Pagina 2461 di 2508 PrimaPrima ... 14611961236124112451245924602461246224632471 ... UltimaUltima
Risultati da 24,601 a 24,610 di 25080
  1. #24601
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    455
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da nago Visualizza Messaggio
    FMI rivede al ribasso le stime di crescita, altra bella giornatina?
    In realtà i dati del FMI sono buoni per l'Italia, non c'è nessuna revisione al ribasso rispetto alle stime di luglio a differenza degli altri stati europei e della media euro che sono stati rivisti al ribasso, Germania e Francia in particolare.

    Il ribasso delle stime di crescita italiane è solo rispetto al WEO di Aprile, fatto interamente con dati pre-elezioni politiche ed è comunque inferiore rispetto al peggioramento della zona euro, si tratta di una riduzione della crescita interamente di tipo congiunturale legata a fattori globali tipo il prezzo del petrolio e un fisiologico ribasso dopo i valori esageratamente positivi del 2017 (esageratamente rispetto al potenziale di crescita anemico della zona euro, non in assoluto). Non c'è nessun effetto specifico relativo all'Italia.

    Complessivamente il FMI ha una visione in linea con lo scenario tendenziale della NADEF, quello a politiche invariate, forse un filo più ottimistico (uno 0,1 di crescita in più).
    Ma questo il FMI nelle sue proiezioni sta evidentemente dando per scontato che le clausole di salvaguardia non sarebbero scattate (visto che ha un deficit sensibilmente più alto) e non incorporano ancora gli aumenti dei tassi di interesse (la spesa per interessi è vista costante mentre la NADEF già assume un aumento dello 0,1% del PIL a cui andrebbe aggiunto un altro 0,3 se i tassi rimanessero ai livelli attuali.

    In sintesi, per adesso il FMI continua ad avere una visione relativamente ottimistica ma non tiene conto della manovra e delle ultime tensioni sui mercati.

  2. #24602
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    455
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Ovvio, poteva piovere!

    Sul lungo stiamp pagando il 2% di interesse in più rispetto a 7 mesi fa; sul breve non ho sottomano i numeri, ma immagino saremo dalle parti dell 1-1.5%
    Considerato che dobbiamo rinnovare centinaia di miliardi all'anno e che son lì che raspano sul fondo del barile come conigli assatanati per trovare qualche centinaio di miioni da mesi... Sì. Poteva andare peggio... Poteva cadere il più volte citato (se non invocato...) meteorite...
    No, sul breve termine è molto peggio che sul lungo, come aveva notato @Josh la curva dei rendimenti si sta appiattendo.
    Italy Government Bonds - Investing.com

  3. #24603
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    455
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    A priori è chiaramente evidente di no.
    Ma a posteriori sono abbastanza fiducioso...


    Non intendevo tanto in termini di esborso diretto da parte dello Stato, quanto nel fatto che il tutto vada ad impattare sulla crescita a più lungo termine (e quindi sul denominatore).
    Chiaro, il credit crunch è il problema principale al momento.
    Ma ci tenevo a sottolineare che anche qualora ci fosse un esborso da parte dello stato probabilmente non andrebbe ad aumentare il deficit.


    Comunque ci stiamo preoccupando per nulla: oggi quel genio di Savona ha detto che grazie alla manovra nel 2019 si cresce il 2% (oggi il FMI ha tagliato le stime di crescita all'1%) e nel 2020 il 3%
    Chissà se le previsioni di deficit si basano su queste CREDIBILISSIME ipotesi di crescita...
    Per fortuna le opinioni di Savona sono personalissime e le stime del governo sono più moderate. Infatti diversi esponenti governativi sostengono che il deficit sarà anche più basso di quanto previsto proprio in virtù di questo ragionamento.
    Di per sé peraltro il moltiplicatore usato dal governo non è nemmeno particolarmente elevato, se fosse inserito in un quadro di politica economica credibile potrebbe anche non essere un discorso troppo campato in aria per quanto riguarda il 2019 (il 3% del 2020 è folle a prescindere). Ma la qualità della spesa è talmente infima e la comunicazione del governo così farsesca che lo spread si mangerà qualunque beneficio si possa avere dalla politica fiscale espansiva.
    Ultima modifica di snowaholic; 09/10/2018 alle 10:14

  4. #24604
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    455
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Come giudichi la mossa di svalutare la Lira durante la crisi petrolifera degli anni 70?
    Domanda molto difficile. Secondo me è stato un passo inevitabile, vista la nostra totale dipendenza dall'estero per gli approvvigionamenti energetici la crisi petrolifera è risultata particolarmente dura per l'Italia.
    Eravamo in buona compagnia, in quel periodo anche il dollaro si svalutò rispetto al marco tedesco e l'inflazione salì ovunque. Ma la lira si svalutò ancora di più (rimanemmo agganciati al dollaro solo per qualche mese) e le dinamiche salariali andarono fuori controllo, più che in altri paesi. Non solo i salari mantenevano il passo con la crescita dei prezzi e della produttività, andavano ben oltre con un aumento del costo del lavoro per unità di prodotto che è proseguito per molti anni nonostante la continua crescita della disoccupazione (ogni relazione inversa tipo curva di Phillips saltò completamente). Da qui le svalutazioni in serie della lira per cercare di recuperare competitività.

    Il problema quindi non fu la prima svalutazione del 73-74, ma il mantenimento di una politica economica (soprattutto fiscale) esageratamente espansiva per oltre un decennio, con la timida riduzione del disavanzo primario a partire dal 1986/1987 che fu troppo poco e troppo tardi. La crescita del debito non è soltanto un problema di sostenibilità dei conti pubblici, diventa destabilizzante anche dal punto di vista macroeconomico se avviene in un contesto di elevata inflazione ed elevata crescita del PIL (politica fiscale pro-ciclica).

  5. #24605
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    37 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Interessante

    Tria: sulle pensioni cambiamento temporaneo. Drastico peggioramento del quadro macro - Il Sole 24 ORE

    Dunque riassumendo...
    Punto di partenza il peggioramento del quadro macro (rispetto a stime di crescita dell' 1.3% per il 2020).
    E quindi sono prudenziali le stime di crescita inserite nella NADEF che sono più alte a suon di spesa corrente per le pensioni.
    Che però è modifica temporanea (che va a completare i 3 moschettieri assieme agli obblighi flessibili e alle flat tax a più aliquote).
    Ma una perizia psichiatrica di massa no?
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  6. #24606
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    3,742
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Domanda molto difficile. Secondo me è stato un passo inevitabile, vista la nostra totale dipendenza dall'estero per gli approvvigionamenti energetici la crisi petrolifera è risultata particolarmente dura per l'Italia.
    Eravamo in buona compagnia, in quel periodo anche il dollaro si svalutò rispetto al marco tedesco e l'inflazione salì ovunque. Ma la lira si svalutò ancora di più (rimanemmo agganciati al dollaro solo per qualche mese) e le dinamiche salariali andarono fuori controllo, più che in altri paesi. Non solo i salari mantenevano il passo con la crescita dei prezzi e della produttività, andavano ben oltre con un aumento del costo del lavoro per unità di prodotto che è proseguito per molti anni nonostante la continua crescita della disoccupazione (ogni relazione inversa tipo curva di Phillips saltò completamente). Da qui le svalutazioni in serie della lira per cercare di recuperare competitività.

    Il problema quindi non fu la prima svalutazione del 73-74, ma il mantenimento di una politica economica (soprattutto fiscale) esageratamente espansiva per oltre un decennio, con la timida riduzione del disavanzo primario a partire dal 1986/1987 che fu troppo poco e troppo tardi. La crescita del debito non è soltanto un problema di sostenibilità dei conti pubblici, diventa destabilizzante anche dal punto di vista macroeconomico se avviene in un contesto di elevata inflazione ed elevata crescita del PIL (politica fiscale pro-ciclica).
    Quindi il Marco tedesco non è stato svalutato perché non aveva bisogno di recuperare competitività come la Lira italiana? Per questo motivo nella Germania occidentale l'inflazione durante la crisi petrolifera non aumentò in modo significativo?

  7. #24607
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    37 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Magari qualcuno pensava che il piccolo rimbalzo in apertura fosse una cosa seria...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  8. #24608
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    37 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    No, sul breve termine è molto peggio che sul lungo, come aveva notato @Josh la curva dei rendimenti si sta appiattendo.
    Italy Government Bonds - Investing.com
    Anvedi che alla fine sono io l'ottimista...

    Vedo che 1.5% è l'aumento di interesse sui titoli annuali, praticamente da maggio. Molto interessante...
    In questo comunque borsa in territorio ampiamente negativo (-0.5%) e spread a 315.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  9. #24609
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    455
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Quindi il Marco tedesco non è stato svalutato perché non aveva bisogno di recuperare competitività come la Lira italiana? Per questo motivo nella Germania occidentale l'inflazione durante la crisi petrolifera non aumentò in modo significativo?
    La Germania dal dopoguerra ha una viscerale fobia dell'inflazione, una sistema di negoziazione dei salari che impedisce la rincorsa prezzi-salari e una totale avversione verso l'utilizzo della politica fiscale come strumento di politica economica. Con l'approccio ordoliberale tedesco il governo cerca di mantenere bassi i prezzi promuovendo contemporaneamente la competizione tra prezzi e moderazione salariale.
    La totale assenza di politiche a sostegno della domanda aggregata li porta ad appoggiarsi fortemente alla domanda estera, atteggiamento che può essere problematico in una fase come quella attuale ma negli anni 70 in cui il problema era opposto è risultato piuttosto efficiente.

    Questo porta il marco ad essere strutturalmente una valuta forte che tende ad apprezzarsi, in maniera simile allo yen giapponese e al franco svizzero, come è normale che sia in presenza di un differenziale di inflazione permanente. La lira sta all'estremo opposto, mentre il franco francese e il dollaro americano si collocavano a metà strada. Sono diversi approcci alla politica economica che portano a traiettorie molto diverse nel valore della valuta nazionale, anche se non è detto che la moneta forte sia più efficiente dal punto di vista economico.
    Ultima modifica di snowaholic; 10/10/2018 alle 13:03

  10. #24610
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,596
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Ecco lì, Savona pensa davvero che Draghi interverrebbe a toglierli le castagne dal fuoco (sottointendendo con il programma OMT, anche se non lo dice).
    Certo che interverrebbe, ma solo dopo che il governo avrà firmato un memorandum in cui l'Italia si impegna a raggiungere il pareggio di bilancio a tappe forzate.

    Italia, Savona: Draghi agira se serve per evitare nuova crisi in Ue | Reuters
    La crisi del debito pubblico italiano attuale è molto diversa da quella del biennio 2011/12: allora era considerata imminente la disgregazione dell'eurozona e gli investitori scappavano dagli asset di numerosi Paesi (ad un certo punto persino i titoli francesi finirono nel mirino), ora la crisi di fiducia è limitata all'Italia. Lo spread spagnolo e portoghese è infinitamente più basso del nostro,che è ormai prossimo a quello greco. Addirittura irrisorio lo spread dei titoli sloveni, che era altissimo nel marzo 2013. Insomma, l'Italia con la sua nostalgia per le svalutazioni competitive è finanziariamente e fattualmente isolata.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •