Pagina 789 di 1067 PrimaPrima ... 289689739779787788789790791799839889 ... UltimaUltima
Risultati da 7,881 a 7,890 di 10668
  1. #7881
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    35
    Messaggi
    2,363
    Menzionato
    456 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    15.55 – Kiev ammette: “Mosca in vantaggio nella regione di Lugansk”
    La Russia è «in vantaggio» nei combattimenti nella regione orientale di Lugansk: lo ha ammesso in un briefing un comandante militare ucraino. «La Russia è in vantaggio, ma stiamo facendo tutto il possibile», ha detto il generale Oleksiy Gromov. Secondo Gromov, la Russia sta anche spostando i sistemi missilistici Iskander nella regione bielorussa di Brest, cosa che potrebbe preannunciare nuovi attacchi missilistici sull'Ucraina occidentale-

    CVD.

    Il sostegno europeo sta venendo meno, ormai è quasi scontro diretto tra Svezia e Turchia. Purtroppo sta venendo meno il sovrainteresse internazionale a scapito dei singoli interessi nazionali. Molto probabilmente anche l'Italia, nel giro di una settimana al massimo, smetterà di inviare armi. Anche perchè le sanzioni alla Russia non stanno funzionando nell'immediato, nè intaccano così tanto la sua capacità militare.
    Purtroppo, come già si poteva temere, finirà a tarallucci e vino. La Russia si prende il Donbass, con buona pace di tutto il mondo, e la zona resterà probabilmente in uno scontro pressochè continuo nel quale l'attenzione mediatica e internazionale andrà via via calando. Anche perchè ora una nuova zona calda sarà Taiwan. I russi sono troppo lobotomizzati dal regime e da decenni di propaganda e mistificazioni storiche e politiche, non reagiranno mai, nè abbatteranno mai Putin e il Putinismo.
    Situazione senza speranza, l'Ucraina è condannata. I russi si prenderanno il Donbass e poi tenteranno di avanzare ad W. E temo ci riusciranno, peraltro. Non se ne parla molto, ma l'esercito ucraino ha subìto anch'esso perdite enormi, non ha più armi, nè uomini, e dopo una gloriosa resistenza sarà costretto ad arrendersi temo.
    Esagerato, i russi hanno concentrato tutte le loro forze in un piccolissimo punto del fronte per riuscire ad ottenere questa avanzata, per farlo hanno interrotto quasi totalmente gli attacchi nel resto dell'Ucraina e si sono ritirati da Kharkiv. Hanno anche rinunciato ad avanzare verso Sloviansk e Kramatorsk, che sono sempre Donbass.

    Tra fare piccole avanzate verso una singola città e riprendere l'avanzata in maniera più sostanziale ce ne passa di strada.

    Hanno progressivamente ridimensionato le loro ambizioni nell'Ucraina orientale e adesso sono arrivati forse per la prima volta ad avere piani coerenti con le loro forza (le frecce che in questa mappa sono indicate con June2022)



    Non vedo nemmeno chissà quali passi indietro da parte dei governi occidentali, appena una settimana fa hanno promesso nuove armi e ancora stanno arrivando quelle inviate nelle scorse settimane.

    Lo scontro tra Svezia e Turchia non è una novità, è emerso maggiormente a causa della richiesta svedese di ingresso nella NATO ma non ha niente a che vedere con l'Ucraina.

  2. #7882
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    27,260
    Menzionato
    148 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Esagerato, i russi hanno concentrato tutte le loro forze in un piccolissimo punto del fronte per riuscire ad ottenere questa avanzata, per farlo hanno interrotto quasi totalmente gli attacchi nel resto dell'Ucraina e si sono ritirati da Kharkiv. Hanno anche rinunciato ad avanzare verso Sloviansk e Kramatorsk, che sono sempre Donbass.

    Tra fare piccole avanzate verso una singola città e riprendere l'avanzata in maniera più sostanziale ce ne passa di strada.

    Hanno progressivamente ridimensionato le loro ambizioni nell'Ucraina orientale e adesso sono arrivati forse per la prima volta ad avere piani coerenti con le loro forza (le frecce che in questa mappa sono indicate con June2022)

    Immagine


    Non vedo nemmeno chissà quali passi indietro da parte dei governi occidentali, appena una settimana fa hanno promesso nuove armi e ancora stanno arrivando quelle inviate nelle scorse settimane.

    Lo scontro tra Svezia e Turchia non è una novità, è emerso maggiormente a causa della richiesta svedese di ingresso nella NATO ma non ha niente a che vedere con l'Ucraina.
    Però i russi ormai controllano completamente il Mare d'Azov, che ha un'importanza strategica non da poco. Vedasi cosa stanno facendo con il blocco del grano.
    Ora è un aut aut: O togliete le sanzioni, o blocchiamo l'esportazione di grano.
    Lou soulei nais per tuchi

  3. #7883
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    27,260
    Menzionato
    148 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Tra l'altro Kharkiv è stata pesantemente bombardata proprio stanotte, Severodonetsk è accerchiata e prossima al crollo, l'oblast di Dnipropetrovsk è stato oggetto di lancio di missili, mentre le forze russe stanno portando equipaggiamenti dalla Crimea a Zaporizia.
    Esercito russo inarrestabile ora come ora.
    Lou soulei nais per tuchi

  4. #7884
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    27,260
    Menzionato
    148 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Lyman (oblast di Donetsk) è ufficialmente caduta, mentre anche Mykolaiv è stata pesantemente bombardata, così come Dnipro.

    Pessime notizie, non ci siamo.
    Lou soulei nais per tuchi

  5. #7885
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,403
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Cecco d'As Visualizza Messaggio
    E però sto concetto deve valere sempre, invece mi pare che l'ultima guerra in territorio europeo prima di questa ovvero quella per il Kosovo mi pare che scoppiò proprio in funzione del riconoscimento della minoranza che si è difatti autoproclamata indipendente (e riconosciuta da molti paesi tra cui il nostro) a seguito dei bombardamenti Nato in Serbia
    La Crimea e il Donbass no il Kosovo si?
    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Mmh. Momento. La questione kosovara è profondamente diversa da quella russo-ucraina, non è paragonabile a piè pari.
    La situazione balcanica da sempre è stata intricatissima, in quanto - da buon vecchio Impero, Regno e poi Repubblica tutti multietnici - ha sempre visto in sè numerosi popoli diversi vivere in territori comuni. Aree che erano abitate contemporaneamente da macedoni, greci, albanesi, bulgari, serbi, bosniaci, nelle quali ogni nazione di appartenenza ne rivendicava il possesso in virtù della presenza della propria minoranza. La Guerra del Kosovo dunque anzitutto va inserita in questa cornice, nel quale c'erano kosovari albanesi che volevano un'annessione diretta all'Albania (e la creazione di una Grande Albania, con conseguente pulizia etnica dei non-albanesi), altri kosovari che preferivano un'indipendenza sia dall'Albania, sia dalla Repubblica Federale di Jugoslavia, altri kosovari serbi che, invece, non volevano nessun distaccamento dalla suddetta repubblica: era una situazione molto, molto complessa, tipicamente balcanica. Sono quelle situazioni in cui, qualsiasi cosa si possa fare, comunque si danneggiano sempre gli interessi di qualcuno.
    Anche oggi è difficile dire chi avesse "torto" e chi "ragione" - a mio avviso - in quanto tutti avevano ragione e tutti avevano torto. La cosa che però va detta - e che si tende a dimenticare - è che la NATO e l'Occidente, sotto l'egida dell'ONU, si applicarono per mesi e mesi per raggiungere un cessate il fuoco. Non solo un cessate il fuoco, ma si cercò di giungere ad un accordo quanto più equo possibile, ossia che la Jugoslavia cessasse le sue operazioni militari e che contemporaneamente l'UCK (l'Esercito di Liberazione del Kosovo) rinunciasse alla richiesta di indipendenza. E nonostante delle tregue temporanee e molto instabili, si verificarono massacri, crimini di guerra, violenze gratuite, in un clima sempre più rovente. A complicare le cose vi fu inoltre l'enorme ondata di profughi albanesi e la conseguente emergenza umanitaria, il massacro di Racak. Il consiglio della NATO del gennaio '99 (che sostanzialmente autorizzava ad attacchi aerei per obbligare il rispetto delle richieste della comunità internazionale) era sì una minaccia a Milosevic, ma anche all'UCK, che avrebbe dovuto in egual misura cessare le ostilità. La conferenza di Rambouillet dell'inizio di febbraio 1999 avrebbe potuto rappresentare un inizio di pacificazione, ma Milosevic non si era nemmeno presentato, segno che non avrebbe mai ceduto, nè si sarebbe ritirato, nè sarebbe sceso a patti. Lo stesso testo finale, che fu davvero ben fatto, in quanto vedeva un Kosovo Jugoslavo con ampia autonomia e col massimo riguardo per gli albanesi suoi abitanti, fu accettato dalla parte albanese (pur scontentandola in parte eh, in quanto non aveva assolutamente adempiuto alle richieste albanesi), ma non da parte serba (e neanche russa, per gradire).
    Tutto questo pippone (scusatemi) per dire che, in realtà, i bombardamenti NATO furono l'estrema ratio, e avvennero non per partito preso contro Milosevic o contro la Jugoslavia dell'epoca, ma perchè Milosevic stesso aveva rifiutato qualsiasi proposta di un Kosovo maggiormente autonomo. Attenzione: non sarebbe stato tolto dalla Jugoslavia e dato all'Albania: sarebbe sempre rimasto Jugoslavo, ma con maggiore autonomia, con forze di pace internazionale per garantire la sicurezza degli abitanti, il ritorno dei profughi e una cessazione totale delle ostilità. E non ho parlato della vera e propria pulizia etnica, che fu spietata da parte jugoslava, e generò ovviamente anche rappresaglie feroci da parte albanese.

    Mi ero dimenticato questo passaggio... Cito anche @Lou_Vall (peraltro con un messaggio con cui concordo in pieno) ma solo per rispondere un attimo a quanto avevi scritto.
    Verissimo cosa fece il Kosovo all'epoca, ovvero che si appello' al cosiddetto "principio dell'autodeterminazione dei popoli" per la propria indipendenza, tuttavia dimentichi che il Kosovo a suo tempo si appello' all'ONU per ottenere la propria indipendenza.
    La Crimea e il Donbass non mi pare si siano appellate all'ONU, ovvero un'organizzazione quantomeno sulla carta imparziale, per richiedere l'indipendenza... Ma a Putin , che invece e' il personaggio piu' imparziale di questo mondo.

    Poi tutto il resto e' storia, aggiungo soltanto che forse ci si dimentica che il Kosovo non e' stato ancora riconosciuto, ad oggi, da molti stati... Cina, India ma anche dalla "nostra" Spagna (sai se una mattina la minoranza basca o catalana si svegliasse e decidesse di dichiararsi indipendente da Madrid che caos scoppierebbe?) e dalla stessa Russia.
    Quindi anche qua faccio fatica a capire... Tu (Russia) membro dell'ONU non riconosci il Kosovo indipendente ma avvalli lo stesso suo principio, utilizzato dalla Crimea, per rendersi indipendente dall'Ucraina?
    Mi pare che si sia qualcuno che debba far prima pace con il proprio cervello e poi battere i pugni sul tavolo

  6. #7886
    Brezza tesa L'avatar di Cecco d'As
    Data Registrazione
    26/06/21
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    705
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Mi ero dimenticato questo passaggio... Cito anche @Lou_Vall (peraltro con un messaggio con cui concordo in pieno) ma solo per rispondere un attimo a quanto avevi scritto.
    Verissimo cosa fece il Kosovo all'epoca, ovvero che si appello' al cosiddetto "principio dell'autodeterminazione dei popoli" per la propria indipendenza, tuttavia dimentichi che il Kosovo a suo tempo si appello' all'ONU per ottenere la propria indipendenza.
    La Crimea e il Donbass non mi pare si siano appellate all'ONU, ovvero un'organizzazione quantomeno sulla carta imparziale, per richiedere l'indipendenza... Ma a Putin , che invece e' il personaggio piu' imparziale di questo mondo.

    Poi tutto il resto e' storia, aggiungo soltanto che forse ci si dimentica che il Kosovo non e' stato ancora riconosciuto, ad oggi, da molti stati... Cina, India ma anche dalla "nostra" Spagna (sai se una mattina la minoranza basca o catalana si svegliasse e decidesse di dichiararsi indipendente da Madrid che caos scoppierebbe?) e dalla stessa Russia.
    Quindi anche qua faccio fatica a capire... Tu (Russia) membro dell'ONU non riconosci il Kosovo indipendente ma avvalli lo stesso suo principio, utilizzato dalla Crimea, per rendersi indipendente dall'Ucraina?
    Mi pare che si sia qualcuno che debba far prima pace con il proprio cervello e poi battere i pugni sul tavolo
    Quindi una volta appellati all'ONU ci si può proclamare unilateralmente indipendenti?

  7. #7887
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    33
    Messaggi
    21,969
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Cecco d'As Visualizza Messaggio
    Quindi una volta appellati all'ONU ci si può proclamare unilateralmente indipendenti?
    Dipende da che parte stai, se sei dalla parte degli Stati Uniti e della NATO e dichiari l'indipendenza, sei un combattente per la libertà, se fai la stessa cosa ma sei contro agli Stati Uniti e alla NATO sei un terrorista

  8. #7888
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    27,260
    Menzionato
    148 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Dipende da che parte stai, se sei dalla parte degli Stati Uniti e della NATO e dichiari l'indipendenza, sei un combattente per la libertà, se fai la stessa cosa ma sei contro agli Stati Uniti e alla NATO sei un terrorista
    Più che altro se sei dalla parte di qualcuno col diritto di veto
    L'ONU come organismo è un burattino ad uso e consumo delle maggiori potenze. Tra cui Russia e Cina (vedasi la situazione attuale).
    Lou soulei nais per tuchi

  9. #7889
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,506
    Menzionato
    147 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Manca solo il "gné gné" e portare via il pallone.
    Faccio notare che le sanzioni non proibiscono alle persone di emigrare a Mosca e farsi una vita là eh...


    Intanto leggo che il G7, nella cornice della guerra e della crisi energetica, propone di sospendere i finanziamenti pubblici alle centrali (e suppongo alla filiera...) a combustibili fossili, il che contribuerebbe da una parte a riequilibrare "mezzo mercato" (vediamo quanto più costoso diventa il nucleare se le materie prime restano a questo livello di prezzo...) e quindi a favorire la transizione energetica.
    Sarebbe una interessante marginalità positiva di questa situazione.
    E sarebbe pure credibile se ci fossimo, almeno noi, messi d'accordo sull'embargo alle materie prime russe. Peccato che...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  10. #7890
    Bava di vento L'avatar di barry
    Data Registrazione
    28/10/20
    Località
    Mira (VE)
    Messaggi
    183
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Ora è un aut aut: O togliete le sanzioni, o blocchiamo l'esportazione di grano.
    C'è qualcosa che mi sta sfuggendo (CIT) nel filo logico della narrazione russa

    - Le sanzioni danneggiano soprattutto l'occidente
    - Non c'è nessun blocco del grano, anzi c'è, è colpa degli ucraini che minano i porti
    - Se togliete le sanzioni sblocchiamo il grano

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •