Pagina 1043 di 1043 PrimaPrima ... 435439439931033104110421043
Risultati da 10,421 a 10,426 di 10426
  1. #10421
    Bava di vento L'avatar di barry
    Data Registrazione
    28/10/20
    Località
    Mira (VE)
    Messaggi
    166
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    ho letto di due esplosioni in due aeroporti russi ma non trovo altro se non un titolo, si sa qualcosa?
    mappa2.jpg

    sono avvenute molto lontano dal confine (la terza più vicina è la posizione dell'ulteriore esplosione di stanotte).

    altri dettagli qui.
    L'Ucraina ha attaccato la Russia con droni nuovi e piu potenti? - Il Post

  2. #10422
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    784
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina





    The Battle of Bakhmut
    Let’s begin in Bakhmut. A city of some 70,000 inhabitants pre-invasion, built by Peter the Great, around the local salt deposits in 1701. Peter was the great modernizer and westernizer of Russia, so it is perhaps a bit ironic that Putin’s self-proclaimed ‘war against the West’ has come down to a bloody battle at this spot.
    Why Bakhmut? It sits on the elbow of the Donetsk-Luhansk axis, and is a key logistical hub of the Donbass region. It would essentially be a dagger pointed at those two key cities if the Ukrainians could hold onto it until a potential spring offensive. Still, it is remarkable that the Russians are throwing everything but the stolen sinks into the Bakhmut gamble. More on that later.
    The battle is shaping up to be one of the bloodiest and dirtiest of the entire war. Russia is throwing tens of thousands of men into the meat grinder and is doubling down with Iranian-built kamikaze drones and heavy artillery barrages. The Ukrainians are hanging on by their teeth, but currently the battle seems to be swinging in Russia’s favor. My bet is that the Russians will partially surround Bakhmut during the winter and force a Ukrainian retreat.
    How does this play into everything else that’s going on in Ukraine?
    Russians Running Dry?
    For the last 2-3 months, Russia has engaged in an intensified strategic bombing campaign – that we might even call a terror bombing campaign. They have been targeting Ukrainian water, gas and electricity connections in an attempt to freeze and starve the civilian population into surrender.
    As many have pointed out, heavy strategic bombing campaigns generally don’t win wars: it didn’t really affect Hitlers fighting spirit, didn’t make the Viet Cong lay down their arms and certainly didn’t strangle the Taliban into submission. Counter-examples exist, of course. The two main ones being the nuclear bombings of Hiroshima and Nagasaki and the British strike on Copenhagen in 1807, but they were both much more devastating relative to the size and ressources of the target country than the Russian bombing campaign of late 2022. So however tragic and devastating, the Russian strategic bombing will not influence the Ukrainian fighting spirit or the outcome of the war in any meaningful way, in my assessment.
    Many spectators have suggested that Russia might be running out of precision munitions after ‘wasting’ them on civilian targets. While I agree that the strategic bombing campaign is largely a waste, I don’t expect Russia running dry on ammo anytime soon. See this account from their counterpart in the Ukrainian army:

    While the use of Iskander missiles on civilian targets is very stupid and wasteful, Russia has such an enormous stockpile of S-300’s that they can keep up the pressure on the civilian population and still reign havoc on the Ukranian armed forces. A factor in these calculation is of course the supply of heavy ground- and air-based munitions from the Russian allies aroundt he globe. Even if China doesn’t open up the goodie bag, both North Korea and Iran can provide a quite substantial number of rockets for the Russians to throw at the poor Ukranians.
    Ukrainians Striking Deep
    This week we were also rattled by the Ukrainian drone strikes on Russian strategic air bases in Engels and Ryazan - up to 600 km away from the Ukrainian border. The ability of Ukraine to perform surgical strikes so deep into Russian territory is a great testament to Ukrainian capabilities but is likely also a result of Russia underestimating those capabilities. They clearly weren’t expecting any strikes that far from the front and simply had their guard down.
    The attacks strike a delicate balance for the Ukrainians. The West are extremely scared of their weapons being used to attack Russian territory and it would be a very, very bad look for the Ukrainians to cause Russian civilian casualties. Ukraine needs to maintain their “good guy” image in this conflict, but at the same time exercise their legitimate right to attack Russian bases.
    I don’t see the Ukrainians performing a long series of strategic attacks deep within Russian territory. This strike (combined with the Kerch Bridge explosion) demonstrates the strength of Ukrainian capabilities and forces Russia to protect their home bases with anti-air artillery and further personnel. That being said, expect a few Ukrainian strikes on Russian soil here and there - just to keep the Kremlin on its toes.
    Fortified Front Line
    So, to round it up – Russia’s current strategy is two-pronged: take Bakhmut and make the Winter as gruesome as possible for the Ukrainian population. This reinforces my view that the Russians are making one “last” push to set themselves up on a defensible and “freeze-able” frontline along the Dniepr river, east towards Bakhmut, and then north through the marshes and forests north of Severodonetsk. The frontline behind the Dniepr is fairly easy to defend, and there are simply too few roads and railways north of Severodonetsk to sustain a major Ukrainian assault. This means that the central section will be critical. It also explains why Putin is eager to claim Bakhmut as a logistical hub and center of operations for the Donbass front.

    This ties in well with reports from all along the front line that the Russians are building trenches and preparing for a winter without major offensives aside from Bakhmut. In my assessment, the Russian strategy for 2023 is to fortify and hold a stable front line (as shown above) in a hope to slowly regain the initiative and limiting the need for further mobilization. I believe Putin would be quite satisfied with the current status which prevents Ukraine from joining EU and NATO while simultaneously allowing Russia to de-intensify the war effort through limited de-mobilization if the front line “freezes” in easily defensible terrain.
    Dilemma for the West
    This potentially leaves quite a dilemma for the West. Will we continue to pour weapons and ammunition into Ukraine, if the war slows down? How long will we continue to support the Ukrainians so vigorously if there is no end in sight? The West is not well-adapted to gray-area conflicts fluctuating somewhere between war and peace. We like to have war and then peace - not a little bit of both, and that confusion will unevitably spread dissent and disagreements between Western nations. I believe this is what the enigmatic Putin is currently betting on.
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  3. #10423
    Vento moderato
    Data Registrazione
    30/10/03
    Località
    Parma
    Messaggi
    1,304
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Stamattina in un programma su la7 chiamato Coffee Break o qualcosa di simile, era ospite non so chi il quale ha raccontato cosa ha portato la Russia a invadere l'Ucraina. Ha descritto di omicidi di massa bombardamenti e simili a opera di gruppi militari neonazisti sostenuti dal governo, dal 2014 al 2020, nel Donbass. Da quello che ho capito ha anche pubblicizzato un suo libro sull'argomento.
    Purtroppo un vicino parente, ogni volta che qualcuno dice qualcosa in tv ha ragione e quindi mi ha sottolineato nuovamente le ragioni della Russia in questa guerra, pur pensando che Putin sia comunque un assassino.
    Io proprio non so chi sia questo giornalista/scrittore ma vorrei che mi consigliaste un qualche articolo o podcast fatto bene e soprattutto non di parte sulla storia del Donbass dal 2014 in poi, se esiste.
    Io non ho né voglia né tempo di ribattere queste discussioni, purtroppo la persona in questione, assolutamente di buon animo e corretta, come molte della sua età si fa influenzare facilmente soprattutto con la crisi energetica ed economica scaturita da questa guerra, che farebbe smettere dando a Putin ciò che vuole pur di far rientrare la situazione alla "normalità" pre 2022

    Grazie

  4. #10424
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,505
    Menzionato
    147 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Alexander Visualizza Messaggio
    Stamattina in un programma su la7 chiamato Coffee Break o qualcosa di simile, era ospite non so chi il quale ha raccontato cosa ha portato la Russia a invadere l'Ucraina. Ha descritto di omicidi di massa bombardamenti e simili a opera di gruppi militari neonazisti sostenuti dal governo, dal 2014 al 2020, nel Donbass. Da quello che ho capito ha anche pubblicizzato un suo libro sull'argomento.
    Purtroppo un vicino parente, ogni volta che qualcuno dice qualcosa in tv ha ragione e quindi mi ha sottolineato nuovamente le ragioni della Russia in questa guerra, pur pensando che Putin sia comunque un assassino.
    Io proprio non so chi sia questo giornalista/scrittore ma vorrei che mi consigliaste un qualche articolo o podcast fatto bene e soprattutto non di parte sulla storia del Donbass dal 2014 in poi, se esiste.
    Io non ho né voglia né tempo di ribattere queste discussioni, purtroppo la persona in questione, assolutamente di buon animo e corretta, come molte della sua età si fa influenzare facilmente soprattutto con la crisi energetica ed economica scaturita da questa guerra, che farebbe smettere dando a Putin ciò che vuole pur di far rientrare la situazione alla "normalità" pre 2022

    Grazie
    In attesa che qualcuno dia consigli sulla storia della prima parte, io mi limito alla parte evidenziata.
    1. La crisi energetica è talmente figlia della guerra che è iniziata con svariati mesi di anticipo: tanto che i prezzi attuali del gas, dopo 9 mesi di guerra, son poco sopra quelli di fine 2021 mentre quello del petrolio in questo momento è più basso che a inizio gennaio, a inizio febbraio e abbastanza più basso del 22-23/02...
    2. La crisi economica forse arriverà, ma per il momento forse in giro per l'occidente c'è stato un trimestre negativo di 0 virgola... Ora... Lungi da me affermare che viviamo nel migliore dei mondi possibili, ma a me 'sta retorica del "va tutto male" pure in un periodo di crescita come non si vedeva da un po' (lascia pure che c'è di mezzo l'effetto rimbalzo post-covid) avrebbe anche rotto decisamente le scatole.
    3. In compenso l'inflazione attuale con la guerra non c'entra proprio una fava di nulla, ma è figlia degli aiuti indiscriminati elargiti in periodo di Covid.

    Tutta roba verificabile (e riproducibile) con pochi click sul web: siti di statistica o economici ufficiali, non LaConsobDiByoBlu...

    Ma se vogliamo dar la colpa di tutto a Putin (da una parte) o alla NATO (dall'altra) facciamolo pure eh...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  5. #10425
    Vento moderato
    Data Registrazione
    30/10/03
    Località
    Parma
    Messaggi
    1,304
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    In attesa che qualcuno dia consigli sulla storia della prima parte, io mi limito alla parte evidenziata.
    1. La crisi energetica è talmente figlia della guerra che è iniziata con svariati mesi di anticipo: tanto che i prezzi attuali del gas, dopo 9 mesi di guerra, son poco sopra quelli di fine 2021 mentre quello del petrolio in questo momento è più basso che a inizio gennaio, a inizio febbraio e abbastanza più basso del 22-23/02...
    2. La crisi economica forse arriverà, ma per il momento forse in giro per l'occidente c'è stato un trimestre negativo di 0 virgola... Ora... Lungi da me affermare che viviamo nel migliore dei mondi possibili, ma a me 'sta retorica del "va tutto male" pure in un periodo di crescita come non si vedeva da un po' (lascia pure che c'è di mezzo l'effetto rimbalzo post-covid) avrebbe anche rotto decisamente le scatole.
    3. In compenso l'inflazione attuale con la guerra non c'entra proprio una fava di nulla, ma è figlia degli aiuti indiscriminati elargiti in periodo di Covid.

    Tutta roba verificabile (e riproducibile) con pochi click sul web: siti di statistica o economici ufficiali, non LaConsobDiByoBlu...

    Ma se vogliamo dar la colpa di tutto a Putin (da una parte) o alla NATO (dall'altra) facciamolo pure eh...
    Purtroppo l'esempio che ho portato nel post sopra è comune a molta gente, soprattutto di una certa età che si informa solo ed esclusivamente sui canali televisivi e da interviste a persone schierate da una parte o dall'altra.
    Io di discutere non ne ho proprio più voglia, quello che hai scritto può essere certamente condivisibile ma agli occhi di tanti i problemi di oggi sono dovuti alla guerra in Ucraina e al fatto che Zelenski si rifiuta ostinatamente di fare concessioni ai russi, che a loro volta non hanno tutti i torti ad avere invaso un'altra nazione perchè dieci anni fa forze armata parastatali naziste hanno messo a ferro e a fuoco il Donbass ecc ecc ecc
    Credo di aver sintetizzato alla brutta quello che pensano tante persone, per quello chiedo se esiste un canale o qualche video che spiega realmente cosa ha portato alla situazione attuale, io di ribattere e discutere come ho già detto non ho voglia, magari un bel video fatto bene riesce a chiarire le idee a queste persone, io veramente ne ho le p***e piene e stracolme

  6. #10426
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,983
    Menzionato
    146 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Alexander Visualizza Messaggio
    Purtroppo l'esempio che ho portato nel post sopra è comune a molta gente, soprattutto di una certa età che si informa solo ed esclusivamente sui canali televisivi e da interviste a persone schierate da una parte o dall'altra.
    Io di discutere non ne ho proprio più voglia, quello che hai scritto può essere certamente condivisibile ma agli occhi di tanti i problemi di oggi sono dovuti alla guerra in Ucraina e al fatto che Zelenski si rifiuta ostinatamente di fare concessioni ai russi, che a loro volta non hanno tutti i torti ad avere invaso un'altra nazione perchè dieci anni fa forze armata parastatali naziste hanno messo a ferro e a fuoco il Donbass ecc ecc ecc
    Credo di aver sintetizzato alla brutta quello che pensano tante persone, per quello chiedo se esiste un canale o qualche video che spiega realmente cosa ha portato alla situazione attuale, io di ribattere e discutere come ho già detto non ho voglia, magari un bel video fatto bene riesce a chiarire le idee a queste persone, io veramente ne ho le p***e piene e stracolme
    Non è proprio così eh?
    Penso che sia necessario fare un pò di chiarezza. Nel 2014 c'era la guerra, ufficialmente si chiama Guerra del Donbass.
    Attori in campo: secessionisti ucraini filorussi, milizie ucraine filorusse e militari russi da una parte e ucraini nazionalisti, milizie ucraine nazionaliste ed esercito ucraino dall'altra.
    Sulle cause della guerra potremmo fare un pippone lungo così, la base (stringata all'osso) è che il Donbass sostanzialmente non gradisce un'avvicinamento dell'intero Paese all'Europa e preferirebbe un'avvicinamento alla Russia. In mezzo si sono inserite le solite provocazioni sia da parte ucraina sia da parte filorussa e russa.
    Tornando al conflitto del 2014, essendo purtroppo una guerra, come in ogni guerra sono avvenuti crimini di guerra e atrocità, che Human Rights Watch e l'Onu hanno già scovato e su cui hanno indagato e poi scritto. Inutile dire che le porcate sono state fatte da entrambe le parti, questo già si immaginava, ma in realtà le violazioni dei diritti umani, l'uso della tortura e il non rispetto dei diritti è stato particolarmente abbondante e sistematico da parte filorussa
    Quindi semmai è l'opposto: è l'Ucraina a non avere tutti i torti e voler combattere fino alla fine e fino all'ultimo proiettile direi...
    Lou soulei nais per tuchi

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •