Pagina 9 di 13 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 130
  1. #81
    Vento fresco L'avatar di and1966
    Data Registrazione
    24/02/09
    Località
    Mariano C. (CO)
    Età
    53
    Messaggi
    2,229
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    ah, giusto per chi "tifa" per gli ibridi base benzina: quel 26% medio di diesel che si ricava dalla distillazione che ne facciamo? Ci puliamo i pavimenti in cotto?

    Oil refinery - Wikipedia

    " Intra Tupino e l'acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo,
    fertile costa d'alto monte pende........" Dante, Paradiso XI
    - In avatar, il mio mondo : Omar, Sarah, il cantiere e .... la neve!

  2. #82
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    14/10/12
    Località
    Ripalimosani(CB)
    Messaggi
    625
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Carburante per trattori, ruspe, camion, autobus, barche, e limitarne al massimo l'uso in città per autobus, camion, tir

  3. #83
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,074
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Basta non avere fretta eh... Se si spinge la cosa all'eccesso nel momento in cui la risorsa scarsa diventano le persone vedrai...



    Che tecnicamente sia banale non ci piove.
    Ma chi la dovrebbe imporre?
    Di imporre non ho mai parlato.
    Ho detto che il pensiero unico MORALE, recitato come rosario da tutte le parti, è la protezione del pianeta: usare la bici, riciclare, i comportamenti virtuosi, ecc, bla bla ... ripetuto all'istupidimento anche dalle eminenze. Le quali omettono di proposito di iniziare dalla raccomandazione più importante, cioè la procreazione responsabile, "sostenibile" e cioè moderata.
    Scriverlo sembra quasi pericoloso, tanto è fuori moda, e invece è la prima cosa che ci potrebbe far star bene tutti. O meglio, che avrebbe potuto
    Ultima modifica di alnus; 26/01/2020 alle 07:11

  4. #84
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    784
    Menzionato
    112 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Di imporre non ho mai parlato.
    Ho detto che il pensiero unico MORALE, recitato come rosario da tutte le parti, è la protezione del pianeta: usare la bici, riciclare, i comportamenti virtuosi, ecc, bla bla ... ripetuto all'istupidimento anche dalle eminenze. Le quali omettono di proposito di iniziare dalla raccomandazione più importante, cioè la procreazione responsabile, "sostenibile" e cioè moderata.
    Scriverlo sembra quasi pericoloso, tanto è fuori moda, e invece è la prima cosa che ci potrebbe far star bene tutti. O meglio, che avrebbe potuto
    Ma quel tipo di messaggio è rivolto a persone che già adesso hanno una natalità molto bassa, non siamo in Africa.
    Livelli eccessivamente bassi di natalità come quelli attuali di molti Paesi industrializzati e della Cina non sono sostenibili da un punto di vista economico e sociale, sarebbe meglio che aumentassero almeno un po'.

    Una riduzione troppo forte della popolazione ha gravi conseguenze in termini di sostenibilità delle pensioni, trasformazione urbanistica delle città, mantenimento di infrastrutture sovradimensionate e molti altri aspetti.
    Al tasso di natalità attuale nel 2070 avremmo quasi 20 milioni di abitanti in meno di oggi in Italia, con più persone oltre i 65 anni che nella fascia 15-64.
    Non mi sembra uno scenario auspicabile.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 26/01/2020 alle 10:15

  5. #85
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,074
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Ma quel tipo di messaggio è rivolto a persone che già adesso hanno una natalità molto bassa, non siamo in Africa.
    Non è vero. Le eminenze si sono sempre rivolte all'umanità intera.
    L'esplosione demografica umana, problema discusso frequentemente e liberamente negli anni 60 e 70, cioè quando ancora si sarebbe potuto fare qualcosa (tanto che non avremmo avuto nessuno dei gravi problemi ambientali di adesso, ed il benessere sarebbe ora alla portata di tutti nel mondo, accontentandoci di due figlioli, cioè niente di terrificante nè difficile), questo tema demografico dicevo, dagli anni 80 in poi è diventato un assoluto tabù.
    Ricordo che un giornalista esperto di economia e di orientamento liberista, che aveva grande presenza su tutti i media circa una ventina di anni fa, il giorno che si azzardò a ricordarci la follia demografica data la finitezza delle risorse terrestri, sparì letteralmente da ogni mezzo di comunicazione. Praticamente cancellato da un momento all'altro.

  6. #86
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    268
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Mi dispiace per voi, per carità!
    Però , veramente, qui da me il collegamento tra deforestazione e frane non è assolutamente dimostrabile
    Sì, perché gran parte di quell'Appennino è una frana! Fra paleofrane, frane quiescenti, frane in atto, si salva poco. Su tutto quello che è venuto giù, poi si è iniziato a coltivare.

  7. #87
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    50
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    44 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    ma cosa stai dicendo
    prima mi dici che mica si cerca il 235, poi mi dici che bisogna ottenere il 235 dal 238 (che significa? che operazione è secondo te?)
    Te lo ripeto di nuovo: in natura la percentuale di 235 è decisamente inferiore all'1%; quindi tu puoi anche metterti a cercare solo quello e star lì ad aspettare in eterno di trovarne una quantità sufficiente.
    Oppure estrai l'Uranio che trovi che è per il 99.28% 238 e tramite arricchimento ottieni una percentuale significativa utilizzabile di 235 (per scopi civili o militari che siano).
    Secondo te perchè qualcuno si prese la briga di "inventare" il processo di arricchimento?
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    inoltre il reattore deve essere refrigerato con Sodio (proposto nei PROGETTI per gli impianti di IV generazione)
    Il raffreddamento basato sul sodio è UNA delle possibilità nei reattori di IV generazione: si chiama SFR.
    La pagina wiki sull'argomento è un ottimo punto di partenza.
    Reattore nucleare di IV generazione - Wikipedia

    Elio, acqua e piombo sono decisamente meno critici.

    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    poi il plutonio è estremamente radioattivo e crei problemi ai materiali del reattore per le variazioni chimico fisiche che apporta (sono state riscontrati delle variazioni - crepe - nei vessel anche se di acciaio speciale)
    Allora è una fortuna che la Gen IV non lo abbia come scopo.
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio68 Visualizza Messaggio
    i reattori FBR - autofertilizzanti sarebbero la manna dal cielo ma hanno dato fino adesso dei problemi (te l'ho detto già che il Superphénix ha avuto incidenti - tra un po' è più il tempo per le riparazioni che il tempo effettivo di utilizzo )
    Diciamo che Superphénix e Gen IV nello stesso contesto è tirata eh... Superphénix è un reattore sperimentale "senza generazione".
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  8. #88
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    50
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    44 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    questo tema demografico dicevo, dagli anni 80 in poi è diventato un assoluto tabù.
    Talmente tabù che in ambito economico non si parla d'altro...

    Sul fatto che "il benessere sarebbe alla portata di tutti nel mondo" siamo oltre l'illusione, l'utopia più sfrenate.
    50 anni fa, giusto per fare riferimento ad un anno che non fosse subito dopo la distruzione della WWII, era forse alla portata di tutti nel mondo? O, esattamente, anzi decisamente più di oggi, eravamo di fronte a distribuzione di reddito e ricchezza decisamente diseguali? Eppure eravamo tanti tanti di meno...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  9. #89
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,444
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da alexeia Visualizza Messaggio
    Sì, perché gran parte di quell'Appennino è una frana! Fra paleofrane, frane quiescenti, frane in atto, si salva poco. Su tutto quello che è venuto giù, poi si è iniziato a coltivare.
    Però bisognerebbe fare dei distinguo...

    Quelli a cui si fanno riferimento sono coltivazioni erbacee senza terrazzamenti, murature o terre armate a fare da rinforzo su un terreno argilloso. In queste circostanze (girando il nord appennino ho visto parecchi esempi) in periodi piovosi si staccano frane fangose superficiali, si formano calanchi ecc... in questi casi il terreno è soggetto a dissesto tanto quanto un bosco mal tenuto e in deperimento.

    In altri casi invece i muretti, terre armate o altre strutture a scopo agricolo sono fondamentali per il mantenimento dei versanti, prova ne sono i problemi che nascono quando queste strutture vengono abbandonate.

    Per dire fatevi un giro con maps in val di cembra... capirete cosa intendo. In quei versanti anche molto ripidi, benché costituiti da terreno superficiale a volte limoso-argilloso, è molto difficile assistere a distacchi di grosse dimensioni. Al più piccole robe dovuti a cedimenti di murature vecchie in decadimento.

  10. #90
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,074
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: L’assurda guerra contro i diesel moderni.

    Citazione Originariamente Scritto da alexeia Visualizza Messaggio
    Sì, perché gran parte di quell'Appennino è una frana! Fra paleofrane, frane quiescenti, frane in atto, si salva poco. Su tutto quello che è venuto giù, poi si è iniziato a coltivare.
    Ripeto: l'appennino emiliano è pieno di campi di grano e medicai in pendio anche forte, ma ben pochi di questi diventano frane. Così come molte delle frane più attive e note si riattivano a volte proprio dopo molti anni di crescita di alberi su di esse.
    I Geositi dell'Emilia-Romagna — Geologia, sismica e suoli — E-R Ambiente — Frana dei Boschi di Valoria
    Ultima modifica di alnus; 27/01/2020 alle 22:03

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •