Pagina 86 di 88 PrimaPrima ... 36768485868788 UltimaUltima
Risultati da 851 a 860 di 873
  1. #851
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Localit
    Saint Rhmy en Bosses, 1615 slm
    Et
    34
    Messaggi
    4,670
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Ecco, parlando con un mio amico di l, mi rinvenuta ora in mente una parolina del patois valdostano.
    "Cuis"...che sar?
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  2. #852
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Localit
    Roma
    Messaggi
    13,997
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da meteo_vda_82 Visualizza Messaggio
    A proposito di accenti e dialetti mi venuto in mente un film di alcuni anni fa (che sicuramente qualcuno di voi ha gi visto), "Bienvenue chez les ch'tis" ("gi al nord" il titolo del film in Italiano)
    Parla di un direttore delle poste della Provenza che viene trasferito nell'estremo nord della Francia , vicino a Lilla... qui dovr integrarsi in una nuova realt ma soprattutto capire il dialetto ("patois picard") e le espressioni e modi di dire tipici di questa zona che non vengono usati al sud e in altre zone della Francia...
    Per chi sa il francese consiglio di vederlo in lingua

    Anche se molto meno marcate che nel nostro paese o che in altre nazioni anche in Francia esistono (ancora) differenze regionali
    S lo ho visto quel film, molto carino

  3. #853
    Vento teso L'avatar di paroplapi
    Data Registrazione
    18/08/08
    Localit
    Yenne (Francia)
    Et
    51
    Messaggi
    1,572
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Inno dell'occitania:
    se canto - Bing video

    Se canto que canto

    Debat ma fenestro,
    Ya un aouslou
    Touto la ne canto,
    Canto sa cansou.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Aquelos montagnos
    Qu tan aoutos sount,
    Mempatchon de bs
    Mas amous oun sount


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Bassas bous mountagnos
    Planos aoussas bous !
    Perque posqui bs
    Mas amous oun sount.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Aqulos mountagnos
    Tant sabacharan
    Mas amourettos
    Se rapproucharan.

    Inno del contea di Nizza:
    nissa la bella corou de berra - Bing video

    Viva, viva, Nissa la Bella

    O la miu bella Nissa
    Regina de li flou
    Li tiu viehi taulissa
    Iu canterai toujou.
    Canterai li mountagna
    Lu tiu tant ric decor
    Li tiu verdi campagna
    Lou tiu gran soulu d'or.


    Toujou iu canterai
    Souta li tiu tounella
    La tiu mar d'azur
    Lou tiu cil pur
    E toujou griderai
    en la miu ritournella
    Viva, viva, Nissa la Bella
    .
    Canti la capelina
    La rosa e lou lil
    Lou Pourt e la Marina
    Paioun, Mascouin !
    Canti la soufieta
    Doun naisson li cansoun
    Lou fus, la coulougneta,
    La miu bella Nanoun.
    Canti li noustri gloria
    L'antic e bu caln
    Du dounjoun li vitoria
    L'oudou du tiu printemp !
    Canti lou vielh Sincaire
    Lou tiu blanc drapu
    Pi lou brs de ma maire
    Du mounde lou plus bu.


    Inno della Corsica (scritto in italiano):
    isulatine - Bing video


    Dio vi salvi, Regina
    Italien
    Dio vi salvi, Regina
    E Madre universale,
    Per cui favor si sale
    Al paradiso.
    Per cui favor si sale
    Al paradiso.

    Voi siete gioia e riso
    Di tutti i sconsolati,
    Di tutti i tribolati
    Unica speme.
    Di tutti i tribolati
    Unica speme.

    A voi sospira e geme
    Il nostro afflitto cuore
    In un mar di dolore
    E d'amarezza.
    In un mar di dolore
    E d'amarezza.

    Maria, mar di dolcezza,
    I vostri occhi pietosi,
    Materni ed amorosi,
    A noi volgete.
    Materni ed amorosi,
    A noi volgete.

    Noi miseri accogliete
    Nel vostro santo velo.
    Il vostro figlio in cielo,
    A noi mostrate.
    Il vostro figlio in cielo,
    A noi mostrate.

    Gradite ed ascoltate,
    O Vergine Maria,
    Dolce, clemente e pia,
    Gli affetti nostri.
    Dolce, clemente e pia,
    Gli affetti nostri.

    Voi dai nemici nostri,
    A noi date vittoria
    E poi l'eterna gloria
    In paradiso.
    E poi l'eterna gloria
    In paradiso.
    Du vi salvi, Regina
    Corse
    Du vi salvi, Regina
    Matre universale,
    Per qual favor si sall
    u paradisu.
    Per qual favor si sall
    u paradisu.

    Voi site gioia risu
    Di tutti i scunsulati,
    Di tutti i tribulati
    L'nica speme.
    Di tutti i tribulati
    L'nica speme.

    voi suspira geme
    Lu nostru afflittu core
    In un mar di dulore
    d'amarezza.
    In un mar di dulore
    d'amarezza.

    Mara, mar di dulcezza,
    Li vostri ochji pietosi,
    Materni ed amurosi,
    noi vulghjite.
    Materni ed amurosi,
    noi vulghjite.

    Noi mseri accuglite
    Ind'u vostru santu velu.
    Lu vostru figliu in celu,
    noi mustrate.
    Lu vostru figliu in celu,
    noi mustrate.

    Gradite ed ascultate,
    O Vrghjina Mara,
    Dolce, clemente pa,
    L'affetti nostri.
    Dolce, clemente pa,
    L'affetti nostri.

    Voi dai nemici nostri,
    noi date vittoria
    poi l'eterna gloria
    In paradisu.
    poi l'eterna gloria
    In paradisu.

    E per cambiare un po l'inno bretone:
    https://www.youtube.com/watch?v=epHChZlrTnc

    Ni, Breizhiz a galon, karomp hon gwir Vro!
    Brudet eo an Arvor dre ar bed tro-dro.
    Dispont kreiz ar brezel, hon tado ken mat,
    A skuilhas eviti o gwad.


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Ar Vretoned 'zo tud kalet ha krev ;
    N'eus pobl ken kalonek a zindan an nev,
    Gwerz trist, son dudius a ziwan eno,
    O ! pegen kaer ec'h out, ma Bro!


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Breizh, douar ar Sent kozh, douar ar Varzhed,
    N'eus bro all a garan kement 'barzh ar bed,
    Pep menez, pep traonienn, d'am c'halon zo kaer,
    Enne kousk meur a Vreizhad taer!


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Mard eo bet trec'het Breizh er brezelio bras
    He yezh a zo bepred ken bev ha biskoazh
    He c'halon birvidik a lamm c'hoazh' n he c'hreiz
    Dihunet out bremn, ma Breizh


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


  4. #854
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Localit
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Et
    32
    Messaggi
    24,115
    Menzionato
    78 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da paroplapi Visualizza Messaggio
    Inno dell'occitania:
    se canto - Bing video

    Se canto que canto

    Debat ma fenestro,
    Ya un aouslou
    Touto la ne canto,
    Canto sa cansou.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Aquelos montagnos
    Qu tan aoutos sount,
    Mempatchon de bs
    Mas amous oun sount


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Bassas bous mountagnos
    Planos aoussas bous !
    Perque posqui bs
    Mas amous oun sount.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Ques al lent de you


    Aqulos mountagnos
    Tant sabacharan
    Mas amourettos
    Se rapproucharan.



    Questa la nostra versione del nostro inno, al di qua delle Alpi:

    Devnt de ma fenstro
    Il ia un auseln
    toto la nuch chanto
    chanto sa chansun

    Se chanto, que chante
    chanto pas per io
    chanto per m mio
    que es a loin de io

    Aquelhos mountagnos
    que tan' auto son
    m'empachon de vire
    mes amours ont son

    Baissa-vous mountagnos
    planos leva-vous
    perqu posque veire
    mes amours ont son
    Lou soulei nais per tuchi

  5. #855
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Localit
    Saint Rhmy en Bosses, 1615 slm
    Et
    34
    Messaggi
    4,670
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg Visualizza Messaggio
    Ecco, parlando con un mio amico di l, mi rinvenuta ora in mente una parolina del patois valdostano.
    "Cuis"...che sar?
    Oh e finalmente! Non c'ho dormito con sto azz di "cuis" in testa
    Non mi ricordavo che significasse, allora ho scritto al mio amico valdostano su WhatsApp e... "bufera, tempesta"!
    Ecco che caspita significava
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  6. #856
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Localit
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Et
    32
    Messaggi
    24,115
    Menzionato
    78 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Mi ricapitato tra le mani un libro che ci ha regalato il mio comune (Vignolo) in occasione della leva dei 30 anni..
    Oltre la storia dalle origini ad oggi, ci sono parecchi detti, proverbi, nonch storie popolari. Una storia interessante quella dell'Argnac, una sorta di folletto/omino dispettoso. Questo rientra in pieno nella tradizione popolare alpina: in tutte le Alpi, specie occidentali, c' una grande tradizione di folletti, spiritelli, fate e maghi, di origine antichissima, celtica o preceltica: sono le masche, i servan, i sarvanot, tipici delle Valli Occitane del Piemonte, nonch l'Om sarvage (o Om sarvadzo), comune anche in Valle d'Aosta, descritto come uomo/orso, o uomo dei boschi, mezzo animale mezzo uomo, che scende nei villaggi solo una volta all'anno, a cui sono attribuiti poteri, talvolta negativi. I servan sono folletti/omini, spesso dispettosi, colpevoli di far cagliare il latte, rubare le castagne, e fare una serie di dispetti alle persone, come nascondere gli oggetti, rubare gli animali, ecc.ecc.
    Nell'ambito dei servan rientra anche questa storia, il "nostro" servan locale si chiama Argnac, il cui nome, presumibilmente, deriva dagli Armagnacchi, bande di soldati mercenari che, nel corso della Guerra dei Cent'Anni, si arroccarono sulla nostra montagna, compiendo razzie nei villaggi sottostanti.
    Questa la storia integrale, che riporto in dialetto.

    Na viro al Tet Souron y ero na famiho: pare, mare e fiet.
    Tout i sere l'om endasso a Son Coustons a ju ai taroc e celo istaso a c a fila.
    Na sero celo l'ero sulo sulto ca filavo, l' sent pic a la porto: "Toc... Toc...". Gnec en tero, l' saut dins l'estnsio n'umnt cun na testo groso ma 'nsarnei due ureie da parpain e i uei coumo i lincerno.. L'ero l'Argnac de la Louco, ca l' coumena a die: <<Filo filo, l'as p 'nco prou fil, l'as p 'nco fet ses fus, ton mar l' p 'nco aruv d'an veje >>.
    Ieto l' steto bianco ma n'estrs, savo pi co f. I diso: <<Deu cujame, a la matin me desveiu prest...>>
    E cel: <<Filo filo, l'as p 'nco prou fil, l'as p 'nco fet set fus, ton mar l' p 'nco aruv d'an veje>>.
    Per calmalu i a pi en p 'd pon e na toumo e y i a det.
    Couro l' stet unz'houre l'Argnac l'a dit: << Bunosero bunosero, arevise n'auto sero>>.
    Poc apres aruvo Bep, l'om, l' visto mezo morto e y a ciam: <<Beh, co l'as Ieto? Smes mort!>> e celo y a count touto l'estorio.
    Alouro Bep l' pens de butase cel a fil la sero d'apres, s' but la cotto lungo, al fudil, al sialet, l'escuffio e l' pi na furco, s'la teno dap.
    A nou ure l' sent en tapage. L'ero l'Argnac ca aruvavo. Apeno l' stet dins Bep l' laset tumb al fus e l'Argnac l' dit: <<Bunosero bunosero, l' p p la veiro d'l'auto sero, sas ni trse n mrse ni fa la virovlto, mingiavo d'bun pon ne dunavo d'c a m>>.
    E Bep l' dit: <<Ah s, te daso el pon, mi te dun la suo...>> l' pi la furco e l' coumen a pic a pic...
    L'Argnac primo d'parte s' vir e y a dit: <<Bunosero bunosero, demansro prima d'mezoneut sareve tuit mort...>>
    A lendumon Ieto e Bep y eru ben sagrin, savu gnin co f. L'ont pens ben ben ma savu propit gnin co f. A la fin Bep l' dit: <<Puare fa parei: ti te tayes i cavei e se cugiomo un da la testero e l'aut ai p dal let. Veghes ca se mangio gnin.>> Parei l'ont fet.
    A mezoneut sentu en rum: l'Argnac aruvavo. Sun stet l quiet quiet... L'Argnac toucavo sal let ma capo gnin ent'ero la fumno e l'om e diso:
    <<Testo dal munt, testo d'aval, savisu serne tra masch e fuml y stursaru al budel. Testo dal munt, testo d'aval, savisu serne tra masch e fumlo y stursaro la budlo>>. Ma y a gnin cugnusse e l' tourn a la Louco e l' mai p cal a Vigneul.
    Lou soulei nais per tuchi

  7. #857
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Localit
    Roma
    Messaggi
    2,851
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da paroplapi Visualizza Messaggio
    Inno dell'occitania:
    se canto - Bing video

    Se canto que canto

    Debat ma fenestro,
    Ya un aouslou
    Touto la ne canto,
    Canto sa cansou.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Qu’es al lent de you


    Aquelos montagnos
    Qu tan aoutos sount,
    M’empatchon de bs
    Mas amous oun sount


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Qu’es al lent de you


    Bassas bous mountagnos
    Planos aoussas bous !
    Perque posqui bs
    Mas amous oun sount.


    Se canto, que canto
    Canto pas per you
    Canto per ma mio
    Qu’es al lent de you


    Aqulos mountagnos
    Tant s’abacharan
    Mas amourettos
    Se rapproucharan.

    Inno del contea di Nizza:
    nissa la bella corou de berra - Bing video

    Viva, viva, Nissa la Bella

    O la miu bella Nissa
    Regina de li flou
    Li tiu viehi taulissa
    Iu canterai toujou.
    Canterai li mountagna
    Lu tiu tant ric decor
    Li tiu verdi campagna
    Lou tiu gran soulu d'or.


    Toujou iu canterai
    Souta li tiu tounella
    La tiu mar d'azur
    Lou tiu cil pur
    E toujou griderai
    en la miu ritournella
    Viva, viva, Nissa la Bella
    .
    Canti la capelina
    La rosa e lou lil
    Lou Pourt e la Marina
    Paioun, Mascouin !
    Canti la soufieta
    Doun naisson li cansoun
    Lou fus, la coulougneta,
    La miu bella Nanoun.
    Canti li noustri gloria
    L'antic e bu caln
    Du dounjoun li vitoria
    L'oudou du tiu printemp !
    Canti lou vielh Sincaire
    Lou tiu blanc drapu
    Pi lou brs de ma maire
    Du mounde lou plus bu.


    Inno della Corsica (scritto in italiano):
    isulatine - Bing video


    Dio vi salvi, Regina
    Italien
    Dio vi salvi, Regina
    E Madre universale,
    Per cui favor si sale
    Al paradiso.
    Per cui favor si sale
    Al paradiso.

    Voi siete gioia e riso
    Di tutti i sconsolati,
    Di tutti i tribolati
    Unica speme.
    Di tutti i tribolati
    Unica speme.

    A voi sospira e geme
    Il nostro afflitto cuore
    In un mar di dolore
    E d'amarezza.
    In un mar di dolore
    E d'amarezza.

    Maria, mar di dolcezza,
    I vostri occhi pietosi,
    Materni ed amorosi,
    A noi volgete.
    Materni ed amorosi,
    A noi volgete.

    Noi miseri accogliete
    Nel vostro santo velo.
    Il vostro figlio in cielo,
    A noi mostrate.
    Il vostro figlio in cielo,
    A noi mostrate.

    Gradite ed ascoltate,
    O Vergine Maria,
    Dolce, clemente e pia,
    Gli affetti nostri.
    Dolce, clemente e pia,
    Gli affetti nostri.

    Voi dai nemici nostri,
    A noi date vittoria
    E poi l'eterna gloria
    In paradiso.
    E poi l'eterna gloria
    In paradiso.
    Du vi salvi, Regina
    Corse
    Du vi salvi, Regina
    Matre universale,
    Per qual favor si sall
    u paradisu.
    Per qual favor si sall
    u paradisu.

    Voi site gioia risu
    Di tutti i scunsulati,
    Di tutti i tribulati
    L'nica speme.
    Di tutti i tribulati
    L'nica speme.

    voi suspira geme
    Lu nostru afflittu core
    In un mar di dulore
    d'amarezza.
    In un mar di dulore
    d'amarezza.

    Mara, mar di dulcezza,
    Li vostri ochji pietosi,
    Materni ed amurosi,
    noi vulghjite.
    Materni ed amurosi,
    noi vulghjite.

    Noi mseri accuglite
    Ind'u vostru santu velu.
    Lu vostru figliu in celu,
    noi mustrate.
    Lu vostru figliu in celu,
    noi mustrate.

    Gradite ed ascultate,
    O Vrghjina Mara,
    Dolce, clemente pa,
    L'affetti nostri.
    Dolce, clemente pa,
    L'affetti nostri.

    Voi dai nemici nostri,
    noi date vittoria
    poi l'eterna gloria
    In paradisu.
    poi l'eterna gloria
    In paradisu.

    E per cambiare un po l'inno bretone:
    https://www.youtube.com/watch?v=epHChZlrTnc

    Ni, Breizhiz a galon, karomp hon gwir Vro!
    Brudet eo an Arvor dre ar bed tro-dro.
    Dispont kreiz ar brezel, hon tado ken mat,
    A skuilhas eviti o gwad.


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Ar Vretoned 'zo tud kalet ha krev ;
    N'eus pobl ken kalonek a zindan an nev,
    Gwerz trist, son dudius a ziwan eno,
    O ! pegen kaer ec'h out, ma Bro!


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Breizh, douar ar Sent kozh, douar ar Varzhed,
    N'eus bro all a garan kement 'barzh ar bed,
    Pep menez, pep traonienn, d'am c'halon zo kaer,
    Enne kousk meur a Vreizhad taer!


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    Mard eo bet trec'het Breizh er brezelio bras
    He yezh a zo bepred ken bev ha biskoazh
    He c'halon birvidik a lamm c'hoazh' n he c'hreiz
    Dihunet out bremn, ma Breizh


    O Breizh, ma Bro, me 'gar ma Bro.
    Tra ma vo mor 'vel mur 'n he zro.
    Ra vezo digabestr ma Bro!


    a parte il bretone, che mi riesce difficile a comprendere il senso delle parole, le altre mi sono molto pi vicine
    l'occitano sembra un misto tra genovese, spagnolo, francese
    il corso, molto simile all'italiano, in pratica un dialetto nostrano fratello del sardo
    il nizzardo un ligure che vive da anni in Francia

    peccato che si vadano perdendo, le lingue nazionali stanno appiattendo tutto
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente che si pu sempre fare l'imbecille, mentre il contrario del tutto impossibile - woody allen

  8. #858
    Burrasca L'avatar di the_pise
    Data Registrazione
    05/06/07
    Localit
    genova - 150m
    Et
    52
    Messaggi
    6,811
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    a parte il bretone, che mi riesce difficile a comprendere il senso delle parole, le altre mi sono molto pi vicine
    l'occitano sembra un misto tra genovese, spagnolo, francese
    il corso, molto simile all'italiano, in pratica un dialetto nostrano fratello del sardo
    il nizzardo un ligure che vive da anni in Francia

    peccato che si vadano perdendo, le lingue nazionali stanno appiattendo tutto
    Un Genovese, un Marsigliese e un Barcellonese che parlano in Italiano, Francese e Castigliano si intercomprendono molto a fatica; parlando rispettivamente in Ligure, Occitano e Catalano le cose risultano assai pi facili (vita vissuta...)
    Occorre un portafoglio molto largo, e di pazienza
    Come Ponzio palato nessuno non ha la colpa, si lavano le mani.

    Le mie foto su Flickr:
    http://www.flickr.com/photos/14667436@N02/

    Il mio fotoalbum:
    http://fotoalbum.virgilio.it/fabrizio.binello

  9. #859
    Burrasca L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Localit
    Torgnon VdA 1350mt
    Et
    38
    Messaggi
    6,839
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    Ecco qualche paragone tra Francoprovenzale Valdostano, Occitano, Catalano e Piemontese (oltre che Latino e Lingue "standard")

    Latino Valdostano Francese Catalano Occitano Italiano Piemontese
    clavis clli clef / cl clau clau chiave ciau
    apes aveuille abeille abella abelha ape avija
    glacies llasse verglas gla/gel glaa ghiaccio giassa
    cantare tsant chanter cantar cantar (nord occ. chantar) cantare cant
    capra tchvra chvre cabra cabra (nord occ. chabra, gasc. craba) capra crava
    lingua lenva langue llengua lenga lingua lenga
    nox, noctis nt nuit nit nuch (nuit, gasc. nueit) notte neuit
    sapo, saponis savon savon sab sabon (gasc. sablon) sapone savon
    sudare chou suer suar susar (suar, gasc. sudar) sudare sud
    vita, vitae via vie vida vida (gasc. vita) vita vita
    pacare pay payer pagar pagar (nord Occ. paiar) pagare pagh
    platea place place plaa plaa piazza piassa
    ecclesia llise glise esglsia glisa chiesa gesia
    caseus (formaticus) fromadzo fromage formatge formatge (gasc. hromatge) formaggio formagg
    Residenza: Torgnon (AO) 1350 mt
    Lavoro: Saint-Christophe (AO) 550 mt

  10. #860
    Calma di vento L'avatar di Matlmaire
    Data Registrazione
    14/03/20
    Localit
    Valle d'Aosta
    Messaggi
    34
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Strani nomi di cose dialettali

    L'occitano la variante piemontese (sarebbe pi giusto dire torinese, dato che la koin di riferimento) del sud Europa, niente da fare.

    Un piemontese e un occitano penso che si capiscano all'80-90% se iniziano a parlare nei loro idiomi.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •