Pagina 12129 di 12179 PrimaPrima ... 1112911629120291207912119121271212812129121301213112139 ... UltimaUltima
Risultati da 121,281 a 121,290 di 121781

Discussione: Nuovo Virus Cinese

  1. #121281
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,505
    Menzionato
    144 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Alesa Visualizza Messaggio
    Nella strategia, ovvio che è incluso il fattore tempo..ogni secondo della nostra vita è tempo Nuovo Virus Cinese
    Eh sì... Il problema è che la strategia ha un orizzonte temporale molto diverso dalla tattica che è quel che serve ora, checchè ne dica Confucio.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  2. #121282
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,648
    Menzionato
    144 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Questo non è vero, perchè muta abbastanza velocemente da essere di volta in volta sempre abbastanza nuovo da fiaccare le nostre difese immunitarie. Infatti c'è chi lo ha già avuto 3 volte quest'anno (!) e tutte con febbre.
    Mm, momento, non è proprio così.
    Non è il virus ad essere sempre così nuovo, ma semmai è il nostro livello anticorpale a calare in fretta.
    Chi si è infettato ad aprile/maggio e di nuovo adesso non è che ha incontrato due virus profondamente diversi, come poteva essere, per dire, tra Alpha, Delta o Omicron. Si tratta sempre della famiglia di Omicron, che sia 2, 3, 4, 6 e via dicendo, ma il virus è sempre molto simile.

    Il fatto che chi si riammala sviluppi anche la febbre non la vedo come una cosa particolarmente grave: è, di fatto, la risposta immunitaria.

    Quello che conta è non avere conseguenze gravi (insufficienza respiratoria, polmoniti, ecc.), non non avere tosse e febbre.
    E infatti abbiamo milioni di infettati e ospedali relativamente tranquilli, tutto merito ai vaccini e alle reinfezioni.
    Lou soulei nais per tuchi

  3. #121283
    Bava di vento L'avatar di barry
    Data Registrazione
    28/10/20
    Località
    Mira (VE)
    Messaggi
    151
    Menzionato
    87 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Siccome non ho la più vaga idea di cosa comporti proprio operativamente, è fattibile aver analisi giornaliere di questo tipo a mo' di "bollettino dei tamponi" o la granularità dovrebbe essere necessariamente inferiore?
    Da un paio di giorni on-line i dati delle acque reflue svizzere

    svizzera_reflue.jpg

    https://www.covid19.admin.ch/it/epid...ic/waste-water
    il plot è navigabile e si può vedere l'evoluzione nelle varie zone, anche se solo a partire da febbraio (per alune stazioni attualmente maggior carica virale del picco Omicron2 di marzo aprile, in altre invece sotto, ecc.).
    Aggiornamento settimanale.
    Quindi volendo si può fare.

  4. #121284
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,830
    Menzionato
    385 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Mm, momento, non è proprio così.
    Non è il virus ad essere sempre così nuovo, ma semmai è il nostro livello anticorpale a calare in fretta.
    Chi si è infettato ad aprile/maggio e di nuovo adesso non è che ha incontrato due virus profondamente diversi, come poteva essere, per dire, tra Alpha, Delta o Omicron. Si tratta sempre della famiglia di Omicron, che sia 2, 3, 4, 6 e via dicendo, ma il virus è sempre molto simile.

    Il fatto che chi si riammala sviluppi anche la febbre non la vedo come una cosa particolarmente grave: è, di fatto, la risposta immunitaria.

    Quello che conta è non avere conseguenze gravi (insufficienza respiratoria, polmoniti, ecc.), non non avere tosse e febbre.
    E infatti abbiamo milioni di infettati e ospedali relativamente tranquilli, tutto merito ai vaccini e alle reinfezioni.
    di fatto però non è così, le mutazioni sono molte e in sedi scomode per quanto riguarda l'evasione immunitaria.
    se ci si reinfetta è perché il virus è necessariamente cambiato, pur facendo parte della stessa "famiglia".
    occhio che ad esempio tra Alfa e Delta non c'erano tutte ste differenze come tra Delta e Omicron, difatti le reinfezioni erano veramente pochissime (spiegato meglio: pochissimi di chi aveva preso Alfa si son poi fatti Delta). al contrario, tantissimi di chi ha preso Delta si son fatti poi Omicron, con impennata delle reinfezioni.
    Si vis pacem, para bellum.

  5. #121285
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/04/22
    Località
    Fado Basso (Mele, GE)
    Messaggi
    524
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    è quello che sostenevo ieri.
    ma lo si è paragonato alle influenze del passato. non è così, è ben più di un'influenza difatti la mortalità è ben diversa. ora siamo tutti vaccinati e o preinfettati e ok, ma se un virus nel 2022 ha il 3% di mortalità significa che nel 1500 avrebbe fatto una strage.
    No, non ha il 3% di letalità. In epoca prevaccinale aveva una letalità compresa tra lo 0,1-0,2% delle fasce d'età fino 45 anni e che arrivava al 14-15% nelle fasce 80-89 anni e >90, una letalità stimata al 3% ce l'avevi negli over 50 (2,81% nella 50-59 anni, dati ISS, ma attenzione, perché variava fortissimamente anche in questa ulteriore fascia, ad esempio per una persona di cinquant'anni il rischio di morte era compreso tra l'1 e l'1,5% mentre per una di 59 anni sfiorava il 4%). Ti posso garantire che con questo tipo di letalità le prime tre ondate epidemiche avrebbero lasciato una debolissima traccia in termini di eccesso di mortalità perlomeno fino a 100-120 anni fa... Tanto per darti un'idea i morti di Covid sotto i 40 anni a settembre 2021 (quindi prima dell'effetti protettivo dei vaccini) sono stati circa 330, sotto i 50 anni circa 1800 (inclusi anche quelli con meno di 40 anni). Se le peggiori condizioni generali della popolazione (es. carenze alimentari), unitamente alla mancanza di cure mediche avesse determinato una letalità 2 volte più alta in tutte le fasce d'età avremmo avuto rispettivamente poco meno di 700 decessi negli under 40 e poco più di 3500 negli under 50. I morti nelle altre fasce d'età dovresti dividerli di un fattore crescente (direi almeno 3-4 volte per la fascia d'età 50-59 fino a robe tipo 1/15 o 1/20 per over 80). Credo che difficilmente si sarebbero superati i 15.000-20.000 decessi per Covid (a parità di popolazione) in due anni pieni di circolazione virale e considera che a fine '800 la popolazione italiana era metà di quella attuale. Vuol dire 1 morto di Covid ogni 3000 persone (8.000-10.000 decessi complessivi). Ovviamente è un esperimento mentale, che tende a semplificare troppo. Ci sono fattori che avrebbero potuto aumentare significativamente la letalità e altri che l'avrebbero sicuramente ridotta di molto, ad esempio non ci sarebbero stati quarantenni con diabete mellito scompensato e i trentenni con obesità di grado elevato sarebbero stati pochissimi) ma ti può dare l'idea dell'ecatombre e soprattutto del panico che avrebbe suscitato, secondo me in una scala 1-10 la percezione del pericolo sarebbe stata molto vicino a 1. Quando Gino Strada affermava che il Covid19 è "L'ebola dei ricchi" non lo faceva solo sulla base di considerazioni ideologiche, ma avendo ben presente i diversi effetti tra le diverse popolazioni in base alle condizioni economico-sociali dei territori in cui si diffondono. E lo ripeto: è il motivo per cui, a meno che non cambi drasticamente la patogenicità del virus che lo provoca, per l'Africa subsahariana il Covid19 non sarà mai un grandissimo problema di salute pubblica.
    Ultima modifica di galinsog@@; 07/07/2022 alle 16:52

  6. #121286
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    746
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Si possono paragonare le condizioni di vita in Italia 100 anni fa con quelle delle periferie indiane di oggi?
    In termini di età media e carenze igieniche?

    Sarebbe di conseguenza interessante capire la reale mortalità nelle sole periferie indiane con la delta per avere un punto di riferimento
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

  7. #121287
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/04/22
    Località
    Fado Basso (Mele, GE)
    Messaggi
    524
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    Si possono paragonare le condizioni di vita in Italia 100 anni fa con quelle delle periferie indiane di oggi?
    In termini di età media e carenze igieniche?

    Sarebbe di conseguenza interessante capire la reale mortalità nelle sole periferie indiane con la delta per avere un punto di riferimento
    Solo in parte, direi che la diffusione degli antibiotici e i miglioramenti della medicina hanno aumentato molto l'aspettativa di vita alla nascita anche in quei paesi che percepiamo come "poveri". Ad esempio in India è attorno ai 70 anni (uomini 69,4 anni; donne 70,5 anni) In Italia nel 1920 era di 48-49 anni al NW e attorno ai 42-43 al Sud. In Svizzera che era il paese con l'aspettativa di vita maggiore tra gli europei era di circa 52 anni.

    Altro dato impressionante è l'età media dei decessi, nel 1881 (terzo censimento del Regno d'Italia) l'età mediana alla quale si moriva in Italia era attorno ai 54 anni (l'aspettativa di vita sui 40, discrepanza apparente dovuta alla mortalità infantile elevatissima, ma considera che comunque un cinquantenne era considerato un "vecchio", poi c'erano anche persone anzianissime per carità, ma in numeri ridottissimi rispetto a oggi)...
    Ultima modifica di galinsog@@; 07/07/2022 alle 11:41

  8. #121288
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,745
    Menzionato
    84 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    Si possono paragonare le condizioni di vita in Italia 100 anni fa con quelle delle periferie indiane di oggi?
    In termini di età media e carenze igieniche?

    Sarebbe di conseguenza interessante capire la reale mortalità nelle sole periferie indiane con la delta per avere un punto di riferimento
    Direi di no, aspettativa di vita molto più elevata in India adesso rispetto all’Italia di un secolo fa


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  9. #121289
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    26,648
    Menzionato
    144 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    di fatto però non è così, le mutazioni sono molte e in sedi scomode per quanto riguarda l'evasione immunitaria.
    se ci si reinfetta è perché il virus è necessariamente cambiato, pur facendo parte della stessa "famiglia".
    occhio che ad esempio tra Alfa e Delta non c'erano tutte ste differenze come tra Delta e Omicron, difatti le reinfezioni erano veramente pochissime (spiegato meglio: pochissimi di chi aveva preso Alfa si son poi fatti Delta). al contrario, tantissimi di chi ha preso Delta si son fatti poi Omicron, con impennata delle reinfezioni.
    Cambiato sì, ma pochissimo, ed è il motivo per cui i vaccini (che sono fatti sul Covid di Wuhan, una vita fa ) sono ancora efficaci.

    I problemi sono due: il decadimento anticorpale rapido e la bassa memoria immunitaria.

    Il fatto che gente che si sia infettata due mesi fa sviluppi sintomi come la febbre, come detto, fa parte della risposta immunitaria. Ma, se guardi i casi, i casi critici sono pochissimi, e limitati a soggetti molto fragili.
    Lou soulei nais per tuchi

  10. #121290
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    746
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@@ Visualizza Messaggio
    Solo in parte, direi che la diffusione degli antibiotici e i miglioramenti della medicina hanno aumentato molto l'aspettativa di vita alla nascita anche in quei paesi che percepiamo come "poveri". Ad esempio in India è attorno ai 70 anni (uomini 69,4 anni; donne 70,5 anni) In Italia nel 1920 era di 48-49 anni al NW e attorno ai 42-43 al Sud. In Svizzera che era il paese con l'aspettativa di vita maggiore tra gli europei era di circa 52 anni.

    Altro dato impressionante è l'età media dei decessi, nel 1881 (terzo censimento del Regno d'Italia) l'età mediana alla quale si moriva in Italia era attorno ai 54 anni (l'aspettativa di vita sui 40, discrepanza apparente dovuta alla mortalità infantile elevatissima, ma considera che comunque un cinquantenne era considerato un "vecchio", poi c'erano anche persone anzianissime per carità, ma in numeri ridottissimi rispetto a oggi)...
    Sarebbe da fare una statistica limitata solo alle baraccopoli
    https://medium.com/@gberardi78 :
    economia, modelli, mercato, finanza

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •