Pagina 2781 di 2793 PrimaPrima ... 17812281268127312771277927802781278227832791 ... UltimaUltima
Risultati da 27,801 a 27,810 di 27927
  1. #27801
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,828
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    la ragione della deriva politica legata ai commenti di cui sopra è legata al passaggio dall'ideologia al personalisimo
    io non voto più perché mi riconosco in una corrente ma in un individuo e dalle sue caratteristiche personali mi sento rappresentato
    mi fido perchè penso che agirebbe come me o addirittura perché penso che vorrei essere come lui, non perchè presenti un programma che mi convinca
    ragion per cui si è potuto e si può tutt'oggi parlare con continuità di espressioni individuali e non di ragion di stato nel momento in cui si operano valutazioni sul contesto politico degli ultimi decenni
    poi certo, da che mondo e mondo il leader deve avere sempre una certa autorità legata alle sue caratteristiche intrinseche ma questo aspetto si è amplificato a dismisura
    del resto tutta la politica come al solito è lo specchio della società ed è per l'appunto la società tutta che sta evolvendo in questa direzione, il social come ben dice Massimo ne è semplice riflesso e non causa
    io non la vedo una deriva in senso assoluto e anzi lo reputo un passaggio fondamentale ma non entro nel merito perchè dovrei aprire un discorso sociologico molto complesso e completamente ot ma se volete ne possiamo parlare altrove
    chiudo affermando doverosamente l'ovvio
    ovvero che l'impoverimento di competenza è legato alla mancanza assoluta di investimenti statali in scuola, ricerca ed educazione civica, che non solo non si è evoluta in programmi, sviluppo e metodi ma è persino retrocessa sotto taluni aspetti
    limitando la possibilità di coltivare una coscienza diffusa e trasversale
    portando certamente su un livello estremamente più ampio la possibilità di ottenere delle competenze quantomeno basilari ma cedendo notevolmente il passo rispetto a formazione di livello
    C'ho la falla nel cervello


  2. #27802
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,828
    Menzionato
    1 Post(s)
    C'ho la falla nel cervello


  3. #27803
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    51
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Scommetto che qualche deficiente troverà qualcosa da dire anche sugli 82...
    Ma non sono senza condizioni, vero?

    EDIT: mi dispiace molto per i numeri "polacchi".
    Ultima modifica di FunMBnel; 28/05/2020 alle 06:04
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  4. #27804
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    37
    Messaggi
    6,428
    Menzionato
    37 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Mi sembra un ottimo risultato, tuttavia stamattina ho comprato il quotidiano Repubblica e mi pare di aver capito che questi 172 miliardi arriveranno a primavera del 2021 .
    Sarebbe forse il caso di provare ad accelerare un pò i tempi… In caso contrario sarebbe importante stringere per avere subito i 36 miliardi del MES (che tuttavia non si a molta intenzione di usufruire).

    Tuttavia il progetto deve essere approvato da tutti i membri UE, ovvero domani venerdì 29 giusto? Chissà se verrà trovata la quadra...

  5. #27805
    Josh
    Ospite

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Sarebbe forse il caso di provare ad accelerare un pò i tempi… In caso contrario sarebbe importante stringere per avere subito i 36 miliardi del MES (che tuttavia non si a molta intenzione di usufruire).
    Sì,il buon senso così direbbe.Il buon senso,però

  6. #27806
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    51
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Mi sembra un ottimo risultato, tuttavia stamattina ho comprato il quotidiano Repubblica e mi pare di aver capito che questi 172 miliardi arriveranno a primavera del 2021 .
    Sarebbe forse il caso di provare ad accelerare un pò i tempi…
    Dubito che tecnicamente parlando sia facile fare più in fretta.

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    In caso contrario sarebbe importante stringere per avere subito i 36 miliardi del MES (che tuttavia non si a molta intenzione di usufruire).
    E perchè mai avere prestiti a tasso zero da usare per l'emergenza sanitaria.
    Molto meglio avere sussidi a fondo perduto da mettere in Alitalia...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  7. #27807
    Josh
    Ospite

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Oggettivamente la proposta di Recovery Fund della Commissione UE è una grande vittoria degli europeisti in genere e dei governi del sud Europa (Italia compresa) e della Francia. Non per questo i sovranisti hanno posato il fiasco :ieri l'augusto Bagnai già blaterava che sarebbe meglio fare a meno dell'UE e finanziarsi con titoli riservati agli italiani (sempre l'idea dell'oro alla patria che ritorna) e pazienza se il debito pubblico lievita come un burek serbo, tanto"famo come il Giappone "(seh, uguale proprio). Certamente, la vittoria di cui sopra concerne una battaglia e non la guerra. Per vincere quest'ultima, dovrà accadere che la bozza sopravviva agli assalti dei 4 Paesi c. d. frugali e poi(ma questo è veramente difficile) che l'Italia non sperperi risorse comuni meritate e così a lungo agognate per le Alitalia di turno, giacché la qualità infima della nostra spesa pubblica è nota in ogni dove

  8. #27808
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    3,748
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Sarò pessimista e quello che volete, ma proprio l'esultanza bipartisan - palese o a denti stretti - per i "soldi facili" europei mi spinge a dire che:

    - i soldi non si creano dal nulla (altrimenti, non valgono nulla) e quindi in un modo (prestito) o in un altro (fondi europei) vanno prima o poi ripagati; i "fondi perduti" sarebbero veramente tali solo se l'Italia smettesse di versare fondi alla UE (speriamo di no);

    - i soldi facili e quindi deresponsabilizzati sono spesso ancora più pericolosi dei soldi difficili e magari assenti; la sfiducia bipartisan che ho verso qualunque governo italiano degli ultimi 50 (forse 60) anni, nell'uso dei fondi "pubblici", mi fa dubitare che non ci saranno forti favori a questo o a quello; d'altronde tra Alitalia, 60mila assistenti civici o abbassamento strutturale delle tasse tramite fondi una tantum (e non tramite abbassamento spese) c'è solo l'imbarazzo della scelta.


    P.S. Sono anche io convinto che un intervento statale/europeo ci dovesse essere, i miei sono dubbi su come verranno gestiti questi fondi date le chiare premesse.

  9. #27809
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    51
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    - i soldi facili e quindi deresponsabilizzati sono spesso ancora più pericolosi dei soldi difficili e magari assenti; la sfiducia bipartisan che ho verso qualunque governo italiano degli ultimi 50 (forse 60) anni, nell'uso dei fondi "pubblici", mi fa dubitare che non ci saranno forti favori a questo o a quello; d'altronde tra Alitalia, 60mila assistenti civici o abbassamento strutturale delle tasse tramite fondi una tantum (e non tramite abbassamento spese) c'è solo l'imbarazzo della scelta.
    Tranquillo, i 60000 assistenti civici sono volontari...
    Comunque sfondi una porta divelta.
    Questo è esattamente il motivo per cui la condizionalità è garanzia anche per il debitore e non solo per il creditore.
    Ma non lo è per chi vuole comprarsi consenso facile e di breve periodo...................
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  10. #27810
    Calma di vento L'avatar di Mik34
    Data Registrazione
    05/02/18
    Località
    Vasto
    Messaggi
    34
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Ho letto questo girato da un amico, vorrei capire da qualcuno più esperto se è tutto vero e come stanno davvero le cose. Grazie

    .



    "Il vice presidente esecutivo della Commissione Valdis Dombrovskis ha fugato ogni dubbio relativo alla natura degli stanziamenti e dei fondi del “Recovery Plan”:
    Non si tratterà di versamenti una tantum, ma di tranche, udite bene, legate agli obiettivi di riforma, come vi avevamo velatamente anticipato con un precedente post.
    Avete ancora qualche incertezza relativamente al significato di quanto detto? Nessuna paura, Dombrovskis è andato oltre, spiegando come gli Stati Membri che non dovessero implementare uno degli obiettivi prestabiliti perderebbero i fondi della tranche legata a quel obiettivo.
    Queste parole descrivono ciò che succede quando un Paese che ha richiesto l’aiuto del MES non rispetta il piano di riforme concordato; niente riforme, niente denaro.

    Possiamo dire che il MES ha assunto, per essere digerito meglio in alcuni paesi (come il nostro), una nuova veste.
    La sostanza, purtroppo, resta la stessa.
    D’altronde è oltremodo ingenuo credere che le tendenze, gli obiettivi e le intenzioni dei partner europei possano cambiare da un giorno all’altro.
    Ciò che ritenevano imprescindibile uno o due mesi fa, lo è ancora: soldi in cambio di riforme eterodirette."

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •