Pagina 5 di 8 PrimaPrima ... 34567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 74
  1. #41
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Heinrich Visualizza Messaggio
    La pendenza ai vertici del tetto in tegole è un elemento architettonico tipicamente mitteleuropeo, il "Dachl" tettuccio lo tradurrei.
    Risale all'adattamento delle tegole in cotto sugli impalcati lignei dei casolari baiuvari, che sono il popolo germanico fondativo della Baviera, del Tirolo e colono anche di certe vallate più a Sud del Sudtirolo.
    Nel medioevo lo stilema si canonizza e visto l'alleggerimento del peso sulle travi portanti si espande a tutta Europa praticamente.
    Fino in Toscana li si può trovare, in Provenza e diffusamente nei Balcani.

    È la riconferma del fatto che siamo "nani sulle spalle di giganti", gli antichi.
    È un dettaglio architettonico ritrovabile da Berlino a Bruxelles e da Bordeaux a Belgrado stando sulla B.

    In A. Adige è diffusissimo.
    La discussione è interessante e vorrei ampliarla in chiave futuro Green delle metropoli:


    kongjian yu - Google Search

    Urbanista green, ha un curriculum spettacolare.
    Ha ridato verde e respiro ad intere metropoli.
    Cinese d'origine, ma americano di crescita e formazione.
    Interessante

    Qua in Veneto quel modello di casa che avevo postato con delle foto dell'Altopiano di Asiago lo trovi per l'appunto sull'Altopiano di Asiago, Prealpi e Bellunese (quindi in pratica nell'area alpina).

    Ci sono delle case anche qua in pianura con quello spiovente lì, cambiano però le pendenze del tetto che sono meno "ripide". E' molto caratteristico, e spesso si associa all'area alpina, ma appunto come hai detto te in effetti esce anche dalle Alpi e coinvolge altre aree europee.



    Per quanto riguarda l'urbanistica green, a me viene subito in mente Milano dove mi pare ci siano bellissimi esempi.

    Una cosa però riguardo alle case moderne: sarebbero da bandire degli obrobri che si vedono qua e là, ne ho visti sia qua da me in pianura che su a Bolzano in mezzo alle montagne, quelle case cubiche che sono un autentico pugno nell'occhioE che rovinano anche il paesaggio tralaltro.

    Capisco che sono sostenibili, hanno solitamente finestroni grandi che consentono di far entrare molta luce, ecc...ma per favore, non si possono calare cubi qua e là

    Qua da me fortunatamente la legge regionale da quello che sò impedisce (nelle aree rurali tipo la mia) di costruire edifici con stili fuori dalla tradizione. Un edificio vecchio può essere abbattuto e ricostruito ma deve restare dello stesso stile.

  2. #42
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Comunque riguardo all'urban sprawl, bisogna tener anche da conto che questo modello di sviluppo ha come pro che gli spazi verdi riescono a infiltrarsi bene nel tessuto urbano, cosa sfruttabile appunto per creare aree verdi e boscose in aree anche magari densamente popolate. Cosa non possibile in modelli di sviluppo urbano concentrato e denso.

  3. #43
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,828
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Comunque riguardo all'urban sprawl, bisogna tener anche da conto che questo modello di sviluppo ha come pro che gli spazi verdi riescono a infiltrarsi bene nel tessuto urbano, cosa sfruttabile appunto per creare aree verdi e boscose in aree anche magari densamente popolate. Cosa non possibile in modelli di sviluppo urbano concentrato e denso.
    Non è proprio così. Lo sviluppo urbano concentrato e denso è ottimo per infilarci aree verdi perché ti consente di razionalizzare perfettamente gli spazi. Come scrivevo, quasi tutte le città tedesche - e in particolare Monaco dove i confini urbani sono nettissimi in particolare sul lato sud - sono circondate da una fascia boscosa che invece nelle città italiane esiste molto più raramente. Le aree verdi in questo modo non solo sono più fruibili, ma sono anche mantenute meglio, più pulite e meno inquinate.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  4. #44
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Non è proprio così. Lo sviluppo urbano concentrato e denso è ottimo per infilarci aree verdi perché ti consente di razionalizzare perfettamente gli spazi. Come scrivevo, quasi tutte le città tedesche - e in particolare Monaco dove i confini urbani sono nettissimi in particolare sul lato sud - sono circondate da una fascia boscosa che invece nelle città italiane esiste molto più raramente. Le aree verdi in questo modo non solo sono più fruibili, ma sono anche mantenute meglio, più pulite e meno inquinate.
    Non è propriamente corretto quello che dici. Intanto non tutte le città sono uguali, bisogna vedere che posizione hanno, la forma e le dimensioni degli spazi "liberi" contano eccome.

    Un tessuto urbano denso per forza di cose non ha molto spazio per il verde, se non in ambiti magari concentrati, lasciando però altri con grigio e cemento.

    Le città venete, o meglio i capoluoghi di provincia (che solitamente sono di medie dimensioni), hanno un centro storico ben definito, e man mano che ti allontani da esso la densità abitativa diminuisce senza un confine netto (non sempre in realtà perchè delle eccezioni esistono anche qua).
    Questo consente di avere parecchie aree verdi e "stacchi" fra un quartiere e l'altro, magari riconvertendo ex aree agricole inglobate nel tessuto urbano come parchi.
    Non è uno sviluppo regolare certo, ma ha dei suoi pro.

    Questo non è possibile per forza di cose nelle "città dense" dal confine netto.

    Inoltre le aree verdi non è detto siano più fruibili nel modo che descrivi te. Dipende sempre di che città stai parlando, e dove si trova.

    Ti porto un esempio dal capoluogo della mia Provincia, Vicenza. Appena a nord della città, l'ormai ex aereoporto Dal Molin con un progetto sarà riconvertito in un parco enorme (si parla di oltre 650 mila metri quadrati di superficie) dove verranno creati percorsi, canali, laghi e strutture ricreative e per lo sport e lo svago e verrà chiamato Parco della Pace (l'aereoporto era quello che serviva anche l'ex base americana).

    Il parco non solo sarà il più grande parco urbano del Veneto e di molte altre Regioni, ma uno dei più grandi d'Europa (inteso come parco urbano) e potranno usufruirne i cittadini di Vicenza ma anche quelli dei paesi contermini che confinano a nord con la città.

  5. #45
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,828
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Non è propriamente corretto quello che dici. Intanto non tutte le città sono uguali, bisogna vedere che posizione hanno, la forma e le dimensioni degli spazi "liberi" contano eccome.

    Un tessuto urbano denso per forza di cose non ha molto spazio per il verde, se non in ambiti magari concentrati, lasciando però altri con grigio e cemento.

    Le città venete, o meglio i capoluoghi di provincia (che solitamente sono di medie dimensioni), hanno un centro storico ben definito, e man mano che ti allontani da esso la densità abitativa diminuisce senza un confine netto (non sempre in realtà perchè delle eccezioni esistono anche qua).
    Questo consente di avere parecchie aree verdi e "stacchi" fra un quartiere e l'altro, magari riconvertendo ex aree agricole inglobate nel tessuto urbano come parchi.
    Non è uno sviluppo regolare certo, ma ha dei suoi pro.

    Questo non è possibile per forza di cose nelle "città dense" dal confine netto.
    Ma non ha senso, non sono due cose che si escludono a vicenda.
    Se la città densa non ha aree verdi è perché è stata costruita da schifo, non perché sia densa.

    Anzi normalmente nelle città dense le aree verdi sono molto più attrezzate, fruibili e meglio tenute che nelle città non dense, perché sono cresciute assieme alla città e ne fanno da contraltare. I più bei parchi urbani del pianeta sono più o meno tutti in città dense, mentre al contrario le città meno dense spesso si ritrovano gli ex brownfields piazzati a caso tra villettopoli/capannopoli/svincoli di superstrade, senza che questi spazi verdi costituiscano un'addizione significativa allo spazio urbano.

    Per fare sempre l'esempio di Monaco, è una città che nella sua densità è estremamente verde, con alcuni bellissimi parchi - uno su tutti gli Englischer Garten, ma anche il Westpark o i giardini di Nymphenburg - e in più si ritrova anche la Perlacher Forst letteralmente addossata alle ultime case cittadine.

    Vienna, che è ancor più densa in virtù delle sue vicende storiche, vanta comunque parchi come Schönbrunn in mezzo alla città (o aree più misconosciute come i giardini di Hirschstetten), ma in più la sua compattezza fa sì che a 20 minuti di autobus dallo Stephansdom ci siano aree come gli Steinhofgründe dove sembra di stare in mezzo alle Alpi.

    Al contrario certe città americane vittime dello sprawl suburbano hanno sì le villettine col giardino carino, ma poi devi farti decine di miglia in macchina per arrivare ad uno spazio che rassomigli realmente ad uno stacco con la città.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  6. #46
    Brezza leggera L'avatar di marcus86
    Data Registrazione
    15/09/08
    Località
    Prov di AL
    Messaggi
    270
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Parco della Pace molto bello! Sono andato a vedermi il progetto, c'è di mezzo lo studio PAN Associati, che hanno fatto molti lavori sia italiani che fuori.

  7. #47
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Ma non ha senso, non sono due cose che si escludono a vicenda.
    Se la città densa non ha aree verdi è perché è stata costruita da schifo, non perché sia densa.

    Anzi normalmente nelle città dense le aree verdi sono molto più attrezzate, fruibili e meglio tenute che nelle città non dense, perché sono cresciute assieme alla città e ne fanno da contraltare. I più bei parchi urbani del pianeta sono più o meno tutti in città dense, mentre al contrario le città meno dense spesso si ritrovano gli ex brownfields piazzati a caso tra villettopoli/capannopoli/svincoli di superstrade, senza che questi spazi verdi costituiscano un'addizione significativa allo spazio urbano.

    Per fare sempre l'esempio di Monaco, è una città che nella sua densità è estremamente verde, con alcuni bellissimi parchi - uno su tutti gli Englischer Garten, ma anche il Westpark o i giardini di Nymphenburg - e in più si ritrova anche la Perlacher Forst letteralmente addossata alle ultime case cittadine.

    Vienna, che è ancor più densa in virtù delle sue vicende storiche, vanta comunque parchi come Schönbrunn in mezzo alla città (o aree più misconosciute come i giardini di Hirschstetten), ma in più la sua compattezza fa sì che a 20 minuti di autobus dallo Stephansdom ci siano aree come gli Steinhofgründe dove sembra di stare in mezzo alle Alpi.

    Al contrario certe città americane vittime dello sprawl suburbano hanno sì le villettine col giardino carino, ma poi devi farti decine di miglia in macchina per arrivare ad uno spazio che rassomigli realmente ad uno stacco con la città.
    A me sembra che sei leggermente fissato con Monaco

    Anche perchè non esiste solo quella città eh, ti ripeto, ognuna ha avuto uno sviluppo particolare e a sè stante.

    Ti ho portato un esempio da Vicenza, ma ne esistono molti altri.

    Le città dense hanno i lori bei difetti, e Monaco non fà certo eccezione

    Da dire che sta nell'amministrazione poi saper mantenere le aree verdi.

    Un tessuto urbano irregolare ha poi il pregio di rendere più fruibili altri spazi, e consente come ti ho già detto di avere una dinamicità nel riuso e nel rinnovo di aree vecchie che in spazi densi sarebbe impensabile avere.

  8. #48
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,828
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas94 Visualizza Messaggio
    Un tessuto urbano irregolare ha poi il pregio di rendere più fruibili altri spazi, e consente come ti ho già detto di avere una dinamicità nel riuso e nel rinnovo di aree vecchie che in spazi densi sarebbe impensabile avere.
    A me invece che tu non sia troppo competente di urbanistica, oltre che estremamente estremissimamente fissato col Veneto.

    Se solo avessi idea della dinamicità nel riuso/rinnovo in città come New York o Londra...dai su.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  9. #49
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da marcus86 Visualizza Messaggio
    Parco della Pace molto bello! Sono andato a vedermi il progetto, c'è di mezzo lo studio PAN Associati, che hanno fatto molti lavori sia italiani che fuori.
    Io vivo in aperta campagna a circa mezz'ora dalla città, ai piedi delle Prealpi vicentine, ma quando il Parco della Pace sarà completato ci andrò spesso, è veramente un gran bel progetto e mi attira molto!

  10. #50
    Bava di vento L'avatar di Andreas94
    Data Registrazione
    25/08/18
    Località
    Breganse\Breganze (VI) Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    226
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Edilizia urbana e modelli di sviluppo urbano

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    A me invece che tu non sia troppo competente di urbanistica, oltre che estremamente estremissimamente fissato col Veneto.

    Se solo avessi idea della dinamicità nel riuso/rinnovo in città come New York o Londra...dai su.
    Mai fissato quanto te con le tue idee


    Comunque di modelli urbanistici non mi pare che te ne intenda tanto anche te se porti sempre e solo come esempio sta "benedetta" Monaco

    In ogni caso ognuno ha le sue idee, io non ho mai affermato di essere esperto di urbanistica, se a te fa piacere dirtelo da solo....auguri

    Comunque meglio discutere di urbanistica

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •