Pagina 6 di 103 PrimaPrima ... 456781656 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 1030

Discussione: Autonomia regionale

  1. #51
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,322
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Sembrerebbe così dal mio punto di vista dato che certe possono ed altre no... Per me non ha logica un sistema del genere come quello italiano, è proprio contrario al concetto di unità.

    Quelle 4-5 regioni sono forse "più importanti" delle altre? Perché il Veneto non dovrebbe avere il diritto di essere a statuto speciale? Piuttosto che si faccia un sistema federale.
    Penso intendesse dire che in Italia ci sono regioni povere che da sole non andrebbero da nessuna parte.
    Comunque condivido il tuo ragionamento, più autonomia per tutte le regioni, forse sarebbe un modo per spronare le regioni del sud.

  2. #52
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    3,260
    Menzionato
    47 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Il Trentino era semplicemente conservatore e reazionario come tutte le terre rurali preindustriali. La storia non la fanno le masse di contadini.
    Ma la democrazia sì, e le persone si possono sentire prese in giro anche a lunghissima distanza temporale Anche se, a dire il vero, almeno a Trento e Trieste hanno risparmiato plebisciti di facciata (che erano comuni a tutti gli stati ottocenteschi ed anche a molti novecenteschi, beninteso, non è un problema solo italiano).

  3. #53
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    3,260
    Menzionato
    47 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Sembrerebbe così dal mio punto di vista dato che certe possono ed altre no... Per me non ha logica un sistema del genere come quello italiano, è proprio contrario al concetto di unità.

    Quelle 4-5 regioni sono forse "più importanti" delle altre? Perché il Veneto non dovrebbe avere il diritto di essere a statuto speciale? Piuttosto che si faccia un sistema federale.
    Purtroppo la radice di tutto è anche come è nata l'Italia. La Prussia conquistò di fatto il resto della Germania, ma cooptando (anche se con la forza) i precedenti stati, rispettando in toto la loro autonomia a livelli per noi incomprensibili (es. i re di Baviera non furono mai detronizzati!) e riconoscendo che il Reich fosse un nuovo stato diverso dalla vecchia Prussia.
    La Sardegna (alias Piemonte) invece no: l'annessione fu fatta senza nessuna concessione e sul modello francese (unificando quindi qualunque cosa, dalle casse dei vari regni, alle leggi, ai sistemi amministrativi ecc.) e, anche se cambiarono sia il nome del regno (da Sardegna a Italia) sia più tardi la capitale, il re non cambiò nemmeno il proprio numerale che rimase II, a rimarcare quella che era una semplice annessione al vecchio regno.
    Spinte dal basso ci sono sempre state, ma fino alla repubblica non hanno mai trovato molto spazio in alto. Il regionalismo ci ha messo un bel tampone, ma oggi sono evidenti tutti i suoi limiti, non ultima la diversità di trattamento che in regioni come il Veneto (stretto tra due regioni a statuto speciale, oltre che "menomato" di province dopo il 1866/1947) fa esplodere tutte le contraddizioni di un sistema ormai datato. E che per di più ha quasi 20 risultati diversi su 20 regioni, rendendo anche difficile estrapolarne una "regola" comune.
    Ma davvero dobbiamo continuare nell'illusoria convinzione che tutti i territori debbano avere lo stesso governo? A mio parere no, non necessariamente: un percorso differenziato potrebbe anche essere una buona soluzione. Per quanto, come ho già detto, io rimanga legato al modello tedesco, dove tutti sono autonomi e le differenze sono minime; considero valido anche un modello britannico, dove una grossa parte del paese è (col suo pieno consenso) direttamente sotto il governo centrale, mentre altre zone hanno diversi gradi di autonomia ed autogoverno. Non vedrei insomma male nemmeno l'opzione, purché abbia il necessario consenso, di abolire alcune regioni e di renderne autonome altre.
    Prendendo la palla al balzo da @paxo, aggiungo comunque che secondo me l'autonomia farebbe bene anche al Sud. Perdonate il paragone banale, ma è come andare in bici: se si va con le rotelle fino a 30 anni, c'è poco da fare; se si tolgono le rotelle, qualche caduta è inevitabile, ma alla fine si procede da soli senza più bisogno d'aiuto.

  4. #54
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,766
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Penso intendesse dire che in Italia ci sono regioni povere che da sole non andrebbero da nessuna parte.
    Comunque condivido il tuo ragionamento, più autonomia per tutte le regioni, forse sarebbe un modo per spronare le regioni del sud.
    uhm, ti direi di si, ma...

    cosa accadrebbe se una regione andasse in default perché amministrata malamente? La Sicilia, già lo è adesso male amministrata
    dobbiamo valutare attentamente come far evolvere la nostra Nazione. Immaginiamo di fare uno stato federale: come ci dovremmo regolare nel caso di cui sopra? Questo è il punto

    tutti mi risponderanno: saranno affari suoi

    temo che la situazione possa lentamente sfociare in una Balcanizzazione dell'Italia (lo so, la faccio drammatica)

    dare autonomia amministrativa / fiscale, secondo me, non significa automaticamente responsabilizzare le regioni
    io sarei, paradossalmente, più per il controllo centralizzato e prussiano dello Stato. Le autonomie locali non si sono dimostrate all'altezza proprio perché si sentono sicure con il paracadute dello Stato Centrale che copre gli ammanchi.

    è una questione che mi fa molto pensare, vedo ombre e luci
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  5. #55
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,766
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Purtroppo la radice di tutto è anche come è nata l'Italia. La Prussia conquistò di fatto il resto della Germania, ma cooptando (anche se con la forza) i precedenti stati, rispettando in toto la loro autonomia a livelli per noi incomprensibili (es. i re di Baviera non furono mai detronizzati!) e riconoscendo che il Reich fosse un nuovo stato diverso dalla vecchia Prussia.
    La Sardegna (alias Piemonte) invece no: l'annessione fu fatta senza nessuna concessione e sul modello francese (unificando quindi qualunque cosa, dalle casse dei vari regni, alle leggi, ai sistemi amministrativi ecc.) e, anche se cambiarono sia il nome del regno (da Sardegna a Italia) sia più tardi la capitale, il re non cambiò nemmeno il proprio numerale che rimase II, a rimarcare quella che era una semplice annessione al vecchio regno.
    Spinte dal basso ci sono sempre state, ma fino alla repubblica non hanno mai trovato molto spazio in alto. Il regionalismo ci ha messo un bel tampone, ma oggi sono evidenti tutti i suoi limiti, non ultima la diversità di trattamento che in regioni come il Veneto (stretto tra due regioni a statuto speciale, oltre che "menomato" di province dopo il 1866/1947) fa esplodere tutte le contraddizioni di un sistema ormai datato. E che per di più ha quasi 20 risultati diversi su 20 regioni, rendendo anche difficile estrapolarne una "regola" comune.
    Ma davvero dobbiamo continuare nell'illusoria convinzione che tutti i territori debbano avere lo stesso governo? A mio parere no, non necessariamente: un percorso differenziato potrebbe anche essere una buona soluzione. Per quanto, come ho già detto, io rimanga legato al modello tedesco, dove tutti sono autonomi e le differenze sono minime; considero valido anche un modello britannico, dove una grossa parte del paese è (col suo pieno consenso) direttamente sotto il governo centrale, mentre altre zone hanno diversi gradi di autonomia ed autogoverno. Non vedrei insomma male nemmeno l'opzione, purché abbia il necessario consenso, di abolire alcune regioni e di renderne autonome altre.
    Prendendo la palla al balzo da @paxo, aggiungo comunque che secondo me l'autonomia farebbe bene anche al Sud. Perdonate il paragone banale, ma è come andare in bici: se si va con le rotelle fino a 30 anni, c'è poco da fare; se si tolgono le rotelle, qualche caduta è inevitabile, ma alla fine si procede da soli senza più bisogno d'aiuto.
    Filippo, quali?
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  6. #56
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    24
    Messaggi
    209
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    uhm, ti direi di si, ma...

    cosa accadrebbe se una regione andasse in default perché amministrata malamente? La Sicilia, già lo è adesso male amministrata
    dobbiamo valutare attentamente come far evolvere la nostra Nazione. Immaginiamo di fare uno stato federale: come ci dovremmo regolare nel caso di cui sopra? Questo è il punto

    tutti mi risponderanno: saranno affari suoi

    temo che la situazione possa lentamente sfociare in una Balcanizzazione dell'Italia (lo so, la faccio drammatica)

    dare autonomia amministrativa / fiscale, secondo me, non significa automaticamente responsabilizzare le regioni
    io sarei, paradossalmente, più per il controllo centralizzato e prussiano dello Stato. Le autonomie locali non si sono dimostrate all'altezza proprio perché si sentono sicure con il paracadute dello Stato Centrale che copre gli ammanchi.

    è una questione che mi fa molto pensare, vedo ombre e luci
    Scusa, però non è che io veneto rallento perchè c'è un'altra Regione che è incapace di amministrarsi. La Sicilia ha l'autonomia più forte di tutti ed è messa malissimo. Se lo stato centrale italiano fosse intelligente gli avrebbe già tirato via tutta quell'autonomia e l'avrebbe data ad altre Regioni più capaci che pagherebbero oro per avere anche metà di quell'autonomia. Invece cosa succede...noi da quando siamo stati annessi allo stato italiano pochissima autonomia e ad altri troppa, anche a chi non se la merita.

    Presumo sia anche complesso tirare via un'autonomia così forte come quella siciliana, ma ci deve essere un limite anche là ad un certo punto.

    Quindi altro che stato centralizzato, questo porta ad avere ancora più rancore e ad ambire ad autonomie sempre più spinte per quanto mi riguarda.

  7. #57
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Vienna
    Messaggi
    2,797
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Ma la democrazia sì, e le persone si possono sentire prese in giro anche a lunghissima distanza temporale
    Ma prese in giro per cosa? Per una guerra persa? Che poi in realtà il Trentino dall'annessione all'Italia ci ha guadagnato immensamente, mentre per Trieste la situazione è più complessa (ma un'evoluzione simile era inevitabile).
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  8. #58
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    28
    Messaggi
    16,780
    Menzionato
    27 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Autonomia regionale? Discorso interessante. Se volete sentire la mia opinione che è particolare dato che vedo l'Italia dall'estero in tutti i sensi, dico che:

    Non comprendo perché in uno stato unitario e centralista come quello italiano debbano esserci regioni più autonome di altre facendo delle eccezioni agli statuti ordinari, per me questi sono tentativi mal riusciti di autonomia. Piuttosto se vediamo che il centralismo non funziona secondo me è meglio delegare più poteri possibili alle regioni (visto che l'Italia geograficamente è pure uno stato "enorme") per "sburocratizzare" lo Stato e le procedure, ma non facendo eccezioni, bensì riformando completamente lo Stato italiano in un sistema federale, come ad esempio la Svizzera, la Germania o l'Austria, ma pure l'Australia o gli Stati Uniti. Anzi, ogni nuova regione potrebbe avere una propria Costituzione. In Svizzera ad esempio esistono 26 Cantoni che sono a tutti gli effetti delle Repubbliche e come dimensioni sono paragonabili nemmeno alle regioni, ma alle province italiane!

    Capisco che questo discorso possa essere inapplicabile, e poi al giorno d'oggi lo stato nazionale è diminuito d'importanza rispetto il passato perché si è subordinati all'Unione Europea che in pratica è a tutti gli effetti un' unione politica ed economica.Oltretutto riforme del genere devono forzatamente venire dal basso e non essere calate arbitrariamente d'ufficio, altrimenti tanto vale, deve esserci la volontà del popolo italiano stesso nel farlo. Non sono un grande conoscitore dell'Italia, ma mi pare che una mentalità del genere non ci sia. Ogni orticello fa i suoi interessi e un po' quello che gli pare in modo scoordinato, ma poi tutto questo ricade sotto uno stato unitario. Forse lo stato unitario non è la forma di governo più adatta per l'Italia, ma questo dovete anche dirmelo voi.
    Non ho mai compreso neanch'io come mai uno stato come quello italiano si sia dovuto rifare ad un modello centralista, per noi ignobile, come quello francese.
    C'è distanza fra Pisa e Livorno e vogliamo uno stato centrale? 160 anni fa dovevamo dar più retta a quel poveretto di Carlo Cattaneo altroché!

    La natura costitutiva della civiltà e società italica, termine più storico antico e d'età romana più che moderno, è basata sulla città e i loro contadi, così con Roma, coi vescovi e poi i comuni e le signorie e le piccole monarchie. Poi dopo Napoleone sono arrivati gli inglesi e nella generale economia di un mondo immenso, erano meglio stati centralizzati e con referenti unici. Poi i nazionalismi e le società di massa, poi il consumo ed il mondo globalizzato e la riscoperta delle realtà regionali.


    Le euroregioni sono una visione politica più ancora che accordi bilaterali fra nazioni UE confinanti ed hanno la ambiziosa intenzione di favorire ulteriormente le economie sane e favorirle evitando prevaricazioni da privati esterni maggiormente competitivi e lesivi di realtà più piccole o grandi a seconda.
    @nevearoma, Lorenzo, abbiate misura delle vostre esperienze qui, che l'incastro di fatti è più complesso e porta a conclusioni meno ovvie.

    Anche sulla vicenda Trentino, sì è in parte vero che sono stati dei disgraziati con crescenti complessi di inferiorità specie dagli anni 90 col neoliberismo totale post blocco, ma è anche da riconoscere la forte passione della minoranza Welschtiroler nel Tirolo storico, la compagnia paramilitare degli Schützen trentini è la più attiva e col numero di iscritti più alto di tutti e 4 i Tiroli!
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  9. #59
    Vento fresco L'avatar di Fabio68
    Data Registrazione
    15/08/03
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,766
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Scusa, però non è che io veneto rallento perchè c'è un'altra Regione che è incapace di amministrarsi. La Sicilia ha l'autonomia più forte di tutti ed è messa malissimo. Se lo stato centrale italiano fosse intelligente gli avrebbe già tirato via tutta quell'autonomia e l'avrebbe data ad altre Regioni più capaci che pagherebbero oro per avere anche metà di quell'autonomia. Invece cosa succede...noi da quando siamo stati annessi allo stato italiano pochissima autonomia e ad altri troppa, anche a chi non se la merita.

    Presumo sia anche complesso tirare via un'autonomia così forte come quella siciliana, ma ci deve essere un limite anche là ad un certo punto.

    Quindi altro che stato centralizzato, questo porta ad avere ancora più rancore e ad ambire ad autonomie sempre più spinte per quanto mi riguarda.
    rispetto la tua visione. Se fosse per me io toglierei l'autonomia alle 5 regioni

    il rancore ormai è crescente in tutta Italia e dipende, secondo me, da una situazione economica stagnante. Il Lazio è una delle regioni che dà 100 e riceve indietro meno di 100
    you don't need the Weatherman to know where the wind blows - bob dylan
    il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile - woody allen

  10. #60
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,612
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Autonomia regionale

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    il rancore ormai è crescente in tutta Italia e dipende, secondo me, da una situazione economica stagnante. Il Lazio è una delle regioni che dà 100 e riceve indietro meno di 100
    Vero, tuttavia (dati 2016) Trento e Bolzano sono sostanzialmente in pari, ovvero non danno né costano nulla all'Italia. Anzi, se Trento qualcosina costa, il Sudtirolo rispetto alla sua modesta popolazione qualche soldino lo manda:

    Autonomia regionale-screenshot-2018-09-19-16.55.35.png


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •