Pagina 60 di 88 PrimaPrima ... 1050585960616270 ... UltimaUltima
Risultati da 591 a 600 di 873
  1. #591
    Bava di vento L'avatar di natale2008
    Data Registrazione
    30/04/18
    Località
    Asolo (TV)
    Messaggi
    179
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Ma quindi i due fiumi Reno, quello emiliano e quello tedesco hanno lo stesso nome con lo stesso significato praticamente?
    Anche il toponimo Muson dei sassi sembra abbia la stessa origine di un fiume europeo, la Mosa; entrambi i toponimi vanno ricercati nell'indoeuropeo meus-musos, che indica una palude, un'acquitrino. Altri nomi che dovrebbero condividere la stessa origine, Musile, Musestre, Musone (marche), Mis
    E ora mi viene in mente anche l'aggettivo veneto "mòi" per indicare il bagnato, potrebbe avere quest'origine...

  2. #592
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,699
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da natale2008 Visualizza Messaggio
    Anche il toponimo Muson dei sassi sembra abbia la stessa origine di un fiume europeo, la Mosa; entrambi i toponimi vanno ricercati nell'indoeuropeo meus-musos, che indica una palude, un'acquitrino. Altri nomi che dovrebbero condividere la stessa origine, Musile, Musestre, Musone (marche), Mis
    E ora mi viene in mente anche l'aggettivo veneto "mòi" per indicare il bagnato, potrebbe avere quest'origine...
    E mi sa tanto che è proprio così.
    In inglese "moist" vuol dire "umido" (come aggettivo, quindi) e "moisture" significa "umidità" (come sostantivo quindi).
    Stessa radice di matrice germanica, anche lì.
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  3. #593
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,516
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da mik33017 Visualizza Messaggio
    ok, getto la spugna

    L'unica zona del Trentino per me abbastanza comprensibile è la Val di Fassa , dove penso parlino ladino
    Sì in val di fassa si parla ladino.

    Comunque smarlòs è il lucchetto, mentre la sclàizera... beh, si tratta di un attrezzo fatto appositamente per tagliare a fettine i cavoli destinati per farli fermentare facendoli diventare crautiStrani nomi di cose dialettali questa lo so era difficile.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  4. #594
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/10
    Località
    Tarcento (UD) - 230 mslm
    Età
    43
    Messaggi
    842
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Sì in val di fassa si parla ladino.

    Comunque smarlòs è il lucchetto, mentre la sclàizera... beh, si tratta di un attrezzo fatto appositamente per tagliare a fettine i cavoli destinati per farli fermentare facendoli diventare crautiStrani nomi di cose dialettali questa lo so era difficile.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Azz la sclaizera è per intenditori

    Qua in Friuli si fa la brovada, che concettualmente è simile ai crauti ma si fa con le rape fermentate nella vinaccia di vino rosso. Lo strumento per tagliare il dietro della rapa per favorire la fermentazione è il "rochet"

  5. #595
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,173
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da natale2008 Visualizza Messaggio
    Anche il toponimo Muson dei sassi sembra abbia la stessa origine di un fiume europeo, la Mosa; entrambi i toponimi vanno ricercati nell'indoeuropeo meus-musos, che indica una palude, un'acquitrino. Altri nomi che dovrebbero condividere la stessa origine, Musile, Musestre, Musone (marche), Mis
    E ora mi viene in mente anche l'aggettivo veneto "mòi" per indicare il bagnato, potrebbe avere quest'origine...
    "Mòi" vuol dire bagnato anche in dialetto reggiano, che è quello che conosco meglio data l'origine di mio padre e dei suoi genitori, che lo usavano spesso.
    La pronuncia è identica ad una espressione danese, cioè l'accostamento del sostantivo "møg" (= letame, sudiciume) ad altri, per attribuir loro ribrezzo (es. møg dyr = animale schifoso).
    Però mi viene anche in mente "a mollo" = a bagno, oppure il paese di Moglia, nell'Oltrepò mantovano, che vengono dal latino "mollis" = molle (bagnato).
    Quindi forse la strada germanica è errata, oppure c'è una comune radice indoeuropea (come molte altre volte).

    Altre due parole simbolo del dialetto reggiano sono "sdora", da "resdora" =reggitora = reggente, amministratrice (della casa), che tipicamente fa la "fuieda" = la sfoglia, cioè la pasta fresca

    Comunque per me la parola più indoeuropea in assoluto è "ager" = terra, terreno, territorio. Parola cardinale sia nel Latino, che nel Danese (quindi credo in tutte le lingue germaniche) con significato identico.
    Ultima modifica di alnus; 07/04/2020 alle 20:22

  6. #596
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,840
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    "Mòi" vuol dire bagnato anche in dialetto reggiano, che è quello che conosco meglio data l'origine di mio padre e dei suoi genitori, che lo usavano spesso.
    La pronuncia è identica ad una espressione danese, cioè l'accostamento del sostantivo "møg" (= letame, sudiciume) ad altri, per attribuir loro ribrezzo (es. møg dyr = animale schifoso).
    Però mi viene anche in mente "a mollo" = a bagno, oppure il paese di Moglia, nell'Oltrepò mantovano, che vengono dal latino "mollis" = molle (bagnato).
    Quindi forse la strada germanica è errata, oppure c'è una comune radice indoeuropea (come molte altre volte).
    Deriva quasi sicuramente dal latino e francese, in francese bagnato si dice mouillé
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  7. #597
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,358
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    "Mòi" vuol dire bagnato anche in dialetto reggiano, che è quello che conosco meglio data l'origine di mio padre e dei suoi genitori, che lo usavano spesso.
    La pronuncia è identica ad una espressione danese, cioè l'accostamento del sostantivo "møg" (= letame, sudiciume) ad altri, per attribuir loro ribrezzo (es. møg dyr = animale schifoso).
    Però mi viene anche in mente "a mollo" = a bagno, oppure il paese di Moglia, nell'Oltrepò mantovano, che vengono dal latino "mollis" = molle (bagnato).
    Quindi forse la strada germanica è errata, oppure c'è una comune radice indoeuropea (come molte altre volte).

    Altre due parole simbolo del dialetto reggiano sono "sdora", da "resdora" =reggitora = reggente, amministratrice (della casa), che tipicamente fa la "fuieda" = la sfoglia, cioè la pasta fresca

    Comunque per me la parola più indoeuropea in assoluto è "ager" = terra, terreno, territorio. Parola cardinale sia nel Latino, che nel Danese (quindi credo in tutte le lingue germaniche) con significato identico.
    Grande! Di dov'è erano i tuoi?

  8. #598
    Calma di vento L'avatar di Matëlmaire
    Data Registrazione
    14/03/20
    Località
    Valle d'Aosta
    Messaggi
    34
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Catar in veneto vuol dire trovare, così come in catalano (catar).

    In francese si usa il verbo acheter, da cui anche caté in piemontese o atcheté in franco-provenzale valdostano. Ma, in questo caso, significa comprare/acquistare.

  9. #599
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/10
    Località
    Tarcento (UD) - 230 mslm
    Età
    43
    Messaggi
    842
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Matëlmaire Visualizza Messaggio
    Catar in veneto vuol dire trovare, così come in catalano (catar).

    In francese si usa il verbo acheter, da cui anche caté in piemontese o atcheté in franco-provenzale valdostano. Ma, in questo caso, significa comprare/acquistare.
    Anche in friulano trovare = cjata'

  10. #600
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    17,127
    Menzionato
    140 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da mik33017 Visualizza Messaggio
    Anche in friulano trovare = cjata'
    qui catà è prendere o comprare, es: si anà a catà ul pan? tradotto, anche se semplice: sei andato a comprare (ma anche prendere) il pane?

    trovare rimane truà

    spettacolo i dialetti!
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •