Pagina 578 di 1060 PrimaPrima ... 78478528568576577578579580588628678 ... UltimaUltima
Risultati da 5,771 a 5,780 di 10599
  1. #5771
    Bava di vento L'avatar di barry
    Data Registrazione
    28/10/20
    Località
    Mira (VE)
    Messaggi
    177
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina


  2. #5772
    Vento forte L'avatar di ale97
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    25
    Messaggi
    3,574
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Musoita Visualizza Messaggio
    Il motivo non mi tange,ma nessuno ne ha presa una e dico una . Per me parlano al vento..

    Sono analisti, non previsori

  3. #5773
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    28
    Messaggi
    19,049
    Menzionato
    920 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da barry Visualizza Messaggio
    Anche quest'articolo che era allegato, purtroppo però in veste negativa perchè mette in evidenza gli orrori della guerra:

    https://www.avvenire.it/mondo/pagine...aina-genocidio

  4. #5774
    Burrasca L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico T. (PE) 550 m.
    Messaggi
    5,535
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Ho trovato questo articolo del 2012 sulle lingue in Ucraina, già allora si parlava di autonomia e contrasti tra russofoni e ucrainofoni La difficile partita della lingua russa in Ucraina - Limes

  5. #5775
    Bava di vento
    Data Registrazione
    21/09/21
    Località
    Genova (GE)
    Messaggi
    75
    Menzionato
    0 Post(s)

  6. #5776
    Vento forte L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Kanton Schwyz (CH)
    Età
    44
    Messaggi
    4,194
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Prime notizie incoraggianti arrivano dai colloqui di Istanbul, dai quali si intravedono spiragli per un cessate il fuoco in tempi brevi, che è la priorità assoluta per tutti, specialmente per la popolazione Ucraina. Speriamo che si continui su questa strada, con serietà da ambo le parti. Importantissimo il ruolo di mediazione e promozione del dialogo che sta avendo la Turchia, che, bisogna riconoscere, ha compiuto una scelta strategica molto oculata. Ovviamente questo loro ruolo di pacere è anche nel loro interesse, in uno scenario dove Europa e usa hanno fatto terra bruciata intorno alla Russia, ma allo stesso tempo scontentando la stessa Ucraina, come sottolinea zeleski ogni giorno, con la Turchia che si offre come "alternativa diplomatica" e "amica" sia nei confronti della Russia che dell Ucraina. Un ruolo che, pur essendo ovviamente nel loro interesse, è di indubbia utilità e di responsabilità per garantire la sicurezza e gli equilibri regionali. Un ruolo che magari avrebbe potuto assumere l Europa, che non vorrei si troverà di fronte a un boomerang con la sua immediata e nettissima presa di posizione. Vedremo...solo il tempo ce lo dirà...

  7. #5777
    Bava di vento
    Data Registrazione
    21/09/21
    Località
    Genova (GE)
    Messaggi
    75
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Vero, la Turchia (Erdogan) fin da subito si è proposta come terreno per una mediazione. Nessun paese europeo si è proposto per il medesimo ruolo...
    Nei libri di storia verrà scritto di questo incontro, ad Istanbul, con la Turchia che ha cercato di destreggiarsi... anche se magari Putin avrà vita breve (?)

  8. #5778
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    821
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Non ci speravo che Putin abbassasse la cresta senza azioni dimostrative violente e senza spingere all'estremo il confronto con l'occidente sul piano della sfida economica

    Vediamo che succede.

    Se finisce cosi Putin ha fatto morire migliaia di suoi soldati, ha fatto odiare la russia da un intero popolo, ha accelerato il processo di derussificazione dell'economia europea e ha impoverito almeno per un paio di anni il suo popolo (sempre che tutto torni come prima come se nulla fosse al netto dei contratti futuri con l'europa).
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  9. #5779
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    35
    Messaggi
    2,363
    Menzionato
    456 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da kima Visualizza Messaggio
    Prime notizie incoraggianti arrivano dai colloqui di Istanbul, dai quali si intravedono spiragli per un cessate il fuoco in tempi brevi, che è la priorità assoluta per tutti, specialmente per la popolazione Ucraina. Speriamo che si continui su questa strada, con serietà da ambo le parti. Importantissimo il ruolo di mediazione e promozione del dialogo che sta avendo la Turchia, che, bisogna riconoscere, ha compiuto una scelta strategica molto oculata. Ovviamente questo loro ruolo di pacere è anche nel loro interesse, in uno scenario dove Europa e usa hanno fatto terra bruciata intorno alla Russia, ma allo stesso tempo scontentando la stessa Ucraina, come sottolinea zeleski ogni giorno, con la Turchia che si offre come "alternativa diplomatica" e "amica" sia nei confronti della Russia che dell Ucraina. Un ruolo che, pur essendo ovviamente nel loro interesse, è di indubbia utilità e di responsabilità per garantire la sicurezza e gli equilibri regionali. Un ruolo che magari avrebbe potuto assumere l Europa, che non vorrei si troverà di fronte a un boomerang con la sua immediata e nettissima presa di posizione. Vedremo...solo il tempo ce lo dirà...
    Io sono molto scettico, a meno che la situazione per i russi non sia anche peggio di quella che sembra dubito che vogliano chiudere un accordo in questo momento, prima almeno vorranno provare a prendere tutto il Donbass.

    Considerata la ritirata strategica dalle zone a nord di Kiev e i tempi tecnici necessari per spostare le forze più ad est mi sembra altamente probabile che queste trattative siano solo un diversivo per prendere tempo e riorganizzarsi.

    Se siamo arrivati a questo punto comunque è solo perché l'Europa ha colpito duramente la Russia sul piano economico e ha supportato pienamente l'Ucraina dal punto di vista finanziario, logistico e militare, senza la immediata e nettissima presa di posizione iniziale europea non avresti questa trattativa ora.

  10. #5780
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,392
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Io non manderei proprio soldati in Libia, pensa. L'Occidente ha fatto troppi danni laddove è intervenuto fin dai tempi del colonialismo.
    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Fosse per me certi interventi si dovrebbero decidere solo a livello ONU, con l'appoggio della stragrandissima maggioranza degli stati (così che una fazione, come i paesi NATO, non possa imporre le sue decisioni solo in virtù della loro alleanza militare che li vincola e crea numero).
    Pero' l'ONU e' un'organizzazione prevalentemente intergovernativa con scopi militari, se uno stato decide di stringere un patto commerciale con un altro per beneficiare delle sue risorse o altro l'ONU puo' fare ben poco... E abbiamo tra l'altro visto l'importanza dell'ONU nell'ultima presa di posizione contro la Russia: gran parte hanno condannato con una risoluzione votata quasi a maggioranza schiacciante ma in fin dei conti non si e' andato oltre.
    Secondo me se stringi un'alleanza economica strategica con uno stato devi essere pronto anche a sostenere militarmente, tuo malgrado, l'alleanza: ad esempio in Libia c'è la "nostra" ENI, che prova a gas e gas naturale liquefatto per approvvigionare l'Italia. Se un domani alcuni siti di trivellazione venissero attaccati, per esempio dal Ciad con l'appoggio di mercenari russi noi cosa facciamo? Chiediamo l'intervento dell'ONU? Secondo me dobbiamo purtroppo tenere in considerazione anche la difesa dei nostri partner commerciali.
    Tu pensi che, ad esempio, la Cina che ha la proprietà di alcune tra le più grosse miniere di rame al mondo come quella di Las Bambas in Perù ( Miniere in Perù, gli abitanti di Las Bambas sfidano la multinazionale cinese del metallo - MSOI thePost) tollererebbe l'intromissione di un qualsiasi stato straniero nei suoi possedimenti?
    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Inoltre l'aumento delle spese militari al 2% del PIL mi sembra un'assurdità. L'UE spende già 3-4 volte la Russia per l'ambito militare, per me si dovrebbero destinare meglio le risorse che già esistono per creare una difesa comune.


    Sarà... Però sia l'Europa che la NATO sembrano ancora piuttosto indietro rispetto ai russi, quantomeno sul discorso delle testate nucleari che hanno il loro peso... Le batterie antimissili Aegis Ashore sembrano piuttosto "deboli" nei confronti dei missili ipersonici russi, inutile ricordare che Putin ha armato l'enclave di Kaliningrad con questi missili e molti analisti ritengono probabile un attacco all'Europa da quelle zone.
    Inoltre, il sistema europeo di difesa "Twister" non vedrà la luce prima del 2030, per di più è ancora incerta la sua efficacia nei confronti dei missili russi: si dice che siano in grado di intercettare missili con velocità superiore a mach5 ma non c'è certezza di come si comporterebbero con quelli russi.

    La Nato e disarmata di fronte ai missili ipersonici russi

    Comunque qualche perplessità c'è, tant'è che anche la Germania ha chiesto informazioni ad Israele per il suo sistema "Iron Dome".
    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Sinceramente Putin non mi sembra un pericolo sul campo della guerra convenzionale, non riesce a prendersi l'Ucraina intera e il suo esercito è stato "sterminato" in un solo mese come non è mai successo ad un esercito americano/NATO dai tempi della seconda guerra mondiale, figuriamoci cosa potrebbe contro la NATO.
    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Penso che anche lui se ne renda conto, e anche la NATO stessa. Forse prima coltivava quest'ambizione, ma adesso non lo creo.
    Qua vedi il discorso sopra... Puoi avere anche un esercito numericamente superiore in tutto (terrestre, marino e aereo) ma purtroppo l'aspetto missilistico conta... E la butto li allora... Come ci comporteremmo noi se, tra non molto, Putin decidesse di stringere un'alleanza militare con la Cina e/o la Corea del Nord? Una sorta di NATO asiatica? Non sarebbe un'escalation quella?
    Comunque vedremo, io non sono nemmeno sicuro che il nostro paese approverà il raggiungimento del tetto del 2% sulle spese (io dico purtroppo, ma rimane una mia idea ) con il governo che rischia di spaccarsi.
    Io tendenzialmente non sono un guerrafondaio, però vedendo che piega hanno preso le vicende nell'ultimo periodo e considerato che gli stati vicini difendono le zone con elevata ricchezza di materie prime con le unghie e con i denti sto cambiando un pò idea.
    Tra l'altro ho letto che la Cina vorrebbe cominciare a sfruttare le risorse minerarie dell'Afghanistan, ero completamente ignorante su questo aspetto:

    La Cina riaprira la miniera di rame Mes Aynak in Afghanistan. Il ministro degli esteri Wang in visita a Kabul - Open

    Un saluto, anche se abbiamo idee diverse è sempre piacevole confrontarsi
    Ultima modifica di Gio83Gavi; 29/03/2022 alle 20:12

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •