Pagina 4 di 8 PrimaPrima ... 23456 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 74
  1. #31
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    3,750
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    La mezzadria però c'era anche in vaste aree dell'Italia centrale e anche se non sbaglio della Romagna, ma in nessuna di queste zone si è raggiunta l'intensità di sprawl che si è raggiunta in Veneto, mentre invece c'è un caso simile nella fascia prealpina lombarda dove la mezzadria non c'è mai davvero stata.
    Non è nemmeno tanto una questione di vivibilità e degrado, o meglio la vivibilità e l'assenza di degrado si possono ottenere anche, e meglio, con una pianificazione urbanistica ordinata: Germania e ancor di più Paesi Bassi hanno generalmente periferie fatte di villette o bassi condomini ma comunque con confini relativamente netti e poco sprawl, con qualche eccezione (Ruhr su tutte). Anzi, in quel modo si ottiene maggiore vivibilità, dato che si riducono traffico ed inquinamento ed è più facile differenziare funzionalmente gli spazi, mentre in Lombardia e Veneto è tutto un susseguirsi caotico di capannoni - rotonde - autostrade - villette - centri commerciali - tangenziali - capannoni - villette - eccetera.
    Senza arrivare alla pianificazione assoluta del Blocco Sovietico, ma in Italia (salvo alcune realtà urbane) è proprio mancata la pianificazione pubblica. Poi il privato costruisce dove può e gli è (de iure o de facto) permesso. Probabilmente nel Veneto si sono sommate la mancanza di pianificazione nella realtà - nella teoria, i piani urbanistici ci sarebbero anche stati - e l'individualismo più spinto che altrove. Se parliamo invece di policentrismo urbano, direi che è una caratteristica comune almeno anche ad Emilia-Romagna (nonostante Bologna) e Lombardia Orientale, nonché di tutta la costa del Medio Adriatico.

  2. #32
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    3,750
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Io ho notato che in alcuni casi in Trentino ci sono anche tetti di lamiera, presumo per far scivolar meglio la neve
    Forse più una caratteristica architettonica "austro-ungarica", oltralpe va molto la lamiera es. in rame negli edifici "storici".

  3. #33
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,846
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Senza arrivare alla pianificazione assoluta del Blocco Sovietico, ma in Italia (salvo alcune realtà urbane) è proprio mancata la pianificazione pubblica. Poi il privato costruisce dove può e gli è (de iure o de facto) permesso. Probabilmente nel Veneto si sono sommate la mancanza di pianificazione nella realtà - nella teoria, i piani urbanistici ci sarebbero anche stati - e l'individualismo più spinto che altrove. Se parliamo invece di policentrismo urbano, direi che è una caratteristica comune almeno anche ad Emilia-Romagna (nonostante Bologna) e Lombardia Orientale, nonché di tutta la costa del Medio Adriatico.
    Policentrismo urbano è diverso da sprawl. La Randstad olandese è un perfetto esempio di megalopoli policentrica che però al tempo stesso è pianificata in maniera quasi perfetta e con poco sprawl. Al contrario Roma è molto monocentrica e anche molto sprawlizzata. In realtà anche in Emilia-Romagna lo sprawl è relativamente poco accentuato per gli standard italiani.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  4. #34
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,846
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Forse più una caratteristica architettonica "austro-ungarica", oltralpe va molto la lamiera es. in rame negli edifici "storici".
    I tetti in lamiera sono una caratteristica storica di mezza Europa, immagino tra le altre cose perché più durevoli nel tempo e resistenti alle intemperie rispetto ad altri materiali.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  5. #35
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    3,750
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Policentrismo urbano è diverso da sprawl. La Randstad olandese è un perfetto esempio di megalopoli policentrica che però al tempo stesso è pianificata in maniera quasi perfetta e con poco sprawl. Al contrario Roma è molto monocentrica e anche molto sprawlizzata. In realtà anche in Emilia-Romagna lo sprawl è relativamente poco accentuato per gli standard italiani.
    Ni, non sempre sono due cose distinte. Una realtà urbana può certamente essere meglio organizzata e/o meno "sprawlizzata" (diciamo "dispersa", l'anglicismo è orrendo), ma se hai tanti centri urbani in successione il risultato finale cambia poco: ti ritroverai sempre con una sequela di aree urbanizzate senza soluzione di continuità. Poi certo sono d'accordo con te, tra l'anarchia urbanistica e la programamzione, la differenza c'è eccome.
    In Veneto poi ci riferiamo soprattutto al caso del Medio-Alto Veneto, dove la densità di popolazione è nettamente maggiore ma è sempre mancata la "metropoli" capace di concentrarla, mentre nel Basso Veneto sono più casi locali intorno ai maggiori centri:


    Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano-densita_italia_2011.jpg

  6. #36
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,846
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Ni, non sempre sono due cose distinte. Una realtà urbana può certamente essere meglio organizzata e/o meno "sprawlizzata" (diciamo "dispersa", l'anglicismo è orrendo), ma se hai tanti centri urbani in successione il risultato finale cambia poco: ti ritroverai sempre con una sequela di aree urbanizzate senza soluzione di continuità. In Veneto poi ci riferiamo soprattutto al caso del Medio-Alto Veneto, dove la densità di popolazione è nettamente maggiore ma è sempre mancata la "metropoli" capace di concentrarla, mentre nel Basso Veneto sono più casi locali intorno ai maggiori centri:
    Se hai tanti centri urbani e alta densità di popolazione il risultato può essere diverso, appunto. Basti vedere il confronto Paesi Bassi-Belgio, col confine che si taglia praticamente col coltello. O ancora, senza prendere l'esempio di eccellenza dei Paesi Bassi, ci sono casi positivi anche in Germania come l'area della Neckar. Non è tanto la densità di popolazione e la distribuzione dei centri urbani a fare la differenza, quanto tutto ciò che c'è in mezzo. Per esempio in Germania ogni città, anche in aree densissimamente popolate e abbastanza disperse come la Ruhr, è praticamente sempre circondata da un'area forestale - cosa che peraltro si ritrova persino nella "dispersissima" Inghilterra con la Green Belt - mentre in Italia ciò non esiste o quantomeno non esiste su scala nazionale.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  7. #37
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    29
    Messaggi
    17,045
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Ed ecco qualche casa di cui parlavo in chiaro stile alpino che si trova sull'Altopiano di Asiago: notare la pendenza del tetto e quello spiovente tipico che chiude quasi al colmo fra i 2 spioventi principali (se qualcuno sà il nome mi aiuti)

    Allegato 524205Allegato 524206
    La pendenza ai vertici del tetto in tegole è un elemento architettonico tipicamente mitteleuropeo, il "Dachl" tettuccio lo tradurrei.
    Risale all'adattamento delle tegole in cotto sugli impalcati lignei dei casolari baiuvari, che sono il popolo germanico fondativo della Baviera, del Tirolo e colono anche di certe vallate più a Sud del Sudtirolo.
    Nel medioevo lo stilema si canonizza e visto l'alleggerimento del peso sulle travi portanti si espande a tutta Europa praticamente.
    Fino in Toscana li si può trovare, in Provenza e diffusamente nei Balcani.

    È la riconferma del fatto che siamo "nani sulle spalle di giganti", gli antichi.
    È un dettaglio architettonico ritrovabile da Berlino a Bruxelles e da Bordeaux a Belgrado stando sulla B.

    In A. Adige è diffusissimo.
    La discussione è interessante e vorrei ampliarla in chiave futuro Green delle metropoli:


    kongjian yu - Google Search

    Urbanista green, ha un curriculum spettacolare.
    Ha ridato verde e respiro ad intere metropoli.
    Cinese d'origine, ma americano di crescita e formazione.
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  8. #38
    Brezza leggera L'avatar di marcus86
    Data Registrazione
    15/09/08
    Località
    Prov di AL
    Messaggi
    278
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    La discussione è interessante e vorrei ampliarla in chiave futuro Green delle metropoli
    Anche la High Line di New York merita molto, come anche i Raggi Verdi di Milano.

  9. #39
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,173
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Nelle montagne di Verona e anche Rovereto ho trovato diversi rifugi coperti di enormi tegole di marmo (immagino dalle molte cave di Domegliara, Volargne, Rivoli, Affi, Cavaion).
    Sono levigate di sotto e grezze di sopra e danno una piacevole impressione di eternità

  10. #40
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,173
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    La pendenza ai vertici del tetto in tegole è un elemento architettonico tipicamente mitteleuropeo, il "Dachl" tettuccio lo tradurrei.
    Risale all'adattamento delle tegole in cotto sugli impalcati lignei dei casolari baiuvari, che sono il popolo germanico fondativo della Baviera, del Tirolo e colono anche di certe vallate più a Sud del Sudtirolo.
    Nel medioevo lo stilema si canonizza e visto l'alleggerimento del peso sulle travi portanti si espande a tutta Europa praticamente.
    Fino in Toscana li si può trovare, in Provenza e diffusamente nei Balcani.

    È la riconferma del fatto che siamo "nani sulle spalle di giganti", gli antichi.
    È un dettaglio architettonico ritrovabile da Berlino a Bruxelles e da Bordeaux a Belgrado stando sulla B.

    In A. Adige è diffusissimo.
    La discussione è interessante e vorrei ampliarla in chiave futuro Green delle metropoli:


    kongjian yu - Google Search

    Urbanista green, ha un curriculum spettacolare.
    Ha ridato verde e respiro ad intere metropoli.
    Cinese d'origine, ma americano di crescita e formazione.
    La pendenza accentuata del tetto non è legata alla neve, ma bensì al vento.
    La pioggia ventata di gran parte dell'Europa a clima oceanico, in tetti meno spioventi come i nostri e come in tutta l'area alpina o russa, risalirebbe i coppi o le tegole ed entrerebbe in casa.
    In Danimarca ogni tegola ha un dente interno, con cui si aggrappa al listello di legno orizzontale, ed in esso un buchino: in quello passa il fil di ferro che la lega al listello. Cioè le tegole vengono legate una per una alla struttura lignea sottostante, sempre per resistere al vento.

    Da questo, che è il vero motivo della pendenza, è nato uno spiovente molto sviluppato anche in senso verticale, e quindi la necessità di aprirvi finestre per dar luce ai piani alti, ognuna col suo tettuccio.
    Però in area alpina questi tettucci sono un vezzo turistico moderno, assente nella tradizione.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •