Pagina 65 di 86 PrimaPrima ... 1555636465666775 ... UltimaUltima
Risultati da 641 a 650 di 855
  1. #641
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    34
    Messaggi
    4,496
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Sì capisco, ma abbastanza a fatica.
    Danese e Norvegese, scritti, sono la stessa lingua. Il problema è la pronuncia, soprattutto quella danese, lontanissima dallo scritto e senza regole.
    Anche lo Svedese, scritto, è molto simile ai primi due.
    Svedesi e Norvegesi pronunciano come noi Italiani, leggendo con calma tutte le lettere di ogni parola.
    Invece i Danesi pronunciano solo una parte della parola scritta, con un ritmo serrato e senza regole di corrispondenza con le lettere dell'alfabeto. Il dettato rimane un esercizio difficilissimo per i Danesi di tutte le età. Anche l'Inglese ed il Francese hanno questa distanza tra scritto e parlato, ma non tanto quanto il Danese.
    Preferisco di molto le lingue fedeli alla scrittura e con regole certe: Italiano e Tedesco su tutte.
    Comunque complimenti, Sneg, leggendoti non si direbbe proprio che non sei di madrelingua italiana!
    Capisco alnus, ottima disamina .
    In effetti è proprio come dici tu: anche in inglese (e sto vedendo pure con l'olandese) c'è proprio quella discrepanza tra scritto ed orale (ed è verissimo, idem col francese). Se pensiamo, invece, che il tedesco al 95% come lo scrivi così lo leggi, che bel vantaggio in effetti!
    A questo punto, viva il latino: tam scriptum, sicut dictum .
    Grazie alnus. Ti dico: l'inglese è la mia prima lingua, ma avendo fatto gli studi qui in Italia (scuola ed università) ho colmato il vuoto, diciamo così.
    Devi sapere che essendo figlio di genitore straniero (la mamma), il ragionamento è stato questo: gli parliamo solo in inglese in casa, libri, tv ecc., tanto l'italiano lo impara "nella società" (scuola, amici, e così via).
    Così ho finito col ritrovarmi in Italia ma con la sola lingua inglese che conoscevo.
    E debbo dire che questo metodo l'ho poi riscontrato in parecchi altri stranieri, che cosa curiosa.
    Oggi ho pareggiato i "conti" eh . Però la mia prima lingua è sempre stata l'inglese.
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  2. #642
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,343
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg Visualizza Messaggio
    Capisco alnus, ottima disamina .
    In effetti è proprio come dici tu: anche in inglese (e sto vedendo pure con l'olandese) c'è proprio quella discrepanza tra scritto ed orale (ed è verissimo, idem col francese). Se pensiamo, invece, che il tedesco al 95% come lo scrivi così lo leggi, che bel vantaggio in effetti!
    A questo punto, viva il latino: tam scriptum, sicut dictum .
    Grazie alnus. Ti dico: l'inglese è la mia prima lingua, ma avendo fatto gli studi qui in Italia (scuola ed università) ho colmato il vuoto, diciamo così.
    Devi sapere che essendo figlio di genitore straniero (la mamma), il ragionamento è stato questo: gli parliamo solo in inglese in casa, libri, tv ecc., tanto l'italiano lo impara "nella società" (scuola, amici, e così via).
    Così ho finito col ritrovarmi in Italia ma con la sola lingua inglese che conoscevo.
    E debbo dire che questo metodo l'ho poi riscontrato in parecchi altri stranieri, che cosa curiosa.
    Oggi ho pareggiato i "conti" eh . Però la mia prima lingua è sempre stata l'inglese.
    A voglia se hai pareggiato i conti...ma scusa, non reputi te stesso un bilingue? Oppure proprio senti che l'italiano è una seconda lingua?

  3. #643
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    34
    Messaggi
    4,496
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    A voglia se hai pareggiato i conti...ma scusa, non reputi te stesso un bilingue? Oppure proprio senti che l'italiano è una seconda lingua?
    Sai cosa simo? In questi casi come il mio si sente una sorta di "dissociazione". Mi spiego.
    Nasci ed apprendi le prime parole, i primi discorsi, i pilastri "linguistici" in una lingua (nel mio caso l'inglese). Bene, quel substrato (passami il termine) non lo soppianterà o sostituirà mai nient'altro, per quanto possa poi imparare e parlare perfettamente un'altra e seconda lingua.
    C'è una base, una sorta di "forma mentale" che ti si "sviluppa" e quella è, non c'è verso. Ne sono convinto sempre più di questa cosa (e ne ho avuto poi riscontro anche con altri stranieri con storie simili).
    Poi ad aggravare il fatto () c'è stata l'educazione linguistica che mia madre mi ha impartito: in casa sempre e da sempre only in English, always, anyway, at all ().
    "tanto l'italiano lo impari fuori", si diceva.
    Ti ripeto, secondo me simo abbiamo una specie di "base mentale" : se si forma in un modo, quello rimane, non c'è verso. Hai presente quando devi imprimere una forma su qualcosa? Ecco l'immagine che ho io. Forgi una materia e così rimane...
    Dunque si, per carità, formalmente mi posso tranquillamente definire bilingue; ma nella sostanza, mmm, boh... Chissà perché ma mi viene da ragionare prima in inglese (se poi devo incazzarmi o inveire viene proprio automatico ).
    Pensa che molte persone mi chiedono spesso una cosa molto curiosa. Mi dicono "ma tu in che lingua pensi?" oppure "ma in che lingua sogni"?
    Comunque, in tutto questo, forse, è anche un po' "colpa" mia: seguo la tv in lingua, leggo in inglese, bazzico con i miei cugini con WhatsApp pure una giornata intera e solo in inglese...ma mi viene naturale, spontaneo (a casa mia tipo la tv ce l'ho sempre o quasi su canali inglesi - o americani -). E considera che vivo solo con la mia fidanzata eh (i miei vivono lontano da me, e ci sentiamo al telefono e con la mamma ovviamente si parla in inglese al 90% delle volte).
    Insomma, io sento che è preponderante il peso della mia lingua con cui sono cresciuto.
    Ovviamente l'italiano è l'altro lato della medaglia, certo.
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  4. #644
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,343
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg Visualizza Messaggio
    Sai cosa simo? In questi casi come il mio si sente una sorta di "dissociazione". Mi spiego.
    Nasci ed apprendi le prime parole, i primi discorsi, i pilastri "linguistici" in una lingua (nel mio caso l'inglese). Bene, quel substrato (passami il termine) non lo soppianterà o sostituirà mai nient'altro, per quanto possa poi imparare e parlare perfettamente un'altra e seconda lingua.
    C'è una base, una sorta di "forma mentale" che ti si "sviluppa" e quella è, non c'è verso. Ne sono convinto sempre più di questa cosa (e ne ho avuto poi riscontro anche con altri stranieri con storie simili).
    Poi ad aggravare il fatto () c'è stata l'educazione linguistica che mia madre mi ha impartito: in casa sempre e da sempre only in English, always, anyway, at all ().
    "tanto l'italiano lo impari fuori", si diceva.
    Ti ripeto, secondo me simo abbiamo una specie di "base mentale" : se si forma in un modo, quello rimane, non c'è verso. Hai presente quando devi imprimere una forma su qualcosa? Ecco l'immagine che ho io. Forgi una materia e così rimane...
    Dunque si, per carità, formalmente mi posso tranquillamente definire bilingue; ma nella sostanza, mmm, boh... Chissà perché ma mi viene da ragionare prima in inglese (se poi devo incazzarmi o inveire viene proprio automatico ).
    Pensa che molte persone mi chiedono spesso una cosa molto curiosa. Mi dicono "ma tu in che lingua pensi?" oppure "ma in che lingua sogni"?
    Comunque, in tutto questo, forse, è anche un po' "colpa" mia: seguo la tv in lingua, leggo in inglese, bazzico con i miei cugini con WhatsApp pure una giornata intera e solo in inglese...ma mi viene naturale, spontaneo (a casa mia tipo la tv ce l'ho sempre o quasi su canali inglesi - o americani -). E considera che vivo solo con la mia fidanzata eh (i miei vivono lontano da me, e ci sentiamo al telefono e con la mamma ovviamente si parla in inglese al 90% delle volte).
    Insomma, io sento che è preponderante il peso della mia lingua con cui sono cresciuto.
    Ovviamente l'italiano è l'altro lato della medaglia, certo.
    Capisco...beh chiaramente hai mantenuto una forte connessione col mondo inglese, facilitata da whatsapp, TV, ecc ecc, quindi di fatto continui a mantenere in allenamento anche quella parte lì.

    Sul discorso dell'imprinting di una lingua "base", probabilmente sì...nel senso che, se nasci monolingue, è molto probabile che non apprenderai mai più una lingua da madrelingua, anche se ho letto di alcuni studi che affermano che non è così sicuro. Personalmente, l'unica lingua che ho studiato seriamente e in maniera approfondita da quando sono nato è l'inglese, un po' anche il francese alle medie ma non m'è rimasto quasi nulla a parte un livello, che so, A1 forse

    Dovrei sperimentarmi e andare a vivere altrove per 2-3 mesi e vedere che effetto fa, sono convinto che mi basterebbe per diventare ovviamente non madrelingua, ma a un livello che potrei confondermi coi madrelingua.

    Carino poi il discorso su quando ti incazzi, io per esempio mi incazzo ovviamente in italiano, che poi degenera in dialetto reggiano quando proprio sono incazzato nero Ma normalmente, non parlo mai dialetto se non qualche frase qua e là, eppure lo sono bene per essere un giovane, perchè poche altre persone sotto i 40-45 lo parlano, ma siccome io ci tengo mi è venuto spontaneo impararlo. Potrei quindi, addirittura, definirmi trilingue


    È un discorso complesso, io non credo che per forza ci sia una lingua base...secondo me se ti isolassi dall'ambiente inglese, non ascoltassi inglese per mesi o anni, fidati che la "bilancia" si sposta dalla parte dell'italiano. Certo, una volta era più semplice, nel senso che quando gli italiani andavano in America e non c'era nessun modo di comunicare in italiano, se non vivendo la con altri italiani, era più semplice immergersi in una cultura e "dimenticare" la propria o comunque ridimensionarla, oggi con tutti i canali che hai per tenerti in contatto è quasi impossibile non parlare più la propria lingua

  5. #645
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,169
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Capisco...beh chiaramente hai mantenuto una forte connessione col mondo inglese, facilitata da whatsapp, TV, ecc ecc, quindi di fatto continui a mantenere in allenamento anche quella parte lì.

    Sul discorso dell'imprinting di una lingua "base", probabilmente sì...nel senso che, se nasci monolingue, è molto probabile che non apprenderai mai più una lingua da madrelingua, anche se ho letto di alcuni studi che affermano che non è così sicuro. Personalmente, l'unica lingua che ho studiato seriamente e in maniera approfondita da quando sono nato è l'inglese, un po' anche il francese alle medie ma non m'è rimasto quasi nulla a parte un livello, che so, A1 forse

    Dovrei sperimentarmi e andare a vivere altrove per 2-3 mesi e vedere che effetto fa, sono convinto che mi basterebbe per diventare ovviamente non madrelingua, ma a un livello che potrei confondermi coi madrelingua.

    Carino poi il discorso su quando ti incazzi, io per esempio mi incazzo ovviamente in italiano, che poi degenera in dialetto reggiano quando proprio sono incazzato nero Ma normalmente, non parlo mai dialetto se non qualche frase qua e là, eppure lo sono bene per essere un giovane, perchè poche altre persone sotto i 40-45 lo parlano, ma siccome io ci tengo mi è venuto spontaneo impararlo. Potrei quindi, addirittura, definirmi trilingue


    È un discorso complesso, io non credo che per forza ci sia una lingua base...secondo me se ti isolassi dall'ambiente inglese, non ascoltassi inglese per mesi o anni, fidati che la "bilancia" si sposta dalla parte dell'italiano. Certo, una volta era più semplice, nel senso che quando gli italiani andavano in America e non c'era nessun modo di comunicare in italiano, se non vivendo la con altri italiani, era più semplice immergersi in una cultura e "dimenticare" la propria o comunque ridimensionarla, oggi con tutti i canali che hai per tenerti in contatto è quasi impossibile non parlare più la propria lingua
    Praticamente tutti gli emigranti emigrano in clan.
    La prima generazione parla quotidianamente la lingua madre.

  6. #646
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    34
    Messaggi
    4,496
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Capisco...beh chiaramente hai mantenuto una forte connessione col mondo inglese, facilitata da whatsapp, TV, ecc ecc, quindi di fatto continui a mantenere in allenamento anche quella parte lì.

    Sul discorso dell'imprinting di una lingua "base", probabilmente sì...nel senso che, se nasci monolingue, è molto probabile che non apprenderai mai più una lingua da madrelingua, anche se ho letto di alcuni studi che affermano che non è così sicuro. Personalmente, l'unica lingua che ho studiato seriamente e in maniera approfondita da quando sono nato è l'inglese, un po' anche il francese alle medie ma non m'è rimasto quasi nulla a parte un livello, che so, A1 forse

    Dovrei sperimentarmi e andare a vivere altrove per 2-3 mesi e vedere che effetto fa, sono convinto che mi basterebbe per diventare ovviamente non madrelingua, ma a un livello che potrei confondermi coi madrelingua.

    Carino poi il discorso su quando ti incazzi, io per esempio mi incazzo ovviamente in italiano, che poi degenera in dialetto reggiano quando proprio sono incazzato nero Ma normalmente, non parlo mai dialetto se non qualche frase qua e là, eppure lo sono bene per essere un giovane, perchè poche altre persone sotto i 40-45 lo parlano, ma siccome io ci tengo mi è venuto spontaneo impararlo. Potrei quindi, addirittura, definirmi trilingue


    È un discorso complesso, io non credo che per forza ci sia una lingua base...secondo me se ti isolassi dall'ambiente inglese, non ascoltassi inglese per mesi o anni, fidati che la "bilancia" si sposta dalla parte dell'italiano. Certo, una volta era più semplice, nel senso che quando gli italiani andavano in America e non c'era nessun modo di comunicare in italiano, se non vivendo la con altri italiani, era più semplice immergersi in una cultura e "dimenticare" la propria o comunque ridimensionarla, oggi con tutti i canali che hai per tenerti in contatto è quasi impossibile non parlare più la propria lingua
    Assolutamente si, è un discorso molto complesso, che implica svariati fattori e, al tempo stesso, genera tantissimi risvolti.
    Prendiamo il mio caso. Ora, va bene, io ho un ramo intero della mia famiglia lì, ho la mamma che è straniera, ho casa su, la frequento regolarmente, ho l'infanzia lì, e va bene tutto.
    Ma secondo me c'è proprio anche un fattore "culturale, di temperamento".
    L'Italia è anche il mio Paese, vivo e lavoro qui, lungi da me farne un discorso dispregiativo, ci tengo a sottolinearlo.
    Amo questo Paese (che, come TUTTI, ha pregi e difetti...).
    Però io culturalmente sono più nordeuropeo piuttosto che "latino", mediterraneo, ecco.
    E questo da sempre. E lo rintraccio in tantissimi aspetti (il mio carattere "particolare" per certi versi , il mio approccio alla vita e ad alcune tematiche - anche delicate, per dirne alcune-).
    Ecco, se dovessi metterla sul proporzionale, direi che un buon 75% del mio corredo genetico (facciamo pure 80...) è assolutamente anglosassone; e il rimanente è mediterraneo.
    Poi ho un carattere... ma vabbé, là do la colpa ai miei: dall'accopiata mamma della Cumbria e papà abruzzese, cosa poteva mai uscirne? .
    Mix micidiale
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  7. #647
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon VdA 1350mt
    Età
    38
    Messaggi
    6,745
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    tornando al discorso dialetti.... ho notato che molti giovani qua sopra lo sanno bene, o perlomeno sanno come si dicono le parole nel proprio dialetto.... una domanda ma voi a casa, con genitori e parenti, lo parlate? o lo parlate/parlavate con i nonni? oppure fate una sorta di "bilinguismo" (o diglossia)?
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  8. #648
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    34
    Messaggi
    4,496
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Praticamente tutti gli emigranti emigrano in clan.
    La prima generazione parla quotidianamente la lingua madre.
    Vero anche questo fatto.
    È una vicenda che ho sentito raccontare più e più volte.
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  9. #649
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Chiusa di Pesio (CN)
    Età
    34
    Messaggi
    4,496
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    @alnus

    Ma poi alnus, mi hai messo una curiosità: ma pure in danese sono frequenti i dialetti? Tu ne conosci?
    I don't know what's 'round the corner way, I feel right now...

  10. #650
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    24,079
    Menzionato
    74 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da meteo_vda_82 Visualizza Messaggio
    tornando al discorso dialetti.... ho notato che molti giovani qua sopra lo sanno bene, o perlomeno sanno come si dicono le parole nel proprio dialetto.... una domanda ma voi a casa, con genitori e parenti, lo parlate? o lo parlate/parlavate con i nonni? oppure fate una sorta di "bilinguismo" (o diglossia)?Immagine
    Nella mia frazione e in generale nei paesi qui il dialetto lo parlano tutti, anche i ragazzi e i ragazzini
    Dialetto lo parlavo con mio nonno e lo parlo con i miei amici.. chiaramente un pò italiano un pò dialetto.
    Già a Cuneo è diverso, i più giovani non lo parlano... lo capiscono, ma non lo parlano.
    Lou soulei nais per tuchi

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •