Pagina 8966 di 8966 PrimaPrima ... 79668466886689168956896489658966
Risultati da 89,651 a 89,654 di 89654

Discussione: Nuovo Virus Cinese

  1. #89651
    Brezza leggera L'avatar di Pino 64
    Data Registrazione
    12/10/20
    Località
    Roma
    Età
    57
    Messaggi
    399
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Quando dicono con patologie pregresse sono nella quasi totalità dei casi patologie croniche, non sono persone con un piede nella fossa. Tua madre per esempio sarebbe stata classificata come con patologie per tutti i 40 anni che ha avuto il parkinson, ma se fosse morta per una infezione virale 30 anni prima non avresti certamente detto che era morta di Parkinson.

    Nella popolazione generale le persone prive di patologie sono meno della metà, già solo l'ipertensione ne prende un terzo, poi ci sono obesi che sono un altro 40%, diabetici, immunodepressi per qualunque motivo (magari temporaneo), malati oncologici, cardiopatici ecc. Anche un bambino con diabete di tipo 1 ha patologie pregresse, se muore di covid non conta? Un cardiopatico con una malformazione congenita che magari camperebbe 80 anni come mia nonna non lo contiamo?

    Ho un carissimo amico medico che si è fatto la scorsa primavera in reparto covid19 e su questa cosa diventa furioso visto che le persone che si ritrovava in reparto erano mediamente in buona salute (anche perché i più anziani in terapia intensiva non ci arrivavano neanche).
    Sicuramente sono io che mi esprimo male e non mi faccio capire o vengo frainteso, forse perché ho espresso il mio parere in merito alle chiusure, sapete a me lascia perplesso un paese come il nostro che ha fatto più chiusure di tutti ed ha più morti di tutti per il Covid.
    Detto ciò la mia domanda è, la faccio da cittadino normale che non ha conoscenze in ambito medico/sanitario, a parità di ricoveri si può fare una statistica se il Covid sia più letale per esempio del Cancro?


    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk

  2. #89652
    Brezza tesa L'avatar di Musoita
    Data Registrazione
    03/09/12
    Località
    Cesenatico
    Messaggi
    855
    Menzionato
    88 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    «AstraZeneca viola il contratto»: la lettera-ultimatum dell’Europa

    L’intimazione dei legali inviata il 19 marzo scorso scadeva due giorni fa. L’avvertimento che lascia già pensare a una richiesta di danni al gruppo anglo-svedese: «Ponete rimedio ai ritardi o ci saranno delle conseguenze»


    È un «preavviso scritto di una lite» che può diventare la madre di tutte le battaglie legali nate dalla pandemia. Ma soprattutto, è un ultimatum che sta scadendo. Per mano di Sandra Gallina, l’italiana che guida la direzione generale Salute e che ha negoziato i contratti sui vaccini,il 19 marzo la Commissione europea ha scritto ad AstraZeneca. Destinatari Iskra Reic, vicepresidente esecutiva per l’Europa e il deputy General Councel — l’avvocatessa aziendale — Mariam Koohdari. L’accusa di Bruxelles è precisa: «A seguito di un’analisi dettagliata di tutte le informazioni — si legge — siamo giunti alla conclusione che AstraZeneca ha violato e continua a violare le sue obbligazioni contrattuali sulla produzione e la fornitura delle 300 milioni di dosi iniziali per l’Europa».


    Le implicazioni, poi, sono altrettanto nette: «Vi chiediamo formalmente e vi diamo preavviso di porre rimedio alle sostanziali violazioni contrattuali entro venti giorni da questa lettera». E ancora: «Vi diamo preavviso di recuperare senza ulteriori ritardi sull’arretrato nella produzione e consegna delle dosi e di mitigare qualunque danni causato». Anche perché — osserva sempre la lettera di Sandra Gallina da Bruxelles — «sottolineiamo che la sostanziale violazione dell’accordo di acquisto da parte della vostra azienda può portare a conseguenze drammatiche per la vita, la salute e la libertà di milioni di cittadini europei nella crisi Covid-19». Fra le righe, si profila già una richiesta di danni a AstraZeneca potenzialmente per cifre molto elevate. E poiché la missiva di Bruxelles (di cui è apparsa notizia per la prima volta su Les Echos in Francia) è stata inviata il 19 marzo, la situazione è chiara: l’ultimatum è scaduto due giorni fa senza che siano conosciute, al momento, reazioni da parte dell’azienda.

    La requisitoria della Commissione è molto articolata, al punto da occupare sei pagine. Bruxelles sostiene che le violazioni sarebbero numerose: AstraZeneca avrebbe incassato un sostanziale anticipo in estate sulla base di impegni poi lasciati cadere (al punto che nel tardo autunno la Commissione si rifiutò di versare una seconda rata); avrebbe di fatto promesso le stesse dosi a più committenti pur garantendo il contrario nel contratto con la Commissione europea; e avrebbe incomprensibilmente tardato nella sua richiesta di autorizzazione del suo vaccino presso il regolatore europeo Ema.

    Gallina contesta al gruppo anglo-svedese che non avrebbe neppure compiuto quel che nel contratto fra le due parti del 27 agosto scorso viene definitoil «best reasonable effort» (un impegno con la «massima diligenza ragionevolmente possibile») di rispettare il calendario di fornitura. Questo prevedeva fra 30 e 40 milioni di dosi entro la fine del 2020, fra 80 e 100 milioni nei primi tre mesi di quest’anno e il resto dei 300 milioni previsti entro la fine di giugno. Invece la «violazione degli obblighi» si estrinseca nel fatto che a fine marzo l’azienda aveva fornito solo 30,12 milioni di dosi, circa un quarto del previsto.

    Per Bruxelles, non può essere stata solo sfortuna per il cattivo esito nella produzione di alcuni lotti. La lettera sottolinea che la Commissione aveva pagato una prima rata di 227 milioni di euro subito dopo la firma del contratto in agosto, proprio per mettere l’azienda in grado di partire con le forniture al più presto. Ma rivela anche che i problemi erano iniziati subito: il versamento di una seconda rata da 112 milioni era stato sospeso in autunno «a causa della mancanza da parte di AstraZeneca della rendicontazione richiesta» (all’epoca Bruxelles aveva tenuto la questione riservata).

  3. #89653
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/02/04
    Località
    Ravenna provincia sud
    Età
    61
    Messaggi
    643
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Citazione Originariamente Scritto da alexeia Visualizza Messaggio
    Anche fosse, patologie è molto generico.
    Io vorrei sapere invece la percentuale di perone perfettamente sane al di sopra dei 50 anni, così per essere buoni, cioè che non hanno nulla di nulla, e di contro la percentuale di quelle che vivono benissimo solo prendendo qualche aiutino per una qualche patologia. Cioè, insomma, di tutti questi patologici, quanti avrebbero potuto vivere comunque dignitosamente per altri, diciamo, cinque anni?

    Perché il punto alla fine è questo. QUanti sono effettivamente non patologici dopo una certa età?
    beh nella mi cerchia di amici(eta' media 60)posso fare una piccola statistica,io ipertensione lieve(minima tra 90 e 95,mezza pastiglietta al giorno)mia moglie con sindrome di ashimoto(ipotiroidismo),ma entrambi super impegnati tra lavoro fuori, a casa attivita' sportiva,bici e running,poi un operato al cuore per valvola non so che,pensionato forte come una roccia che lavora per hobby circa 15 ore al giorno,una con sindrome di raynaud e gia' operata di tumore alla tiroide, anche lei lavoratrice instancabile,un paio con diabete(curato con pastiglia)una con sclerosi multipla(ma che si fa 200km di bici a settimana),atri 5-6 soggetti con problemini minori (reni glicemia ipertensione).Fatico a trovarne uno perfettamente sano.Pero' stiamo parlando di gente che potremmo definire iperattiva,che non ha in programma di morire prima dei prossimi 30 anni anche se ad alcuni per mera statistica tocchera' senz'altro,
    Onore a tutti i fratelli caduti nella lotta contro il potere e l'oppressione.

    "nel fango affonda lo stivale dei maiali..."

  4. #89654
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    29
    Messaggi
    21,097
    Menzionato
    265 Post(s)

    Predefinito Re: Nuovo Virus Cinese

    Vaccini e seconda dose: la prima iniezione protegge. Al momento del richiamo è possibile cambiare farmaco- Corriere.it


    AZ previene al 76% l'insorgenza della malattia dopo 2-3 settimane dalla prima dose. non male, perfettamente in linea con gli altri che dopo la prima dose arrivano al massimo all'80%, così dice l'articolo.
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •