Pagina 3044 di 3046 PrimaPrima ... 2044254429442994303430423043304430453046 UltimaUltima
Risultati da 30,431 a 30,440 di 30460
  1. #30431
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,712
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    C'é anche chi avverte di un ulteriore aumento dei prezzi del 20/30% per alcuni alimenti in autunno....
    Sabato ero al solito iper tosano, penso uno dei supermercati meno cari d’Italia dove vado sempre

    Rispetto ad inizio primavera

    Carta igienica scottenelle passata da 5.6 a 7.25
    Doccia schiuma infasil da 1.8 a 2.5

    Così, due articoli che prendo sempre d che mi sono rimasti impressi

    Io non so come facciano a campare milioni di famiglie, specie quelle con figli e con redditi medio/bassi o addirittura monoreddito.

    E spero per loro che abbiano surrogato il mutuo al fisso nel 2021.

    Io per fortuna sono partito col fisso e lo scorso anno sono riuscito a scendere rinegoziando fino allo 0.85% di tasso.
    Stavo quasi pensando di allungarlo dai 17 anni residui a 30, sarebbe un ottimo investimento nel breve almeno


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  2. #30432
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    727
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Non concordo con la vs visione: a mio modo di vedere invece la politica monetaria, anche nell'Euro area, è stata iper-espansiva negli ultimi 8-9 anni, come mostra il grafico sotto relativo all'espansione di bilancio della banca centrale.

    E' dal "Whatever it takes" di 10 anni fa che non vediamo una politica monetaria veramente restrittiva, nel 2018-19 si ventilava un possibile cambio di rotta ma di fatto non si è mai compiuto in pieno, poi è arrivato il Covid e questo ha costretto inevitabilmente la BCE ad intervenire iniettando moneta a raffica nel sistema. Personalmente credo che più che la risposta al Covid (ovvia e inevitabile), siano stati il quantitative easing esagerato in precedenza come dimensioni e durata e il fatto di avere proseguito nella politica molto espansiva anche nella seconda metà del 2021, quando alcuni segnali indicavano che l'inflazione stesse già montando in modo significativo.

    Poi certo, sappiamo benissimo che la BCE non ha attuato nessuna stretta perchè si considerava l'inflazione come esclusivamente da offerta, punto di vista che a mio avviso lascia un po' a desiderare, in quanto un inflazione da offerta ci mette poco tempo a diventare anche da domanda (cioè originata da pressioni salariali), meglio agire preventivamente piuttosto che in ritardo.

    Infine: se diamo la colpa alle politiche fiscali espansive (e sono d'accordissimo eh, si badi), dovremmo anche tenere conto che - specialmente nei Paesi ad alto debito pubblico - le politiche fiscali sono spesso strettamente collegate a quelle monetarie. L'Italia ha potuto elargire bonus a destra e a manca grazie a condizioni monetarie ultra-favorevoli: se la BCE fosse stata più stringente come politica monetaria, qualunque scostamento di bilancio per politiche (chiamiamole così, anche se mi viene da ridere) di questo genere avrebbe incontrato grosse difficoltà di finanziamento.

    Insomma: negli anni '80 magari una combinazione politica monetaria restrittiva e politica fiscale espansiva la si poteva ancora fare, per i bassi livelli di indebitamento pubblico che non generavano grossi problemi di fiducia sui mercati, ma al momento attuale, soprattutto nell'Eurozona, la politica fiscale è quasi sempre conseguenza della politica monetaria.

    Allegato 593096


    I now hear it commonly said that inflation is the big problem so the Fed needs to tighten to fight inflation, which will make things good again once it gets inflation under control. I believe this is both naïve and inconsistent with how the economic machine works. That’s because that view only focuses on inflation as the problem and it sees Fed tightening as a low-cost action that will make things better when inflation goes away, but it’s not like that. The facts are that: 1) prices rise when the amount of spending increases by more than the quantities of goods and services sold increase and 2) the way central banks fight inflation is by taking money and credit away from people and companies to reduce their spending. They also take buying power away by raising interest rates, which increases the amount of money that has to go toward paying interest and decreases the amount of money that goes toward spending. Raising interest rates also lowers spending because it lowers the value of investment assets because of the “present value effect” (which I won’t get into because it would be too much of a digression), which further lowers buying power. My main point is that while tightening reduces inflation because it results in people spending less, it doesn’t make things better because it takes buying power away. It just shifts some of the squeezing of people via inflation to squeezing them via giving them less buying power. [1] The only way to raise living standards over the long term is to raise productivity and central banks don’t do that. So, what do central banks do?Central banks move demand around by providing and withdrawing spending power by influencing the creation and amounts of debt assets and debt liabilities. They do that in a way that naturally produces cycles in markets (bull and bear markets) and economies (expansions and recessions). More specifically, central banks inject doses of stimulation into the system via injecting credit and money into the system, which produces increases in demand for goods, services, and investment assets that are followed by periods of paying back and withdrawals of the stimulations, which produce lows in demand that are depressing. Whenever these depressing periods of paying back become too depressing, central banks typically provide another and even bigger dose of stimulation. They produce the short-term debt cycles (also known as the business cycle), which typically last for about seven years give or take a few.These short-term debt cycles add up to the long-term debt cycles that typically last about 75 years, give or take about 25. That’s because most everyone wants the ups and not the downs, so the stimulations and debts that central banks produce typically add up over time to produce more ups than downs until the debt assets and liabilities get unsustainably large, at which point they have to go down via some mix of inflation (due to money printing to reduce the debt burdens by monetizing them, which is inflationary), debt restructuring, and paying the debt service in non-depreciated money (which is depressing). That is what we have been experiencing. It’s why debts have been increasing relative to incomes at the same time as each cyclical rise and each cyclical decline in interest rates since 1980 has been lower than the one before it until interest rates hit 0%, and since then each central bank printing and buying of debt has been greater than the one before it up until now.Most fundamentally: 1) one person’s debts are another person’s assets, and 2) one person’s spending is another person’s income (in the way described in “How the Economic Machine Works”), which means 1) when there are a lot of debt liabilities and debt assets outstanding it becomes impossible to make things good for both debtors and creditors, and 2) when the credit/debt creation is curtailed to bring spending in line with incomes, that causes investment, asset prices, and incomes to fall, which cuts spending and is depressing. So, what should central banks do to do their job well? Central banks should:Use their powers to drive the markets and economy like a good driver drives a car—with gentle applications of the gas and brakes to produce steadiness rather than by hitting the gas hard and then hitting the brakes hard, leading to lurches forward and backward.Keep debt assets and liabilities relatively stable and, most importantly, not allow them to get too large to manage well.To do this they should not allow interest rates and availabilities of money to be either too good or too bad for the debtors or the creditors. By these measures central banks policies have not been good. More specifically,The Fed is moving from printing and buying debt at an annual rate of around $1.5 trillion to selling it at an annual rate of $1.1 trillion, and from sharply lowering interest rates to sharply raising them. For that reason, we experienced the big lurch forward and are now experiencing the big lurch backward.Because debt assets and liabilities are now very high and because government deficits will remain high, it is virtually impossible for the Fed to push interest rates to levels that are high enough to adequately compensate holders of debt assets for inflation without them being too high to support strong debtors, strong markets, and a strong economy. If the holders of debt don’t get adequate returns they will sell them, which worsens the free market debt supply/demand picture, which either leads to a dramatic cutback in private credit (which is depressing) or the central bank creating more money and buying more debt to fill in the funding hole (which is inflationary). In summary my main points are that 1) there isn’t anything that the Fed can do to fight inflation without creating economic weakness, 2) with debt assets and liabilities as high as they are and projected to increase due to the government deficit, and the Fed also selling government debt, it is likely that private credit growth will have to contract, weakening the economy, and 3) over the long run the Fed will most likely chart a middle course that will take the form of stagflation. Footnotes[1] While Paul Volcker’s bone-crushing tightening was followed by an improvement in conditions in the 1980s, a) it took a rise in real short rates to 8.4% and an economic dive that took the unemployment rate to 10.8% to reduce the spending to lower inflation and b) it led foreign countries’ debtors to be squeezed and to cut spending a lot, putting them into 10-year-long depressions. In other words, inflation was reduced by people and companies being painfully squeezed and reducing spending. That’s always the case and will be the case this time.
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  3. #30433
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    727
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  4. #30434
    Burrasca L'avatar di inocs
    Data Registrazione
    11/07/03
    Località
    Caposele (AV) - 480 m
    Età
    46
    Messaggi
    5,928
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    I modelli fanno e disfanno. I santoni del web cianciano.

    *
    Always looking at the sky

    *

  5. #30435
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,505
    Menzionato
    142 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    A volte va di culo nonostante qualcuno si impegni fortemente per far danni.

    Vediamo chi è il primo a dire che bisogna spendere l'n-esimo tesoretto...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  6. #30436
    Burrasca L'avatar di inocs
    Data Registrazione
    11/07/03
    Località
    Caposele (AV) - 480 m
    Età
    46
    Messaggi
    5,928
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    A volte va di culo nonostante qualcuno si impegni fortemente per far danni.

    Vediamo chi è il primo a dire che bisogna spendere l'n-esimo tesoretto...
    Eh Massimo, l'articolo spiega bene i motivi:

    Secondo gli esperti di previdenza, il motivo è riconducibile unicamente a ragioni economiche. Quota 100 prevede il pensionamento a 62 anni di età con almeno 38 di contributi. Ma a quell’età la pensione è più bassa che a 67 anni (vecchiaia) e si perde in media il 5,2% per ogni anno di anticipo.

    Tradotto: l'italiano medio vuole andare in pensione, sì, ma solo se il tutto è a spese dello stato, cioè se lui può guadagnarci e la collettività e le generazioni future perderci. Altro che stanchezza, usura, ricambio generazionale ecc. (cose che esistono, certo, ma limitatamente)


    E infatti, subito dopo:

    Ma soprattutto con Quota 100 scatta il divieto di lavorare. Il pensionato, infatti, non può più percepire redditi da lavoro fino a 67 anni, pena la sospensione dell’assegno. E per gli autonomi e i liberi professionisti è sicuramente una pesante penalizzazione, confermata anche dai numeri: sono solo 74.242 le domande di pensione presentate, meno del 20% del totale.

    Cioè, appunto, l'italiano vuole andare in pensione, ma non vuole andare in pensione perché vuole andare in pensione, ma perché l'insegnante andava a 35 anni negli anni '70, il maresciallo a 40 negli anni '80, l'imprenditore andava con 3000 euro al mese versandosi i contributi solo negli ultimi 5 anni, quelli che vanno col retributivo ancora oggi prendono bei soldi ecc.ecc. E ora che tocca a me, voglio mangiare pure io, ecchecavolo!

    Se invece mi dai una pensione da fame quasi tutta nel contributivo, allora chiaro che continuo a lavorare, ed è anche giusto.

    Ovviamente a qualcuno è andata bene. Sarà un caso, ma le poche domande che mi sono passate per mano erano tutte di questo tipo:

    La maggior parte delle richieste arriva, invece, dai lavoratori dipendenti e in particolare da quelli pubblici che rappresentano il 31% del totale e percepiscono una pensione mediamente più alta.







    Va da sé che tutta le discussioni sulle uscite anticipate, quote 100, quote 102 ecc. sono abbastanza di facciata. Mano a mano che i pochi fortunelli con il sistema misto (quindi con ancora una buona quota della pensione calcolata con il sistema retributivo) si pensioneranno, sarà evidente che con 30-35-40 anni di contributivo in pensione non potrà andare nessuno prima di un congruo tempo, perché nessuno sarà disposto a barattare un lavoro da X euro con un pensione da 0,60X, se va bene.

    E allora sarà ancora più evidente quanto sia tutta una copertura per strappare invece gli ultimi scampoli di privilegi, prima del default o di un meteorite. Gli altri? Si fottano.
    Ultima modifica di inocs; 23/06/2022 alle 20:16

  7. #30437
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,505
    Menzionato
    142 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da inocs Visualizza Messaggio
    Eh Massimo, l'articolo spiega bene i motivi:
    Tradotto: l'italiano medio vuole andare in pensione, sì, ma solo se il tutto è a spese dello stato, cioè se lui può guadagnarci e la collettività e le generazioni future perderci. Altro che stanchezza, usura, ricambio generazionale ecc. (cose che esistono, certo, ma limitatamente)

    [...]

    E allora sarà ancora più evidente quanto sia tutta una copertura per strappare invece gli ultimi scampoli di privilegi, prima del default o di un meteorite. Gli altri? Si fottano.
    For president!
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  8. #30438
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    15,420
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Chi ha proposto quota 100 voleva solo accontentare poche vecchiette.
    Cmq, il problema si risolverà con il tempo, poichè, se nascono pochi figli, significa che ci saranno tra decenni sempre meno anziani (infatti la popolazione diminuisce)

  9. #30439
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    727
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Il canarino nella miniera degli anni Settanta | Phastidio.net

    Sin quando, dopo l'”inverno del malcontento” in cui scioperavano anche i becchini contro il tentativo del governo laburista di spezzare quella spirale, arrivò Margaret Thatcher. Da loro, non da noi, sia chiaro. Il Regno Unito resta il canarino nella miniera europea i cui tunnel potrebbero condurre agli anni Settanta. Corsi e ricorsi. Dopo tutto, anche la Thatcher durante la sua leadership si occupò di miniere.





    Molte similitudini ma non siamo negli anni settanta.
    E' tutto più di difficile risoluzione
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  10. #30440
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    2,845
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •