Pagina 876 di 971 PrimaPrima ... 376776826866874875876877878886926 ... UltimaUltima
Risultati da 8,751 a 8,760 di 9706
  1. #8751
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    35
    Messaggi
    2,315
    Menzionato
    449 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    I russi hanno appena sparato due missili sul porto commerciale di Odessa che fa parte dell'accordo
    Quello che non hanno capito è che tutto questo si ripercuoterà sulle relazioni d'affari future comprese quelle delle aziende private
    Allegato 595047
    Guarda non mi sorprende minimamente, questa mattina stavo per scrivere che avrebbero comunque boicottato l'esportazione di grano in maniera meno visibile, come bruciare i campi nello zone occupate dal loro.


    Non sono minimamente affidabili, cosa che rende ingestibile qualunque negoziato.

  2. #8752
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,727
    Menzionato
    146 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Guarda non mi sorprende minimamente, questa mattina stavo per scrivere che avrebbero comunque boicottato l'esportazione di grano in maniera meno visibile, come bruciare i campi nello zone occupate dal loro.


    Non sono minimamente affidabili, cosa che rende ingestibile qualunque negoziato.
    Infatti.
    Questo la dice lunga su quale senso avrebbe firmare un accordo di pace con persone del genere (mi riferisco a chi prende le decisioni in alto, ovviamente, non ai singoli poveri cristi). Se non sono neanche in grado di non sparare sulla Croce Rossa ci aspettiamo che rispettino i confini, gli accordi e le tregue? Ma per carità.
    L'esercito russo va schiacciato e ributtato indietro, senza se e senza ma. Ma non sul confine, direttamente col culo a bagno nel Volga, giusto per iniziare a ragionare.

    Questa sarà (è, da tempo) una guerra lunga, per cui già vediamo che l'attenzione mediatica è crollata, occupata da altro, come sempre accade. A maggior ragione in queste guerre di logoramento, dove, di fatto, nessuno degli eserciti riesce a fare progressi sistematici e significativi.
    Resto comunque dell'idea che, alla lunga, il Donbass finirà alla Russia, volente o nolente. Il regime di Putin non molla, ed è più probabile che sia prima il governo di Zelensky a cedere, magari a causa di una certa opposizione interna che, dopo mesi/anni di guerra potrebbe volersi arrendere e cedere il Donbass in cambio di un accordo di pace. Il fatto che Zelensky stesso abbia silurato un sacco di persone che occupavano svariate cariche mi fa pensare, che forse il suo fronte interno non è così unito come potrebbe sembrare.
    Ad ogni modo l'ultima speranza, che è dura a morire, è proprio la fine di Putin. Brutto augurarsi la morte di qualcuno, però se da questo qualcuno derivano migliaia di morti, di feriti, di danni, di distruzioni e di squilibri mondiali, ecco, forse... Io ci spero ancora. E' pur sempre un uomo, non è eterno.
    Lou soulei nais per tuchi

  3. #8753
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,932
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Infatti.
    Questo la dice lunga su quale senso avrebbe firmare un accordo di pace con persone del genere (mi riferisco a chi prende le decisioni in alto, ovviamente, non ai singoli poveri cristi). Se non sono neanche in grado di non sparare sulla Croce Rossa ci aspettiamo che rispettino i confini, gli accordi e le tregue? Ma per carità.
    L'esercito russo va schiacciato e ributtato indietro, senza se e senza ma. Ma non sul confine, direttamente col culo a bagno nel Volga, giusto per iniziare a ragionare.

    Questa sarà (è, da tempo) una guerra lunga, per cui già vediamo che l'attenzione mediatica è crollata, occupata da altro, come sempre accade. A maggior ragione in queste guerre di logoramento, dove, di fatto, nessuno degli eserciti riesce a fare progressi sistematici e significativi.
    Resto comunque dell'idea che, alla lunga, il Donbass finirà alla Russia, volente o nolente. Il regime di Putin non molla, ed è più probabile che sia prima il governo di Zelensky a cedere, magari a causa di una certa opposizione interna che, dopo mesi/anni di guerra potrebbe volersi arrendere e cedere il Donbass in cambio di un accordo di pace. Il fatto che Zelensky stesso abbia silurato un sacco di persone che occupavano svariate cariche mi fa pensare, che forse il suo fronte interno non è così unito come potrebbe sembrare.
    Ad ogni modo l'ultima speranza, che è dura a morire, è proprio la fine di Putin. Brutto augurarsi la morte di qualcuno, però se da questo qualcuno derivano migliaia di morti, di feriti, di danni, di distruzioni e di squilibri mondiali, ecco, forse... Io ci spero ancora. E' pur sempre un uomo, non è eterno.
    Fosse solo il Donbass...io penso che se l'Ucraina non contrattacca sono persi anche gli altri territori occupati nell'Ucraina meridionale. I russi non li molleranno mai, e la russificazione col passare degli anni non farà che cristallizzare la situazione.

  4. #8754
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,282
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Kharkiv è completamente fuori dalla portata dei russi, fanno quotidianamente attacchi molto velleitari giusto per costringere gli ucraini a impegnare più uomini su quel fronte. Controllare la zona a nord-est di Kharkiv è funzionale soprattutto a proteggere la logistica russa che rifornisce la zona di Izyum da Belgorod, ma al momento sembra che gli ucraini abbiano altre priorità.
    Balakliia è sotto controllo russo dai primi giorni della guerra e la controffensiva ucraina non è mai arrivata fin lì (lo vedi anche nella mappa che ho postato sopra) non so le notizie che hai letto a cosa si riferissero. Se anche avessero fatto attacchi nella zona sicuramente l'obiettivo sarebbe allargare l'offensiva in direzione di Slovyansk, non di Karkiv.
    Si è vero , avevo letto male la cartina così come il report: la città non era Balakliia (sotto il controllo russo) ma Husarivka posta più a sud (sotto controllo ucraino), dove avevo letto che qualche giorno fa questa zona era stata interessata da combattimenti per la prima volta dall'inizio della guerra.
    Notizia di qualche giorno fà l'abbattimento di due Sukhoi russi... Un SU-34 e un SU-35, rispettivamente nel Lugansk e nella zona di Kherson.
    Inizialmente si pensava a fuoco amico, mentre è più probabile che sia stata la contraerea ucraina:

    RID - Rivista Italiana Difesa

  5. #8755
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,282
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    L'accordo sull'export come lo contestualizzate a livello strategico per i russi?
    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Secondo me la loro strategia di creare una carestia mondiale non ha mai avuto senso dal punto di vista diplomatico, "lasciateci conquistare l'ucraina o provochiamo un Homolodor africano" non era un buon modo per mantenere buoni rapporti con i Paesi che non si sono schierati nel conflitto.

    Ormai non erano più in grado di mantenere il blocco navale, con la perdita dell'isola dei serpenti e il ritiro di gran parte della flotta da Sebastopoli a Novorossiysk per timore di attacchi missilistici ucraini non hanno più il controllo del Mar Nero occidentale, non osano più avvicinarsi ad Odessa. Gli ucraini quindi non avrebbero più problemi a sminare la costa anche senza un esplicito accordo con i russi, cominciava ad essere plausibile anche una una iniziativa unilaterale da parte di altri Paesi per scortare le navi commerciali fino ad Odessa, che difficilmente i russi si sarebbero permessi di attaccare.


    Insomma sono scesi a compromessi prima di arrivare ad una sconfitta totale nella battaglia del grano.
    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Infatti.
    Questo la dice lunga su quale senso avrebbe firmare un accordo di pace con persone del genere (mi riferisco a chi prende le decisioni in alto, ovviamente, non ai singoli poveri cristi). Se non sono neanche in grado di non sparare sulla Croce Rossa ci aspettiamo che rispettino i confini, gli accordi e le tregue? Ma per carità.
    L'esercito russo va schiacciato e ributtato indietro, senza se e senza ma. Ma non sul confine, direttamente col culo a bagno nel Volga, giusto per iniziare a ragionare.

    Questa sarà (è, da tempo) una guerra lunga, per cui già vediamo che l'attenzione mediatica è crollata, occupata da altro, come sempre accade. A maggior ragione in queste guerre di logoramento, dove, di fatto, nessuno degli eserciti riesce a fare progressi sistematici e significativi.
    Resto comunque dell'idea che, alla lunga, il Donbass finirà alla Russia, volente o nolente. Il regime di Putin non molla, ed è più probabile che sia prima il governo di Zelensky a cedere, magari a causa di una certa opposizione interna che, dopo mesi/anni di guerra potrebbe volersi arrendere e cedere il Donbass in cambio di un accordo di pace. Il fatto che Zelensky stesso abbia silurato un sacco di persone che occupavano svariate cariche mi fa pensare, che forse il suo fronte interno non è così unito come potrebbe sembrare.
    Ad ogni modo l'ultima speranza, che è dura a morire, è proprio la fine di Putin. Brutto augurarsi la morte di qualcuno, però se da questo qualcuno derivano migliaia di morti, di feriti, di danni, di distruzioni e di squilibri mondiali, ecco, forse... Io ci spero ancora. E' pur sempre un uomo, non è eterno.
    A proposito dell'accordo (o presunto tale? ) sull'export del grano tra Russia e Ucraina con l'intermediazione... chiamiamola così ... della Turchia, vorrei evidenziare un paio di cose che ho letto poc'anzi.
    Il portavoce di Zelensky, nonchè giornalista, Mykhailo Podolyak ha affermato che l'Ucraina non ha ratificato alcun documento scritto con la Russia sull'export di grano bensi sono giunti solo ad un accordo con la Turchia e le Nazioni Unite.
    Lo stesso ha fatto la Russia, che ha stipulato un accordo simile sempre con la Turchia e le Nazioni Unite ma non con l'Ucraina.
    Pertanto, le due controparti hanno soltanto raggiunto accordi con questi due paesi (Turchia e Nazioni Unite) ma si può dire che tra di loro non c'è stato alcun contatto:

    https://twitter.com/Podolyak_M/statu...34640585949186

    Ammesso che sia così, e ciò troverebbe anche un riscontro pratico nell'attacco russo ad Odessa (badate bene, ho detto riscontro pratico e non "giustificazione" proprio perchè come al solito i russi non accettano che gli accordi negoziali prendano una piega a loro non consona...), i giornalisti secondo me hanno calcato un pò la mano, in quanto c'è una grossa differenza tra la stipula di un documento con la firma di Russia e Ucraina e un accordo in cui entrambi rispondono soltanto a Turchia e nazioni unite.

    Inoltre, è molto sospetta anche la complicità turca nell'export del grano... Una delle tre navi russe che hanno scaricato grano nel porto di Dortyol (Turchia) il 25 giugno si dice che provenisse dal porto russo di Kawkas, da cui è partita il 19 giugno. Qui è giunta dopo una lunga sosta al porto di Sebastopoli, in cui aveva spento la ricezione satellitare per 7 giorni .

    Immagine.jpg

    Pertanto, una delle domande che ci si pone allo stato attuale delle cose è da dove provenga tutto quel grano stipato nei silos di Sebastopoli, dato che dopo l'annessione della Crimea alla Russia nel 2014 l'Ucraina ha cessato la produzione in quella zona... Si parla di circa 500.000 tonnellate di grano esportate illegalmente da marzo.
    Il sospetto è che provengano dalla zona di Kherson, e che la Turchia sia coinvolta in quello che sarebbe un vero e proprio traffico illegale di grano, chiudendo un'occhio sul transito di navi russe e, come controparte, assicurandosi una "fetta della torta"... Fosse realmente così, dovrebbe quantomeno delle spiegazioni plausibili agli "alleati".
    Qua c'è l'articolo originale (in tedesco, da tradurre col traduttore):

    Wie Russland ukrainisches Getreide stiehlt


  6. #8756
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    25
    Messaggi
    6,121
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    A proposito dell'accordo (o presunto tale? ) sull'export del grano tra Russia e Ucraina con l'intermediazione... chiamiamola così ... della Turchia, vorrei evidenziare un paio di cose che ho letto poc'anzi.
    Il portavoce di Zelensky, nonchè giornalista, Mykhailo Podolyak ha affermato che l'Ucraina non ha ratificato alcun documento scritto con la Russia sull'export di grano bensi sono giunti solo ad un accordo con la Turchia e le Nazioni Unite.
    Lo stesso ha fatto la Russia, che ha stipulato un accordo simile sempre con la Turchia e le Nazioni Unite ma non con l'Ucraina.
    Pertanto, le due controparti hanno soltanto raggiunto accordi con questi due paesi (Turchia e Nazioni Unite) ma si può dire che tra di loro non c'è stato alcun contatto:

    https://twitter.com/Podolyak_M/statu...34640585949186

    Ammesso che sia così, e ciò troverebbe anche un riscontro pratico nell'attacco russo ad Odessa (badate bene, ho detto riscontro pratico e non "giustificazione" proprio perchè come al solito i russi non accettano che gli accordi negoziali prendano una piega a loro non consona...), i giornalisti secondo me hanno calcato un pò la mano, in quanto c'è una grossa differenza tra la stipula di un documento con la firma di Russia e Ucraina e un accordo in cui entrambi rispondono soltanto a Turchia e nazioni unite.

    Inoltre, è molto sospetta anche la complicità turca nell'export del grano... Una delle tre navi russe che hanno scaricato grano nel porto di Dortyol (Turchia) il 25 giugno si dice che provenisse dal porto russo di Kawkas, da cui è partita il 19 giugno. Qui è giunta dopo una lunga sosta al porto di Sebastopoli, in cui aveva spento la ricezione satellitare per 7 giorni .

    Immagine.jpg

    Pertanto, una delle domande che ci si pone allo stato attuale delle cose è da dove provenga tutto quel grano stipato nei silos di Sebastopoli, dato che dopo l'annessione della Crimea alla Russia nel 2014 l'Ucraina ha cessato la produzione in quella zona... Si parla di circa 500.000 tonnellate di grano esportate illegalmente da marzo.
    Il sospetto è che provengano dalla zona di Kherson, e che la Turchia sia coinvolta in quello che sarebbe un vero e proprio traffico illegale di grano, chiudendo un'occhio sul transito di navi russe e, come controparte, assicurandosi una "fetta della torta"... Fosse realmente così, dovrebbe quantomeno delle spiegazioni plausibili agli "alleati".
    Qua c'è l'articolo originale (in tedesco, da tradurre col traduttore):

    Wie Russland ukrainisches Getreide stiehlt

    Mi pare chiaro sin dall’inizio che la turchia stia giocando “sporco” nelle trattative solo per acquisire posizioni sempre più strategiche e di forza nello scacchiere internazionale…. Secondo me erdogan darà parecchi problemi in futuro.

  7. #8757
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    24,217
    Menzionato
    392 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Mi pare chiaro sin dall’inizio che la turchia stia giocando “sporco” nelle trattative solo per acquisire posizioni sempre più strategiche e di forza nello scacchiere internazionale…. Secondo me erdogan darà parecchi problemi in futuro.
    sicuro, ne ha già dati in passato e possiede un esercito temibile, oltre ad essere un folle.
    Si vis pacem, para bellum.

  8. #8758
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,727
    Menzionato
    146 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Mi pare chiaro sin dall’inizio che la turchia stia giocando “sporco” nelle trattative solo per acquisire posizioni sempre più strategiche e di forza nello scacchiere internazionale…. Secondo me erdogan darà parecchi problemi in futuro.
    Concordo. La Turchia gioca sporco ed è volutamente ambigua, sfruttando sia la sua posizione geografica sia la sua potenza (che è tutt'altro che trascurabile).
    Per questo ho sempre sostenuto la necessità assoluta di uno o più "incidenti" diplomatici tra Russia e Turchia in grado di minare l'asse Ankara-Mosca, che è una vera e propria spina nel fianco dell'Europa e della Nato...
    Lou soulei nais per tuchi

  9. #8759
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    25
    Messaggi
    6,121
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sicuro, ne ha già dati in passato e possiede un esercito temibile, oltre ad essere un folle.
    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sicuro, ne ha già dati in passato e possiede un esercito temibile, oltre ad essere un folle.
    Più chhe altro si sta ritagliando posizioni sempre più strategiche, l’occidente non gli dice niente perché è paraculato dall’ombrello nato (da cui a parer mio andrebbe espulso il prima possibile, anche se questo vorrebbe dire perdere posizioni favorevoli proprio alla nato (più che altro, agli USA) verso il medio oriente) quindi non nasconde le sue mire espansionistiche. Prima ha usato come arma di ricatto l’immigrazione siriana, ora tra le mani ha un’arma in più che si chiama TAP, cerca di metter mano sulla questione del grano (come riportato da snowalholic) e, mi sembra di aver letto da qualche parte, su nuovi giacimenti di gas nel mediterraneo orientale violando i mari di cipro (ma qui non conosco bene la questione, non ho approfondito).

    Insomma, Erdogan in politica estera è sempre più invadente (e mi sembra che sia molto attivo anche in africa, sulla falsariga cinese pur con le dovute proporzioni) e se la turchia non cambierà radicalmente rotta (ad esempio, destituendo quel tizio) ci darà parecchio da dire in futuro.

  10. #8760
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    35
    Messaggi
    2,315
    Menzionato
    449 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Infatti.
    Questo la dice lunga su quale senso avrebbe firmare un accordo di pace con persone del genere (mi riferisco a chi prende le decisioni in alto, ovviamente, non ai singoli poveri cristi). Se non sono neanche in grado di non sparare sulla Croce Rossa ci aspettiamo che rispettino i confini, gli accordi e le tregue? Ma per carità.
    L'esercito russo va schiacciato e ributtato indietro, senza se e senza ma. Ma non sul confine, direttamente col culo a bagno nel Volga, giusto per iniziare a ragionare.

    Questa sarà (è, da tempo) una guerra lunga, per cui già vediamo che l'attenzione mediatica è crollata, occupata da altro, come sempre accade. A maggior ragione in queste guerre di logoramento, dove, di fatto, nessuno degli eserciti riesce a fare progressi sistematici e significativi.
    Resto comunque dell'idea che, alla lunga, il Donbass finirà alla Russia, volente o nolente. Il regime di Putin non molla, ed è più probabile che sia prima il governo di Zelensky a cedere, magari a causa di una certa opposizione interna che, dopo mesi/anni di guerra potrebbe volersi arrendere e cedere il Donbass in cambio di un accordo di pace. Il fatto che Zelensky stesso abbia silurato un sacco di persone che occupavano svariate cariche mi fa pensare, che forse il suo fronte interno non è così unito come potrebbe sembrare.
    Ad ogni modo l'ultima speranza, che è dura a morire, è proprio la fine di Putin. Brutto augurarsi la morte di qualcuno, però se da questo qualcuno derivano migliaia di morti, di feriti, di danni, di distruzioni e di squilibri mondiali, ecco, forse... Io ci spero ancora. E' pur sempre un uomo, non è eterno.
    La situazione dei russi nel sud si sta deteriorando rapidamente, gli ucraini stanno distruggendo tutti i ponti sui fiumi Dnipro e Ingulets rendendo quindi molto difficili sia i rifornimenti sia una eventuale fuga. In questo modo stanno frammentato le forze russe in diversi blocchi che faticano a supportarsi tra loro e gradualmente rimarranno a corto di munizioni.


    Tutto il sud è vulnerabile in questo momento, le linee ferroviarie (in rosso nell'immagine) sono tutte alla portata degli attacchi ucraini, che oggi hanno attaccato anche lo snodo a nord di Melitopol (in verde).




    In Donbass i russi non riesco o più ad avanzare e la loro logistica è devastata, tutto il Donbass di sicuro non l'avranno. È meno vulnerabile ad un controffensiva ma l'esercito ucraino è sempre meglio armato, mentre i russi sono costretti ad usare mezzi e armi sempre più vecchi e inaffidabili. Se il supporto occidentale continuerà anche l'occupazione del Donbass sarà impossibile da mantenere, se poi ci si muovesse a mandare ATACMS (missili a lungo raggio per gli HIMARS) e aerei finirebbe anche più in fretta.


    Il fronte interno per Zelensky non è un problema, le principali opposizioni sono ancora meno propense al dialogo rispetto al governo. I vari licenziamenti non li vedrei come sintomo di divisioni interne, più di una burocrazia inadeguata (specie quella cresciuta sotto l'URSS) e talvolta corrotta. Chi doveva tradire lo ha fatto subito quando pensava che i russi avrebbero vinto facilmente, un po' di dirigenti che lo hanno fatto (o hanno permesso ad altri di farlo) ci sono sicuramente stati.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •