'altro piuttosto marginale dove è ancora parlato parecchio, probabilmente a un livello come da te e noto tante differenze, sono proprio ancora lingue vive anche quelle celtiche. Fantastico!

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg
    Una chicca : se vuoi fare incazzare un inglese, digli "Tamigi" come lo pronunciano il 99% degli stranieri (italiani inclusi...), e cioè river Teims... Assolutamente NO!! Si pronuncia Tems, (calcando un po' sulla T ed allungando un poco la E, ma quella I assolassolutamente no! ).
    Le belle vocali aperte di noi italiani, tipo DE RIVER TEIMS
    In effetti pensavo anch'io si pronunciasse TEIMS, non TEMS.

    Beh alla fine tipo Greenwich, che ogni italiano pronuncio GRINUICH (e te lo dicono pure a scuola!!), ma in realtà si pronuncia GRENICH...

  9. #499
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,623
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Indovinello
    Nel dialetto inglese, che significa (ve lo dico come si pronuncia) "djrenk tell djrank, maind flaggd"?
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  10. #500
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,623
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Beh mi fa piacere, grazie, essendo appassionato di lingue ed essendo a un livello di inglese così, posso permettermi di lavorare sulle finezze e cercare i vari accenti, facendo poi un confronto con l'italiano. Poi è così bello capire da dove derivano le lingue, per capire anche l'evoluzione culturale di un paese...ahh che figata, troppo bello




    Davvero? Pensavo che il gaelico ormai fosse in via di estinzione, a parte nelle estreme zone periferiche di Scozia e Irlanda. Mi fa piacere sentirlo, è splendido tenere in vita tradizioni millenarie e parlare una lingua avendo questa consapevolezza.
    Tra parentesi, adoro il whisky scozzese, mi berrei del Lagavulin anche a colazione, ma non voglio diventare alcolizzato

    Comunque confermo il discorso sulla differenza anche tra le lingue celtiche, la mia ex responsabile a lavoro è bretone, nella zona tra l'altro piuttosto marginale dove è ancora parlato parecchio, probabilmente a un livello come da te e noto tante differenze, sono proprio ancora lingue vive anche quelle celtiche. Fantastico!



    Le belle vocali aperte di noi italiani, tipo DE RIVER TEIMS
    In effetti pensavo anch'io si pronunciasse TEIMS, non TEMS.

    Beh alla fine tipo Greenwich, che ogni italiano pronuncio GRINUICH (e te lo dicono pure a scuola!!), ma in realtà si pronuncia GRENICH...
    Ma veramente bravo, si vede che hai orecchio e passione per questi argomenti che io trovo bellissimi
    Poi si, come dici tu giustamente, capire l'origine dei termini, studiarne l'etimologia, tutto il retroscena culturale, beh arricchisce e non poco.
    Una materia stupenda, concordo al 100%
    Guarda, gaelico tutt'altro che in via d'estinzione (nella nostra contea è lingua protetta ed insegnata pure nelle scuole in diversi distretti!).
    Esempio calzante il bretone, mi fa estremamente piacere che l'hai tirato in ballo: pensa che loro si capiscono quasi perfettamente con gli abitanti della Cornovaglia, appunto . Ciò a dimostrazione di quanto sia variegato il mondo della lingua celtica. Antichissima, ancestrale ed estremamente affascinante.
    Ahahahah, si, DE RIVER TEIMS si sente dire più o meno da tutti , ma giammai dirlo ad un inglese!

    Dai, te ne do un'altra. Vogliamo parlare dell'ostinazione nel pronunciare "Yorkshire" Yorksciair?? I nostri colti giornalisti sono dei maestri in questo scempio Eresia! si pronuncia Yorksciir (allungando un po' sulla I...).
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •