Pagina 53 di 103 PrimaPrima ... 343515253545563 ... UltimaUltima
Risultati da 521 a 530 di 1030

Discussione: Autonomia regionale

  1. #521
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,537
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da SnowBurian Visualizza Messaggio
    Ho riletto velocemente tutta la discussione e mi sono imbattuto in questo commento che prima non avevo letto. Quello è che c'è scritto qui è francamente inquietante ed orribile, ma possibile che nessuno si ribella? Possibile che l'europa sta a guardare? In altoadige mancano i diritti umani, c'è una vera e propria violazione dei diritti umani ed etici, un apartheid in piena regola. Questa è vergogna assoluta, un tale odio su base razziale è inspiegabile, visto che non siamo più al 1950, l'autonomia del sudtirol è perfetta, l'abile e molto di manica larga governo italiano ha fatto sì che l'altoadige diventasse una vera e propria enclave austriaca in italia, e nonostante tutto, alberga ancora odio in questi insopportabili crucchi (perdonatemi il termine) di serie b?
    Che poi, non è stato risposto alla mia domanda, perchè in VdA ciò non è accaduto? Anzi, l'italiano ha nei decenni soppiantato il francese (anche se come dice Lou Vall, più che il francese in VdA si parlava, e in misura minore si parla, il patois)

  2. #522
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/10
    Località
    Tarcento (UD) - 230 mslm
    Età
    42
    Messaggi
    793
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Da Abruzzese ad abruzzese non condivido la tua analisi:
    da quelle parti ,fino alla stretta di di Salorno sono tedeschi e non italiani (hanno solo il passaporto italiano) e noi nel 1918 abbiamo sconfinato in una terra di lingua ed etnia germanica.
    Pertanto si è cercato un compromesso tra il salvare le posizioni di conquista territoriale dell'Italia,conseguite con la vittoria sull'Austria del 1918,e le giuste rivendicazioni sudtirolesi di quei cittadini di lingua ed etnia germanica.
    Io personalmente pur con la massima comprensione per le loro istanze di voler tornare all'Austria o comunque volersi riunire al Tirolo settentrionale, dico che quelle terre l'Italia le ha oramai conquistate da 100 anni e se le deve tenere,ma allo stesso tempo,l'Italia deve rispettare le peculiarità etniche del Sudtirolo senza snaturarle troppo.(evitando colonizzazioni linguistiche eccessive).
    Questa poi...
    Tornare all'Austria per avere lo stesso trattamento dei loro cugini di Tirol ed OstTirol? Mi vien da ridere. Fragorosamente

  3. #523
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    28
    Messaggi
    16,894
    Menzionato
    27 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da SnowBurian Visualizza Messaggio
    Ho riletto velocemente tutta la discussione e mi sono imbattuto in questo commento che prima non avevo letto. Quello è che c'è scritto qui è francamente inquietante ed orribile, ma possibile che nessuno si ribella? Possibile che l'europa sta a guardare? In altoadige mancano i diritti umani, c'è una vera e propria violazione dei diritti umani ed etici, un apartheid in piena regola. Questa è vergogna assoluta, un tale odio su base razziale è inspiegabile, visto che non siamo più al 1950, l'autonomia del sudtirol è perfetta, l'abile e molto di manica larga governo italiano ha fatto sì che l'altoadige diventasse una vera e propria enclave austriaca in italia, e nonostante tutto, alberga ancora odio in questi insopportabili crucchi (perdonatemi il termine) di serie b?
    Oddio che noia nel 2018 dover leggere un italiano che scrive "crucchi", non sei neanche Veneto, avresti pressioni ai confini maggiori per usare giustificatamente il termine orribile.
    Sono tutti anti italiani, brutti e cattivi . E allora? Ti nuoce personalmente? Ce l'hanno in particolare con gli abruzzesi che misero al mondo un D'Annunzio che sorvolo Vienna con un biplano lasciando volantini inneggianti alla guerra come allegra provocazione.
    Come il tuo conterraneo Ennio dice, Apartheid c'è già stata ed al momento la puoi vedere in atto al meglio delle sue forme con gli arabi palestinesi sobissati dagli israeliani ebrei. Qui volendo fottere il sistema di difesa della minoranza etnica tirolese, iscrivo i miei figli alle scuole di lingua opposta alla mia, et voilà, c'ho la generazione più open mind del continente ,che mi cresce già bilingue, poi diventa trilingue, e guarda con distacco e sorridendo queste inutili problematiche tutte orgogliose di un concetto, sinceramente, superato e sconfitto.
    Nuova generazione, la mia, che ti posso confermare non vive affatto una apartheid, anzi. Ripeto che qui s'è vinta una scommessa pure e nelle città maggiori, Bz - Bressanone e Merano ci sono gruppi di persone mistilingui da parecchi anni ormai.

    Chi vuol restare alle trincee ed all'elmo di Scipio indossato, prego!
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Che poi, non è stato risposto alla mia domanda, perchè in VdA ciò non è accaduto? Anzi, l'italiano ha nei decenni soppiantato il francese (anche se come dice Lou Vall, più che il francese in VdA si parlava, e in misura minore si parla, il patois)
    Situazione diversa. Fine delle argomentazioni. Wiki è più esaustiva e paziente.
    Citazione Originariamente Scritto da mik33017 Visualizza Messaggio
    Questa poi...
    Tornare all'Austria per avere lo stesso trattamento dei loro cugini di Tirol ed OstTirol? Mi vien da ridere. Fragorosamente
    "Lo stesso trattamento".... Ripetiamo che Roma non ci lascia un bonifico mensile di x milioni. L'ha fatto perché andava fatto dopo il fascismo e la guerra, ora dal resto della penisola di denaro per le pubbliche casse ne vien pochino!

    Sulla questione autonomia altoatesina ci sarebbe soltanto una cosa da ribadire: la repubblica italiana ha una costituzione tale da permettere la tutela delle minoranze. Ciò che un potente ma anche prevaricatore stato centrale come la Francia mai ha avuto.

    Che bella sarebbe l'autonomia per tutti!
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  4. #524
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,615
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Che poi, non è stato risposto alla mia domanda, perchè in VdA ciò non è accaduto? Anzi, l'italiano ha nei decenni soppiantato il francese (anche se come dice Lou Vall, più che il francese in VdA si parlava, e in misura minore si parla, il patois)
    Per varie ragioni:

    1) La VdA ha fatto parte del Ducato di Savoia circa dall'anno 1000 in poi, e i suoi destini sono sempre stati legati a quelli piemontesi
    2) Non c'è mai stata una grande frattura linguistica; chi parlava piemontese è sempre stato visto come una persona sostanzialmente del posto, a differenza di chi parlava solo italiano che invece (inizialmente, ma in parte ancora oggi) era visto come un foresto. Dalla stretta del Montjovet in giù il piemontese stesso è sempre stato comunemente parlato
    3) Parlando una lingua d'oc e non d'oïl, i valdostani non hanno mai sentito particolare vicinanza alla Francia, come non hanno mai sentito particolare vicinanza all'Italia. Anche se il francese è da sempre lingua ufficiale in VdA, a Chamonix le persone hanno sempre parlato una lingua sostanzialmente diversa da quella parlata a Courmayeur

    In buona sostanza, la situazione ha molto poco in comune con quella sudtirolese.


  5. #525
    Vento moderato L'avatar di SnowBurian
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Sfigolandia(TE),TE sta per terranov
    Età
    22
    Messaggi
    1,095
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    Oddio che noia nel 2018 dover leggere un italiano che scrive "crucchi", non sei neanche Veneto, avresti pressioni ai confini maggiori per usare giustificatamente il termine orribile.
    Sono tutti anti italiani, brutti e cattivi . E allora? Ti nuoce personalmente? Ce l'hanno in particolare con gli abruzzesi che misero al mondo un D'Annunzio che sorvolo Vienna con un biplano lasciando volantini inneggianti alla guerra come allegra provocazione.
    Come il tuo conterraneo Ennio dice, Apartheid c'è già stata ed al momento la puoi vedere in atto al meglio delle sue forme con gli arabi palestinesi sobissati dagli israeliani ebrei. Qui volendo fottere il sistema di difesa della minoranza etnica tirolese, iscrivo i miei figli alle scuole di lingua opposta alla mia, et voilà, c'ho la generazione più open mind del continente ,che mi cresce già bilingue, poi diventa trilingue, e guarda con distacco e sorridendo queste inutili problematiche tutte orgogliose di un concetto, sinceramente, superato e sconfitto.
    Nuova generazione, la mia, che ti posso confermare non vive affatto una apartheid, anzi. Ripeto che qui s'è vinta una scommessa pure e nelle città maggiori, Bz - Bressanone e Merano ci sono gruppi di persone mistilingui da parecchi anni ormai.

    Chi vuol restare alle trincee ed all'elmo di Scipio indossato, prego!

    Situazione diversa. Fine delle argomentazioni. Wiki è più esaustiva e paziente.


    "Lo stesso trattamento".... Ripetiamo che Roma non ci lascia un bonifico mensile di x milioni. L'ha fatto perché andava fatto dopo il fascismo e la guerra, ora dal resto della penisola di denaro per le pubbliche casse ne vien pochino!

    Sulla questione autonomia altoatesina ci sarebbe soltanto una cosa da ribadire: la repubblica italiana ha una costituzione tale da permettere la tutela delle minoranze. Ciò che un potente ma anche prevaricatore stato centrale come la Francia mai ha avuto.

    Che bella sarebbe l'autonomia per tutti!
    Heinrich io utilizzo il termine crucchi come loro utilizzano il termine welsch per descrivere noi, che c'è, loro possono ed io no? Comunque a parte queste quisquilie di poca importanza, vorrei farti notare una stessa frase che tu hai scritto: " la repubblica italiana ha una costituzione tale da permettere la tutela delle minoranze. Ciò che un potente ma anche prevaricatore stato centrale come la Francia mai ha avuto". Ed è proprio questo il punto in cui io mi soffermo, se stai in alto-adige, fuori dal influsso bolzanino, non c'è NULLA e ripeto NULLA che ricorda l'italia, e, udite udite, questo è grazie alla grandissima e splendida legge italiana, che non solo tutela l'autonomia, ma la coccola (sia chiaro che io sono tutto tranne che un fan della politica italiana, ma per quanto riguarda le autonomie noi siamo un passo avanti) e questi austro-alpini di serie b, pretendono il braccio oltre alla mano, apartheid è una parola che nel 2018 dovrebbe sparire, ed invece lo scempio continua, sotto gli occhi di tutti, in EUROPA. Per quanto riguarda la scommessa vinta soprattutto in città come bolzano, bressanone e Merano, vorrei fare delle precisazioni: per quanto riguarda bolzano sono abbastanza d'accordo con te, lì c'è armonia, ma le percentuali parlano chiaro, gli italiani sono la netta maggioranza, già se vai nel centro storico ti guardano in modo diverso. A merano il discorso è un altro, c'è un totale equilibrio percentuale tra italiani e tedeschi, io personalmente soggiorno a merano in inverno, e mi hanno trattato sempre bene (dipende anche da come ti poni), ma in generale a merano si respira un'aria teutonica davvero esagerata (al centro storico manco un'anima che abita lì è italiana). Tra parentesi, appena tre giorni fa sono stato alla forst di lagundo (ritornavo dall'oktoberfest) e con assoluto piacere, ho notato, che per la PRIMA volta, c'erano dei camerieri italiani. Per quanto riguarda bressanone, posso dire che sono i più tolleranti di tutta la val pusteria, senza andare oltre nel merito.

  6. #526
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/01/08
    Località
    Parma
    Età
    41
    Messaggi
    740
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da mik33017 Visualizza Messaggio
    Questa poi...
    Tornare all'Austria per avere lo stesso trattamento dei loro cugini di Tirol ed OstTirol? Mi vien da ridere. Fragorosamente
    Sarebbe cosa buona e giusta. Ein Tirol

  7. #527
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,950
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da mik33017 Visualizza Messaggio
    Questa poi...
    Tornare all'Austria per avere lo stesso trattamento dei loro cugini di Tirol ed OstTirol? Mi vien da ridere. Fragorosamente
    Vorrei vedere te se ,pur pagato lautamente, passassi improvvisamente alla Slovenia o alla Croazia ....
    Le proprie radici non hanno prezzo.

  8. #528
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,615
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    Vorrei vedere te se ,pur pagato lautamente, passassi improvvisamente alla Slovenia o alla Croazia ....
    Per me nessun problema, pure al Gabon se mi trattano bene.


  9. #529
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,950
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Autonomia, patria ,nazione ecc ecc.
    Ammiro chi ha un forte attaccamento alle proprie radici storiche, antropologiche,territoriali, con l'unica raccomandazione di guardare anche al mondo esterno senza limitarsi al proprio campanile di provincia.
    Sarà perché io, nato e vissuto in una regione (Liguria) estranea alle mie origini familiari abruzzesi, mi sono poi ritrasferito in Abruzzo, dove vivo tutt'ora, con il risultato che le mie radici sono un po' vaghe (né liguri ma nemmeno abruzzesi).
    Tuttavia avere una visione "stereoscopica" di due realtà diverse dove si è vissuti, ci salva da limitazioni campanilistiche e si possono formulare giudizi più oggettivi di entrambe le realtà.

  10. #530
    Vento forte L'avatar di giesse59
    Data Registrazione
    22/07/03
    Località
    Migliarino P. (PI), Vernazza (SP)
    Età
    60
    Messaggi
    4,639
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Sono nato in Lombardia da mamma senese (nonna materna siciliana e nonno materno parmigiano) e padre salernitano (no, in questo caso anche i nonni erano salernitani ), ho vissuto da 1 a 15 anni a Genova e a seguire in Toscana, dove ho sposato una pisana.

    Oggi mi divido tra la Toscana e il Levante Ligure, di dove è originaria mia suocera.

    Con queste premesse non è difficile dedurre cosa penso delle cosiddette "questioni regionali" (a parte l'Alto Adige/Sudtirol che è chiaramente un caso a parte e sul quale non entro nel merito perchè a mio avviso è una questione con molti aspetti e molti non li conosco bene).
    Giovanni

    Avatar: la grande nevicata a Peio il 20 gennaio 2009

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •