Pagina 2529 di 2547 PrimaPrima ... 15292029242924792519252725282529253025312539 ... UltimaUltima
Risultati da 25,281 a 25,290 di 25470
  1. #25281
    Bava di vento
    Data Registrazione
    19/04/18
    Località
    Castelforte (LT)
    Messaggi
    73
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sempre sovranisti e xenofobi sono,solo più classici e catalogabili
    A maggior ragione... a chi si era rivolto il movimento per primo per poter fare il Governo? PD e LeU... i primi, anche per gli insulti subiti negli anni, si sono rifiutati e anche grazie al "monito" del PdR di non farci trovare ancora in una situazione insostenibile dal punto di vista politico, ci si è rivolti ad altri. Sappiamo come è andata: tutto il resto è una conseguenza
    Addo' arrivamo, mettemo glio' pezzùco
    Luccicantella calla calla, mitti fuoco alla cavalla, la cavalla dé glio' ré, luccicantella mmàni a mmé!!

  2. #25282
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Dovrai convenire con me che il comportamento delle ONG in qualche circostanza è stato quantomeno discutibile, senza per forza cercare complotti da tutte le parti
    Benissimo e quindi?
    Siccome qualche volta c'è stato qualcosa di discutibile chiudiamo tutto? Se la logica è questa domani si ferma la materia, nel senso fisico del termine...


    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Questo in effetti è un altro discorso, e va valutato attentamente.. attenzione però, io non sono un tifoso del Governo, bensì mi sta a cuore il futuro sia politico che economico dell'Italia.
    Allora è il caso di cominciare a smettere di parlare dei danni passati e di concentrarsi su quelli molto più grandi e concentrati alle porte...

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    L'aumento dell'IVA rischia di avverarsi, ma qui dovremmo vedere se succederà davvero
    Guarda che non funziona più così da un pezzo eh! Oggi quando metti nero su bianco quelle che si chiamano "clausole di salvaguardia" scrivi "dal 01/01/2020 l'IVA salirà al 25% e dal 01/01/2021 al 26.5%".
    Ergo l'IVA salirà a meno che non si trovino misure alternative; detta diversamente: oggi sappiamo che salirà, poi vediamo se qualcuno troverà un giacimento di manna per evitare che accada...
    E concludo dicendo che mettere in campo misure che facciano sì che tra un anno la legge di bilancio parta da -20 miliardi (e tra 2 da -30) è da criminali.

    Ma ci scommetto la casa la cui IMU sta pagando qualcun altro che le colpe se le prenderà il prossimo che dovrà mettersi lì a spremere sangue dalle rape per tappare i buchi creati da 'sti mentecatti.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  3. #25283
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    E nel frattempo vedo che lo spread oggi è di nuovo risalito a 270 punti.
    E senza particolari notizie.
    Buon segno........................................
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  4. #25284
    Bava di vento
    Data Registrazione
    19/04/18
    Località
    Castelforte (LT)
    Messaggi
    73
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Benissimo e quindi?
    Siccome qualche volta c'è stato qualcosa di discutibile chiudiamo tutto? Se la logica è questa domani si ferma la materia, nel senso fisico del termine...
    Con molta serenità e tranquillità ti scrivo il mio parere...

    Cornelio Brandini, uno dei collaboratori di Craxi quando era Capo del Governo, ha sostenuto varie volte che lo stesso Craxi riteneva che l'Italia non dovesse nulla agli USA, e che la liberazione del nostro paese nel '45 fosse in gran parte opera dei partigiani.

    Riallacciandomi a questo discorso, io sostengo che l'italia non debba nulla all'Africa né all'Asia. Le risorse che noi otteniamo da questi due continenti (e che paghiamo, magari al ribasso, ma paghiamo) derivano da accordi presi con i loro politici, che sono persone che stanno bene e che non pensano al benessere dei loro cittadini (salvo qualche caso), non redistribuendo la ricchezza, anche se è poca, con gli abitanti soprattutto delle zone rurali. C'è stata anche un'inchiesta di Corrado Formigli e di La7 che si è recato nel Somaliland, zona della Somalia dichiaratisi indipendente, dove si possono notare famiglie con 31 figli (!) e zone di abbandono da parte del Governo centrale.

    I nostri politici, per quanto possano essere ladri o roba simile, tendono a fare comunque delle misure per aiutare i loro connazionali (abbiamo parlato del reddito di cittadinanza, del reddito d'inclusione ecc..)

    Quindi, io ritengo che importare poveri di quei continenti da noi non sia la soluzione. Se uno bussa a casa mia e ha fame, io gli posso anche dare un euro.. ma se bussano in 50, io sono forse costretto a chiamare i carabinieri.

    Un rifugiato somalo in Italia, Awas Ahmed, in un'intervista ha sostenuto che loro partono comunque e che anche se in Europa non c'è lavoro "veniamo da voi per cercare salvezza e futuro: non abbiamo colpe se siamo nati dalla parte sbagliata e voi non avete merito di essere nati dalla parte giusta". Io questo lo interpreto come "non importa se non c'è lavoro: state bene, mangiate, avete benessere, e anche noi vogliamo qualcosa di quello che avete".

    Salvini ha fatto bene in questi mesi a non farli sbarcare, anche se ha fatto un pò il deficiente con la vicenda della nave Diciotti: a me non interessa il lavoro delle ONG e non interessa il perché queste persone partano.. sono loro che decidono di partire, nessuno li ha chiamati, prima di arrivare in Libia, dove vengono torturarti, passano vari stati africani... fermo restando che, a quanto risulta (dati del 2017) solo l'11 per cento di loro ha diritto a protezione: 7 per cento protezione internazionale per la guerra, 4 per cento protezione sussidiaria.. quindi in teoria ci sono alcuni di loro che hanno diritto a entrare ma solo in Italia abbiamo la "protezione umanitaria" che esiste comunque anche in Slovacchia e che io non ho ben capito cosa sia.

    Il problema di Salvini è che egli è un pò sbruffoncello, con i vari posts su FB e su altre piattaforme. Sbaglia quindi i modi, ma non è detto che non abbia ragione.

    La Comm Europea ci tira le orecchie per via della manovra e per come è strutturata... va bene, però intanto 5 miliardi si spendono per l'accoglienza, di cui solo 87 milioni provengono dalla UE... e questi 5 miliardi non vengono iscritti a bilancio, sono addirittura "stralciati".

    Queste cose che scrivo non me le ha dettate Salvini... prima si pensa alla propria famiglia, poi ai vicini di casa, e non è detto che l'italia debba sobbarcarsi un onere di dare da mangiare al mondo povero solo perché è esposta geograficamente.

    L'ONU sta stanziando 200 miliardi di dollari per aiutare le persone in Africa e Asia soggetti ai cambiamenti climatici. Quindi qualcuno agisce là... Noi, con persone da aiutare in Italia non possiamo sempre occuparci di loro.. naturalmente mi riferisco ad aiutare tutti i cittadini italiani, anche quelli di origine straniera che hanno la cittadinanza.

    Ci sono altri sbarchi di algerini e tunisini sulle coste sarde: ma esattamente da cosa scappano, questi? i due stati hanno una discreta crescita economica...
    Con serenità ti dico questo... abbiamo diverse idee politiche. Io tendo non proprio a pensare solo al mio orticello, non è così, ma sono abbastanza patriota, anche se questo termine oggi è un pò obsoleto. Mi definisco "un conservatore illuminato".

    Poi torniamo a parlare di economia..
    Ultima modifica di Presidente; 03/01/2019 alle 20:27
    Addo' arrivamo, mettemo glio' pezzùco
    Luccicantella calla calla, mitti fuoco alla cavalla, la cavalla dé glio' ré, luccicantella mmàni a mmé!!

  5. #25285
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    507
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Verissimo, ma purtroppo qualcosa bisognava fare, con la "coperta troppo corta" come si suol dire.. Il reddito d'inclusione, col quale lavoro tutti i gg visto che sono in un patronato/caf, è una buona idea e il reddito di cittadinanza è "un'evoluzione" dello stesso.
    Difficilissima la politica per la famiglia, sono d'accordo.. in effetti abbiamo bisogno che nascano più figli, nei limiti del possibile, senza dover per forza importare dal terzo mondo persone che possano "sostituirli" , tenendoci solo l'immigrazione fisiologica.
    La coperta è corta perché sono state fatte precise scelte politiche, non per volontà divina. Quando si accumulano misure propagandistiche senza capo né coda, più o meno costose, che nessuno poi ha il coraggio di toccare, la coperta diventa corta.
    Con un terzo della spesa bloccato sulle pensioni, la casa è sacra e non si può tassare, la lotta all'all'evasione disturba troppa gente e così via, politicamente tutto diventa impossibile e nessuno se ne prende la responsabilità. Se sulla famiglia fai un pastrocchio e dici che hai fatto il possibile mi stai solo prendendo per i fondelli. Quello è il massimo possibile solo se della famiglia in realtà non te ne frega nulla, gli inglesi lo chiamano lip service.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  6. #25286
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,839
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Con molta serenità e tranquillità ti scrivo il mio parere...

    Cornelio Brandini, uno dei collaboratori di Craxi quando era Capo del Governo, ha sostenuto varie volte che lo stesso Craxi riteneva che l'Italia non dovesse nulla agli USA, e che la liberazione del nostro paese nel '45 fosse in gran parte opera dei partigiani.

    Riallacciandomi a questo discorso, io sostengo che l'italia non debba nulla all'Africa né all'Asia. Le risorse che noi otteniamo da questi due continenti (e che paghiamo, magari al ribasso, ma paghiamo) derivano da accordi presi con i loro politici, che sono persone che stanno bene e che non pensano al benessere dei loro cittadini (salvo qualche caso), non redistribuendo la ricchezza, anche se è poca, con gli abitanti soprattutto delle zone rurali. C'è stata anche un'inchiesta di Corrado Formigli e di La7 che si è recato nel Somaliland, zona della Somalia dichiaratisi indipendente, dove si possono notare famiglie con 31 figli (!) e zone di abbandono da parte del Governo centrale.

    I nostri politici, per quanto possano essere ladri o roba simile, tendono a fare comunque delle misure per aiutare i loro connazionali (abbiamo parlato del reddito di cittadinanza, del reddito d'inclusione ecc..)

    Quindi, io ritengo che importare poveri di quei continenti da noi non sia la soluzione. Se uno bussa a casa mia e ha fame, io gli posso anche dare un euro.. ma se bussano in 50, io sono forse costretto a chiamare i carabinieri.

    Un rifugiato somalo in Italia, Awas Ahmed, in un'intervista ha sostenuto che loro partono comunque e che anche se in Europa non c'è lavoro "veniamo da voi per cercare salvezza e futuro: non abbiamo colpe se siamo nati dalla parte sbagliata e voi non avete merito di essere nati dalla parte giusta". Io questo lo interpreto come "non importa se non c'è lavoro: state bene, mangiate, avete benessere, e anche noi vogliamo qualcosa di quello che avete".

    Salvini ha fatto bene in questi mesi a non farli sbarcare, anche se ha fatto un pò il deficiente con la vicenda della nave Diciotti: a me non interessa il lavoro delle ONG e non interessa il perché queste persone partano.. sono loro che decidono di partire, nessuno li ha chiamati, prima di arrivare in Libia, dove vengono torturarti, passano vari stati africani... fermo restando che, a quanto risulta (dati del 2017) solo l'11 per cento di loro ha diritto a protezione: 7 per cento protezione internazionale per la guerra, 4 per cento protezione sussidiaria.. quindi in teoria ci sono alcuni di loro che hanno diritto a entrare ma solo in Italia abbiamo la "protezione umanitaria" che esiste comunque anche in Slovacchia e che io non ho ben capito cosa sia.

    Il problema di Salvini è che egli è un pò sbruffoncello, con i vari posts su FB e su altre piattaforme. Sbaglia quindi i modi, ma non è detto che non abbia ragione.

    La Comm Europea ci tira le orecchie per via della manovra e per come è strutturata... va bene, però intanto 5 miliardi si spendono per l'accoglienza, di cui solo 87 milioni provengono dalla UE... e questi 5 miliardi non vengono iscritti a bilancio, sono addirittura "stralciati".

    Queste cose che scrivo non me le ha dettate Salvini... prima si pensa alla propria famiglia, poi ai vicini di casa, e non è detto che l'italia debba sobbarcarsi un onere di dare da mangiare al mondo povero solo perché è esposta geograficamente.

    L'ONU sta stanziando 200 miliardi di dollari per aiutare le persone in Africa e Asia soggetti ai cambiamenti climatici. Quindi qualcuno agisce là... Noi, con persone da aiutare in Italia non possiamo sempre occuparci di loro.. naturalmente mi riferisco ad aiutare tutti i cittadini italiani, anche quelli di origine straniera che hanno la cittadinanza.

    Ci sono altri sbarchi di algerini e tunisini sulle coste sarde: ma esattamente da cosa scappano, questi? i due stati hanno una discreta crescita economica...
    Con serenità ti dico questo... abbiamo diverse idee politiche. Io tendo non proprio a pensare solo al mio orticello, non è così, ma sono abbastanza patriota, anche se questo termine oggi è un pò obsoleto. Mi definisco "un conservatore illuminato".

    Poi torniamo a parlare di economia..
    Quello che ti ha detto il rifugiato non è sbagliato, la povertà ti spinge ad andar via comunque (lo fanno pure i nostri giovani verso altri paesi UE per cercare condizioni migliori, anche s ei contesti sono diversi).
    Nessuno del resto decide di nascere a una latitudine piuttosto che a un'altra

  7. #25287
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,842
    Menzionato
    68 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Con molta serenità e tranquillità ti scrivo il mio parere...

    Cornelio Brandini, uno dei collaboratori di Craxi quando era Capo del Governo, ha sostenuto varie volte che lo stesso Craxi riteneva che l'Italia non dovesse nulla agli USA, e che la liberazione del nostro paese nel '45 fosse in gran parte opera dei partigiani.

    Riallacciandomi a questo discorso, io sostengo che l'italia non debba nulla all'Africa né all'Asia. Le risorse che noi otteniamo da questi due continenti (e che paghiamo, magari al ribasso, ma paghiamo) derivano da accordi presi con i loro politici, che sono persone che stanno bene e che non pensano al benessere dei loro cittadini (salvo qualche caso), non redistribuendo la ricchezza, anche se è poca, con gli abitanti soprattutto delle zone rurali. C'è stata anche un'inchiesta di Corrado Formigli e di La7 che si è recato nel Somaliland, zona della Somalia dichiaratisi indipendente, dove si possono notare famiglie con 31 figli (!) e zone di abbandono da parte del Governo centrale.

    I nostri politici, per quanto possano essere ladri o roba simile, tendono a fare comunque delle misure per aiutare i loro connazionali (abbiamo parlato del reddito di cittadinanza, del reddito d'inclusione ecc..)

    Quindi, io ritengo che importare poveri di quei continenti da noi non sia la soluzione. Se uno bussa a casa mia e ha fame, io gli posso anche dare un euro.. ma se bussano in 50, io sono forse costretto a chiamare i carabinieri.

    Un rifugiato somalo in Italia, Awas Ahmed, in un'intervista ha sostenuto che loro partono comunque e che anche se in Europa non c'è lavoro "veniamo da voi per cercare salvezza e futuro: non abbiamo colpe se siamo nati dalla parte sbagliata e voi non avete merito di essere nati dalla parte giusta". Io questo lo interpreto come "non importa se non c'è lavoro: state bene, mangiate, avete benessere, e anche noi vogliamo qualcosa di quello che avete".

    Salvini ha fatto bene in questi mesi a non farli sbarcare, anche se ha fatto un pò il deficiente con la vicenda della nave Diciotti: a me non interessa il lavoro delle ONG e non interessa il perché queste persone partano.. sono loro che decidono di partire, nessuno li ha chiamati, prima di arrivare in Libia, dove vengono torturarti, passano vari stati africani... fermo restando che, a quanto risulta (dati del 2017) solo l'11 per cento di loro ha diritto a protezione: 7 per cento protezione internazionale per la guerra, 4 per cento protezione sussidiaria.. quindi in teoria ci sono alcuni di loro che hanno diritto a entrare ma solo in Italia abbiamo la "protezione umanitaria" che esiste comunque anche in Slovacchia e che io non ho ben capito cosa sia.

    Il problema di Salvini è che egli è un pò sbruffoncello, con i vari posts su FB e su altre piattaforme. Sbaglia quindi i modi, ma non è detto che non abbia ragione.

    La Comm Europea ci tira le orecchie per via della manovra e per come è strutturata... va bene, però intanto 5 miliardi si spendono per l'accoglienza, di cui solo 87 milioni provengono dalla UE... e questi 5 miliardi non vengono iscritti a bilancio, sono addirittura "stralciati".

    Queste cose che scrivo non me le ha dettate Salvini... prima si pensa alla propria famiglia, poi ai vicini di casa, e non è detto che l'italia debba sobbarcarsi un onere di dare da mangiare al mondo povero solo perché è esposta geograficamente.

    L'ONU sta stanziando 200 miliardi di dollari per aiutare le persone in Africa e Asia soggetti ai cambiamenti climatici. Quindi qualcuno agisce là... Noi, con persone da aiutare in Italia non possiamo sempre occuparci di loro.. naturalmente mi riferisco ad aiutare tutti i cittadini italiani, anche quelli di origine straniera che hanno la cittadinanza.

    Ci sono altri sbarchi di algerini e tunisini sulle coste sarde: ma esattamente da cosa scappano, questi? i due stati hanno una discreta crescita economica...
    Con serenità ti dico questo... abbiamo diverse idee politiche. Io tendo non proprio a pensare solo al mio orticello, non è così, ma sono abbastanza patriota, anche se questo termine oggi è un pò obsoleto. Mi definisco "un conservatore illuminato".

    Poi torniamo a parlare di economia..
    Dici?Guarda l'Algeria come è messa:
    Algeria: Banca centrale, debito estero a 3,40 miliardi di euro | Agenzia Nova
    D
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  8. #25288
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,842
    Menzionato
    68 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    A maggior ragione... a chi si era rivolto il movimento per primo per poter fare il Governo? PD e LeU... i primi, anche per gli insulti subiti negli anni, si sono rifiutati e anche grazie al "monito" del PdR di non farci trovare ancora in una situazione insostenibile dal punto di vista politico, ci si è rivolti ad altri. Sappiamo come è andata: tutto il resto è una conseguenza
    Beh,non penso che tu sia passato a sostenere i sovranisti/xenofobi classici per questo gran rifiuto del partito che governava fino a marzo ma-come si evince da quello che scrivi sulla questione-immigrati- per una certa sintonia di vedute con quella gente
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  9. #25289
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,842
    Menzionato
    68 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Purtroppo in Italia abbiamo il solito problema della coperta corta: occorrerebbe una forte lotta all'evasione fiscale, anche se comunque le forze dell'ordine fanno del loro meglio, per recuperare altri miliardi da poter investire in altro.. all'estero abbiamo per es la Francia che ha un debito che è 97 per cento del PIL... qualche punto in più di debito può permettersi di farlo.. la Germania addirittura il 64 per cento del PIL, e anche per lei vale lo stesso discorso.
    Proprio perché è corta non è il caso di tirarla verso misure di stampo peronista,non ti pare?
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  10. #25290
    Bava di vento
    Data Registrazione
    19/04/18
    Località
    Castelforte (LT)
    Messaggi
    73
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Beh,non penso che tu sia passato a sostenere i sovranisti/xenofobi classici per questo gran rifiuto del partito che governava fino a marzo ma-come si evince da quello che scrivi sulla questione-immigrati- per una certa sintonia di vedute con quella gente
    All'interno del movimento c'è una cospicua parte di destra, ma il fatto è che misure come reddito di cittadinanza e altre erano più fattibili con il centro sx, anche perché il movimento doveva governare e non poteva tirarsi indietro, in questa circostanza. Quindi la necessità di governare prevedeva accordi e compromessi con qualcuno.
    Addo' arrivamo, mettemo glio' pezzùco
    Luccicantella calla calla, mitti fuoco alla cavalla, la cavalla dé glio' ré, luccicantella mmàni a mmé!!

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •