Pagina 2533 di 2547 PrimaPrima ... 15332033243324832523253125322533253425352543 ... UltimaUltima
Risultati da 25,321 a 25,330 di 25470
  1. #25321
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,688
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    grido di allarme dei francesi per rischio di concentrazione
    che pupazzata

    "Rischio di concentrazione a danno della concorrenza". Bruxelles accende un faro sul matrimonio Fincantieri-Stx | L’Huffington Post

    come avevo previsto: un accordo fatto con i francesi da fantozzi
    quelli fanno come gli pare, altro che furbata dei nostri

    il liberista Micron ha detto che non è una ritorsione
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  2. #25322
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    507
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Su questo non so, ma comunque su tutto ciò c'è stata una trasmissione di la7 di due anni fa. Mi pare da ricordare che ci fossero anche delle fabbriche in cui lavorassero angolani, non solo la costruzione di infrastrutture.
    L'Angola nonostante le abbondantissime riserve petrolifere sta attraversando un momento molto difficile, è dovuto intervenire il FMI e gli interventi cinesi hanno solo aumentato l'indebitamento.

    IMF Executive Board Approves US$3.7 Billion Extended Arrangement Under the Extended Fund Facility for Angola

    Non ho tempo di approfondire ulteriormente ma da quelli che avevo letto i prestiti cinesi sono uno dei punti critici.

    Così come sono un problema per il Pakistan, che pure è impegnato in trattative con il FMI. I prestiti cinesi piacciono tanto ai governanti del terzo mondo perché a differenza di quelli occidentali non mettono condizioni su governance, corruzione e rule of law, ma sono quasi sempre trappole di debito per chi li riceve, che poi vengono usate per acquisire influenza geopolitica, non fanno regali.



    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  3. #25323
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    507
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Non ho scritto proprio così.. volevo dire che se mi fai non iscrivere a bilancio 5 miliardi per accogliere mezzo mondo povero, allora io potrei, da politico, anche dire che al bilancio non ascriviamo i miliardi per il reddito di cittadinanza, visto che come c'è emergenza povertà in Africa, c'è in parte anche in Italia. Molti italiani hanno capito il "trucco" nel vedere persone che non hanno documenti, che li buttano e li perdono, ma poi li trovi già allo sbarco con un cellulare in mano, almeno in alcuni casi.. quello non si perde?

    L'amministratore sopra mi ha richiamato e ha fatto benissimo, va bene. Ma non venitemi a dire che uno Stato Sovrano debba ragionare come una ONLUS o una ONG.

    Sembrerebbe OT, ma la domanda che faccio, in questo intervento, che è l'ultimo è questa: non sarebbe più corretto che un Governo a livello economico (quindi sono in topic) si occupasse di politiche per non far fuggire i suoi cittadini , invogliandoli a creare famiglia (io ho 46 anni e sono single da sempre, anche per occasioni perdute) e restare in italia, invece di importare gente senza arte nè parte e nemmeno scolarizzata, ottenendo il solo effetto di abbassare il costo del lavoro ancora di più?

    Gli africani che servono a noi sono quelli che entrano con visto e possono mantenersi , come due miei amici universitari del Camerun, che dopo la laurea lavorano in toscana, in banca.

    Non è problema dell'italia se il sud del mondo è povero, poveri e ricchi sono ovunque, anche da noi.. è l'ONU che deve occuparsene, l'Italia non fa parte nemmeno in maniera permanente del Consiglio di Sicurezza.

    E' anche un discorso di economico, non solo politico.

    Passo e chiudo.
    Messa in questo termini se ne può tranquillamente discutere. Le regole europee sono abbastanza precise, l'emergenza immigrazione e relativi costi dipendono solo in parte dalle scelte del governo, finché c'era una situazione totalmente ingestibile in Libia il flusso era inarrestabile e i costi per gestire il fenomeno inevitabili. Anche adesso che c'è un altro governo quei costi non sono spariti. In ogni caso si spera che sia una spesa temporanea.
    Il reddito di cittadinanza invece è una spesa permanente e interamente discrezionale, lo Stato italiano è libero di farla ma individuando idonee coperture finanziarie (in questo caso principalmente l'aumento IVA dal 2020 e una serie di una tantum incluso il blocco delle assunzioni nel 2019, si poteva fare di meglio).
    Ci sono quindi precisi motivo economici e legali per queste differenze di trattamento. Si possono contestare le regole sul deficit, ma da qualche parte i soldi vanno presi, peraltro non è detto che i mercati ci consentano di aumentare il debito all' infinito.
    Sul discorso immigrazione più generale sarei anche d'accordo, dobbiamo stimolare la natalità per raddrizzare un trend demografico devastante e comunque ci servirà qualche milione di immigrati da qui al 2050, ma è meglio che arrivino tramite canali più controllati e non dai barconi. Ma sei sicuro che spendere a capocchia con misure puramente assistenziali migliori le prospettive di lavoro dei giovani italiani? Io direi proprio il contrario!
    Serve lavoro e per farlo bisogna indirizzare la maggior parte delle risorse scarse disponibili verso lo sviluppo in maniera mirata, non vedo nulla in questi sei mesi di governo che vada in questa direzione, così come non vedo nulla di concreto per le famiglie.
    Ultima modifica di snowaholic; 09/01/2019 alle 08:29

  4. #25324
    Bava di vento
    Data Registrazione
    19/04/18
    Località
    Castelforte (LT)
    Messaggi
    73
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Messa in questo termini se ne può tranquillamente discutere. Le regole europee sono abbastanza precise, l'emergenza immigrazione e relativi costi dipendono solo in parte dalle scelte del governo, finché c'era una situazione totalmente ingestibile in Libia il flusso era inarrestabile e i costi per gestire il fenomeno inevitabili. Anche adesso che c'è un altro governo quei costi non sono spariti. In ogni caso si spera che sia una spesa temporanea.
    Secondo me non sarà una spesa tanto temporanea e, se non avessimo avuto come abbiamo adesso un ministro che è figlio di buona donna, le spese per queste "risorse " sarebbero ancora aumentate. Il resto dell' UE per motivi vari se n'è fregato (anche perché ha già una marea di afro asiatici, molto più di noi ). L'accoglienza tra l'altro sta creando problemi (vedi caso diciotti.. i migranti sbarcati erano a Rocca di Papa e sono fuggiti). Comunque sto riandando OT e mi fermo.
    Il reddito di cittadinanza invece è una spesa permanente e interamente discrezionale, lo Stato italiano è libero di farla ma individuando idonee coperture finanziarie (in questo caso principalmente l'aumento IVA dal 2020 e una serie di una tantum incluso il blocco delle assunzioni nel 2019, si poteva fare di meglio).
    Ci sono quindi precisi motivo economici e legali per queste differenze di trattamento. Si possono contestare le regole sul deficit, ma da qualche parte i soldi vanno presi, peraltro non è detto che i mercati ci consentano di aumentare il debito all' infinito.
    Sul discorso immigrazione più generale sarei anche d'accordo, dobbiamo stimolare la natalità per raddrizzare un trend demografico devastante e comunque ci servirà qualche milione di immigrati da qui al 2050, ma è meglio che arrivino tramite canali più controllati e non dai barconi. Ma sei sicuro che spendere a capocchia con misure puramente assistenziali migliori le prospettive di lavoro dei giovani italiani? Io direi proprio il contrario!
    Serve lavoro e per farlo bisogna indirizzare la maggior parte delle risorse scarse disponibili verso lo sviluppo in maniera mirata, non vedo nulla in questi sei mesi di governo che vada in questa direzione, così come non vedo nulla di concreto per le famiglie.
    Il decreto sul reddito di cittadinanza contiene cose ben precise, si parla anche di offerte di lavoro da non poter rifiutare. D'accordo sullo stimolo di natalità, ma comunque non è che incrementando il numero di nascite i migranti si fermeranno... partono comunque. Se mi passi l'espressione "devono entrare solo quelli che ci servono " e in ogni caso molti di loro non sono in grado di mantenersi.. come scrivevo su finiranno per aumentare i costi per l'accoglienza ancora di più. I poveri devi anche mantenerli.. noi non veniamo mantenuti quando andiamo all' estero.. quindi costi ci sono comunque.

  5. #25325
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    507
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Secondo me non sarà una spesa tanto temporanea e, se non avessimo avuto come abbiamo adesso un ministro che è figlio di buona donna, le spese per queste "risorse " sarebbero ancora aumentate. Il resto dell' UE per motivi vari se n'è fregato (anche perché ha già una marea di afro asiatici, molto più di noi ). L'accoglienza tra l'altro sta creando problemi (vedi caso diciotti.. i migranti sbarcati erano a Rocca di Papa e sono fuggiti). Comunque sto riandando OT e mi fermo.
    Nel momento in cui gli sbarchi calano è solo questione di tempo prima che calino anche i costi. E gli sbarchi erano già calati lo scorso anno, che questo governo abbia ottenuto risparmi significativi è tutto da dimostrare.
    Ma in generale l'afflusso netto di cittadini stranieri è ridotto al minimo da diversi anni, moltissimi se ne vanno appena possono. Comunque stiamo finendo nuovamente OT, meglio evitare.

    Il decreto sul reddito di cittadinanza contiene cose ben precise, si parla anche di offerte di lavoro da non poter rifiutare. D'accordo sullo stimolo di natalità, ma comunque non è che incrementando il numero di nascite i migranti si fermeranno... partono comunque. Se mi passi l'espressione "devono entrare solo quelli che ci servono " e in ogni caso molti di loro non sono in grado di mantenersi.. come scrivevo su finiranno per aumentare i costi per l'accoglienza ancora di più. I poveri devi anche mantenerli.. noi non veniamo mantenuti quando andiamo all' estero.. quindi costi ci sono comunque.
    Io sono favorevole a forme di sostegno al reddito, un reddito minimo fatto come si deve sarebbe molto utile. Anzi, uno dei maggiori difetti del rdc è che coprirà pochissime famiglie. Come effetti sono molto peggio quota 100 e l'aumento delle pensioni. Ma l'impatto dei provvedimenti contenuti nella manovra si valuta complessivamente, se consideri quanto ci costa lo spread, le altre coperture fatte male e la spada di Damocle delle clausole di salvaguardia sul 2020 la valutazione diventa molto negativa.

    Sull'immigrazione te lo hanno già detto in tanti ma lo ripeto anche io: gli immigrati sono di gran lunga contribuenti netti per lo Stato italiano. Se gli dai la possibilità di lavorare e pagare le tasse non sono un costo, lo diventano se li tieni per anni inattivi ad aspettare che tu decida cosa fare di loro, con il divieto di lavorare legalmente (e abolendo gli sprar si va anche a minare l'inserimento lavorativo).
    Se l'economia italiana non produce posti di lavoro e non si vede un aumento di produttività significativo da un ventennio la colpa non è degli immigrati, ma di scelte politiche sbagliate dei rappresentanti del popolo italiano.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  6. #25326
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Solo 9 miliardi l'anno per entrambe le misure insieme? Significa che le hanno ridimensionate parecchio, altrimenti costerebbe 10 mld solo quota 100 e decisamente più di 10 mld il reddito (ormai ridotto ad un REI allargato).
    Alla fine hanno trovato una mediazione per tirare a campare, possono far finta di aver mantenuto le promesse e continuare a posticipare l'inevitabile resa dei conti finanziando i loro aumenti di spesa con le clausole di salvaguardia che sperano di disinnescare con la prossima finanziaria.
    Beh, ma a ridurre le cifre si fa in fretta: prima di tutto non le fai partire il 01/01, ma giusto giusto un mese prima delle elezioni europee. E così hai guadagnato 1/3 di anno.
    Il reddito di cittadinanza ovviamente alla fine sarà un REI evoluto. Però vai tranquillo che mettendo assieme sia le misure di supporto alla povertà che le politiche attive del lavoro salterà fuori 'na schifezza inenarrabile...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  7. #25327
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Ceeertooooo, stanne pur certo, se recuperiamo i soldi degli evasori questi ultimi non finiranno mai in sprechi e assistenzialismi vari, quando mai è successo?
    Guarda... Se io fossi il re gli evasori probabilmente li incarcererei tutti e butterei via la chiave...
    Però devo ammettere che visto l'andazzo storico e l'accelerazione recente a questo punto non hanno tutti i torti...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  8. #25328
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Mio padre, con documenti in regola e con un "appoggio" ha lavorato dal 1960 al 1962 in Germania a Stoccarda. In Italia è tornato ad inizio 1963: dopo un anno e mezzo di militare (1963-64) e, dopo un periodo di "assestamento" dal 1965 al 1992 ha lavorato in una fabbrica aperta a 3 km da casa, una fabbrica grande. poi dopo essere andato in CIG (e scaduta questa) ha lavorato mi pare 3 anni come cantoniere e poi è andato in pensione.
    Con tutti i disastri che poteva creare, la classe politica si è "occupata" dei suoi cittadini. Anche se comunque il "prodotto italiano" aveva poca concorrenza.
    Tu quello che è successo dagli anni '70 in accelerazione negli anni '80 e poi di nuovo a inizio millennio per raggiungere le vette attuali lo chiami "occuparsi dei cittadini"?
    Io lo chiamo far firmare delle cambiali in bianco ai giovani e a tutti i futuri giovani non ancora nati.
    Che guarda caso appena hanno un livello di istruzione decente scappano a gambe levate. Giustamente, peraltro.
    Questo "occuparsi dei cittadini" mi pare sconfini nel creare le condizioni per una fuga di massa.
    E, ovviamente, se i più istruiti scappano rimangono gli altri; e il sistema si adegua. Vediamo quanto "felicemente"...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  9. #25329
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Il decreto sul reddito di cittadinanza contiene cose ben precise, si parla anche di offerte di lavoro da non poter rifiutare.
    Seriamente? Offerta che si può rifiutare se non congrua (definizione ambigua finora) e se non entro 100 km per 12 mesi? O 250 entro 18?
    Come se, e questo vale oggi come ieri, le offerte di lavoro si potessero creare per decreto. Come se fosse tutta una questione di intermediazione tra domanda e offerta...
    Mapperfavore.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  10. #25330
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    49
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Secondo me non sarà una spesa tanto temporanea e, se non avessimo avuto come abbiamo adesso un ministro che è figlio di buona donna, le spese per queste "risorse " sarebbero ancora aumentate.
    E esattamente cosa avrebbe fatto di concreto più del ministro precedente per cambiare le cose?
    Perchè straparlare su TV e social 24*7 non è esattamente "fare" (anche se non sembrerebbe così).
    Gli accordi con la Libia, giusti o sbagliati che siano, sono figli dei precedenti governi. Non mi risulta sia mai stato emesso un decreto che formalizzi la chiusura dei porti.
    Insomma ciance a parte cosa?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Il resto dell' UE per motivi vari se n'è fregato
    A livello comunitario la cosa è stata gestita da schifo, non c'è altro modo per dirlo.
    Siamo a livelli di "cavoli di chi è più vicino".
    E questo indipendentemente da chi ne ospita di più o di meno (che comunque non siamo noi).
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •