Pagina 102 di 5048 PrimaPrima ... 252921001011021031041121522026021102 ... UltimaUltima
Risultati da 1,011 a 1,020 di 50478

Discussione: Nuovo Virus Cinese

  1. #1011
    Vento fresco
    Data Registrazione
    23/06/13
    Località
    Narni (TR) 120m
    Età
    35
    Messaggi
    2,037
    Menzionato
    21 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    E' morto su 44672 persone solo un ragazzo tra i 10 e i 19 anni, e 64 persone sotto i 50 anni. Il resto sopra i 50 (1061).
    Dati da qui:

    http://weekly.chinacdc.cn/en/article...b-fea8db1a8f51
    sempre che siano veritieri.
    Purtroppo, tristemente, in Italia verificheremo se i dati cinesi sono reali o aggiustati.
    dicembre 1996: la perfezione
    febbraio 2012: l'apoteosi
    febbraio 2018: la sorpresa

  2. #1012
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,239
    Menzionato
    360 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    secondo te varrebbe la pena (e non è affatto una domanda provocatoria) di adottare misure simili a quelle della legge marziale per evitare un'infezione che, pur essendo probabilmente più grave rispetto ad una banale influenza stagionale, uccide relativamente poco? (tralascio volutamente che i decessi sono quasi esclusivamente tra anziani e/o persone con pregresse patologie, perchè dicendo "ciò dimostra che non è un virus pericoloso in senso assoluto, ma solo in senso relativo" si rischia di far passare un messaggio un pelo arridente l'eugenetica, a mio parere).
    Mai sia far passare messaggi eugenetici! Ci tengo a dirlo! Anzi, io se dovessi lasciare circolare il virus metterei in quarantena solo gli anziani con patologie pregresse, nella speranza che tra i sani o chi ha ipertensione/problemi cardiaci il sistema sanitario riesca a fare la sua. Sempre sulla base dei dati non Hubei, che hanno visto solo 100 morti su 13000 contagiati, di cui tutti passati da terapia intensiva, in cui la mortalità è del 49% (indi per cui ipotizzo che fuori dal'Hubei i casi che hanno necessitato di terapia intensiva sono stati poco più di 200?).

    Sì, se necessario, ristabilirei la legge marziale. Se la divisione dei poteri italiana si traducesse in incomprensioni e rischi per i cittadini, meglio accentrare il potere e le decisioni.
    L'infezione ha le potenzialità, se lasciata libera di circolare, di mietere tante vittime quanto la Spagnola, con un tasso di mortalità del 4% se non superiore. Significherebbe su 10000 persone infette, ne morirebbero 400, e su grandi numeri andrebbe ancora peggio...considerando la popolazione italiana con quasi 14 milioni oltre i 65 anni, significherebbe perdere il 2% almeno degli anziani, nonchè molte persone malate croniche o con tumori o diabete/ipertensione nelle fasce intermedie (tra i 25 e i 60 anni).

  3. #1013
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,842
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Mai sia far passare messaggi eugenetici! Ci tengo a dirlo! Anzi, io se dovessi lasciare circolare il virus metterei in quarantena solo gli anziani con patologie pregresse, nella speranza che tra i sani o chi ha ipertensione/problemi cardiaci il sistema sanitario riesca a fare la sua. Sempre sulla base dei dati non Hubei, che hanno visto solo 100 morti su 13000 contagiati, di cui tutti passati da terapia intensiva, in cui la mortalità è del 49% (indi per cui ipotizzo che fuori dal'Hubei i casi che hanno necessitato di terapia intensiva sono stati poco più di 200?).

    Sì, se necessario, ristabilirei la legge marziale. Se la divisione dei poteri italiana si traducesse in incomprensioni e rischi per i cittadini, meglio accentrare il potere e le decisioni.
    L'infezione ha le potenzialità, se lasciata libera di circolare, di mietere tante vittime quanto la Spagnola, con un tasso di mortalità del 4% se non superiore. Significherebbe su 10000 persone infette, ne morirebbero 400, e su grandi numeri andrebbe ancora peggio...considerando la popolazione italiana con quasi 14 milioni oltre i 65 anni, significherebbe perdere il 2% almeno degli anziani, nonchè molte persone malate croniche o con tumori o diabete/ipertensione nelle fasce intermedie (tra i 25 e i 60 anni).
    attenzione che però in quel caso la mortalità ebbe un andamento per classi di età del tutto inedito
    certamente c'entrano le condizioni del periodo storico ma probabilmente non solo

    Si stima che un terzo della popolazione mondiale fu colpito dall’infezione durante la pandemia del 1918–1919. La malattia fu eccezionalmente severa, con una letalità maggiore del 2,5% e circa 50 milioni di decessi, alcuni ipotizzano fino a 100 milioni.
    Negli anni trenta furono isolati virus influenzali dai maiali e dagli uomini che, attraverso studi sieroepidemiologici furono messi in relazione con il virus della pandemia del 1918. Si è visto che i discendenti di questo virus circolano ancora oggi nei maiali. Forse hanno continuato a circolare anche tra gli esseri umani, causando epidemie stagionali fino agli anni ’50, quando si fece strada il nuovo ceppo pandemico A/H2N2 che diede luogo all’Asiatica del 1957. I virus imparentati a quello del 1918 non diedero più segnali di sé fino al 1977, quando il virus del sottotipo H1N1 riemerse negli Stati Uniti causando un’epidemia importante nell’uomo.. Da allora virus simili all’ A/H1N1 continuarono a circolare in modo endemico o epidemico negli uomini e nei maiali, ma senza avere la stessa patogenicità del virus del 1918.
    Dal 1995, a partire da materiale autoptico conservato, furono isolati e sequenziati frammenti di RNA virale del virus della pandemia del 1918, fino ad arrivare a descrivere la completa sequenza genomica di un virus e quella parziale di altri 4. Il virus del 1918 è probabilmente l’antenato dei 4 ceppi umani e suini A/H1N1 e A/H3N2, e del virus A/H2N2 estinto.
    Questi dati suggeriscono che il virus del 1918 era interamente nuovo per l’umanità e quindi, non era frutto di un processo di riassortimento a partire da ceppi già circolanti, come successe poi nel 1957 e nel 1968. Era un virus simile a quelli dell’influenza aviaria, originatosi da un ospite rimasto sconosciuto.
    La curva della mortalità per età dell’influenza, che conosciamo per un arco di tempo di circa 150 anni. ha sempre avuto una forma ad U, con mortalità più elevata tra i molto giovani e gli anziani. Invece la curva della mortalità del 1918 è stata a W incompleta, simile cioè alla forma ad U, ma con in più un picco di mortalità nelle età centrali tra gli adulti tra 25 e 44 anni.

    I tassi di mortalità per influenza e polmonite tra 15 e 44 anni, ad esempio furono più di 20 volte maggiori di quelli degli anni precedenti e quasi metà delle morti furono tra i giovani adulti di 20–40 anni, un fenomeno unico nella storia conosciuta. Il 99% dei decessi furono a carico delle persone con meno di 65 anni, cosa che non si è più ripetuta, né nel 1957 e neppure nel 1968. I fattori demografici non sono in grado di spiegare questo andamento.

  4. #1014
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,896
    Menzionato
    370 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Mai sia far passare messaggi eugenetici! Ci tengo a dirlo! Anzi, io se dovessi lasciare circolare il virus metterei in quarantena solo gli anziani con patologie pregresse, nella speranza che tra i sani o chi ha ipertensione/problemi cardiaci il sistema sanitario riesca a fare la sua. Sempre sulla base dei dati non Hubei, che hanno visto solo 100 morti su 13000 contagiati, di cui tutti passati da terapia intensiva, in cui la mortalità è del 49% (indi per cui ipotizzo che fuori dal'Hubei i casi che hanno necessitato di terapia intensiva sono stati poco più di 200?).

    Sì, se necessario, ristabilirei la legge marziale. Se la divisione dei poteri italiana si traducesse in incomprensioni e rischi per i cittadini, meglio accentrare il potere e le decisioni.
    L'infezione ha le potenzialità, se lasciata libera di circolare, di mietere tante vittime quanto la Spagnola, con un tasso di mortalità del 4% se non superiore. Significherebbe su 10000 persone infette, ne morirebbero 400, e su grandi numeri andrebbe ancora peggio...considerando la popolazione italiana con quasi 14 milioni oltre i 65 anni, significherebbe perdere il 2% almeno degli anziani, nonchè molte persone malate croniche o con tumori o diabete/ipertensione nelle fasce intermedie (tra i 25 e i 60 anni).
    ovviamente con eugenetica non mi riferivo nè a te nè ad altri. comunque grazie per la risposta!
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

  5. #1015
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,896
    Menzionato
    370 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    attenzione che però in quel caso la mortalità ebbe un andamento per classi di età del tutto inedito
    certamente c'entrano le condizioni del periodo storico ma probabilmente non solo

    Si stima che un terzo della popolazione mondiale fu colpito dall’infezione durante la pandemia del 1918–1919. La malattia fu eccezionalmente severa, con una letalità maggiore del 2,5% e circa 50 milioni di decessi, alcuni ipotizzano fino a 100 milioni.
    Negli anni trenta furono isolati virus influenzali dai maiali e dagli uomini che, attraverso studi sieroepidemiologici furono messi in relazione con il virus della pandemia del 1918. Si è visto che i discendenti di questo virus circolano ancora oggi nei maiali. Forse hanno continuato a circolare anche tra gli esseri umani, causando epidemie stagionali fino agli anni ’50, quando si fece strada il nuovo ceppo pandemico A/H2N2 che diede luogo all’Asiatica del 1957. I virus imparentati a quello del 1918 non diedero più segnali di sé fino al 1977, quando il virus del sottotipo H1N1 riemerse negli Stati Uniti causando un’epidemia importante nell’uomo.. Da allora virus simili all’ A/H1N1 continuarono a circolare in modo endemico o epidemico negli uomini e nei maiali, ma senza avere la stessa patogenicità del virus del 1918.
    Dal 1995, a partire da materiale autoptico conservato, furono isolati e sequenziati frammenti di RNA virale del virus della pandemia del 1918, fino ad arrivare a descrivere la completa sequenza genomica di un virus e quella parziale di altri 4. Il virus del 1918 è probabilmente l’antenato dei 4 ceppi umani e suini A/H1N1 e A/H3N2, e del virus A/H2N2 estinto.
    Questi dati suggeriscono che il virus del 1918 era interamente nuovo per l’umanità e quindi, non era frutto di un processo di riassortimento a partire da ceppi già circolanti, come successe poi nel 1957 e nel 1968. Era un virus simile a quelli dell’influenza aviaria, originatosi da un ospite rimasto sconosciuto.
    La curva della mortalità per età dell’influenza, che conosciamo per un arco di tempo di circa 150 anni. ha sempre avuto una forma ad U, con mortalità più elevata tra i molto giovani e gli anziani. Invece la curva della mortalità del 1918 è stata a W incompleta, simile cioè alla forma ad U, ma con in più un picco di mortalità nelle età centrali tra gli adulti tra 25 e 44 anni.

    I tassi di mortalità per influenza e polmonite tra 15 e 44 anni, ad esempio furono più di 20 volte maggiori di quelli degli anni precedenti e quasi metà delle morti furono tra i giovani adulti di 20–40 anni, un fenomeno unico nella storia conosciuta. Il 99% dei decessi furono a carico delle persone con meno di 65 anni, cosa che non si è più ripetuta, né nel 1957 e neppure nel 1968. I fattori demografici non sono in grado di spiegare questo andamento.
    eccessiva risposta immunitaria con conseguente "tempesta di citochine" (e, spesso, decesso) in molti soggetti giovani (con appunto un sistema immunitario tendenzialmente più efficiente, in quel caso anche troppo) che avevano contratto la Spagnola.
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

  6. #1016
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,239
    Menzionato
    360 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    attenzione che però in quel caso la mortalità ebbe un andamento per classi di età del tutto inedito
    certamente c'entrano le condizioni del periodo storico ma probabilmente non solo

    Si stima che un terzo della popolazione mondiale fu colpito dall’infezione durante la pandemia del 1918–1919. La malattia fu eccezionalmente severa, con una letalità maggiore del 2,5% e circa 50 milioni di decessi, alcuni ipotizzano fino a 100 milioni.
    Negli anni trenta furono isolati virus influenzali dai maiali e dagli uomini che, attraverso studi sieroepidemiologici furono messi in relazione con il virus della pandemia del 1918. Si è visto che i discendenti di questo virus circolano ancora oggi nei maiali. Forse hanno continuato a circolare anche tra gli esseri umani, causando epidemie stagionali fino agli anni ’50, quando si fece strada il nuovo ceppo pandemico A/H2N2 che diede luogo all’Asiatica del 1957. I virus imparentati a quello del 1918 non diedero più segnali di sé fino al 1977, quando il virus del sottotipo H1N1 riemerse negli Stati Uniti causando un’epidemia importante nell’uomo.. Da allora virus simili all’ A/H1N1 continuarono a circolare in modo endemico o epidemico negli uomini e nei maiali, ma senza avere la stessa patogenicità del virus del 1918.
    Dal 1995, a partire da materiale autoptico conservato, furono isolati e sequenziati frammenti di RNA virale del virus della pandemia del 1918, fino ad arrivare a descrivere la completa sequenza genomica di un virus e quella parziale di altri 4. Il virus del 1918 è probabilmente l’antenato dei 4 ceppi umani e suini A/H1N1 e A/H3N2, e del virus A/H2N2 estinto.
    Questi dati suggeriscono che il virus del 1918 era interamente nuovo per l’umanità e quindi, non era frutto di un processo di riassortimento a partire da ceppi già circolanti, come successe poi nel 1957 e nel 1968. Era un virus simile a quelli dell’influenza aviaria, originatosi da un ospite rimasto sconosciuto.
    La curva della mortalità per età dell’influenza, che conosciamo per un arco di tempo di circa 150 anni. ha sempre avuto una forma ad U, con mortalità più elevata tra i molto giovani e gli anziani. Invece la curva della mortalità del 1918 è stata a W incompleta, simile cioè alla forma ad U, ma con in più un picco di mortalità nelle età centrali tra gli adulti tra 25 e 44 anni.

    I tassi di mortalità per influenza e polmonite tra 15 e 44 anni, ad esempio furono più di 20 volte maggiori di quelli degli anni precedenti e quasi metà delle morti furono tra i giovani adulti di 20–40 anni, un fenomeno unico nella storia conosciuta. Il 99% dei decessi furono a carico delle persone con meno di 65 anni, cosa che non si è più ripetuta, né nel 1957 e neppure nel 1968. I fattori demografici non sono in grado di spiegare questo andamento.
    Ah, non ero davvero conscio di questi fatti Alessandro
    In questo senso il Covid-19 in confronto è una banale influenza per davvero.

    Il mio riferimento era comunque alla percentuale di mortalità, che sembra simile in condizioni di libera circolazione senza porre ostacoli al contagio.

    Inoltre, per quanto tragica, la cura per la spagnola fu il tempo. Oggi sappiamo che i virus influenzali mutano di continuo, e comprendendo all'epoca che era un Orthomyxovirus avrebbero già capito che entro l'anno dopo il virus sarebbe mutato e forse sarebbe stato meno letale.
    Oggi quella speranza per il Covid-19 non c'è, perchè non pare avere un particolare tasso mutagenico. C'è la possibilità che si ripresenti nei prossimi inverni, se anche dovesse scomparire in estate, continuando a mietere vittime.
    C'è chi parla del fatto che sia un virus nuovo e per questo così letale, perchè non si è adattato all'uomo. Potrebbe essere, ma non sappiamo se si adatterà e quanto tempo ci impiegherà.

  7. #1017
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,239
    Menzionato
    360 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    eccessiva risposta immunitaria con conseguente "tempesta di citochine" (e, spesso, decesso) in molti soggetti giovani (con appunto un sistema immunitario tendenzialmente più efficiente, in quel caso anche troppo) che avevano contratto la Spagnola.
    Inoltre consideriamo che all'epoca si moriva prima, già a 65 anni credo. Quindi c'erano pochi anziani in numeri assoluti per di più debilitati, visto che patologie come il diabete o ipertensione o problemi cardiaci li avrebbero già uccisi prima dei 60 anni.

  8. #1018
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,842
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    eccessiva risposta immunitaria con conseguente "tempesta di citochine" (e, spesso, decesso) in molti soggetti giovani (con appunto un sistema immunitario tendenzialmente più efficiente, in quel caso anche troppo) che avevano contratto la Spagnola.
    stessa idea

  9. #1019
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,239
    Menzionato
    360 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    ovviamente con eugenetica non mi riferivo nè a te nè ad altri. comunque grazie per la risposta!
    Sì, certo, però ho voluto specificare perchè non si sa mai che qualcuno travisi
    Peraltro andrebbe contro il giuramento di Ippocrate che un domani dovrò pronunciare. Non proprio le giuste basi per partire

  10. #1020
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,896
    Menzionato
    370 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Ah, non ero davvero conscio di questi fatti Alessandro
    In questo senso il Covid-19 in confronto è una banale influenza per davvero.

    Il mio riferimento era comunque alla percentuale di mortalità, che sembra simile in condizioni di libera circolazione senza porre ostacoli al contagio.

    Inoltre, per quanto tragica, la cura per la spagnola fu il tempo. Oggi sappiamo che i virus influenzali mutano di continuo, e comprendendo all'epoca che era un Orthomyxovirus avrebbero già capito che entro l'anno dopo il virus sarebbe mutato e forse sarebbe stato meno letale.
    Oggi quella speranza per il Covid-19 non c'è, perchè non pare avere un particolare tasso mutagenico. C'è la possibilità che si ripresenti nei prossimi inverni, se anche dovesse scomparire in estate, continuando a mietere vittime.
    C'è chi parla del fatto che sia un virus nuovo e per questo così letale, perchè non si è adattato all'uomo. Potrebbe essere, ma non sappiamo se si adatterà e quanto tempo ci impiegherà.
    quanto dici nell'ultimo paragrafo è molto preoccupante e non si può certo escluderlo.
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •