Pagina 10747 di 11013 PrimaPrima ... 9747102471064710697107371074510746107471074810749107571079710847 ... UltimaUltima
Risultati da 107,461 a 107,470 di 110128

Discussione: Nuovo Virus Cinese

  1. #107461
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    327
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Turgot Visualizza Messaggio
    Gran pasticcio nel rapporto sui decessi. Per l'Iss gran parte dei morti non li ha causati il Covid – Il Tempo

    Che non passi sotto traccia anche questo. Vergognoso che vi sia totale impunità per direttori di giornali che scrivono certe cose.
    Il gran pasticcio mi sembra che lo facciano loro giornalisti coni titoli equivoci per farsi notare. Ed è stato così sin dall'inizio, quindi farebbero meglio a tacersi e rileggere i loro scritti, anziché additare i presunti pasticci degli altri. Ché il problema non sta nel dato in sé, che è dato, numero rilevato, asettico e non modificabile, ma di quello che chi ne riferisce pensa di aver capito, e del modo con cui gli sembra di riuscire a comunicarlo con parole sue (da qui la necessità di avere professionisti anche per questa imprescindibile attività dell'informazione, anziché dilettanticon le competenze linguistiche della scuola primaria).

    A leggere il testo, in effetti, non si capisce nemmeno bene dove vada a parare il colpo. A parte affermazioni raccapriccianti nelle loro implicite implicazioni, tipo:


    "Quindi dei 130.468 decessi registrati dalle statistiche ufficiali al momento della preparazione del nuovo rapporto solo 3.783 sarebbero dovuti alla potenza del virus in sé. Perché tutti gli altri italiani che hanno perso la vita avevano da una a cinque malattie che secondo l'Iss dunque lasciavano già loro poca speranza. "

    Ora, un'affermazione così contiene in sé l'ideina che alla fin fine, quando uno ha "già poca speranza" non vale nemmeno la pena di considerarlo nel novero dei pazienti. C'è un nemmeno troppo celato "tanto sarebbero morti lo stesso", che apre inquietanti finestre su futuri scenari di cure riservate solo a quelli per cui ne vale la pena. Se ne è reso conto chi scrive? E' quello che pensava, che voleva comunicare, e che ha abilmente inserito in maniera molto sfumata, per suggerire, evocare, insinuare a poco a poco la coscienza che tutto ciò sarà giusto, domani? Oppure non se ne è nemmeno reso conto, e ha scritto di getto, perché "scribo ergo sum", così come nel resto della sua giornata magari apre la bocca solo per darvi aria?
    Non so quale delle due ipotesi mi inquieti di più...


    Andiamo avanti:

    "Addirittura il 67,7% ne avrebbe avuto insieme più di tre malattie contemporanee, e il 18% almeno due insieme. Ora personalmente conosco tanta gente, ma nessuno che abbia la sfortuna di avere cinque malattie gravi nello stesso tempo. Vorrei fidarmi dei nostri scienziati, poi vado a leggere i malanni elencati che sarebbero ragione non secondaria della perdita di tanti italiani e qualche dubbio da profano comincio a nutrire."

    Qui inizio anch'io ad avere qualche dubbio: perché presa in sé, la frase sostiene che non è possibile che esistano così tante persone con più malattie veramente gravi in contemporanea. A voler ben vedere, smonta la teoria che esistano malati morti per somma di patologie extra-covid.

    Dopo di che si prende la briga di elencare le famose patologie pregresse. E anche qui non è più chiaro l'intento: perché, se vuol dire che i covid-decessi sono un falso, allora eviterei di partire con il "65% di 'malati' di pressione arteriosa"...

    "Secondo l'Iss il 65,8% degli italiani che non ci sono più dopo essere stati infettati dal Covid era malato di ipertensione arteriosa, e cioè aveva la pressione alta. Il 23,5% era anche demente, il 29,3% aggiungeva ai malanni un po' di diabete, il 24,8% pure fibrillazione atriale. E non basta: il 17,4% aveva già i polmoni ammalati, il 16,3% aveva avuto un cancro negli ultimi 5 anni; il 15,7% soffriva di scompenso cardiaco, il 28% aveva una cardiopatia ischemica, il 24,8% soffriva di fibrillazione atriale, più di uno ogni dieci era anche obeso, più di uno su dieci aveva avuto un ictus, e altri ancora sia pure in percentuale più ridotta aveva problemi gravi al fegato, dialisi e malattie auto-immuni
    ."

    Ma, si rende conto che sta elencando per primo a riprova della sua tesi proprio quella che è quasi una normale condizione di vita, sopra una certa età? che la percentuale che riporta è quasi quella che si riscontra in una popolazione normale italica sopra i 75 anni? Che una condizione fisiologica presente in tale proporzione entro una fascia di popolazione, più che una malattia da cui guarire è esattamente una condizione fisiologica, con cui convivere e da tenere sotto controllo, se si vuole superare quella soglia naturale della vita media che - senza artificiali interventi medici - si raggiungeva nei secoli passati?
    Oppure vorrebbe dire proprio che le presunte patologie pregresse dei no-covid non sono patologie, ma sono la norma di tutti noi a una certa età?

    Non si capisce... la capacità di espressione dell'autore è tale che nemmeno riesce a dar forza alla sua presunta fede negazionista, o alla sua presunta denuncia di - a questo punto - non si sa che...

    Poi segue l'accusa che l'informazione sia stata pilotata, prima a minimizzare il pericolo - e voglio ben vedere, non sai bene come evolve, panico ce n'è già abbastanza, e mica puoi aggiungere pure "pentiti, la fine è vicina!" - poi ad accentuarlo per vaccinare a tappeto, e quindi il nucleo finale della dissertazione: ISS ha fatto casino nel comunicare i dati, quando nella seconda fase ha mantenuto il tono rassicurante del "in fondo erano tutti già malati", continuando a riportare la tabellina delle patologie pregresse

    "Ma si sono dimenticati di aggiornare le istruzioni sul rapporto mortalità, che ha seguito nella sua pubblicazione sempre più diradata nel tempo e mai tambureggiata, l'impostazione data all'inizio. Una gran confusione dunque, che alimenta anche paure e irrigidisce resistenze ancora di qualche milione di italiani che alla vaccinazione ha scelto di sottrarsi. Forse con un po' meno propaganda, meno rigidità e più informazione corretta tutto questo non sarebbe così..."

    Quindi, in definitiva, la colpa del sorgere dei no-covid, dei no-vax, dei no-pass, delle ansie psicologiche e del disorientamento degli italiani, sarebbe ISS che ha continuato per tutto il tempo a fornire i dati rilevati, con i medesimi standard, le medesime tabelle, le medesime voci, dall'inizio alla fine, a milioni di poveri italiani che non sapevano leggerli per quello che sono, cioè "dati rilevati", e a una pletora di giornalisti che credeva invece di saperli leggere usando di volta in volta gli occhiali preconcetti che il loro cervellino aveva deciso - volontariamente o meno - di indossare.

    E' vero: è chi fornisce il dato in sé, in maniera scientifica, ad aver in fondo commesso un gravissimo errore, il credere che l'intelligenza nella specie umana si equamente distribuita secondo statistica, e che quella di chi opera nella comunicazione su stampa e web costituisca quella punta emergente che porta la media a livelli accettabili.

    No, cara ISS, qui hai proprio sbagliato: il QI non è fra i parametri richiesti per poter scrivere liberamente su mezzi di comunicazione di massa ufficiali, percependo uno stipendio per questo...






  2. #107462
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    40
    Messaggi
    3,520
    Menzionato
    50 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Turgot Visualizza Messaggio
    Gran pasticcio nel rapporto sui decessi. Per l'Iss gran parte dei morti non li ha causati il Covid – Il Tempo

    Che non passi sotto traccia anche questo. Vergognoso che vi sia totale impunità per direttori di giornali che scrivono certe cose.
    giusto per chiarire come si tratti di un articolo fazioso e scientificamente scorretto

    3783, il numero bugiardo sui decessi per COVID-19 - Il Post

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

  3. #107463
    Brezza tesa L'avatar di Turgot
    Data Registrazione
    05/08/18
    Località
    Cislago (VA)
    Età
    28
    Messaggi
    576
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da verza81 Visualizza Messaggio
    giusto per chiarire come si tratti di un articolo fazioso e scientificamente scorretto

    3783, il numero bugiardo sui decessi per COVID-19 - Il Post
    Io infatti l'ho scoperto grazie a loro. Per fortuna Il Tempo (quotidiano INDIPENDENTE ) non rientra nelle mie letture

  4. #107464
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    15,017
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Uno dei no green pass a Trieste che manifestava intervistato diceva che non c'è necessità che si vaccini, poichè il covid fa solo pochi morti senza patologie pregresse, qualcuno mure sempre, diceva

  5. #107465
    Tempesta violenta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    14,419
    Menzionato
    744 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Un altro medico a casa nell'ospedale di mia madre, con febbre alta. Anche i familiari vaccinati contagiati.

  6. #107466
    Brezza tesa L'avatar di Musoita
    Data Registrazione
    03/09/12
    Località
    Cesenatico
    Messaggi
    882
    Menzionato
    102 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    19,497 new cases in Germany[source]

    What?
    Qualcuno sa per su worldometers non comunica da 4 giorni i decessi?
    Controllato 68 ieri.


    19,497 new cases in Germany[source]

  7. #107467
    Tempesta violenta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    14,419
    Menzionato
    744 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Quindi confermi che la socialita' si fa senza mascherina, appunto.
    Ma proprio per questo non è un limite così invalidante nella vita di tutti i giorni raccomandare l'uso della mascherina.

    Smentisce che sia un fattore determinante, e soprattutto rende poco ragionevole prenderlo come motivo dell'esplosione dei casi a Singapore (che era il punto originale). Soprattutto perche' allora verrebbe da chiedersi perche' non sia successo prima, e perche' non stia succedendo in tutte le grandi aree urbane occidentali.
    Un fattore può essere determinante senza però essere sempre il più importante.
    Singapore comunque ha una densità di abitanti che si riscontra in Europa solo a Parigi, Londra e Mosca e due di queste sono in condizioni non proprio buone (Mosca nemmeno la cito; Londra ha un'incidenza settimanale di quasi 300 casi ogni 100mila ab.; Singapore è a 437 casi ogni 100mila ab.).

    E ok, ma che c'entra il valore assoluto? Un'esponenziale inizia sempre da valori assoluti bassissimi.
    C'entra perchè per numeri bassissimi (tipo quelli del Portogallo) un aumento di solo 100 unità al giorno potrebbe essere influenzato da qualche focolaio non ancora esaurito ma prossimo a farlo.
    Questo significa che la settimana prossima potremmo vedere i numeri aumentare ma meno ripidamente, ma per saperlo dobbiamo appunto aspettare.

  8. #107468
    Tempesta violenta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    14,419
    Menzionato
    744 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da alexeia Visualizza Messaggio
    Il gran pasticcio mi sembra che lo facciano loro giornalisti coni titoli equivoci per farsi notare. Ed è stato così sin dall'inizio, quindi farebbero meglio a tacersi e rileggere i loro scritti, anziché additare i presunti pasticci degli altri. Ché il problema non sta nel dato in sé, che è dato, numero rilevato, asettico e non modificabile, ma di quello che chi ne riferisce pensa di aver capito, e del modo con cui gli sembra di riuscire a comunicarlo con parole sue (da qui la necessità di avere professionisti anche per questa imprescindibile attività dell'informazione, anziché dilettanticon le competenze linguistiche della scuola primaria).

    A leggere il testo, in effetti, non si capisce nemmeno bene dove vada a parare il colpo. A parte affermazioni raccapriccianti nelle loro implicite implicazioni, tipo:


    "Quindi dei 130.468 decessi registrati dalle statistiche ufficiali al momento della preparazione del nuovo rapporto solo 3.783 sarebbero dovuti alla potenza del virus in sé. Perché tutti gli altri italiani che hanno perso la vita avevano da una a cinque malattie che secondo l'Iss dunque lasciavano già loro poca speranza. "

    Ora, un'affermazione così contiene in sé l'ideina che alla fin fine, quando uno ha "già poca speranza" non vale nemmeno la pena di considerarlo nel novero dei pazienti. C'è un nemmeno troppo celato "tanto sarebbero morti lo stesso", che apre inquietanti finestre su futuri scenari di cure riservate solo a quelli per cui ne vale la pena. Se ne è reso conto chi scrive? E' quello che pensava, che voleva comunicare, e che ha abilmente inserito in maniera molto sfumata, per suggerire, evocare, insinuare a poco a poco la coscienza che tutto ciò sarà giusto, domani? Oppure non se ne è nemmeno reso conto, e ha scritto di getto, perché "scribo ergo sum", così come nel resto della sua giornata magari apre la bocca solo per darvi aria?
    Non so quale delle due ipotesi mi inquieti di più...


    Andiamo avanti:

    "Addirittura il 67,7% ne avrebbe avuto insieme più di tre malattie contemporanee, e il 18% almeno due insieme. Ora personalmente conosco tanta gente, ma nessuno che abbia la sfortuna di avere cinque malattie gravi nello stesso tempo. Vorrei fidarmi dei nostri scienziati, poi vado a leggere i malanni elencati che sarebbero ragione non secondaria della perdita di tanti italiani e qualche dubbio da profano comincio a nutrire."

    Qui inizio anch'io ad avere qualche dubbio: perché presa in sé, la frase sostiene che non è possibile che esistano così tante persone con più malattie veramente gravi in contemporanea. A voler ben vedere, smonta la teoria che esistano malati morti per somma di patologie extra-covid.

    Dopo di che si prende la briga di elencare le famose patologie pregresse. E anche qui non è più chiaro l'intento: perché, se vuol dire che i covid-decessi sono un falso, allora eviterei di partire con il "65% di 'malati' di pressione arteriosa"...

    "Secondo l'Iss il 65,8% degli italiani che non ci sono più dopo essere stati infettati dal Covid era malato di ipertensione arteriosa, e cioè aveva la pressione alta. Il 23,5% era anche demente, il 29,3% aggiungeva ai malanni un po' di diabete, il 24,8% pure fibrillazione atriale. E non basta: il 17,4% aveva già i polmoni ammalati, il 16,3% aveva avuto un cancro negli ultimi 5 anni; il 15,7% soffriva di scompenso cardiaco, il 28% aveva una cardiopatia ischemica, il 24,8% soffriva di fibrillazione atriale, più di uno ogni dieci era anche obeso, più di uno su dieci aveva avuto un ictus, e altri ancora sia pure in percentuale più ridotta aveva problemi gravi al fegato, dialisi e malattie auto-immuni
    ."

    Ma, si rende conto che sta elencando per primo a riprova della sua tesi proprio quella che è quasi una normale condizione di vita, sopra una certa età? che la percentuale che riporta è quasi quella che si riscontra in una popolazione normale italica sopra i 75 anni? Che una condizione fisiologica presente in tale proporzione entro una fascia di popolazione, più che una malattia da cui guarire è esattamente una condizione fisiologica, con cui convivere e da tenere sotto controllo, se si vuole superare quella soglia naturale della vita media che - senza artificiali interventi medici - si raggiungeva nei secoli passati?
    Oppure vorrebbe dire proprio che le presunte patologie pregresse dei no-covid non sono patologie, ma sono la norma di tutti noi a una certa età?

    Non si capisce... la capacità di espressione dell'autore è tale che nemmeno riesce a dar forza alla sua presunta fede negazionista, o alla sua presunta denuncia di - a questo punto - non si sa che...

    Poi segue l'accusa che l'informazione sia stata pilotata, prima a minimizzare il pericolo - e voglio ben vedere, non sai bene come evolve, panico ce n'è già abbastanza, e mica puoi aggiungere pure "pentiti, la fine è vicina!" - poi ad accentuarlo per vaccinare a tappeto, e quindi il nucleo finale della dissertazione: ISS ha fatto casino nel comunicare i dati, quando nella seconda fase ha mantenuto il tono rassicurante del "in fondo erano tutti già malati", continuando a riportare la tabellina delle patologie pregresse

    "Ma si sono dimenticati di aggiornare le istruzioni sul rapporto mortalità, che ha seguito nella sua pubblicazione sempre più diradata nel tempo e mai tambureggiata, l'impostazione data all'inizio. Una gran confusione dunque, che alimenta anche paure e irrigidisce resistenze ancora di qualche milione di italiani che alla vaccinazione ha scelto di sottrarsi. Forse con un po' meno propaganda, meno rigidità e più informazione corretta tutto questo non sarebbe così..."

    Quindi, in definitiva, la colpa del sorgere dei no-covid, dei no-vax, dei no-pass, delle ansie psicologiche e del disorientamento degli italiani, sarebbe ISS che ha continuato per tutto il tempo a fornire i dati rilevati, con i medesimi standard, le medesime tabelle, le medesime voci, dall'inizio alla fine, a milioni di poveri italiani che non sapevano leggerli per quello che sono, cioè "dati rilevati", e a una pletora di giornalisti che credeva invece di saperli leggere usando di volta in volta gli occhiali preconcetti che il loro cervellino aveva deciso - volontariamente o meno - di indossare.

    E' vero: è chi fornisce il dato in sé, in maniera scientifica, ad aver in fondo commesso un gravissimo errore, il credere che l'intelligenza nella specie umana si equamente distribuita secondo statistica, e che quella di chi opera nella comunicazione su stampa e web costituisca quella punta emergente che porta la media a livelli accettabili.

    No, cara ISS, qui hai proprio sbagliato: il QI non è fra i parametri richiesti per poter scrivere liberamente su mezzi di comunicazione di massa ufficiali, percependo uno stipendio per questo...





    Applausi e inchino!

  9. #107469
    Vento forte L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Kanton Schwyz (CH)
    Età
    43
    Messaggi
    3,958
    Menzionato
    68 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    In Svizzera si risale, 1491 nuovi casi ieri, tasso di riproduzione 1,24.
    Vaccinazioni ferme, con circa 65% prime dosi.
    Ormai è questa la situazione con cui affronteremo l'inverno.

  10. #107470
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    40
    Messaggi
    3,520
    Menzionato
    50 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    % veramente basse da voi.
    Io ho la sorella di mia cognata (svizzera doc di Appenzel) incinta, non vaccinata, positiva.
    Cognata e cognato in isolamento, hanno oggi il tampone.
    Entrambi non vaccinati (...), speriamo bene per loro, hanno una figlia di 2 mesi

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •