Pagina 2606 di 2628 PrimaPrima ... 16062106250625562596260426052606260726082616 ... UltimaUltima
Risultati da 26,051 a 26,060 di 26280
  1. #26051
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,725
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    SEMIOT
    Intanto pare che Trump, che ha fatto scattare l'aumento ulteriore dei dazi sui prodotti cinesi nonostante i risultati disastrosi della misura nel 2018, pare che sia diventato improvvisamente più conciliante.
    Perchè ha capito che la sua ricetta era idiota? Ovviamente no.
    Perchè visto che con le buone non c'è verso che la capisca qualcuno pare abbia iniziato a spiegarglielo con le meno buone...

    Dazi, la Cina diserta le aste del Tesoro Usa: ecco perché Trump riapre il negoziato - Il Sole 24 ORE
    I cinesi lo tengono per i cosiddetti, detenendo un botto di debito sovrano made in USA e l'idiot in chief ha dovuto fare retromarcia.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #26052
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    14/10/12
    Località
    Ripalimosani(CB)
    Messaggi
    527
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    ma infatti la guerra dei dazi commerciali gli Usa la faranno principalmente verso l'Europa, specie verso la Germania. Gli Usa senza gli investitori cinesi sono falliti.


    Ma in un modo o nell'altro, non specificatamente noto, anche se non così imprevedibile data la mole di debito pubblico e privato e la perdita progressiva di importanza e potere a livello internazionale, ci arriveranno lo stesso.
    Con tutte le conseguenze, di vario tipo, per l'Europa e il mondo.
    Dell'Italia neanche a parlarne, siamo già ora appesi come foglie sugli alberi in autunno.

  3. #26053
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    613
    Menzionato
    95 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    SEMIOT
    Intanto pare che Trump, che ha fatto scattare l'aumento ulteriore dei dazi sui prodotti cinesi nonostante i risultati disastrosi della misura nel 2018, pare che sia diventato improvvisamente più conciliante.
    Perchè ha capito che la sua ricetta era idiota? Ovviamente no.
    Perchè visto che con le buone non c'è verso che la capisca qualcuno pare abbia iniziato a spiegarglielo con le meno buone...

    Dazi, la Cina diserta le aste del Tesoro Usa: ecco perché Trump riapre il negoziato - Il Sole 24 ORE
    Mah, non mi sembra una narrazione molto credibile (e infatti non la trovo sulla migliore stampa anglosassone), se la Cina smette di investire sui titoli di stato USA potrebbe esserci un piccolo aumento dei rendimenti ma anche un indebolimento del dollaro, che a Trump non dispiacerebbe. E intanto incasserebbero lo 0,5% del PIL in dazi, la posizione finanziaria del tesoro USA non ne risulterebbe certo indebolita in maniera significativa, specie in una fase in cui non ci sono pressioni inflazionistiche.

    Secondo me invece l'inasprimento della posizione verso la Cina ha un certo supporto trasversale sia nel mondo politico sia del business, quindi non mollerà senza avere concessioni sostanziali. L'esito al momento non è affatto scontato, anche se l'interesse di entrambi per trovare un accordo nei prossimi mesi sarà forte.

    Per noi non è nemmeno troppo male come situazione, finché è impegnato con i cinesi non può aprire il fronte con l'Europa (su cui comunque troverebbe molto più dissenso interno)

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 11/05/2019 alle 08:29

  4. #26054
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,725
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Mah, non mi sembra una narrazione molto credibile (e infatti non la trovo sulla migliore stampa anglosassone), se la Cina smette di investire sui titoli di stato USA potrebbe esserci un piccolo aumento dei rendimenti ma anche un indebolimento del dollaro, che a Trump non dispiacerebbe. E intanto incasserebbero lo 0,5% del PIL in dazi, la posizione finanziaria del tesoro USA non ne risulterebbe certo indebolita in maniera significativa, specie in una fase in cui non ci sono pressioni inflazionistiche.

    Secondo me invece l'inasprimento della posizione verso la Cina ha un certo supporto trasversale sia nel mondo politico sia del business, quindi non mollerà senza avere concessioni sostanziali. L'esito al momento non è affatto scontato, anche se l'interesse di entrambi per trovare un accordo nei prossimi mesi sarà forte.

    Per noi non è nemmeno troppo male come situazione, finché è impegnato con i cinesi non può aprire il fronte con l'Europa (si cui comunque troverebbe molto più dissenso interno)

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Riguardo all'ultimo capoverso non sono granché d'accordo: Trump è umorale e compulsivo, non stiamo parlando di Bush senior.Lui è capacissimo di aprire 50 fronti come di non aprirne manco uno.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  5. #26055
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,725
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Diamandis Visualizza Messaggio
    ma infatti la guerra dei dazi commerciali gli Usa la faranno principalmente verso l'Europa, specie verso la Germania. Gli Usa senza gli investitori cinesi sono falliti.


    Ma in un modo o nell'altro, non specificatamente noto, anche se non così imprevedibile data la mole di debito pubblico e privato e la perdita progressiva di importanza e potere a livello internazionale, ci arriveranno lo stesso.
    Con tutte le conseguenze, di vario tipo, per l'Europa e il mondo.
    Dell'Italia neanche a parlarne, siamo già ora appesi come foglie sugli alberi in autunno.
    "Falliti" in poco tempo no,per le ragioni esposte da @snowaholic. Ma i cinesi qualche problema possono crearlo, facendo salire il rendimento dei titoli made in USA.
    Riguardo all'Italia,assieme alla Germania è il Paese che più ha da perdere da una guerra commerciale USA/UE.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  6. #26056
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    613
    Menzionato
    95 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Riguardo all'ultimo capoverso non sono granché d'accordo: Trump è umorale e compulsivo, non stiamo parlando di Bush senior.Lui è capacissimo di aprire 50 fronti come di non aprirne manco uno.
    Trump è un chiacchierone fanfarone, ma se si guardano le scelte strategiche concrete grandi errori non me ha fatti. Ci sono tante cose che non condivido nella sua presidenza ma secondo me bisogna fare attenzione a non sottovalutarlo, non è un pazzo e non farà scelte suicide.

    Anche sul commercio finora ha affrontato prima la questione NAFTA (con un accordo abbastanza irrilevante ma politicamente vendibile alla sua base) per poi rivolgersi verso la Cina, mentre sull'Europa ha preparato il terreno ma senza affondare il colpo.
    Peraltro non ha nemmeno tutti i torti rispetto all'Europa, non ha una posizione molto diversa da quella di Reagan negli anni 80 che portò agli accordi del Plaza nel 1985.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  7. #26057
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,725
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Trump è un chiacchierone fanfarone, ma se si guardano le scelte strategiche concrete grandi errori non me ha fatti. Ci sono tante cose che non condivido nella sua presidenza ma secondo me bisogna fare attenzione a non sottovalutarlo, non è un pazzo e non farà scelte suicide.

    Anche sul commercio finora ha affrontato prima la questione NAFTA (con un accordo abbastanza irrilevante ma politicamente vendibile alla sua base) per poi rivolgersi verso la Cina, mentre sull'Europa ha preparato il terreno ma senza affondare il colpo.
    Peraltro non ha nemmeno tutti i torti rispetto all'Europa, non ha una posizione molto diversa da quella di Reagan negli anni 80 che portò agli accordi del Plaza nel 1985.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    E' diverso il contesto. Reagan non era un protezionista, semplicemente applicò la teoria dei giochi per ricavare il maggior vantaggio tattico possibile per gli USA. Trump è una specie di Farage americano, non crede minimamente ad un'alleanza Europa-USA, alla quale Reagan(io non sono mai stato reaganiano,non essendo liberista) invece teneva moltissimo,in chiave anti URSS(migliorò pure i rapporti con Francia e Germania occidentale,mentre con l'Italia ebbe alti e bassi).Idem Bush senior.
    Quindi non sono molto d'accordo col paragone.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  8. #26058
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    613
    Menzionato
    95 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    E' diverso il contesto. Reagan non era un protezionista, semplicemente applicò la teoria dei giochi per ricavare il maggior vantaggio tattico possibile per gli USA. Trump è una specie di Farage americano, non crede minimamente ad un'alleanza Europa-USA, alla quale Reagan(io non sono mai stato reaganiano,non essendo liberista) invece teneva moltissimo,in chiave anti URSS(migliorò pure i rapporti con Francia e Germania occidentale,mentre con l'Italia ebbe alti e bassi).Idem Bush senior.
    Quindi non sono molto d'accordo col paragone.
    È vera la differenza tra i due presidenti, ma se pratichi politiche beggar the neighbour prima o poi il vicino si incazza. Se il presidente del vicino è un liberista che tiene all'alleanza mette tutti attorno ad un tavolo per trovare un accordo, se è un protezionista anni 2010 ti insulta su twitter con argomentazioni che mostrano una totale ignoranza di concetti elementari di economia, ti appioppa dazi con motivi pretestuosi e poi avvia una trattativa.

    Le motivazioni economiche però sono le stesse, anzi gli squilibri di cui si lamenta Trump sono anche peggiori di quelli che avevano suscitato la reazione di Reagan. E anche in quel caso c'era una potenza economica emergente che iniziava ed essere vista dagli USA come una minaccia alla loro egemonia globale, all'epoca il Giappone, ora la Cina (pur con tutte le differenze del caso)

  9. #26059
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    14/10/12
    Località
    Ripalimosani(CB)
    Messaggi
    527
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    "Falliti" in poco tempo no,per le ragioni esposte da @snowaholic. Ma i cinesi qualche problema possono crearlo, facendo salire il rendimento dei titoli made in USA.
    Riguardo all'Italia,assieme alla Germania è il Paese che più ha da perdere da una guerra commerciale USA/UE.
    sì convengo con snowaholic, per ora la situazione degli Usa non è troppo preoccupante, nè le cose precipiteranno nel giro di mesi, ma probabilmente ci vorranno alcuni anni. Le concause del declino statunitense sono molteplici. Vorrei ma non posso dire altro

  10. #26060
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,725
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    È vera la differenza tra i due presidenti, ma se pratichi politiche beggar the neighbour prima o poi il vicino si incazza. Se il presidente del vicino è un liberista che tiene all'alleanza mette tutti attorno ad un tavolo per trovare un accordo, se è un protezionista anni 2010 ti insulta su twitter con argomentazioni che mostrano una totale ignoranza di concetti elementari di economia, ti appioppa dazi con motivi pretestuosi e poi avvia una trattativa.

    Le motivazioni economiche però sono le stesse, anzi gli squilibri di cui si lamenta Trump sono anche peggiori di quelli che avevano suscitato la reazione di Reagan. E anche in quel caso c'era una potenza economica emergente che iniziava ed essere vista dagli USA come una minaccia alla loro egemonia globale, all'epoca il Giappone, ora la Cina (pur con tutte le differenze del caso)
    Mi dispiace per i liberisti sinceri (tipo il nostro Friedrich-Tagliavini) ma Trump non è Reagan.E,come dici tu, gli anni 10' non sono gli anni 80' del secolo scorso

    Quattro grandi differenze tra l'era Reagan e quella Trump
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •