Pagina 882 di 956 PrimaPrima ... 382782832872880881882883884892932 ... UltimaUltima
Risultati da 8,811 a 8,820 di 9552
  1. #8811
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    767
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da SsNo Visualizza Messaggio
    Su Cina e Taiwan si potrebbe aprire una discussione? O esiste già?
    2 notizie: la prima è che dovrebbe tenersi, in contemporanea con le amministrative russe, il referendum per l'annessione di Cherson alla Russia. La seconda è che la cestista statunitense è stata condannata a 9 anni per traffico di droga. Qualche giorno fa mi pare che si sia parlato di uno scambio di prigionieri con gli USA, c'è stato anche un incontro tra Blinken e Lavrov
    mi attacco qui, non ho tempo di sintetizzare ma consiglio di leggere:

    Interest rates in the US add a prosaic but significant element to the scariest development of the moment, in the Taiwan Strait. Following last week’s visit to Taiwan by House Speaker Nancy Pelosi, China spent the weekend conducting highly provocative military exercises around Taiwan. The language that China and the US are using to describe each other grows ever less diplomatic. The relationship between the world’s two biggest economies is at its most fraught in decades.Logically, these events should impact markets around the world. At one level, the risk of nuclear war has risen, although as nobody can be sure what the risk was before and after last week’s events, or put a price on the damage a nuclear conflict would create, it’s hard to factor in to a spreadsheet. Beyond that, Taiwan is the single greatest pressure point in US-China relations, which are dictated by what commentators call the Thucydides Trap. From the work of the Greek historian who chronicled the Pelopponesian War between Athens and Sparta, the idea is that when a hegemonic power in decline (Sparta or the US) faces a rising power (Athens or China), conflict is inevitable. Taiwan’s continued self-governance has infuriated China for decades; but is it really prepared to take the actions needed to seize control of the island? The US has grown more outspoken in voicing its defense of Taiwan as China’s power has grown — but how far will it go? Athens and Sparta, caught in the Thucydides Trap, both ended their war far worse off than they’d started. Would China and the US really make the same mistake?Democracies tend not to go to war on each other. A variation on the Thucydides theme is that when autocracies come to control a large share of the global economy, military conflict grows more likely. The rise of China doesn’t leave autocracies with as big a share of global wealth as they had during the Cold War or on the eve of World War II, but their share is increasing to a worrying extent. This illustration comes from Kevin Loane of Fathom Consulting of London:daleg1.pngChina now has more economic wealth — how far is President Xi Jinping prepared to use that wealth for a power struggle? So far, in an echo from the sanctions that have been imposed on Russia since the invasion of Ukraine, China has seemed unprepared to inflict economic pain on others at the cost of economic pain for itself. The military exercises are very provocative but have involved no direct conflict and no cost for China. Meanwhile, the evidence is that Xi is not prepared to go so far. That, at least, would explain why Beijing is sanctioning Taiwanese fruit, rather than electronics. This analysis from Capital Economics of London is interesting:A common feature of its use of trade restrictions as political tools is that China takes care to avoid anythat would damage its own economy. That’s why its stopped buying Australian coal rather than iron ore. In this sense, the foodstuffs that are the latest focus make a perfect target: It’s easy to find alternatives to Taiwanese fruit. It’s also easy to come up with phytosanitary reasons for a ban. And it may help too that farmers are a core constituency of President Tsai’s DPP.The largest share of Taiwan’s exports to China is electronics, with semiconductors the biggestsingle product. But sanctioning them would wreak havoc in Chinese industry. Worse, from Beijing’sperspective, it may not hurt Taiwan’s producers too much right now: Many Taiwanese firms are still working their way through a backlog of orders. There is no shortage of global demand.This chart breaks down China’s imports from Taiwan:
    800x-1.pngrelates to How We Get From ‘Great Resignation’ to Rate HikesThe economic dimension is vitally important. Taiwan is an island. Conquering it would be far more expensive, in all ways, for China than invading Ukraine has been for Russia. And Taiwan’s role in the world’s electronics industry means that the global economic impact of any conflict could dwarf the disruptions of the last two years sparked by the pandemic. This in itself is reason to believe that it is not in Xi’s rational interests to press the conflict much further. But then the same arguments were made about Vladimir Putin and Ukraine before the invasion. If China and the US really are caught in a Thucydides Trap, much worse could be in the futureCurrency WarsThursday will see the seventh anniversary of the biggest emerging market shock of recent times, China’s mishandled currency devaluation of Aug. 11, 2015. That led to several months of near-crisis conditions and an ugly selloff for equity markets, which were resolved after the February 2016 G-20 meeting in Shanghai led to what quickly became known as the Shanghai Accord; although never formally announced, the leading economies simultaneously adopted monetary policies that helped to calm foreign exchange markets and weaken the dollar. With China conducting military exercises in the Taiwan Strait, it’s hard to see how any such deal could operate now. That is a problem because money is beginning to flow out of China. Investors already had reason to be nervous from the clampdown on the private sector and the fall in real estate prices. Geopolitics adds to this. Large pension funds will be increasingly leery of having to explain to their members why they’re investing in Xi’s China. Even before the latest Taiwan crisis, international money had exited Chinese debt for six months in a row, according to the Institute of International Finance. This is very much a phenomenon driven by China itself, rather than an issue for the broader emerging markets. It’s not about the inflationary risks in the developed world, but about specific growing concerns about China:daleg2.pngThat said, the inflation dynamics in the west contribute to problems for China and the emerging world by strengthening the dollar. To quote the institute:Most of the recent dynamics in flows can be attributed to the Dollar dynamics. In the first few months after Russia invaded Ukraine, the Dollar appreciated substantially against other advanced economies, but remained range-bound against emerging markets. The reason the Dollar failed to rise against EM is that higher commodity prices boosted commodity exporters but weighed on commodity importers. That changed in June as the Fed accelerated its hiking cycle. Emerging markets suffered across the board as tighter global financial conditions weighed on high-beta assets.This shows up very clearly in the performance of emerging market currencies. It hasn’t been uniformly bad, with Latin America in particular at times appearing to offer a haven. But the decline continues, and was hastened by the rates scare that followed the ugly CPI print published in early June. The subsequent decline in US yields hasn’t helped much:Nobody should be in any doubt that the risks over Taiwan are profound, and that the chance of an “accidental” escalation into military conflict has increased. But a surprisingly high CPI number this week, bringing higher rates, a flow of money to the US and a stronger dollar in its wake would also have a profound effect on an increasingly fragile status quo. One tangible effect of the discord to date is to make another “Shanghai Accord” very difficult to reach, even if such a thing might soon be needed.
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  2. #8812
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    Altedo (BO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,278
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Telecuscin Visualizza Messaggio
    Bisogna vedere quanti effettivamente potrà fornirne l'Iran alla Russia! E soprattutto che accordo abbiano raggiunto con essi, magari qualche garanzia in più sul fronte siriano?
    Mi pare si parlasse di circa 300 droni (appena trovo il documento lo posto)... E' comunque certo che una delegazione russa abbia visitato una base iraniana dove si producono i Shahed.
    Puo' anche essere che ci sia anche in ballo il discorso del nucleare iraniano come "contropartita", puo' essere che Teheran abbia bisogno di ingegneri russi per migliorare il riarmo atomico. Ma sono solo supposizioni mie al momento , non ho ulteriori info in merito

  3. #8813
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    35
    Messaggi
    2,314
    Menzionato
    449 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Le ultime notizie dalla guerra suggeriscono che i russi non stanno facendo particolari progressi, nonostante il dispiegamento importante di mezzi... I combattimenti più intensi continuano nella zona ad est di Bakhmut, mentre a sud nella zona di Kherson i russi hanno dispiegato circa 25000 uomini.
    Forse sono pronti per un'offensiva o forse si aspettano una controffensiva ucraina , fatto sta comunque che gli ucraini nella giornata di ieri pare abbiano distrutto alcuni centri di controllo russo nella zona di Kherson con i missili a lungo raggio:

    Allegato 595889

    Gira anche voce che l'accordo della Russia con l'Iran per la fornitura di droni nella guerra in Ucraina sia stato stipulato appunto per fornire armamenti in grado di distruggere gli HiMars, che stanno creando tanti grattacapi ai russi in quanto stanno perdendo tantissimi rifornimenti militari.
    I droni iraniani sono piuttosto efficienti, hanno un raggio di azione di circa 1500km con testate a frammentazione, assomigliano un pò agli Switchblade americani e sono stati usati recentemente, mi pare, in Siria e nel Medio Oriente contro la Jihad islamica ed Hezbollah.

    Probabilmente, se la cosa dovesse andare in porto (non è ancora chiaro se alla fine l'affare è andato in porto) gli occidentali risponderanno con la fornitura di F-16, che si sono dimostrati piuttosto efficaci nell'abbattimento di questi droni:

    La fornitura di droni alla Russia puo rafforzare l’Iran - Formiche.net
    Lo spostamento di uomini verso Kherson è una chiara risposta alla dichiarata intenzione degli ucraini di riconquistare il sud, sta costringendo i russi a ridurre le risorse dedicate al Donbass e infatti riescono a condurre offensive solo nella zona di Donetsk-Bakhmut, mentre più a nord sono fermi o addirittura in ritirata come attorno a Izyum.

    Considerato quanto hanno pubblicizzato l'offensiva meridionale probabilmente gli ucraini volevano ottenere questo effetto, sbilanciare le truppe russe verso i territori più difficili in termini di logistica, lontani dalla Russia e dove le vie di comunicazione possono essere facilmente attaccate.


    A Kherson peraltro sembra che gli ucraini siano riusciti a smantellare le difese antiaeree russe, hanno condotto incursioni con più aerei nei territori controllati dai russi che fino a poche settimane fa non sarebbero state possibili, se gli ucraini fossero in grado di garantire il supporto aereo alle loro truppe la situazione dei russi ad ovest del fiume Dniepr potrebbe diventare facilmente insostenibile.

  4. #8814
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    767
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Turchia, potenza regionale a debito (di dollari) | Phastidio.net

    spiega l'interesse turco per la situazione
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  5. #8815
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,915
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Ho visto un video da Twitter con dei bagnanti in fuga a seguito di un attacco ad una base in Crimea. Per un momento ho immaginato se fosse accaduto in Italia.

    L'Ucraina ha rivendicato l'attacco.

    Sinceramente non mi è piaciuto il commento da parte ucraina: «Il futuro della Crimea sarà quello di essere una perla del Mar Nero, un parco nazionale con una natura unica e una località turistica mondiale. Non una base militare per terroristi. Questo è solo l'inizio».

  6. #8816
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,915
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Lo spostamento di uomini verso Kherson è una chiara risposta alla dichiarata intenzione degli ucraini di riconquistare il sud, sta costringendo i russi a ridurre le risorse dedicate al Donbass e infatti riescono a condurre offensive solo nella zona di Donetsk-Bakhmut, mentre più a nord sono fermi o addirittura in ritirata come attorno a Izyum.

    Considerato quanto hanno pubblicizzato l'offensiva meridionale probabilmente gli ucraini volevano ottenere questo effetto, sbilanciare le truppe russe verso i territori più difficili in termini di logistica, lontani dalla Russia e dove le vie di comunicazione possono essere facilmente attaccate.


    A Kherson peraltro sembra che gli ucraini siano riusciti a smantellare le difese antiaeree russe, hanno condotto incursioni con più aerei nei territori controllati dai russi che fino a poche settimane fa non sarebbero state possibili, se gli ucraini fossero in grado di garantire il supporto aereo alle loro truppe la situazione dei russi ad ovest del fiume Dniepr potrebbe diventare facilmente insostenibile.
    Passano i mesi comunque e non vedo cambiamenti. I russi non erano allo stremo già mesi fa? Come mai allora resistono?

  7. #8817
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    767
    Menzionato
    61 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Passano i mesi comunque e non vedo cambiamenti. I russi non erano allo stremo già mesi fa? Come mai allora resistono?
    Secondo me non è questione di resistere ma di consumarsi.
    Ed è quello che i russi stanno facendo bene
    E come diceva kurt cobain: “È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente”.
    Ribadisco che secondo me sta storia dura un paio di anni e siamo già ad un quarto.
    Poi però dipende da cosa succede nel resto del mondo.
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  8. #8818
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,722
    Menzionato
    146 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Ho visto un video da Twitter con dei bagnanti in fuga a seguito di un attacco ad una base in Crimea. Per un momento ho immaginato se fosse accaduto in Italia.

    L'Ucraina ha rivendicato l'attacco.

    Sinceramente non mi è piaciuto il commento da parte ucraina: «Il futuro della Crimea sarà quello di essere una perla del Mar Nero, un parco nazionale con una natura unica e una località turistica mondiale. Non una base militare per terroristi. Questo è solo l'inizio».
    Posso capire che non piaccia, ma posso capirli.
    Uno Stato straniero che invade un Paese sovrano dopo che da eoni tenta di manipolarne la politica interna e strumentalizzarne ogni malumore per stringerlo sotto il giogo di una dittatura violenta altro non si merita che l'aggettivo di pazzo e terrorista.
    Per cui sì, spero che questo sia solo l'inizio.
    Lou soulei nais per tuchi

  9. #8819
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,722
    Menzionato
    146 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Passano i mesi comunque e non vedo cambiamenti. I russi non erano allo stremo già mesi fa? Come mai allora resistono?
    Resistono perchè anche la controparte ucraina si sta dissanguando lentamente. Nonostante le armi occidentali hanno perso e stanno perdendo migliaia di uomini, di mezzi, di armamenti.
    E questo conflitto potrebbe durare ancora anni, molti anni, finchè USA/Nato da una parte e Cina/Iran dall'altra continuano a foraggiare di armi e mezzi.
    E come quasi tutte le guerre alla fine non ci saranno nè vincitori nè vinti, ma solo sconfitti.
    Lou soulei nais per tuchi

  10. #8820
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,915
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Evoluzione della crisi ucraina

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Posso capire che non piaccia, ma posso capirli.
    Uno Stato straniero che invade un Paese sovrano dopo che da eoni tenta di manipolarne la politica interna e strumentalizzarne ogni malumore per stringerlo sotto il giogo di una dittatura violenta altro non si merita che l'aggettivo di pazzo e terrorista.
    Per cui sì, spero che questo sia solo l'inizio.
    Io molto meno. Nel video si vedono persone scappare, e la Crimea è ormai colonizzata da russi con pochi ucraini rimasti (molti dei quali erano pro-russi già prima del 2014), è una situazione ben differente da quella del Donbass.
    Vada per attaccare le basi militari visto che da esse partono gli attacchi all'Ucraina, ma l'idea che quel messaggio mi trasmette è che vogliano estendere la guerra anche alla Crimea quando possibile (come se non bastasse già la scia di distruzione fino a questo punto).

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •