Pagina 2462 di 2610 PrimaPrima ... 1462196223622412245224602461246224632464247225122562 ... UltimaUltima
Risultati da 24,611 a 24,620 di 26091
  1. #24611
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,468
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    La Germania dal dopoguerra ha una viscerale fobia dell'inflazione, una sistema di negoziazione dei salari che impedisce la rincorsa prezzi-salari e una totale avversione verso l'utilizzo della politica fiscale come strumento di politica monetaria. Con l'approccio ordoliberale tedesco il governo cerca di mantenere bassi i prezzi promuovendo contemporaneamente la competizione tra prezzi e moderazione salariale.
    La totale assenza di politiche a sostegno della domanda aggregata li porta ad appoggiarsi fortemente alla domanda estera, atteggiamento che può essere problematico in una fase come quella attuale ma negli anni 70 in cui il problema era opposto è risultato piuttosto efficiente.

    Questo porta il marco ad essere strutturalmente una valuta forte che tende ad apprezzarsi, in maniera simile allo yen giapponese e al franco svizzero, come è normale che sia in presenza di un differenziale di inflazione permanente. La lira sta all'estremo opposto, mentre il franco francese e il dollaro americano si collocavano a metà strada. Sono diversi approcci alla politica economica che portano a traiettorie molto diverse nel valore della valuta nazionale, anche se non è detto che la moneta forte sia più efficiente dal punto di vista economico.
    Forse la mezza misura del franco francese era la soluzione più equilibrata
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #24612
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    555
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    La crisi del debito pubblico italiano attuale è molto diversa da quella del biennio 2011/12: allora era considerata imminente la disgregazione dell'eurozona e gli investitori scappavano dagli asset di numerosi Paesi (ad un certo punto persino i titoli francesi finirono nel mirino), ora la crisi di fiducia è limitata all'Italia. Lo spread spagnolo e portoghese è infinitamente più basso del nostro,che è ormai prossimo a quello greco. Addirittura irrisorio lo spread dei titoli sloveni, che era altissimo nel marzo 2013. Insomma, l'Italia con la sua nostalgia per le svalutazioni competitive è finanziariamente e fattualmente isolata.
    Esattamente. La crisi del 2011/2012 era una crisi di origine prevalentemente finanziaria, che andava a colpire a prescindere dai fondamentali di finanza pubblica che nel nostro caso non erano così negativi. Draghi lo spiegò molto bene nel famoso discorso del "whatever it takes", la frammentazione finanziaria originò dalla debolezza delle banche e dal tentativo di ridurre l'esposizione transnazionale, il rialzo dello spread è arrivato dopo e ha deteriorato ulteriormente i bilanci pubblici. Era innanzitutto una crisi di liquidità.

    Dura salita o "discesa" verso il default?-targetbalance-low.png

    Adesso invece il QE sta consentendo di ridurre l'esposizione transnazionale delle banche senza creare scompensi, visto che questa esposizione viene indirettamente assorbita dal bilancio della BCE. Quindi tutte le tensioni che vediamo sui mercati dipendono da una valutazione dei fondamentali italiani che a mio parere sono peggiori per il 2019 rispetto al 2011: debito al 115% nel 2011 vs 130% attuale, avanzo primario allo 0,8% vs 1% realistico il prossimo anno (1,3 secondo il governo), al secondo anno di ripresa dopo una crisi epocale allora, adesso con la congiuntura che inizia a peggiorare dopo una lunga fase di ripresa.

    Oggi come allora non sarebbe ingestibile la situazione se ci fosse una guida politica adeguata in realtà...

  3. #24613
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    50
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    40 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Oggi come allora non sarebbe ingestibile la situazione se ci fosse una guida politica adeguata in realtà...
    Dipende da cosa significa "ingestibile". Di nuovo negli ultimi 5-6 anni ci siamo giocati l'occasione, come già a inizio millennio, di costruire una struttura un po' più robusta (stavolta partivamo comunque decisamente peggio rispetto al 2000). Francamente in caso di shock non so come potremo uscirne stavolta...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  4. #24614
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,468
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Io condivido le tue analisi per abbattere il debito ma è indubitabile che non ci sono soltanto in ballo le questioni tecnico economiche ma anche una componente politica assolutamente importante, tesa a contrastare, da parte dell'Europa, questo governo.
    In fondo Renzi faceva il 3% di deficit ma non ricordo tutta questa caciara (i maligni dicono che in cambio aveva offerto all'Europa tutti i porti aperti ai migranti).
    Ricordiamoci che con Berlusconi lo spread a 550 è servito a cacciarlo( ma non era giustificato un rialzo così repentino da fatti di normale dinamica economica).

    Senza voler essere complottisti su tutto, non facciamo gli ingenui però : quello che noi vediamo delle cose del mondo è solo una parte).
    Oppure dovremo credere che Enrico Mattei ha avuto un banale incidente e Craxi è caduto per tangentopoli (in realtà, per loro stessa ammissione un dossier su di lui gli americani ce lo avevano pronto da tempo e lo hanno tirato fuori per toglierlo di mezzo ( intervista ad un funzionario dei servizi americani su radio 24 un paio di anni fa).
    A proposito di "mollare"...hai visto come sia Banca d'Italia che la Corte dei Conti hanno bacchettato la manovra?Anche loro strumenti del gomblottoh mondialista contro la sovranità popolare(di fare il cavolo che mi pare)?Se è così,ti resta forse Luttwak...
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  5. #24615
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    50
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    40 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Intanto gli americani ci vogliono bene: si chiude un po' in positivo con la borsa e in territorio neutro con lo spread.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  6. #24616
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    555
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Dipende da cosa significa "ingestibile". Di nuovo negli ultimi 5-6 anni ci siamo giocati l'occasione, come già a inizio millennio, di costruire una struttura un po' più robusta (stavolta partivamo comunque decisamente peggio rispetto al 2000). Francamente in caso di shock non so come potremo uscirne stavolta...
    Intendo dire che ci sono talmente tanti margini di miglioramento nelle politiche pubbliche che non dovrebbe essere troppo difficile fare meglio di quello che si è fatto negli ultimi anni e alzare il livello della crescita economica di conseguenza. Al momento non c'è una situazione emergenziale e non è detto che arrivino shock molto potenti nei prossimi anni (a meno che non ce lo procuriamo da soli). Se anche arrivassero abbiamo sempre l'ombrello dell'OMT che non verrebbe negato ad un governo che lavora bene.

    Abbiamo buttato via l'ennesima occasione ma non sarebbe troppo tardi per fare politiche più sensate. Puoi dirmi che non ci sono le condizioni politiche per farlo e potrei anche essere d'accordo. Ma non siamo ancora un malato terminale, anche se facciamo sempre in tempo a suicidarci.

  7. #24617
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    27
    Messaggi
    33,266
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Siamo al livello del circo Pivetta

    https://www.msn.com/it-it/notizie/ot...cid=spartanntp

    Uno dice: avanti tutta, i mercati gombloddano. L'altro esattamente il contrario.

    Stanno chiaramente sperando che intervenga la BCE a metterci una pezza, ma se non c'è un minimo di chiarezza nelle idee prima di tutto, la BCE col piffero che interviene, giustamente anche
    Avatar: Bei tempi che non torneranno più.

  8. #24618
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Vienna
    Messaggi
    2,679
    Menzionato
    46 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Il ribasso delle stime di crescita italiane è solo rispetto al WEO di Aprile, fatto interamente con dati pre-elezioni politiche ed è comunque inferiore rispetto al peggioramento della zona euro, si tratta di una riduzione della crescita interamente di tipo congiunturale legata a fattori globali tipo il prezzo del petrolio e un fisiologico ribasso dopo i valori esageratamente positivi del 2017 (esageratamente rispetto al potenziale di crescita anemico della zona euro, non in assoluto). Non c'è nessun effetto specifico relativo all'Italia.
    Non capisco però perché parli di crescita anemica quando la zona Euro negli ultimi 2-3 anni ha avuto tassi di crescita assolutamente paragonabili a quelli del resto del mondo sviluppato, che peraltro in genere vede crescite demografiche più elevate.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  9. #24619
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,765
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    A proposito di "mollare"...hai visto come sia Banca d'Italia che la Corte dei Conti hanno bacchettato la manovra?Anche loro strumenti del gomblottoh mondialista contro la sovranità popolare(di fare il cavolo che mi pare)?Se è così,ti resta forse Luttwak...
    Ma lo capisci quello che scrivo o vai a ruota libera?
    Quando dico che non ci sono in ballo solo questioni tecniche ma anche di contrasto politico, come è sempre successo a chi rompe schemi consolidati è chiaro o no quello che voglio dire o hai bisogno di un disegnino?
    E che dire allora di Trump e di quella bufala continua sul complotto dei russi sulle elezioni del 2016 ,e su quante escort si è scopato, visto che i democratici lo vogliono buttare giù, e non accettano il verdetto delle urne (nonostante l'economia americana voli altissima).
    Vogliamo forse parlare della Le Pen che i giudici francesi vorrebbero neutralizzare con una perizia psichiatrica?
    Insomma chi è contro il mainstream ha solo guai .... tutto il mondo è paese.
    Se questa manovra l'avesse fatta il pd mantenendo ong e scafisti a fare i traghettatori di migranti, lo spread sarebbe rimasto a 190!

  10. #24620
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    27
    Messaggi
    33,266
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Non capisco però perché parli di crescita anemica quando la zona Euro negli ultimi 2-3 anni ha avuto tassi di crescita assolutamente paragonabili a quelli del resto del mondo sviluppato, che peraltro in genere vede crescite demografiche più elevate.
    Esattamente. Di fatto solo l'Italia è in crescita anemica, ma i ratei di crescita di Paesi come la Spagna, il Portogallo o ancora una volta la stessa Germania, sono assolutamente ragguardevoli.
    Avatar: Bei tempi che non torneranno più.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •